Pelliccia ecologica

Il termine pelliccia ecologica indica un tessuto che imita la pelliccia di animale. Generalmente prodotto con fibre vegetali (cotone), artificiali (viscosa) e sintetiche (acrilico e modacrilico), viene colorato e stampato a somiglianza dei manti naturali e con colori di fantasia seguendo i dettami della moda. Se effettuata con il cotone può essere nominata ecologica. Se derivata da materiali sintetici si tratta invece di pelliccia sintetica[1][2].

Esempio di pelliccia ecologica

OrigineModifica

Le prime pellicce ecologiche sono apparse attorno al 1960 come surrogato dei capi di pelliccia animali per diverse motivazioni:

  • Animalista, per le condizioni in cui vengono allevati gli animali e per la caccia alle specie selvatiche.[3]
  • Ambientalista, per ridurre l'inquinamento dovuto al processo di lavorazione delle pellicce di origine animale.[4]
  • Economica, per il minor costo rispetto a quelle allevate, la necessità di sostituire alcuni tipi di pelliccia, quando alcune specie di animali vengono messe sotto protezione.

In Italia il suo utilizzo è iniziato nel 1963, per la confezione di capi d'abbigliamento, borse e calzature.

UsiModifica

La finta pelliccia viene utilizzata per tutti gli usi dove altrimenti verrebbe utilizzata la vera pelliccia (di origine animale), ma anche per animali di peluche, accessori di moda e decorazioni per la casa come cuscini, lenzuola e plaid. A volte è anche usato per lavori di bricolage perché può essere cucito grazie ad una macchina da cucire. La vera pelliccia è generalmente più spessa e richiede una macchina speciale, una cucitura a mano o un punteruolo[5]. La pelliccia sintetica è stata sempre più utilizzata nella moda per adolescenti mainstream, ad esempio i negozi Abercrombie & Fitch[6] e American Eagle[7] la usano per cappelli e giacche da cacciatore. Nell'esercito sovietico, e ora russo, la pelliccia di pesce (Fish fur) è usata come termine gergale per la finta pelliccia usata sugli abiti invernali e gli onnipresenti cappelli ushanka. Allo stesso modo, case di moda come Ralph Lauren e Chanel hanno promosso l'uso della pelliccia sintetica nelle loro collezioni[8].

Confronto con la vera pellicciaModifica

A differenza della vera pelliccia, la finta pelliccia è un tessuto ed è quindi relativamente facile da cucire. Non necessita di conservazione a freddo per prevenirne il deterioramento e non è incline ad essere mangiato dalle tarme[9]. Uno studio del 1979 commissionato dal Fund for Animals ha sostenuto che il consumo di energia per la produzione di un mantello fatto di finta pelliccia era di 35 kilowattora (120.000 unità termiche britanniche), rispetto a 127 kWh (433.000 Btu) per intrappolati animali e 2.340 kWh (7.970.000 Btu) per gli animali allevati negli allevamenti a scopo di produrre pellicce di vera pelle[10]. Questo studio è stato criticato in quanto prevenuto e obsoleto[11]. La finta pelliccia è inoltre generalmente più economica della vera pelliccia.

Uso della pelliccia realeModifica

In un test della Humane Society degli Stati Uniti, i cappotti etichettati come aventi finiture in pelliccia sintetica utilizzavano vera pelliccia[12]. Fino al 2012, una scappatoia legale consentiva di etichettare qualsiasi capo di abbigliamento che contenga meno di 150 dollari di pelliccia senza menzionare che includeva pelliccia vera[12]. Ciò è l'equivalente di trenta conigli, tre procioni, tre volpi rosse, tre cani domestici o un orso[12].

Utilizzo da parte degli stilistiModifica

La pelliccia sintetica è diventata sempre più popolare per gli stilisti che spesso la incorporano nelle loro collezioni. La tecnologia odierna conferisce all'eco-pelliccia le qualità e le tecniche della vera pelliccia. Hannah Weiland, fondatrice di Shrimps, un'azienda londinese di eco-pelliccia, disse: "Adoro lavorare con la pelliccia sintetica perché non fa la muta ed è altrettanto morbida. Se l'imitazione è buona, perché usare quella vera?"[13]. Inoltre Stella McCartney incorpora la pelliccia sintetica in tutte le sue collezioni con toppe etichettate con la scritta "Fur Free Fur"[14]. Nel 2014 Hugo Boss si è impegnato a diventare pubblicamente privo di pellicce vere nel suo Rapporto di sostenibilità 2014, trasmettendo il messaggio che la crudeltà sugli animali non è mai di moda. Tuttavia, la nozione di sostenibilità ed etica non è sempre il motivo alla base della decisione dei designer di scegliere la finta pelliccia invece della vera pelliccia. La capacità di controllare più aspetti della produzione come il colore e il volume è una delle ragioni per cui i designer scelgono il finto. De Libran, direttrice artistica di Sonia Rykiel, incorpora nelle sue collezioni sia la pelliccia reale che quella sintetica. La sua incorporazione del finto si basa sulla giocosità che ritrae nei suoi abiti attraverso il colore e il volume che è in grado di creare[15]. Prada ha abbracciato i sintetici nella sua collezione Autunno/Inverno 2007. Miuccia Prada, proprietaria e designer del marchio, ha commentato di essere annoiata dalla vera pelliccia e, di conseguenza, ha incluso tutti i finti nella sua collezione quell'anno. Successivamente Prada ha utilizzato sia la pelliccia reale che quella sintetica in tutti i suoi capi. Inoltre, Dries Van Noten, Hussein Chalayan, Julien David, Julie de Libran per Sonia Rykiel, Kate Spade e molti altri hanno tutti messo in evidenza la pelliccia sintetica nelle loro collezioni autunnali[15].

A causa della controversia sui capi in pelliccia, la tecnologia che facilita la produzione di pellicce finte è notevolmente migliorata dall'inizio del XX secolo. Esistono nuove tecniche di sartoria e tintura per "mascherare" la pelliccia finta facendola sembrare vera pelliccia di animale[16]. Modacrylic è un'alternativa di "pelliccia" di alta qualità che ottiene attrazione per il suo aspetto convincente come alternativa alla vera pelliccia. Howard Strachman di Strachman Associates, un agente con sede a New York per la pelliccia sintetica, afferma che i tessuti a maglia acrilici sintetici sono diventati una risorsa di riferimento per la pelliccia sintetica di fascia alta, in gran parte proveniente dall'Asia. Prada ha inserito l'eco-pelliccia in mohair nella sua collezione Autunno 2007, mentre Max Mara e Dries Van Noten hanno utilizzato anche loro questa alternativa[14].

Brunello Cucinelli ha presentato nel 2020 una pelliccia ecologica realizzata con mohair naturale[17] e nel 2021 ha annunciato che non avrebbe più prodotto pellicce di animale[18].

Sono in corso studi su metodi di produzione più autentici. Una tecnica consiste nel combinare fibre grossolane e fini per simulare la pelliccia di visone o castoro[1].

DivietiModifica

Nel 2006 il Giappone ha approvato l'Invasive Alien Species Act, che ha di fatto messo fuori legge l’allevamento di animali da pelliccia[19][20][21].

Nel 2017 l’India ha adottato un divieto di importazione di pelli di visone, volpe e cincillà[19].

Nel 2019 la California ha stabilito che dal 2023 sarà proibito produrre e vendere pellicce di animale[22][23].

Nel 2021 Israele ha vietato la vendita delle pellicce di animale salvo per «la ricerca scientifica, l’istruzione o per scopi e tradizioni religiose»[24].

EuropaModifica

Nel 2021 alcuni stati hanno chiesto alla Commissione Ue di vietare l'allevamento di animali da pelliccia[25] e nel 2022 è iniziata una raccolta firme da parte di Eurogroup for Animals[26].

Gli allevamenti di animali da pelliccia sono già stati messi al bando in[27]:

  • Regno Unito
  • Austria
  • Svizzera
  • Slovenia
  • Macedonia
  • Croazia
  • Lussemburgo
  • Repubblica Ceca
  • Serbia
  • Olanda

Germania, Irlanda e Italia hanno introdotto o calendarizzato il divieto di allevamenti di animali da pelliccia nel 2022 ed è stato annunciato per il 2023 anche dal Belgio, per il 2025 dalla Norvegia, per il 2026 dall’Estonia e dalla Francia e per il 2029 per Bosnia ed Herzegovina.

CriticheModifica

La finta pelliccia non permette alla pelle di respirare tanto quanto la vera pelliccia[28]. È anche meno biodegradabile; è realizzato con vari materiali tra cui miscele di polimeri acrilici e modacrilici derivati da carbone, aria, acqua, petrolio e calcare. Questi materiali sintetici possono richiedere molto tempo per degradarsi, generalmente dai 500 ai 1.000 anni[11]. Le finte pellicce non sono in grado di impedire lo scioglimento e il ricongelamento della neve sui filamenti di fibra; questo è molto importante, specialmente nell'escursionismo, nell'alpinismo, nello sci e in altre attività all'aperto che si svolgono in condizioni estreme[2].

Le pellicce ecologiche sono state criticate poiché sono talvolta prodotte a bassissimo costo in Pakistan, in Bangladesh o in Cina da persone, anche minorenni, che lavorano in condizioni precarie[29].

Nel 2014 la Commissione Europea ha analizzato nove fibre non naturali usate per la produzione di pellicce sintetiche e l'acrilico è risultato come la sostanza con il peggior impatto ambientale[30][31].

In un rapporto del 2018 dell'organizzazione ambientalista Friends of the Earth, l'abbigliamento sintetico è stato nominato una delle principali fonti di inquinamento da microplastica nel Regno Unito[32][33].

Possibili soluzioniModifica

Koba Fur Free Fur” è stata la prima pelliccia biologica riciclabile, realizzata con ingredienti vegetali prodotta nel 2019 da DuPont in collaborazione con Ecopel e presentata da Stella McCartney[34][35][36].

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b How fake fur is made - material, manufacture, making, history, used, processing, structure, steps, product, su www.madehow.com. URL consultato il 6 giugno 2022.
  2. ^ a b Fake Fur Definition : Faux Fur Definition - Definition for the Textile and Apparel Industries, su www.apparelsearch.com. URL consultato il 6 giugno 2022.
  3. ^ Pellicce dal sito della Lega Anti Vivisezione
  4. ^ È difficile liberarsi delle pellicce e dei loro residui tossici
  5. ^ how to sew torn mink coat? | Answerly, su web.archive.org, 7 luglio 2011. URL consultato il 6 giugno 2022 (archiviato dall'url originale il 7 luglio 2011).
  6. ^ Abercrombie & Fitch | Fur Fleece Sweater - Betsy - ThisNext, su web.archive.org, 26 ottobre 2010. URL consultato il 6 giugno 2022 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2010).
  7. ^ Women's AE Downtown Bomber - American Eagle Outfitters review at Kaboodle, su web.archive.org, 26 luglio 2011. URL consultato il 6 giugno 2022 (archiviato dall'url originale il 26 luglio 2011).
  8. ^ RalphLauren.com, su archive.ph, 10 settembre 2012. URL consultato il 6 giugno 2022.
  9. ^ furs.com Fur Care, su web.archive.org, 1º luglio 2009. URL consultato il 6 giugno 2022 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2009).
  10. ^ web.archive.org (PDF), su files.hsus.org (archiviato dall'url originale il 30 marzo 2003).
  11. ^ a b (EN) Nina Shen Rastogi, Is fake fur better for the planet than real fur?, su Slate Magazine, 5 gennaio 2010. URL consultato il 6 giugno 2022.
  12. ^ a b c (EN) Karen Dawn, Thanking the Monkey: Rethinking the Way We Treat Animals, HarperCollins, 29 aprile 2008, ISBN 978-0-06-135185-3. URL consultato il 6 giugno 2022.
  13. ^ openingceremony.us.
  14. ^ a b (EN) Nina Jones,Paulina Szmydke, Nina Jones, Paulina Szmydke, Faux Fur: Better Than the Real Thing?, su WWD, 20 maggio 2015. URL consultato il 6 giugno 2022.
  15. ^ a b (EN) Hugo Boss Is The Latest Luxury Brand To Go Fur-Free, su Candid, 6 luglio 2015. URL consultato il 6 giugno 2022.
  16. ^ Julia Emberley, The Libidinal Politics of Fur, in University of Toronto Quarterly, vol. 65, n. 2, 1º marzo 1996, pp. 437–443, DOI:10.3138/utq.65.2.437. URL consultato il 6 giugno 2022.
  17. ^ Redazione, La pelliccia più chic? È quella ecologica di fibra vegetale, su SetteNews, 5 dicembre 2020. URL consultato il 6 giugno 2022.
  18. ^ Di Federica Caiazzo, Brunello Cucinelli dice addio alle pellicce, un altro passo avanti per una moda più green, su ELLE, 29 maggio 2021. URL consultato il 6 giugno 2022.
  19. ^ a b REDAZIONE, Pellicce naturali: in quali paesi sono vietate?, su inNaturale, 5 maggio 2019. URL consultato il 6 giugno 2022.
  20. ^ env.go.jp (PDF).
  21. ^ Non Solo Animali, Ha chiuso per sempre l'ultima fabbrica di pellicce di visone in Giappone, su NonSoloAnimali, 7 dicembre 2016. URL consultato il 6 giugno 2022.
  22. ^ La California vieta le pellicce e i circhi con gli animali, su Agi. URL consultato il 6 giugno 2022.
  23. ^ La California vieta le pellicce e gli animali nei circhi, su LifeGate, 13 ottobre 2019. URL consultato il 6 giugno 2022.
  24. ^ Elena Comelli, Pellicce messe al bando: Israele è il primo Paese a vietare la vendita, su Il Sole 24 ORE, 18 giugno 2021. URL consultato il 6 giugno 2022.
  25. ^ Condé Nast, Molti stati hanno chiesto alla Commissione Ue di vietare l'allevamento di animali da pelliccia, su Wired Italia, 1º luglio 2021. URL consultato il 6 giugno 2022.
  26. ^ Alessandro Sala, «Una legge per vietare le pellicce in tutta Europa». Iniziata la raccolta di un milione di firme, su Corriere della Sera, 18 maggio 2022. URL consultato il 6 giugno 2022.
  27. ^ Tredici Paesi europei hanno detto basta alle pellicce, su La Rivista della Natura, 26 ottobre 2019. URL consultato il 6 giugno 2022.
  28. ^ SCIENTISTS PROVE NOTHING BEATS NATURAL FUR | We Are Fur, su web.archive.org, 8 agosto 2016. URL consultato il 6 giugno 2022 (archiviato dall'url originale l'8 agosto 2016).
  29. ^ Quanto inquinano le pellicce ecologiche, su Agi. URL consultato il 6 giugno 2022.
  30. ^ Martina Biassoni, Le pellicce ecologiche? Economiche ma non ecologiche, su La Critica, 12 novembre 2019. URL consultato il 6 giugno 2022.
  31. ^ Alessia Di Donato, Impatto ambientale pellicce ecologiche, su Non Sprecare, 18 febbraio 2020. URL consultato il 6 giugno 2022.
  32. ^ cdn.friendsoftheearth.uk (PDF).
  33. ^ (EN) Is Faux Fur Bad For The Environment?, su Bustle. URL consultato il 6 giugno 2022.
  34. ^ Koba: Stella McCartney lancia le prime ecopellicce riciclabili in poliestere e fibre vegetali, su VEGANGAME, 16 ottobre 2019. URL consultato il 6 giugno 2022.
  35. ^ Redazione, La pelliccia ecologica di fibra vegetale, su SetteNews, 5 dicembre 2020. URL consultato il 6 giugno 2022.
  36. ^ Stella McCartney lancia la prima pelliccia bio, Koba è riciclabile e fatta con ingredienti vegetali, su Donna Fanpage. URL consultato il 6 giugno 2022.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di moda