Apri il menu principale

Filippo Callipo

imprenditore italiano
(Reindirizzamento da Pippo Callipo)

«Persona seria e un imprenditore di grande esperienza che ha saputo valorizzare una ricchezza del suo territorio senza piegarsi alla 'ndrangheta

(Giuseppe Lumia su Pippo Callipo dopo il suo discorso in commissione parlamentare antimafia)

Filippo Callipo, detto Pippo (Pizzo, 22 giugno 1946), è un imprenditore italiano.

BiografiaModifica

Proprietario della "Callipo Group", gruppo societario formato da 6 aziende, rappresenta la quarta generazione dei Callipo che dal 1913 si sono succeduti alla guida della “Giacinto Callipo Conserve Alimentari SpA” che si occupa della produzione e commercializzazione di tonno e altri prodotti ittici.

È stato Presidente della Confindustria calabrese dal 2001 al 2006. Sul finire del mandato denunciò pubblicamente i racket mafiosi inviando una lettera al Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi,[1] richiedendo persino l'intervento dell'esercito in Calabria[2].Denuncia anche il pericolo della “mafia con la penna”, cioè dei colletti bianchi, dei politici, che bloccano lo sviluppo della Calabria e tengono sotto ricatto gran parte della società suggerendo controlli severi a chi chiede contributi pubblici[3].

Il 1º giugno 2005, a riconoscimento del suo impegno imprenditoriale e per essersi distinto nel suo settore, con importanti ricadute nel sociale, viene nominato dal Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, Cavaliere del Lavoro.

Pippo Callipo è stato candidato per la Presidenza della Regione Calabria alle elezioni regionali 2010 con l'appoggio di più di 80 associazioni espressione della società civile, dell'Italia dei Valori e della lista Pannella-Bonino[4][5], ottenendo circa 100.000 voti, corrispondenti al 10,02% delle preferenze[6].

Dal 27 marzo 2013 fa parte del Cda dell'Università della Calabria[7].

Il 6 dicembre 2019 annuncia di candidarsi presidente della Regione Calabria con una lista civica sostenuta dal Partito Democratico e da altre liste del centro-sinistra.

Impegno sociale, benemerenze e premiModifica

  • Marzo 2005 il Consiglio Comunale di Platì, all'unanimità, decide di conferirgli la cittadinanza onoraria per le sue iniziative a favore della cittadinanza platiese e nel mese di novembre dello stesso anno riceve, per le stesse motivazioni, anche la cittadinanza onoraria del Comune di Tiriolo.
  • Novembre 2006 riceve, da parte della “Ernst & Young” (azienda leader internazionale nei servizi professionali all'impresa), il Premio “L'imprenditore dell'Anno 2006”, quale finalista per la categoria “Quality of life”, per “la sensibilità nei confronti della comunità di riferimento e per la capacità di favorire la crescita della propria impresa con programmi continuativi e coerenti di sviluppo e sostegno alla cultura, all'arte, all'ambiente e al sociale”.
  • Il Premio Internazionale “La Calabria nel Mondo” dal C3 International di Roma e il Premio HERAKLES 2009 dal Comune di Cariati riconoscono il suo incisivo impegno nel sociale, che lo rende il simbolo del possibile riscatto di una terra che continua a credere in un domani migliore.

Impegno nello sportModifica

È proprietario della Callipo Sport, squadra di pallavolo di Vibo Valentia nata nel 1993, partita dalla C2, nel corso degli anni riesce a raggiungere la massima serie, l'A1.

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ Intervista a Filippo Callipo[collegamento interrotto]
  2. ^ Articolo quotidiano della calabria, su soveratoweb.com. URL consultato il 17 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  3. ^ Articolo della Repubblica
  4. ^ Ionionotizie.it[collegamento interrotto]
  5. ^ almcalabria.it Archiviato il 30 gennaio 2010 in Internet Archive.
  6. ^ sito della regione calabria Archiviato il 31 marzo 2010 in Internet Archive.
  7. ^ Unical, eletto il nuovo Consiglio amministrazione - IlQuotidianodellaCalabria Archiviato il 6 agosto 2014 in Internet Archive.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie