Prionops rufiventris

specie di uccello
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Averla piumata ventrerossiccio
Immagine di Prionops rufiventris mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Oscines
Famiglia Vangidae
Sottofamiglia Prionopinae
Genere Prionops
Specie P. rufiventris
Nomenclatura binomiale
Prionops rufiventris
(Bonaparte, 1853)

L'averla piumata ventrerossiccio (Prionops rufiventris (Bonaparte, 1853)) è un uccello passeriforme della famiglia Vangidae[2].

EtimologiaModifica

Il nome scientifico della specie, rufiventris, deriva dal latino e significa "dal ventre rosso", in riferimento alla livrea di questi uccelli: il loro nome comune altro non è che la traduzione di quello scientifico.

DescrizioneModifica

DimensioniModifica

Misura 20–22 cm di lunghezza, per 37-63 g di peso[3].

AspettoModifica

Si tratta di uccelli dall'aspetto robusto, muniti di grossa testa squadrata e allungata, becco conico forte e appuntito, dall'estremità ricurva verso il basso, ali arrotondate, coda mediamente lunga e dall'estremità squadrata e zampe forti e grosse, anche se non molto lunghe: nel complesso, questi animali ricordano molto l'affine averla piumata ventrecastano, rispetto alla quale mostrano maggiore estensione del grigio cefalico, ventre di colore più brillante e becco lievemente più piccolo in proporzione al corpo.

Il piumaggio è nero-bluastro lucido su collo, dorso, ali e coda, mentre la testa è di colore grigio cenere (più chiaro e tendente al biancastro attorno alle narici ed all'attaccatura del becco, mentre il mento presenta bavetta grigio-bluastra), il petto è bianco e ventre e fianchi (come intuibile dal nome comune e dal nome scientifico) sono di colore rosso mattone. Sulle remiganti primarie è presente una sottile banda bianca, ben visibile quando l'animale spiega le ali.

Il becco e le zampe sono di color carnicino-rosato e gli occhi, piuttosto grandi, sono di colore giallo (bruno-grigiastro nella sottospecie mentalis), con cerchio perioculare glabro e di color carnicino-rosato.

BiologiaModifica

Si tratta di uccelli dalle abitudini diurne e sociali, che vivono in gruppi familiari di 4-8 individui, che si tengono in contatto vocale quasi costante fra loro mediante una varietà di richiami fischianti ed aspri (spesso emessi in coro o in duetti) e schiocchi del becco.

AlimentazioneModifica

Si tratta di uccelli insettivori, che si nutrono perlopiù di grossi insetti (coleotteri, cavallette, cicale), bruchi ed altri invertebrati.

RiproduzioneModifica

Le abitudini riproduttive di questi uccelli sono ancora poco conosciute: l'osservazione di nidi (strutture a coppa di rametti e fibre vegetali intrecciati nel folto della vegetazione) e giovani nei periodi maggio-luglio e novembre-dicembre farebbe pensare a due covate l'anno[3]. Quasi sicuramente si tratta di uccelli monogami nei quali l'intero gruppo coopera nelle operazioni di cova ed allevamento della prole[3], ed anche le modalità e la tempistica dell'evento riproduttivo non devono verosimilmente discostarsi in maniera significativa da quanto osservabile nelle altre averle piumate.

Distribuzione e habitatModifica

Questa specie è diffusa in Africa equatoriale, dal Camerun meridionale all'area di Cabinda attraverso Guinea Equatoriale e Gabon, mentre ad est attraverso Congo-Brazzaville (dalla parte centrale del quale sembra però essere assente), Repubblica Centrafricana meridionale e sud-occidentale e Congo-Kinshasa centro-settentrionale la specie è osservabile fino alle rive nord-occidentali del Lago Vittoria, in Uganda occidentale e Ruanda.

L'habitat di questi uccelli è rappresentato dalla foresta pluviale primaria e secondaria, nonché dalla foresta a galleria, fino a 1450 m di quota[3].

TassonomiaModifica

Se ne riconoscono due sottospecie[2]:

  • Prionops rufiventris rufiventris (Bonaparte, 1853) - la sottospecie nominale, diffusa nella porzione occidentale dell'areale occupato dalla specie;
  • Prionops rufiventris mentalis (Sharpe, 1884) - diffusa nella porzione orientale dell'areale occupato dalla specie (Kivu e Uganda);

Talvolta la specie viene accorpata all'affine averla piumata ventrecastano[3], che vive in parapatria in Guinea.

NoteModifica

  1. ^ (EN) BirdLife International 2012, Prionops rufiventris, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019.
  2. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Vangidae, in IOC World Bird Names (ver 9.2), International Ornithologists’ Union, 2019. URL consultato il 27 novembre 2018.
  3. ^ a b c d e (EN) Rufous-bellied Helmetshrike (Prionops rufiventris), su Handbook of the Birds of the World. URL consultato il 5 febbraio 2018.

Altri progettiModifica

  Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli