Renzo Cappellaro

allenatore di calcio ed ex calciatore italiano
Renzo Cappellaro
Renzo Cappellaro.jpg
Cappellaro al Cagliari a metà degli anni 1960
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1969 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-19?? L.R. Vicenza
Squadre di club1
1956-1961 L.R. Vicenza 56 (21)
1961-1962 Alessandria 36 (21)
1962-1963 Lecco 32 (15)
1963-1966 Cagliari 63 (16)
1966-1967 Genoa 6 (1)
1967-1969 Potenza 37 (3)
Carriera da allenatore
19??-19?? Sambonifacese
19??-19?? Schio
1974-1975 Nuorese [1]
1975-1976 Latina
1978-1979 Nuorese [2]
1979-1980 Sant'Elena Quartu
1980-1981 Carbonia [3]
1984-1985 Carbonia
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Renzo Cappellaro (Vicenza, 12 maggio 1937Vicenza, 14 ottobre 2014) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano.

Indice

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

Crebbe nelle file del L.R. Vicenza, squadra della sua città, con la quale vinse il Torneo di Viareggio nel 1954 e nel 1955, manifestazione di cui è tuttora il miglior marcatore assoluto (14 reti) a pari merito con Ciro Immobile.[4] Esordì in prima squadra durante il campionato di Serie A 1957-1958. Rimase al Vicenza fino al 1961, dopo aver collezionato 56 presenze e 21 reti in maglia biancorossa.

Venne quindi ingaggiato dall'Alessandria. In maglia grigia vinse la classifica cannonieri (21 reti) durante il campionato di Serie B 1961-1962. L'anno dopo passò al Lecco e, nel 1963, al Cagliari, con cui ottenne una storica promozione in Serie A durante la stagione 1963-1964. Dopo due campionati di massima serie con i sardi, ritornò tra i cadetti indossando la maglia del Genoa, per poi passare nel 1967 al Potenza con cui retrocesse in Serie C. Chiuse la carriera all'et di trentadue anni.

AllenatoreModifica

Debuttò come allenatore nelle serie minori venete, con Schio e Sambonifacese;[5] lavorò poi tra i professionisti, in Serie C2, il Sant'Elena Quartu e il Carbonia, per poi fare ritorno nella sua terra d'origine, dove si è occupato delle categorie "Allievi" e di scuole calcio.

Muore nella sua città natale all'età di settantasette anni.[6]

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

L.R. Vicenza: 1954, 1955

IndividualeModifica

1961-1962 (21 gol)
1964-1965 (3 gol)

AllenatoreModifica

Sant'Elena Quartu: 1979-1980 (girone D)

NoteModifica

  1. ^ Panini, 1979, p. 325
  2. ^ Panini, 1979, p. 337
  3. ^ Panini, 1981, p. 355
  4. ^ Tommaso M. Ferrante, Pescara, ai piedi del Re Ciro. La stagione della consacrazione per Immobile, su seriebnews.com, 7 marzo 2012.
  5. ^ Cappellaro: l'ex biancorosso si diverte con i "pulcini" (PDF), in Sport Quotidiano. (archiviato dall'url originale il 29 novembre 2004).
  6. ^ Addio a Renzo Cappellaro, su cagliaricalcio.net, 15 ottobre 2014.

BibliografiaModifica

  • Almanacco Illustrato del Calcio 1979, Modena, Panini.
  • Almanacco Illustrato del Calcio 1981, Modena, Panini.

Collegamenti esterniModifica

  • Dario Marchetti (a cura di), Renzo Cappellaro, su Enciclopediadelcalcio.it, 2011.