Apri il menu principale

Repressione dell'eccesso di velocità

Attività ed aspetto della sicurezza stradale
Dispositivo per il controllo della velocità Gatso a Canberra.

La repressione dell'eccesso di velocità (o imposizione del limite di velocità)[1] è il tentativo fatto dalle competenti autorità per migliorare l'ottemperanza ai limiti di velocità da parte di conducenti di mezzi di trasporto. I metodi usati comprendono rilevatori manovrati dalla polizia e "autovelox"[2] automatizzati posti a bordo strada che possono integrare un sistema di riconoscimento automatico delle targhe dei veicoli. Tradizionalmente gli addetti alla polizia stradale usavano cronometri per misurare il tempo impiegato a percorrere un tratto di lunghezza nota. Più di recente sono stati introdotti pistole laser e sistemi automatizzati incorporati su auto di servizio.

Da una rassegna mondiale di studi è emerso che i dispositivi per la misurazione della velocità hanno portato ad una riduzione tra l'11% e il 44% nei sinistri mortali e con lesioni gravi.[3] Il ministero dei trasporti britannico ha stimato che le telecamere abbiano portato ad una riduzione del 22% nelle collisioni con feriti e che nelle zone presidiate da telecamere sia morto il 42% in meno di persone. Il British Medical Journal ha recentemente riferito che le telecamere per la velocità sono state efficaci per ridurre incidenti e feriti nei paraggi, e ne ha raccomandato un più ampio dispiegamento. Uno studio del 2017 della LSE concludeva che "aggiungere altre mille telecamere alle strade britanniche potrebbe annualmente salvare fino a 190 vite, evitare fino a 1 130 scontri e mitigare la gravità di 330 serie lesioni."[4]

La percezione che i limiti in una certa zona siano stabiliti e "perseguiti" prevalentemente come fonte di finanziamento per l'ente proprietario, invece che per migliorare la sicurezza stradale, ha dato luogo a controversie.[5][6]

StoriaModifica

La prima norma intesa a moderare la velocità del traffico stradale è il 1865 Locomotive Act nel Regno Unito, che fissava una velocità massima di 2 miglia orarie (3,2 km/h) nelle città e 4 miglia (6,4 km/h) nelle strade extraurbane, e imponeva che un uomo a piedi munito di bandiera rossa precedesse di 60 iarde (55 m) i veicoli definiti a motore. Nel 1878 il preavviso della "scorta appiedata" si ridusse a 20 iarde (18 m) e fu introdotto per i veicoli l'obbligo di fermarsi quando fosse in vista un cavallo.[7] Il limite di velocità era effettivamente ridondante in quanto la velocità del veicolo non poteva superare la velocità a cui una persona poteva camminare.

Nel 1895 alcuni guidatori delle prime autocar leggere a vapore ritennero che esse avrebbero potuto essere legalmente classificate come carrozze senza cavalli[8] e di conseguenza essere esentate dall'obbligo della "scorta pedonale". Fu eseguito un esperimento dal pioniere della motorizzazione John Henry Knight, che di conseguenza fu condannato per aver usato una locomotiva senza autorizzazione.[9] Il Locomotives on Highways Act 1896 eliminò alcune delle limitazioni introdotte dal 1865 Act, e in particolare elevò a 14 mph (23 km/h) il limite di velocità per "locomotive leggere" fino a 3 t. Il limite fu ulteriormente innalzato a 20 miglia all'ora (32 km/h) dal Motor Car Act 1903.

Una commissione reale sui veicoli a motore nel Regno Unito riferì nel 1907 esprimendo preoccupazione per il modo in cui le speed trap (letteralmente, "trappole di velocità") venivano usate per aumentare gli introiti nelle zone agricole invece che essere impiegate per proteggere le vite in città. Nel dibattito parlamentare dell'epoca si osservò che "i poliziotti non si appostano nei villaggi in cui ci sono le persone che potrebbero correre dei pericoli, ma sono nascosti in siepi o fossati a margine delle strade più aperte del Paese" e che erano "manifestamente assurdi come protezione del pubblico, e in molte contee sono usati meramente per strappare denaro al viaggiatore di passaggio in un modo che ricorda quello dei briganti nel Medioevo."[10][11]

 
Segnale stradale che preannuncia la presenza di un VASCAR.

Nel 1905 fu fondata The Automobile Association per aiutare gli automobilisti ad evitare gli appostamenti della polizia per il controllo della velocità.[12] Il Chief Justice Lord Alverston portò un caso giudiziario-test nel 1910 ('Betts -v- Stevens') contro un pattugliatore[13] dell'Automobile Association e un conducente che correva potenzialmente troppo forte — il giudice stabilì che quando un pattugliatore segnalasse ad un conducente spericolato di rallentare in modo da evitare una speed trap, quella persona avrebbe commesso l'illecito di "ostacolare un agente nel compimento del suo dovere" ai sensi del Prevention of Crimes Amendment Act 1885.[14][15] In seguito, l'organizzazione sviluppò un sistema di avvertimento in codice utilizzato fino agli anni 1960 per cui un pattugliatore avrebbe sempre salutato il conducente di un veicolo di passaggio che esponeva un distintivo AA visibile a meno che ci fosse una speed trap nei paraggi, sul presupposto che i loro agenti non potessero essere perseguiti per non aver salutato.[16]

La Gatsometer BV, fondata nel 1958 dal pilota di rally Maus Gatsonides, produceva il 'Gatsometer' descritto come un "dispositivo di misurazione della velocità rivoluzionario".[17] Non è chiaro se l'invenzione avesse in origine finalità sportive, ma certamente ad un certo punto fu commercializzato come strumento di lavoro per la polizia stradale.[17] La Gatsometer afferma di aver sviluppato il primo radar per il traffico stradale nel 1971, ma questa pretesa è smentita dalle prove che apparecchi del genere fossero già in vendita nel 1967.[17] La Gatsometer BV produsse la prima fotocamera mobile al mondo per il controllo della velocità nel 1982.[17][18]

Il VASCAR[19] era utilizzato negli Stati USA della Carolina del Nord, New York e Indiana già nel febbraio 1968.[20]

MetodiModifica

 
Poliziotti in Baviera controllano la velocità con una "pistola lidar" montata su cavalletto.

In origine i limiti di velocità erano controllati cronometrando manualmente ("clocking") i veicoli che percorrevano le "speed trap" definite lungo un tratto stradale di lunghezza nota; la velocità media del veicolo era poi determinata dividendo la lunghezza del percorso per il tempo impiegato.

Misurazione della velocità mediaModifica

Il VASCAR è un apparecchio che semi-automatizza la misurazione del tempo e il calcolo della velocità media della "speed trap" in origine gestita manualmente. Un osservatore sul terreno, in un veicolo o nell'aria semplicemente preme un tasto quando un veicolo passa due cippi che si trovano ad una distanza nota, tipicamente alcune centinaia di metri.

I sistemi automatic number plate recognition (ANPR) che usano una forma di riconoscimento ottico dei caratteri leggono la targa del veicolo. Un sistema computerizzato legge le targhe dei veicoli a due o più punti fissi lungo una strada, posti di solito a centinaia di metri o a qualche chilometro, poi usa la distanza nota tra tali punti per calcolare la velocità media di un veicolo. Dal teorema di Lagrange, sappiamo che la velocità del veicolo deve equivalere alla sua velocità media in qualche momento compreso tra le misurazioni. Se la velocità media eccede il limite di velocità, viene irrogata automaticamente una sanzione.[21]

È noto che in alcuni Paesi come la Francia la polizia persegue i guidatori che eccedono in velocità desumendone la media dalle timbrature orarie in entrata ed uscita dai caselli autostradali.[22]

La repressione dell'eccesso di velocità mediante la misurazione della sua media è espressamente vietata in California.[23]

Misurazione istantanea della velocitàModifica

 
Misurazione automatica della velocità in Danimarca.
 
Traffic Speed Interceptor - Veicoli con telecamera per la velocità usati dalla polizia di Bangalore (India).

Le telecamere per la velocità istantanea misurano la velocità in un singolo punto. Possono essere sia strutture semi-permanenti sia allestite in forma temporanea. Possono essere usate diverse tecnologie:

Comparazione dinamicaModifica

Gli agenti in alcune giurisdizioni possono anche usare la comparazione, specie quando non è disponibile un più comodo apparecchio di misurazione radar della velocità — la velocità del veicolo della polizia è fatta corrispondere a quella del veicolo "bersaglio", e si usa il tachimetro calibrato dell'auto di pattuglia per inferire la velocità dell'altro.[28]

FotocamereModifica

Negli ultimi anni molte giurisdizioni hanno cominciato ad usare fotocamere per registrare i trasgressori. Questi apparecchi individuano veicoli che stanno superando il limite di velocità e ne fotografano le targhe.

AltroModifica

Alcune giurisdizioni, tra cui Australia ed Ohio, permettono che siano contestate violazioni basate sulla valutazione soggettiva di un agente di polizia.[29][30] In futuro sarà possibile tracciare l'adeguatezza della velocità attraverso "scatole nere" GPS per trasgressori recidivi identificati nella sezione dell'''Australian National Road Safety Strategy 2011 - 2020'' sul sistema di adattamento intelligente della velocità.

EfficaciaModifica

Fotocamere per la velocitàModifica

 Voce principale: Autovelox.

  • A prescindere dai problemi di legalità in alcuni Paesi e Stati[31] e da qualche sporadica opposizione, l'efficacia delle fotocamere è documentata ampiamente. L'introduzione a The Effectiveness of Speed Cameras A review of evidence di Richard Allsop contiene questo brano della prefazione di Stephen Glaister, direttore del RAC (Royal Automobile Club). "Mentre la presente relazione illustra in modo esauriente il contesto in cui si colloca l'introduzione degli autovelox e la necessità di limiti di velocità, il suo compito non è quello di giustificare perché i limiti nazionali sono ciò che sono; una revisione dei limiti di velocità per vedere se sono basati su basi solide è per un altro giorno. Ciò che ha fatto è dimostrare che nei siti di installazione delle telecamere le velocità sono state ridotte e che, di conseguenza, le collisioni con conseguenti lesioni sono diminuite. Il governo ha affermato che la decisione sull'opportunità di finanziare gli autovelox deve essere presa a livello locale. Con l'attuale pressione sui fondi pubblici, ci sarà - anzi c'è già - chi dice che i pochi soldi che ci sono possono essere spesi meglio. La presente relazione cerca di differenziarsi. I dispositivi sono già lì; dimostrano un buon rapporto qualità-prezzo, ma non sono significativi introiti per il Tesoro; hanno dimostrato di salvare vite umane; e nonostante i titoli dei giornali, la maggior parte delle persone ne accetta la necessità. Gli autovelox non dovrebbero mai essere l'unica arma nell'arsenale della sicurezza stradale, ma non dovrebbero nemmeno essere assenti dalla battaglia".
  • La Cochrane Review del 2010 sulle fotocamere per la prevenzione di lesioni e morti da circolazione stradale[3] riferiva che tutti i 28 studi accettati dagli autori avevano constatato che l'effetto delle speed camera era una riduzione di tutte le collisioni, le lesioni da collisione, e le morti o le lesioni gravi correlate. "Ventotto studi hanno misurato l'effetto sugli scontri. Tutti e 28 hanno trovato un numero minore di scontri nelle zone delle fotocamere dopo l'applicazione del programma. Nelle vicinanze delle zone d'installazione, la riduzione andava dall'8% al 49% di tutti gli scontri, e la maggior parte degli studi stimava una riduzione compresa tra il 14% e il 25%. Per le collisioni con lesioni l'abbattimento andava dall'8% al 50% e per i sinistri mortali o con feriti gravi il taglio stava nell'intervallo tra l'11% e il 44%. Gli effetti su zone più estese indicavano riduzioni complessive tra il 9% e il 35%, con la maggior parte degli studi che dichiarava contrazioni tra l'11% e il 27%. Per i sinistri mortali/con feriti gravi, la "forbice" della riduzione andava dal 17% al 58%, con il grosso degli studi che esponeva un intervallo di tagli tra il 30% e il 40%. Gli studi su periodo prolungato mostravano che tali positive tendenze fossero mantenute o migliorate nel tempo. Tuttavia, gli autori ammettevano che l'entità del beneficio degli "autovelox" "non è attualmente deducibile" a causa dell'imperfetto rigore metodologico di molti dei 28 studi citati, e raccomandavano che "sono necessari ulteriori studi di natura scientificamente rigorosa ed omogenea, per dare una risposta sull'entità dell'effetto".
  • Secondo lo studio National Cooperative Highway Research Program del 2003 sul Red Light Running (RLR), "l'applicazione automatizzata di RLR può essere un'efficace contromisura di sicurezza… Risulta dai risultati di diversi studi che, in generale, le telecamere RLR possono portare ad una riduzione degli incidenti con angoli più severi con, nel peggiore dei casi, un leggero aumento degli scontri meno severi nella parte posteriore.[32] Tuttavia ha osservato che "non ci sono sufficienti prove empiriche basate su adeguate procedure di progettazione sperimentale per affermare definitivamente questo".
  • Il rapporto 2010, "The Effectiveness of Speed Cameras A review of evidence",[33] di Richard Allsop conclude: "I risultati di questa revisione per la RAC Foundation, sebbene raggiunti indipendentemente, sono essenzialmente coerenti con le conclusioni della Cochrane Review. Sono inoltre ampiamente coerenti con i risultati di una meta-analisi riportata nell'autorevole Manuale delle misure di sicurezza stradale, di 16 studi, che non comprendono il rapporto di valutazione quadriennale, degli effetti delle telecamere fisse sul numero di collisioni e vittime".
  • Uno studio condotto in Alabama rivela che le Red Light Camera (RLC, dispositivi noti da noi come "Photored")[34] sembrano avere un lieve influsso nel tempo necessario per liberare il crocevia; le intersezioni dotate di RLC sono utilizzate un secondo meno di quelle sprovviste; e il manuale della capacità autostradale stima un tempo perso più breve e quindi può sovrastimare la capacità dell'intersezione.[35]
  • Nel 2001 il Nottingham Safety Camera Pilot ha raggiunto la "conformità praticamente completa" sul raccordo anulare della città utilizzando fotocamere per la velocità media[36] in tutte le installazioni SPECS del Nottinghamshire, mentre i valori KSI (Killed /Seriously Injured, "morti/feriti gravi") sono diminuiti in media del 65%.[37]
  • Nel 2003 Injury Prevention ha riferito che gli "autovelox" sono stati efficaci nel ridurre gli incidenti e le lesioni e ne ha raccomandato un impiego più vasto.[38] Nel febbraio 2005 il British Medical Journal ha riferito che gli autovelox sono stati un intervento efficace nel ridurre gli incidenti stradali e le relative vittime, rilevando tuttavia che la maggior parte degli studi finora condotti non ha avuto gruppi di controllo soddisfacenti.[39] Nel 2003 l'Acting Chief Inspector delle pattuglie motorizzate della Northumbria Police ha suggerito che le telecamere non riducono gli incidenti ma aumentano le entrate — una dichiarazione ufficiale della polizia ha poi ribadito che gli autovelox riducono le vittime.[40]
  • Nel dicembre 2005 il Ministero dei trasporti ha pubblicato un rapporto quadriennale sulle partnership per le telecamere di sicurezza, in cui si conclude che si è registrata una riduzione del 22% delle collisioni per lesioni personali e del 42% di persone morte o gravemente ferite in seguito all'installazione delle telecamere.[41] The Times ha riferito che questa ricerca ha dimostrato che il dipartimento aveva in precedenza esagerato i benefici per la sicurezza degli autovelox, ma che i risultati erano comunque "impressionanti".[42]
  • Un rapporto pubblicato dalla RAC Foundation nel 2010 stimava che 800 persone in più all'anno avrebbero potuto essere uccise o gravemente ferite sulle strade del Regno Unito se tutti gli autovelox fossero stati rimossi.[43] Un'indagine condotta da The Automobile Association nel maggio 2010 ha indicato che gli autovelox sono condivisi dal 75% dei suoi membri.[44]
  • La città di Swindon ha abbandonato l'uso di telecamere fisse nel 2009, mettendone in discussione il rapporto costo-efficacia con la sostituzione delle telecamere con segnali di avvertimento attivati dai veicoli e l'applicazione della polizia con autovelox mobili:[45] nei nove mesi successivi allo spegnimento c'è stata una piccola riduzione del tasso di incidenti che è leggermente cambiato in periodi simili prima e dopo lo spegnimento (Prima: 1 incidente mortale, 1 grave e 13 incidenti lievi. In seguito: nessun decesso, 2 incidenti gravi e 12 incidenti lievi).[46] Il giornalista George Monbiot ha sostenuto che i risultati non erano statisticamente significativi, evidenziando i risultati precedenti in tutto il Wiltshire: c'era stata una riduzione del 33% nel numero di persone uccise e gravemente ferite in generale e una riduzione del 68% nei siti di ripresa nei tre anni precedenti.[47] Nel 2012, la città ha registrato il minor numero di incidenti per 1.000 veicoli immatricolati: un risultato collegato dal Local Authority Member for Council Transformation, Transport and Strategic Planning alla rimozione degli autovelox e al conseguente finanziamento aggiuntivo per la sicurezza stradale, oltre a una stretta collaborazione con la polizia.[48]

Raccolta di proveModifica

 
Autovelox fisso nel Regno Unito con segni di calibrazione stradale.

Le fotografie sono tipicamente sovrastampate con data-ora mediante un sistema cronografico ad alta risoluzione in modo che la velocità del veicolo possa se necessario essere controllata manualmente a posteriori usando il metodo di calcolare la sua velocità attraverso una serie di linee calibrate (dette "denti di drago") tracciate sul manto stradale.[49]

Il passaggio dalla "pellicola umida" analogica alla tecnologia digitale ha rivoluzionato gli autovelox, in particolare la manutenzione e il processo amministrativo necessario per emettere gli avvisi di sanzione. Le immagini di fotocamere digitali possono essere trasferite nel giro di qualche secondo ad un ufficio remoto attraverso un collegamento di rete, e un programma di riconoscimento ottico dei caratteri può automatizzare la "lettura" dei numeri di registrazione.[50]

Tra i tipi di fotocamera ricordiamo Gatso, Truvelo Combi e D-cam.

Evitamento ed elusioneModifica

 
Rilevatore passivo di RADAR e LIDAR.

Alcuni conducenti usano rilevatori passivi di radar e LIDAR, con l'intenzione di eludere i controlli rallentando in prossimità delle zone presidiate dalle forze dell'ordine. Lo status giuridico di siffatti dispositivi varia da una giurisdizione ad un'altra. Per esempio, sono per lo più legali negli Stati Uniti, ma illegali nella maggior parte del Canada.[51] Talora sono utilizzati dei dispositivi di contrasto attivo — in tal caso, i segnali radar o LIDAR vengono "inceppati" con emissioni di disturbo. Questi apparecchi sono ritenuti illegali più spesso di quanto avviene con gli strumenti "passivi".

I conducenti possono lampeggiare con i fari per segnalare ad altri conducenti che si stanno avvicinando ad una speed trap. Anche questo comportamento è valutato legittimo da alcune giurisdizioni, e non da altre. Negli Stati Uniti è comune che i conducenti dotati di apparato CB si notifichino reciprocamente l'ubicazione delle speed trap.[52]

Nel 2006 l'Automobile Association britannica pubblicò una controversa mappa stradale comprendente le posizioni di migliaia di autovelox fissi — e fu la prima volta che questa informazione si trovava in un documento stampato,[53] ancorché informazioni più accurate e aggiornate, fondate su geolocalizzazione GPS, fossero liberamente disponibili già qualche tempo prima.

Applicazioni per dispositivi mobili come Njection, Trapster, e Waze forniscono notizie in tempo reale su autovelox e condizioni stradali. Queste applicazioni fanno affidamento sugli utenti per mantenere aggiornati i database.[54] Oltre a queste applicazioni mobili che potrebbero essere considerate prone all'elusione, ce ne sono di simili che vengono classificate quali tecnologie di adattamento intelligente della velocità, e quindi conformi alla legge, tanto che in Australia le strategie pubbliche di sicurezza stradale di ogni livello amministrativo raccomandano l'adozione di dette tecnologie.

In Belgio, Germania e Paesi Bassi, la posizione degli autovelox è annunciata con riferimento alla progressiva chilometrica ad intervalli regolari sulle principali stazioni radio. Di converso, divulgare l'esatta posizione di un autovelox è illegale in Francia; alcune applicazioni mobili aggirano il divieto mostrando una "zona di pericolo" generico sul punto interessato al monitoraggio.[55]

Aspetti controversiModifica

Alcuni gruppi come la National Motorists Association definiscono la speed trap più restrittivamente come un posto in cui "l'attività di polizia stradale è volta a spillare denaro ai conducenti più che a migliorare la sicurezza".[56] Quando la velocità sulle statali crolla improvvisamente perché attraversano il territorio di un comune che specula sulle cosiddette multe,[57] ne può derivare paradossalmente un pericolo per la sicurezza stradale, e negli Stati Uniti sono state adottate delle iniziative per contrastare detta prassi.[56] Alcune forze di polizia sono state costrette allo scioglimento a causa di una "caccia all'eccesso di velocità" troppo zelante.[58] Ad ogni modo, da una meta-analisi di studi risulta che gli autovelox automatici possano aver ridotto il numero di morti e feriti da incidente stradale.[59]

LotteriaModifica

Kevin Richardson propose l'idea di premiare i conducenti rispettosi dei limiti con una lotteria in denaro, finanziata con le somme pagate dai guidatori indisciplinati. La cosa fu sperimentata a Stoccolma nel novembre del 2010.[60]

TolleranzeModifica

È possibile che modesti superamenti del limite legale di velocità non vengano sanzionati. Negli Stati Uniti, la soglia di tolleranza di solito è a discrezione dell'agente che sta operando. Alcuni Stati (come Pennsylvania e Florida) hanno tolleranze fissate ufficialmente.[61]

Uno studio su oltre mille violatori di limiti in USA e Canada esaminò i fattori da cui prevedere le "multe" irrogate dagli agenti di polizia. In entrambi i Paesi i conducenti venivano fermati per aver superato il limite mediamente di almeno 26 km/h (16 mph), venendo sanzionati intorno a US$144. Come prevedibile, i trasgressori che marciavano alle velocità più elevate erano puniti con somme maggiori. Anche le dichiarazioni rilasciate alla polizia influenzavano l'ammontare addebitato. Il 46% dei guidatori nello studio figurano aver presentato delle scuse (ad esempio, "non mi sono reso conto della velocità cui procedevo"), che costituivano il tipo più comune di reazione verbale. Scuse, giustificazioni, e smentite non hanno diminuito l'importo delle sanzioni. Quasi il 30% dei conducenti espresse pentimento (ad esempio, "sono spiacente") ricevendo considerevoli sconti di "pena". Dichiararsi pentiti è stato utile soprattutto a chi superava ampiamente il limite. I trasgressori americani che si dichiararono pentiti per violazioni della fascia più alta (21 mph) subirono sanzioni US$49 inferiori ad altri che "correvano" altrettanto forte, ma non avevano dichiarato rincrescimento. Benché la ricerca indichi una correlazione tra pentimenti e sanzioni più lievi, la maggior parte dei conducenti che si dichiararono pentiti furono comunque puniti in qualche misura. Per mantenere un campione relativamente normale di "velocisti", furono esclusi dallo studio una piccola percentuale di guidatori che aveva fatto registrare eccessi estremi di velocità (80 km/h (50 mph) o più sopra il limite) o le sanzioni molto elevate (US$500 e oltre).[62]

Poiché le regole costruttive dei veicoli più vecchi permettevano un margine di errore nei tachimetri di +/- 10%, nel Regno Unito le linee guida ACPO raccomandano una tolleranza sui limiti di velocità "×10% +2 mph" (per esempio, una tolleranza massima in una zona 30 mph (50 km/h) di 30 + (30 × 10% = 3) + 2 = 35 mph).[63]

In Germania si tolgono sempre almeno 3 km/h (il 3% della velocità misurata quando si corre oltre i 100 km/h) in favore del trasgressore. Questa soglia può crescere fino al 20% in più a seconda del metodo di misurazione.[64] Le sanzioni per velocità eccessiva dipendono dall'ampiezza del superamento e dal luogo in cui si compie la violazione. L'eccesso nei centri abitati porta invariabilmente a sanzioni più alte che se compiuto fuori città. Le sanzioni per trasgressioni minori tendono ad essere moderate, ma l'infrazione di oltre 20 km/h (12 mph) dà luogo a "multe" notevolmente alte e decurtazione di punti alla patente del guidatore, e, a seconda della velocità a cui è stato "cronometrato" il trasgressore, può far scattare la sospensione della patente per almeno un mese.[65]

Lo Stato di Victoria (Australia) consente solo 3 km/h (1,9 mph) di tolleranza per le camere mobili e 2 km/h (1,2 mph) per le camere fisse sul presupposto che, sebbene l'aumento di rischio sia inferiore, ci sono molti più guidatori coinvolti, il che crea un rilevante rischio lungo tutta la rete stradale.[66][67] Un'altra spiegazione è che gli apparati della polizia sono accurati fino ad 1 km/h, e che una tolleranza di 2-3 km/h è il margine minimo di cui la polizia ha bisogno per confutare ogni argomentazione processuale imperniata sulla precisione del suo equipaggiamento per misurare la velocità.[68] La tolleranza sulla velocità nel Nuovo Galles del Sud fu un tema elettorale nel 2011, in seguito alla mossa della commissione bilancio del governo uscente laburista dello Stato volta ad abolire il margine di 3 km/h per aumentare le entrate.[66]

La politica di controllo della velocità può avere riflessi sull'applicazione reale della legge. Secondo un rapporto del 1994 della AASHTO (associazione USA di operatori di polizia stradale), "l'esperienza ha dimostrato che i limiti di velocità posti arbitrariamente al di sotto di quello che la gente sente come ragionevole e prudente sono difficili da far osservare, producono indisciplina, inficiano il rispetto della legge, creano inutile ostilità verso gli agenti di polizia, e dirottano il traffico su strade secondarie".[69]

In Messico il limite massimo di velocità è 80 km/h sulle strade a scorrimento e sulle altre urbane. Però non sono applicate sanzioni sotto i 90 km/h, in pratica riconoscendo una tolleranza di 10 km/h. Gli agenti della Policía Federal (Città del Messico) e quelli di polizia stradale (Guadalajara) possono applicare le norme sulla velocità solo se un veicolo sta procedendo ad una velocità irragionevole rispetto alle condizioni di traffico. La velocità massima ammessa su tutte le strade principali messicane è 110 km/h.

Metodi delle forze dell'ordineModifica

Condizioni locali, norme e procedure della polizia comportano che le tattiche adottate per sorprendere i trasgressori dei limiti siano piuttosto varie. In alcune zone, la polizia può adottare un sistema più sottile, nascondendo operatori e apparecchi quanto più possibile; altre giurisdizioni impongono un presidio ampiamente visibile, con le camere dipinte di giallo, e agli agenti non sono consentiti espedienti come accostare l'autovelox a quello che può sembrare un mezzo in avaria, mentre in realtà stanno gestendo una speed trap.

Le autorità non possono sorvegliare ogni veicolo su ogni strada — la limitatezza delle risorse generalmente comporta che la vigilanza sui limiti debba avvenire in modo mirato. Uno studio in Nuova Zelanda concluse che il comportamento dei conducenti può essere influenzato tanto dall'effettiva sorveglianza quanto dalla possibilità percepita di essere colti in fallo.[70]

Reciprocità giurisdizionaleModifica

Molte giurisdizioni applicano la reciprocità nelle violazioni stradali, nel senso che i conducenti non residenti sono trattati al pari dei residenti quando siano loro contestate infrazioni avvenute in altre giurisdizioni. Parallelamente si adoperano affinché le sanzioni, anche riguardanti la patente a punti e il conseguente aumento dei premi assicurativi si riverberino sul conducente, una volta che fa rientro a casa. Il principio generale di questi patti interstatali,[71] interprovinciali, e/o internazionali garantiscano la regola 'una patente, una storia'.

"Repressione privata"Modifica

Nel 2001, con un'operazione controversa, la Acme-Rent-a-car (società di autonoleggio) in Connecticut tentò di usare una clausola nel contratto di noleggio per notificare sanzioni ai clienti che avessero superato limiti di velocità, secondo le rilevazioni dell'unità di geolocalizzazione GPS a bordo delle sue vetture. La compagnia fu citata in giudizio e condannata a recedere da questa pratica.[72][73]

Morte di lavoratori autoveloxModifica

Doug Georgianni, 51 anni, fu colpito da arma da fuoco mentre lavorava su un furgone photo radar su una strada statale di Phoenix, e benché trasportato in ospedale, non sopravvisse alle ferite.[74]

Vendette vandaliche sulle apparecchiatureModifica

Gli atti di rappresaglia contro autovelox e affini sono diventati frequenti in tutto il mondo.[75][76][77]

Questioni localiModifica

AustraliaModifica

Nuovo Galles del SudModifica

Nell'agosto 2005 a Sidney (Australia) la foto di un autovelox fu contestata giudizialmente affermando che la crittografia hash MD5 usata per proteggere da manomissioni la foto digitale non era abbastanza robusta da garantire che non fosse alterata. Il magistrato Lawrence Lawson deferì alla Roads and Traffic Authority (RTA) di dimostrare con la deposizione di un esperto[78] che le fotografie erano a prova di manomissione, ma la RTA non ne fu in grado. Il ricorrente vinse la causa,[79] con rifusione delle spese.[80]

Nel giugno 2011 si riferì che il governo del Nuovo Galles del Sud (NSW) aveva accumulato 350 milioni di dollari australiani grazie agli autovelox nei cinque anni precedenti.[81] Il Ministro delle strade accusò il precedente governo laburista di aver usato gli autovelox per fare cassa;[81] l'Auditor-General fu quindi incaricato di indagare su tutti i 141 autovelox fissi sul territorio dello Stato.[81] Dopo la pubblicazione del rapporto, 38 autovelox, collocati per lo più sulle strade statali, furono disattivati dato che l'Auditor-General aveva determinato che non presentavano alcun significativo vantaggio per la sicurezza stradale. Il rapporto concludeva pure che era "troppo presto" per decidere se gli autovelox incidevano sulla sicurezza stradale, sebbene i primi risultati indicassero che i conducenti riducevano gli eccessi di velocità. Per far fronte alle perplessità dell'opinione pubblica, ora la RTA monitorerà annualmente l'efficacia di ciascuna telecamera fissa.[82][83]

Australia MeridionaleModifica

Si era previsto che il governo dell'Australia Meridionale (SA) avrebbe raccolto 138 dollari australiani nel periodo 2011-2012 dalle attività di contrasto all'eccesso di velocità. Avevano incassato 114 milioni nel 2010-2011.[84] Il governo SA sta resistendo alle azioni dell'opposizione per istituire una commissione di inchiesta circa efficacia ed efficienza nell'impiego degli autovelox: se siano usati per la sicurezza stradale, per fare cassa, o per entrambi.[84]

VictoriaModifica

 
La Gatso Mobile Speed Camera, usata nel Victoria (Australia). La camera è montata sul cruscotto lato passeggero, e la scatola nera sul muso è l'unità radar.

Nel 2004 un autovelox fisso Poltech sulla Western Ring Road di Melbourne rilevò una berlina quattro cilindri Datsun 120Y che viaggiava a 158 km/h, ma una verifica successiva constatò che quel veicolo non superava i 117 km/h.[85] Un'inchiesta del governo dello Stato di Victoria (Australia) accertò che la manutenzione e le verifiche di precisione non erano state svolte con regolarità.[86]

Il Victoria ottenne una forte riduzione delle morti da incidente stradale nel 2008 e 2009.[87][88] I resoconti giornalistici attribuirono il successo ad una campagna coordinata e ben finanziata, rivolta ai più "rischiosi" conducenti giovani, con una vigilanza più aggressiva, un'attività di polizia aumentata, contrasto alla guida in stato di ebbrezza, e nel 2009, un aumento del 50% nell'uso di autovelox mobili.[87][88]

Dopo una crescente ondata di lamentele sulle sanzioni scorrette ed inappropriate, l'Auditor-General di Victoria si prefigge di investigare se gli autovelox vengano usati prevalentemente per foraggiare il governo dello Stato invece che per migliorare la sicurezza.[89]

Nel giugno 2011, in Victoria, il numero di vittime stradali dell'anno fino a quel momento veniva indicato come "significativamente più alto" di quello registrato nello stesso periodo dell'anno precedente.[90]

Il governo di Victoria prevedeva di incassare nel 2011 245 milioni di dollari australiani dalle sanzioni imposte ai trasgressori del suo codice stradale, in gran parte riguardanti l'eccesso di velocità.[91]

CanadaModifica

Gli autovelox erano stati un argomento elettorale rilevante nelle province di Ontario e British Columbia, e vennero aboliti dai primi ministri Mike Harris nel 1995 e Gordon Campbell nel 2001.

Nel febbraio 2006 Edmonton (Alberta) fu travolta da uno scandalo poiché appariva che due agenti di polizia avessero accettato tangenti da imprenditori privati che volevano aggiudicarsi vantaggiosi contratti per fornire autovelox. Gli agenti e gli appaltatori hanno dovuto affrontare procedimenti penali per questi fatti.[92]

Nel settembre 2012 il capo della polizia di Edmonton Rod Knecht propose il sequestro per i veicoli di chi corre eccessivamente, dopo che ne era stata scoperta un'ondata, di cui alcuni che superavano il limite anche di 50-100 km/h.[93]

Regno UnitoModifica

 
Segnale britannico che preavvisa della presenza di un autovelox.

Il Regno Unito impiega numerosi metodi di contrasto alla velocità eccessiva, tra cui rilevatori di velocità media e autovelox più convenzionali, tuttavia otto contee stanno per spegnere o togliere gli autovelox, ed altre due stanno considerando un tale passo.[94][95][96][97]

Si è anche discusso se l'uso dei mezzi di ripresa per costringere un guidatore ad ammettere l'eccesso di velocità costituisca una violazione dei diritti umani fondamentali europei; ad ogni modo, la Corte europea dei diritti dell'uomo nella causa O’Halloran and Francis v United Kingdom del 2007 ha statuito che non vi fosse lesione dell'articolo 6 dello Human Rights Act 1998 nel richiedere ai proprietari dei veicoli colti strumentalmente nella violazione dei limiti di fornire il nome del conducente, a pena di essere assoggettati alle medesime sanzioni in caso contrario.[98]

La quota di agenti addetti al traffico stradale è scesa dal 15–20% dell'organico della Polizia nel 1966 al sette per cento nel 1998, e tra il 1999 e il 2004 del 21%.[99] È anche dibattuto se la riduzione negli incidenti stradali per km percorso di questo periodo[100] sia dovuta alle postazioni automatiche. Nel periodo di sette mesi dopo lo spegnimento degli autovelox nell'Oxfordshire nell'agosto 2010, le vittime aumentarono da 12 a 18, un valore non in linea con la variazione dei decessi in un periodo di dieci anni.[100] Si fecero dei progetti per riattivare gli autovelox nel novembre 2010, considerato che nei siti delle telecamere erano aumentate le velocità di percorrenza,[101] fatto verificato nell'aprile 2011.[102] L'Oxfordshire aveva seguito l'esempio di Swindon, che registrò una flessione di incidenti, feriti gravi e decessi.[97]

Stati UnitiModifica

Nello Stato USA dell'Ohio, la questione se ai sensi della Costituzione dell'Ohio un comune abbia il potere di notificare violazioni fondate su autovelox è stata esaminata dalla Corte Suprema dell'Ohio il 18 settembre 2007, nella causa Kelly Mendenhall et al. v. The City of Akron et al.[103][104] La corte ha deciso in favore di Kelly Mendenhall.

Patagonia (Arizona) è stata indicata dal sito della National Motorists Association (speedtrap.org)[105] come la città che possedeva una delle speed trap più attive della nazione. Gli agenti di quella polizia locale nascondono regolarmente le auto di servizio dietro gli alberi lungo la Arizona Highway 82 nella zona in cui i conducenti entrano nella periferia della città. Il limite di velocità segnalato passa repentinamente da 55 mph a 30 mph, e i conducenti che non stanno più che all'erta vengono colti in fallo. La sanzione minima applicata, anche per aver superato il limite di un solo miglio, è $146.

Inizialmente l'Illinois usava gli autovelox solo in prossimità dei cantieri stradali. C'era una legislazione che metteva in programma di estenderne l'impiego a tutto il territorio dello Stato. Ma Chicago ha esteso il suo programma di camere automatiche per il rosso semaforico e sta progettando di installare autovelox presso le scuole. Alcune periferie (ad esempio Alsip) hanno già camere di ripresa a varie intersezioni.

Due immagini prodotte da un autovelox a Mount Rainier (Maryland), che documentano il passaggio di un veicolo asseritamente viaggiante a 50 mph in una zona con limite 25 mph.

Alcuni Stati USA che in passato permettevano i sistemi di registrazione visiva per il semaforo rosso ma non gli autovelox ('photo radar'), ora hanno approvato, o stanno considerando, l'introduzione di autovelox. La legislazione del Maryland approvò un programma simile nel gennaio 2006. Nel 2005, 2006, 2008 e 2009 il parlamento della California esaminò, senza approvarle, proposte di legge intese all'adozione di autovelox.[106] I parlamentari del Tennessee stanno anche considerando di aumentare il numero dei loro autovelox dopo i successi di Chattanooga come aver generato $158 811 di entrate nei primi tre mesi.[107][108]

Uno studio del 2007 sugli autovelox della Arizona State Route 101 a Scottsdale trovò una riduzione del 50% nella frequenza totale di incidenti, con i feriti abbattuti del 40% ma i tamponamenti cresciuti del 55%.[109]

Nel 2008 erano stati piazzati autovelox sulle strade di scorrimento nei dintorni di Phoenix che "catturavano" i conducenti che superavano i limiti di almeno 11 mph. Per il 2009 si prevedeva che ne venissero installati altri 100.[110][111]

Nel 2009 esistevano autovelox in 48 comunità degli Stati Uniti, tra cui Arizona, Colorado, Illinois, Iowa, Louisiana, Maryland, Massachusetts, New Mexico, Ohio, Oregon, Tennessee, Washington, e Washington, D.C.[112]

Nel 2017 il National Safety Council ha classificato gli Stati in termini di misure di sicurezza stradale come autovelox automatici e camere contro la violazione del semaforo rosso, limite di velocità sulle interstate, e limiti inferiori in prossimità delle scuole.[113]

Negli Stati Uniti è comune che tutte le procedure di installazione, gestione, e verifica siano svolte da società private che in alcuni Stati sono pagate in base al numero di infrazioni che rilevano, e spesso senza regime di collaudo di sorta,[114] però a questi dispositivi è richiesto per legge di scattare almeno due foto di ciascun veicolo.[115]

Si sono formati comitati di opposizione mi alcuni posti in cui vengono usati gli autovelox. Nella città USA di Scottsdale (Arizona) si formò il gruppo attivista CameraFraud che mise in atto manifestazioni di protesa e raccolte di firme per contrastare l'uso di apparecchiature contro gli eccessi di velocità ('photo radar').[116][117][118] Alle elezioni del 2008 nel territorio della contea di Pinal, Paul Babeau vinse l'elezione a sceriffo dopo una campagna in cui aveva promesso di eliminare gli autovelox.[119]

È stato annunciato che l'Arizona non avrebbe rinnovato il contratto con la Redflex, società che gestisce le camere.[120] Tuttavia, molte città in Arizona (ad esempio, Chandler, Mesa, Scottsdale, Paradise Valley, Superior) hanno ancora camere per il semaforo rosso e/o contro gli eccessi di velocità. La repressione a mezzo camere è illegale nel comune di Gilbert (Arizona). Tempe (Arizona) ha eliminato tutte le camere per il semaforo rosso. Baker (Louisiana) ha ancora un contratto con la Redflex.[121] Questo legame è oggetto di iniziativa legislativa.[122]

FranciaModifica

In Francia gli autovelox fissi sulle autostrade sono preannunciati da un segnale posto tra 500 m e 2 km prima: Pour votre sécurité, contrôles automatiques (Per la vostra sicurezza, controlli automatici) e segnati sulle carte autostradali.[123] Sulle strade di altri tipi, talvolta c'è un segnale comunque un cartello elettronico che ti mostra a che velocità viaggi può indicare che ci sia un autovelox fisso più avanti. In alcune zone ora sono in funzione camere che controllano la velocità media.

SvizzeraModifica

In Svizzera è severamente proibito segnalare la presenza degli autovelox.[124] Se il software di un navigatore comprende la posizione degli autovelox, può essere confiscato e distrutto. Questo vale anche per i telefoni cellulari o i dispositivi portatili con la funzionalità descritta.

ItaliaModifica

In Italia gli autovelox fissi su autostrade e statali sono preannunciati con un segnale posto almeno 250 m più a monte (non meno di 150 m sulle strade urbane e non meno di 80 m sulle altre strade): Controllo elettronico della velocità, e le posizioni degli autovelox sono indicate sulle mappe stradali italiane.[125][126]

Spagna e PortogalloModifica

In Spagna e Portogallo alcuni dispositivi rilevano i veicoli che stanno procedendo a velocità eccessiva, e di conseguenza fanno passare alla fase di rosso un semaforo nei paraggi, in modo da farli fermare.[127]

NoteModifica

  1. ^ Questa voce è tradotta dall'inglese, e c'è un certo dibattito tra i redattori su come rendere in italiano il vocabolo enforcement. Le diverse soluzioni sottendono anche una diversa concezione del fenomeno nei suoi tratti essenziali, teorici, pratici e di costume.
  2. ^ Pur essendo originariamente un marchio commerciale, "autovelox" è ormai anche un'espressione usata genericamente nel linguaggio comune per designare tutti i congegni simili.
  3. ^ a b C Wilson, Willis, Hendrikz e Le Brocque, Bellamy, Speed cameras for the prevention of road traffic injuries and deaths. (PDF), in The Cochrane Library, nº 10, 2010, pp. CD004607, DOI:10.1002/14651858.CD004607.pub3, PMID 20927736.
  4. ^ Speed cameras reduce road accidents and traffic deaths, according to new study, su lse.ac.uk.
  5. ^ Autovelox - COSÌ SERVONO SOLO A FARE CASSA (quattroruote.it)
  6. ^ Non solo l'autovelox per fare cassa! (vigileamico.it)
  7. ^ MVRUS – Legislation: A summary of important legislation, UK Department of the Environment (archiviato dall'url originale il 3 settembre 2009).
  8. ^ Carrozza senza cavalli è un nome antico per "automobile". Prima dell'invenzione dell'automobile, le carrozze erano solitamente trainate da animali, tipicamente cavalli. Il termine può essere paragonato ad altri termini transitori, come il telefono senza fili. Si tratta di casi in cui una nuova tecnologia viene confrontata con una più vecchia descrivendo ciò che la nuova tecnologia non ha.
  9. ^ Wey River History of Farnham, su weyriver.co.uk. URL consultato il 26 aprile 2010.
  10. ^ Debate on the Royal Commission on Motor Cars, in Hansard, 24 maggio 1906. URL consultato il 17 aprile 2010.
  11. ^ MOTOR CAR LEGISLATION, in Hansard, 16 luglio 1907. URL consultato il 17 aprile 2010.
    «I regard the abolition of the speed limit as the most important recommendation of the Royal Commission... Policemen are not stationed in the villages where there are people about who might be in danger, but are hidden in hedges or ditches by the side of the most open roads in the country... I am entirely in sympathy with what the noble Earl said with regard to police traps. In my opinion they are manifestly absurd as a protection to the public, and they are used in many counties merely as a means of extracting money from the passing traveller in a way which reminds one of the highwaymen of the Middle Ages.».
  12. ^ About us, The AA. URL consultato il 26 febbraio 2010.
  13. ^ Con il vocabolo "pattugliatore" si è cercato di rendere l'inglese patrolman, che in genere indica l'agente di polizia addetto ad una pattuglia, ma nello specifico contesto, indica semmai un agente contro la polizia, in un certo senso.
  14. ^ JA Coutts, 'Obstructing the Police' (1956) 19 MLR 411
  15. ^ Road Traffic – 1900– 1929, swarb.co.uk. URL consultato il 27 febbraio 2010.
  16. ^ Ray Massey, Drivers face breakdown nightmare after AA staff ballot for first strike in 105 years, in Daily Mail, London, 4 febbraio 2010.
  17. ^ a b c d History, Gatsometer. URL consultato il 18 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2010).
  18. ^ Radar Speed Trap Warning Apparatus (Licence), in Hansard, 2 marzo 1967. URL consultato il 25 aprile 2010.
    «a pocket-sized instrument is being produced by Marchant House Limited of New Street, Oadby, Liecester, to be used in motor vehicles to give instant warning of a police radar speed trap ... Anyone wishing to use this type of apparatus would require a licence under the Wireless Telegraphy Act, 1949. The firm in question has recently been informed that I am not prepared to issue a licence for such purposes».
  19. ^ Il VASCAR (Visual Average Speed Computer And Recorder) è un tipo di dispositivo per il calcolo della velocità di un veicolo in movimento. Il primo dispositivo VASCAR è stato creato nel 1966 da Arthur Marshall. È utilizzato dagli agenti di polizia per far rispettare i limiti di velocità, e può essere preferito dove il radar o il lidar è illegale, come ad esempio in alcune giurisdizioni della Pennsylvania, o per impedire il rilevamento da parte di coloro che dispongono di rilevatori radar.
  20. ^ The Highway: Versatile VASCAR, in Time, 9 febbraio 1968.
  21. ^ Specs spies on speeding motorists, BBC News, 14 luglio 2005. URL consultato il 31 maggio 2008.
  22. ^ Brian Bell, Insight Guide: French Riviera, Langenscheidt Publishers, 2001, p. 318, ISBN 978-1-58573-148-0.
  23. ^ CVC 40802 Speed Traps, CVC 40801 Speed Trap Prohibition
  24. ^ Brevetto US5521696
  25. ^ Police Speed Enforcement Cameras, in Safer motoring. URL consultato il 19 aprile 2010.
  26. ^ The Infra-Red Traffic Logger, più comunemente noto semplicemente con l'acronimo TIRTL, è un sensore di traffico polivalente che può essere utilizzato come contatore di traffico, sensore di velocità, sensore per telecamere a luce rossa, tracciatore di veicoli pesanti, sensore per veicoli in altezza, sensore di attraversamento ferroviario e sistema di gestione della rete.
  27. ^ Jonathan Spring, Transportable Infra Red Traffic Logger (TIRTL) (PDF), CEOS Industrial, 8 gennaio 2010. URL consultato il 24 febbraio 2010 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2009).
  28. ^ Police Technology, in Police Technology, vol. 2004, Pearson Prentice Hall, 2004, p. 15, ISBN 978-0-13-114957-1.
  29. ^ Police officer's visual estimate of speed is enough for a conviction, Ohio Supreme Court rules, su cleveland.com, 2 giugno 2010.
  30. ^ Alan Buckingham, Speed Traps: Saving Lives or Raising Revenue?, su cis.org.au, 17 ottobre 2003. URL consultato il 27 aprile 2010.
  31. ^ Questa precisazione, che in italiano appare tautologica, probabilmente è riferita alle realtà politiche in cui esistono Stati federati, come negli USA, nella Repubblica Federale Tedesca, e così via.
  32. ^ Hugh McGee, NCHRP Synthesis 310, National Cooperative Highway Research Program, 2003, p. 12.
  33. ^ The Effectiveness of Speed Cameras (PDF), su Racfoundation.ortg. URL consultato il 30 giugno 2016 (archiviato il 15 aprile 2016).
  34. ^ Photored: cos'è e come funziona - La Legge per Tutti
  35. ^ Fatemeh Baratian-Ghorghi, Huaguo Zhou e Isaac Wasilefsky, Effect of Red-Light Cameras on Capacity of Signalized Intersections, in Journal of Transportation Engineering, vol. 142, 2015, p. 04015035, DOI:10.1061/(ASCE)TE.1943-5436.0000804.
  36. ^ Annex 6 TECHNOLOGY FOR ENFORCEMENT, su publications.parliament.uk.
    «A notable example is in the Nottingham Safety Camera Pilot where virtually complete compliance was achieved on the major ring road into the city».
  37. ^ Permanent Casualty Reduction Scheme (PDF), su speedcheck.co.uk. URL consultato il 19 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2010).
    «Across all Nottinghamshire SPECS installations, KSI figures have fallen by an average of 65%».
  38. ^ S M Christie, R A Lyons, F D Dunstan e S J Jones in Injury Prevention, Are mobile speed cameras effective? A controlled before and after study, in Injury Prevention, vol. 9, nº 4, 2003, pp. 302–306, DOI:10.1136/ip.9.4.302, PMC 1731028.
    «Camera sites had lower than expected numbers of injurious crashes up to 300 metres using circles and up to 500 metres using routes. Routes methods indicated a larger effect than the circles method except in the 100 metres nearest sites. A 500-metre route method was used to investigate the effect within strata of time after intervention, time of day, speed limit, and type of road user injured. The number of injurious crashes after intervention was substantially reduced».
  39. ^ Effectiveness of speed cameras in preventing road traffic collisions and related casualties: systematic review (PDF), in BMJ, vol. 330, 12 February, 2005, pp. 331–334, DOI:10.1136/bmj.38324.646574.AE, PMC 548724, PMID 15653699.
    «Existing research consistently shows that speed cameras are an effective intervention in reducing road traffic collisions and related casualties. The level of evidence is relatively poor, however, as most studies did not have satisfactory comparison groups or adequate control for potential confounders. Controlled introduction of speed cameras with careful data collection may offer improved evidence of their effectiveness in the future.».
  40. ^ Cameras are for cash, The Journal, 25 ottobre 2003. URL consultato il 31 marzo 2008.
  41. ^ Department for Transport, The National Safety Camera Programme: Four Year Evaluation Report, 2005. URL consultato il 13 giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2010).
  42. ^ Ben Webster, Speed camera benefits overrated, in The Times, London, 16 dicembre 2005.
    «The main report says that fixed cameras reduce deaths and serious injuries by 50 per cent and mobile cameras by 35 per cent. It calculates that cameras prevent 1,745 deaths or serious injuries a year across Britain. But once the regression to the mean was taken into account, fixed cameras were found to reduce deaths and serious injuries by only 873, or 24 per cent for fixed and 17 per cent for mobile cameras. While still impressive, these reductions are lower than could be achieved by other road safety measures.».
  43. ^ RAC Foundation report backs speed camera safety benefit, in BBC News, 24 novembre 2010.
  44. ^ Speed camera support 'at all-time high', Admiral.
    «Support for speed cameras is running at an all-time high, a poll by the AA has suggested. According to the motoring organisation's survey of members in October, 75% now believe that the use of speed cameras is 'acceptable' – including 30% who believe their use is 'very acceptable'. This compares with a 69% approval rating in a poll conducted in November last year, and is the highest level reached in ten years of monitoring public sentiment for the devices, the AA says.».
  45. ^ Town ditches fixed speed cameras, BBC News, 31 luglio 2009.
  46. ^ David Barrett, Speed camera switch-off sees fewer accidents, in The Daily Telegraph, London, 7 agosto 2010. URL consultato il 30 giugno 2016 (archiviato il 18 settembre 2016).
  47. ^ Tory Boy Racers | George Monbiot, su Monbiot.com, 26 luglio 2010. URL consultato il 30 giugno 2016 (archiviato il 30 gennaio 2011).
  48. ^ Katie Bond, Town tops league for safest driving, su Thisiswiltshire.co.uk, 21 marzo 2012. URL consultato il 30 giugno 2016 (archiviato il 15 augusto 2016).
  49. ^ Gatso Photo Checking, Association of British Drivers. URL consultato il 26 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 14 aprile 2010).
  50. ^ Max Cameron, Development of Strategies for Best Practice in Speed Enforcement in Western Australia (PDF), Monash University Accident Research Centre, 10 giugno 2008, p. 6.
  51. ^ Radar detectors FAQ, Whistler Group. URL consultato il 17 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il 4 settembre 2010).
  52. ^ Driver upset after ticketed for flashing headlights, CFTO-TV, 30 gennaio 2008. URL consultato il 17 settembre 2009.
    «A Toronto man is upset he was ticketed for flashing his headlights to tip off oncoming drivers of a radar speed trap, especially since police admit the act is not illegal.'».
  53. ^ Steve Bloomfield, AA causes fury by publishing its first-ever map of speed cameras, in The Independent, London, 26 giugno 2005. URL consultato il 17 aprile 2010.
    «A controversial decision by the AA to publish its first map of speed traps has provoked a storm of protest from safety experts, who accuse the organisation of encouraging motorists to break the law.».
  54. ^ Joe Sharkey, The Camera That Wears a Badge, in New York Times, 4 maggio 2008. URL consultato il 7 luglio 2011.
  55. ^ Flitsmeister (Flitsmeister.nl, in olandese)
  56. ^ a b Archived copy, su motorists.org. URL consultato l'11 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 28 agosto 2015).
  57. ^ Nell'ordinamento italiano la multa propriamente detta è la sanzione pecuniaria conseguente alla commissione di un delitto, ma nel linguaggio comune si usa largamente chiamare multa la sanzione amministrativa, in particolare da infrazione stradale. (Vocabolario Treccani, ad vocem.)
  58. ^ Florida 'speed trap' town disbands police force, Associated Press, 2 ottobre 2014.
  59. ^ Wilson C, Willis C, Hendrikz JK, Le Brocque R, Bellamy N, Willis, Hendrikz, Le Brocque e Bellamy, Speed cameras for the prevention of road traffic injuries and deaths, in Cochrane Database of Systematic Reviews, vol. 2010, nº 11, 2010, p. CD004607, DOI:10.1002/14651858.CD004607.pub3, PMID 20927736. URL consultato il 5 settembre 2019 (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2016).
  60. ^ Jonathan Schultz, Speed Camera Lottery Wins VW Fun Theory Contest, in The New York Times, 30 novembre 2010.
  61. ^ PA Vehicle Code Chapter 75 § 3368(c), su legis.state.pa.us.
  62. ^ M. V. Day e Ross, M., The value of remorse: How drivers' responses to police predict fines for speeding, in Law and Human Behavior, vol. 35, nº 3, 2011, p. 221–234, DOI:10.1007/s10979-010-9234-4, PMID 20556494.
  63. ^ Speed Enforcement, in cps.gov.uk, CPS. URL consultato il 3 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2014).
  64. ^ (DE) Toleranzabzüge bei standardisierten Messverfahren zur Feststellung von Geschwindigkeitsverstößen, su verkehrslexikon.de. URL consultato il 5 dicembre 2014.
  65. ^ (DE) Geschwindigkeitsüberschreitung, su bussgeldkatalog.org. URL consultato il 5 dicembre 2014.
  66. ^ a b Alexandra Smith, Greater Leeway for Speeding Drivers, in The Age, Australia, 31 marzo 2011. URL consultato il 16 giugno 2011.
  67. ^ Making travel safer: Victoria's speed enforcement program, Victorian Auditor General, 20 luglio 2006. URL consultato il 18 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2009).
  68. ^ S.P. Hardy, Inaccurate Speedos, trafficlaw.com.au. URL consultato il 28 aprile 2010.
  69. ^ AASHTO Policy Resolution: The National Statutory Speed Limit, American Association of State Transport Highway Officials, 19 aprile 1994. URL consultato il 17 settembre 2009.
  70. ^ Organisation for Economic Co-operation and Development, European Conference of Ministers of Transport, OECD/ECMT Transport Research Centre, Speed Management, OECD Publishing, 2006, p. 155, ISBN 978-92-821-0377-7.
  71. ^ Il riferimento, anche qui, è agli Stati federati che fanno parte di organismi quali gli USA.
  72. ^ Robert Lemos, State Puts Brakes on GPS Speeding Fines, CNET, 2 luglio 2001. URL consultato il 29 aprile 2010.
  73. ^ Amy D. Propen, Critical GPS: Toward a New Politics of Location (PDF), Department of Rhetoric, University of Minnesota, 10 giugno 2006 (archiviato dall'url originale il 9 maggio 2009).
  74. ^ Paul Davenport, Photo-Radar Van Driver Shot to Death, su MyFoxPhoenix.com, 20 aprile 2009. URL consultato il 19 gennaio 2014.
  75. ^ banthecams.org, https://web.archive.org/web/20110620190632/http://banthecams.org/20110315980/IRISH-NEWS-Speed-camera-van-target-of-suspected-firebomb-attack.html. URL consultato il 9 aprile 2011 (archiviato dall'url originale il 20 giugno 2011).
  76. ^ Ray Stern, Local Photo Enforcement Vandalism is Child's Play Compared to Destruction of Speed Cameras Elsewhere – Phoenix News – Valley Fever, Blogs.phoenixnewtimes.com, 1º dicembre 2008. URL consultato il 24 maggio 2012.
  77. ^ Microsoft Word - Photo Enforcement Final Report Feb 9 2006.doc (PDF), su thenewspaper.com. URL consultato l'11 marzo 2019.
  78. ^ L'ordinamento di common law, a differenza del nostro, ammette la dichiarazione testimoniale di un esperto su circostanze di cui non abbia avuto esperienza sensoriale (e costui afferma così quello che a tutti gli effetti è un giudizio). Una sorta di "perizia giurata".
  79. ^ Anche qui abbiamo adattato la formulazione alla nostra esperienza giuridica: il testo inglese dice "l'imputato fu assolto".
  80. ^ NSW Speed Cameras in Doubt, in The Age, Melbourne, Australia, 10 agosto 2005. URL consultato il 28 aprile 2010.
  81. ^ a b c 'Cash cow' speed cameras raise $350m, in The Sydney Morning Herald, Fairfax Media, 2 giugno 2011. URL consultato il 27 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2011).
  82. ^ Report finds speed cameras are an effective safety tool Media Release The Hon Duncan Gay MLC Minister for Roads and Ports 27 July 2011
  83. ^ NSW Government switches off 38 speed cameras Caradvice 27 July 2011 (includes locations of cameras turned off)
  84. ^ a b PARLIAMENT is facing a renewed push for a top-level inquiry into the use of speed cameras, in Adelaide Now, News Limited, 27 giugno 2011. URL consultato il 27 giugno 2011.
  85. ^ Victoria's speed camera saga continues, in The 7.30 Report, Australian Broadcasting Corporation. URL consultato il 7 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2011).
  86. ^ Government acts on fixed speed cameras, in Media Release 14 May 2004, Office of the Premier. URL consultato il 7 giugno 2011.
  87. ^ a b Jason Dowling, State's road toll dips to its lowest on record, in The Age, Melbourne, Australia, 1º gennaio 2009.
  88. ^ a b Reid Sexton, Victoria's road toll at record low, in The Age, Melbourne, Australia, 27 dicembre 2009.
  89. ^ A-G to probe use and integrity of road cameras, in The Age, Australia, Fairfax Media, 25 maggio 2011. URL consultato il 14 giugno 2011.
  90. ^ As road toll jumps, police urge caution, in The Sydney Morning Herald, Fairfax Media, 10 giugno 2011. URL consultato il 14 giugno 2011.
  91. ^ Speeding and disobedient drivers deliver a windfall for government coffers, in The Herald Sun, Herald and Weekly Times, 11 giugno 2011. URL consultato il 19 giugno 2011.
  92. ^ The Edmonton, Charges won't halt photo radar, Canada.com, 19 febbraio 2006. URL consultato il 24 maggio 2012 (archiviato dall'url originale l'8 novembre 2012).
  93. ^ B Wittmeier, Police set sights on super speeders, Edmonton Journal. URL consultato il 3 giugno 2014 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2014).
  94. ^ Lack of police funds could end South West speed cameras, in BBC News, 22 luglio 2010.
  95. ^ Speed cameras will stay – but no more maintenance | News, This is Gloucestershire, 3 agosto 2010. URL consultato il 24 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2010).
  96. ^ Town ditches fixed speed cameras, in BBC News, 31 luglio 2009.
  97. ^ a b David Barrett, Speed camera switch-off sees fewer accidents, in The Daily Telegraph, London, 7 agosto 2010.
  98. ^ O'Halloran and Francis v. The United Kingdom, su cmiskp.echr.coe.int.
  99. ^ Section 21, traffic officer numbers reduction in the UK (PDF), in UK Parliamentary publications.
  100. ^ a b page 147 Transport statistics 2009 edition (PDF), in Department for Transport UK.
  101. ^ Plan to return Oxfordshire's speed cameras, in BBC News, 2 novembre 2010.
  102. ^ Speeding fine numbers double with cameras back on, in BBC News, 5 maggio 2011.
  103. ^ newsnet5.com, https://web.archive.org/web/20081216154334/http://www.newsnet5.com/news/10927743/detail.html. URL consultato il 25 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 16 dicembre 2008).
  104. ^ Lawsuit Over Red-Light Cameras Heads To Ohio Supreme Court, Weathernet5.com. URL consultato il 24 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2007).
  105. ^ City, in Speedtrap.org. URL consultato l'11 marzo 2019.
  106. ^ Action/Legis – Red Light Cameras & Photo Radar in California, Highwayrobbery.net. URL consultato il 24 maggio 2012.
  107. ^ Tom Humphrey, Speed cameras catch police chief's interest » Knoxville News Sentinel, Knoxnews.com. URL consultato il 24 maggio 2012.
  108. ^ City Red Light, Speeding Cameras Bring In $158,811 In First 3 Months[collegamento interrotto], The Chattanoogan.com, 14 novembre 2007. URL consultato il 1º settembre 2008.
  109. ^ study of speed cameras Archiviato il 4 dicembre 2008 in Internet Archive.
  110. ^ [1][collegamento interrotto]
  111. ^ Drivers concerned about 100 new speed cameras in Valley, Archive.is. URL consultato l'11 marzo 2019.
  112. ^ Speed cameras on U.S. highways?, CNN, 4 giugno 2009. URL consultato il 5 giugno 2009.
  113. ^ National Safety Council (2017). The State of Safety - A State-by-State Report. Itasca, IL. pg. 18. Consultabile presso: http://www.nsc.org/NSCDocuments_Advocacy/State-of-Safety/State-Report.pdf Archiviato il 28 luglio 2017 in Internet Archive.
  114. ^ San Diego Court Ruling Archiviato il 24 maggio 2011 in Internet Archive., 2001.
  115. ^ US Department Of Transportation Federal Highway Administration – Traffic Enforcement Camera Regulations Archiviato il 9 maggio 2009 in Internet Archive., 9 dicembre 2008.
  116. ^ Archived copy, su myfoxphoenix.com. URL consultato il 25 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 15 gennaio 2009).
  117. ^ [2][collegamento interrotto]
  118. ^ Archived copy, su abc15.com. URL consultato il 25 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 13 giugno 2009).
  119. ^ [3][collegamento interrotto]
  120. ^ No details yet for end to state's photo radar, KTAR.com. URL consultato il 24 maggio 2012.
  121. ^ Redflex challenges private investigators ruling – The Independent Weekly, Theind.com, 19 maggio 2008. URL consultato il 24 maggio 2012.
  122. ^ http://www.thenewspaper.com/rlc/docs/2009/la-hb480.pdf
  123. ^ Carte des radars fixes et automatiques en France, Linternaute.com. URL consultato il 24 maggio 2012.
  124. ^ Radarwarner: Bundesgericht kennt keine Gnade, 20min.ch. URL consultato il 24 maggio 2012.
  125. ^ Autovelox e Tutor: dove sono?, Poliziadistato.it. URL consultato il 24 maggio 2012.
  126. ^ Multe nulle autovelox: quando le sanzioni vanno contestate, Quotidiano Motori. URL consultato il 24 giugno 2019.
  127. ^ http://www.racfoundation.org/assets/rac_foundation/content/downloadables/speed_limits-box_bayliss-aug2012.pdf

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica