Repubblica Batava

repubblica olandese e Stato cliente della Francia rivoluzionaria e napoleonica (1795-1806)
Repubblica Batava
Repubblica Batava – BandieraRepubblica Batava - Stemma
(dettagli)(dettagli)
DutchRepublic.PNG
Dati amministrativi
Nome ufficialeBataafse Republiek
Lingue ufficialiolandese
Lingue parlateolandese
CapitaleL'Aia
Dipendente daFrancia Repubblica Francese
Politica
Forma di StatoRepubblica sorella
Forma di governoRepubblica direttoriale
DirettorioUitvoerend Bewind
Organi deliberativiAssemblea Nazionale
Nascita19 gennaio 1795
CausaGuerra della Prima Coalizione
Fine8 giugno 1806
CausaProclamazione dell'Impero Francese
Territorio e popolazione
Bacino geograficoPaesi Bassi
Popolazione1.883.009 nel 1795[1]
2.178.000 nel 1806[2]
Religione e società
Religioni preminenticalvinismo
Classi socialiborghesia mercantile, artigiani, proprietari terrieri
1798bataafscherepubliek.svg
Evoluzione storica
Preceduto daFlag of the Dutch Republic.png Repubblica delle Sette Province Unite
Succeduto daPaesi Bassi Regno d'Olanda

La Repubblica Batava (olandese: Bataafse Republiek) fu una repubblica esistita tra il 1795 e il 1806, la prima creata dai francesi a propria immagine all’estero . I suoi confini coincidevano grosso modo con quelli degli attuali Paesi Bassi.

StoriaModifica

 
La Repubblica Batava nel 1802

Venne fondata il 19 gennaio 1795 in seguito all'invasione dell'esercito rivoluzionario francese e dopo che l'ultimo governante della vecchia Repubblica delle Sette Province Unite, Guglielmo V di Orange-Nassau era fuggito in Inghilterra.[3][4] Il nome della repubblica derivava da quello degli antichi batavi, una delle tribù germaniche che vivevano nei delta del Reno e della Mosa al momento della conquista romana.

Il 16 maggio 1795 il nuovo stato dovette accettare la Pace dell'Aia, che includeva pesanti concessioni politiche, finanziarie e territoriali. Gli olandesi furono infatti costretti a cedere alla Francia le città-piazzaforti di Maastricht (Maestricht) e Venlo e le Fiandre zelandesi (Flandre zélandaise), a stabilire un'alleanza difensiva (incluso il mantenimento di un corpo d'occupazione di 25 mila uomini) e a pagare 100 milioni di fiorini come indennità di guerra per la loro parte nella Prima Coalizione, oltre ad impegnarsi a sovvenzionare la Repubblica francese con prestiti a basso tasso d'interesse.[5][6][7]

La Repubblica Batava fu la prima, e quella che ebbe vita più lunga, tra le repubbliche sorelle della repubblica francese, di fatto fu uno stato satellite della Francia[6]. Venne guidata durante la sua breve esistenza dai Patrioti (rivoluzionari olandesi che negli anni precedenti si erano opposti al governo del principe d'Orange e della vecchia aristocrazia mercantile). La politica adottata era liberale, oltre che molto instabile, perché in pochi anni arrivarono a prodursi tre colpi di stato: il primo, del 1798, portò al potere la Uitvoerend Bewind (Autorità Esecutiva), a cui seguirono altri tentativi di rovesciamento nel 1801 e nel 1805.

L'ultimo segnò la fine degli esperimenti democratici, quando l'Imperatore francese mandò al potere Rutger Jan Schimmelpenninck, già ambasciatore batavo a Parigi. Ancora insoddisfatto, l'anno seguente, il 5 giugno 1806 Napoleone trasformò la repubblica nel Regno d'Olanda, la cui corona venne attribuita al fratello minore Luigi Bonaparte.[6][7]

Presidenti della Repubblica Batava (1801-1805)Modifica

 
Bandiere della Repubblica Batava

Gran Pensionari della Repubblica Batava (1805-1806)Modifica

NoteModifica

  1. ^ Volkstelling in de Nederlandsche Republiek, uitgegeven op last der commissie tot het ontwerpen van een plan van constitutie voor het volk van Nederland
  2. ^ Paesi Bassi: popolazione Archiviato il 26 dicembre 2011 in Internet Archive., Jan Lahmeyer.
  3. ^ (EN) 1795-1806 Batavian Republic - Timeline Dutch History - Rijksstudio, su Rijksmuseum. URL consultato il 9 marzo 2020.
  4. ^ Batavian Republic 1803-1806 | South African History Online, su www.sahistory.org.za. URL consultato il 9 marzo 2020.
  5. ^ History of Holland - Chapter XXVII: The Batavian Republic, 1795-1806 (by George Edmundson), su www.authorama.com. URL consultato il 9 marzo 2020.
  6. ^ a b c Hanson, Paul R., 1952-, Historical dictionary of the French Revolution, Second edition, ISBN 978-0-8108-7891-4, OCLC 890080275. URL consultato il 9 marzo 2020.
  7. ^ a b BATAVA, REPUBBLICA in "Enciclopedia Italiana" [collegamento interrotto], su www.treccani.it. URL consultato il 9 marzo 2020.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN147757314 · LCCN (ENn81082466 · GND (DE5036918-0 · NLA (EN35439849 · BAV ADV12322642 · WorldCat Identities (ENlccn-n81082466