Roberto Cassinelli

avvocato e politico italiano
Roberto Cassinelli
Roberto Cassinelli.jpg

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XVII (Dal 20/04/2017)
Gruppo
parlamentare
Forza Italia
Coalizione Coalizione di centro-destra del 2013
Circoscrizione Liguria
Incarichi parlamentari
II Commissione (Giustizia) - Componente; Giunta per le autorizzazioni - Segretario; Comitato per la legislazione - Componente; Comitato parlamentare per i procedimenti d'accusa
Sito istituzionale

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XVI, XVIII
Gruppo
parlamentare
Popolo della Libertà, Forza Italia
Coalizione Coalizione di centro-destra del 2008 e Coalizione di centro-destra del 2018
Circoscrizione Liguria 2
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Forza Italia (Dal 2013)
In precedenza:
PLI (Fino al 1994)
FI (1994-2009)
PdL (2009-2013)
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Università Università degli Studi di Milano
Professione Avvocato Civilista e Amministrativista

Roberto Cassinelli (Genova, 10 dicembre 1956) è un avvocato e politico italiano. Nella XVIII legislatura è deputato, dopo essere già stato dal 20 aprile 2017 senatore nella XVII Legislatura e deputato nella XVI Legislatura.

BiografiaModifica

Ha conseguito la laurea in giurisprudenza presso l'Università Statale di Milano.

Allievo del professore Franco Bonelli, esercita da oltre trent'anni la libera professione di avvocato, è patrocinante presso la Suprema Corte di Cassazione ed è stato per due mandati consigliere dell'Ordine degli Avvocati del Foro di Genova.

Attività politicaModifica

Aderisce giovanissimo al Partito Liberale Italiano: dapprima è stato segretario regionale ligure della Gioventù Liberale Italiana, quindi, nel 1981, 1985 e 1990, è stato eletto al Consiglio comunale di Genova nelle liste del PLI.

Nel 1994 ha aderito a Forza Italia, movimento nel quale si ritrovarono molti esponenti del Partito Liberale Italiano dopo il suo scioglimento.

Nel movimento azzurro ha ricoperto la carica di Vice-Coordinatore Regionale della Liguria (1994 - 2006), di Commissario Cittadino per la città di Genova (agosto 2005 - ottobre 2007) e, dal 14 ottobre 2007 fino allo scioglimento di Forza Italia nel Popolo della Libertà, di Coordinatore Cittadino per la città di Genova, eletto all'unanimità dal congresso[1].

È stato, inoltre, membro del Consiglio Nazionale del partito a partire dal 2005.

Con la nascita del Popolo della Libertà ha assunto la carica di Coordinatore Vicario per la città di Genova, che ha mantenuto dal 9 aprile 2009 fino al febbraio 2012. Nel giugno 2009 è stato nominato Membro della Consulta nazionale sulla Giustizia e Responsabile nazionale del dipartimento diritto societario e fallimentare del Popolo della Libertà.

Elezioni politiche del 2006Modifica

Alle elezioni politiche del 2006 è candidato alla Camera dei Deputati, nella circoscrizione Liguria, nelle liste di Forza Italia (in sesta posizione), risultando tuttavia il primo dei non eletti.

Elezione a deputato nel 2008Modifica

Alle elezioni politiche del 2008 è candidato alla Camera dei Deputati, nella circoscrizione Liguria, nelle liste del Popolo della Libertà (in nona posizione), venendo eletto deputato della XVI Legislatura.

Alla Camera dei Deputati è membro della Commissione permanente Giustizia, segretario della Giunta per le autorizzazioni e del Comitato parlamentare per i procedimenti di accusa.

La sua attività parlamentare si è concentrata prevalentemente sui temi della giustizia, delle libere professioni e del diritto delle nuove tecnologie. In particolare, ha dato vita a numerose iniziative parlamentari a difesa della libertà di espressione in rete. È stato primo firmatario e relatore della riforma dell'ordinamento forense, approvata nonostante il parere contrario del Governo Monti e divenuta legge (l. n. 247/2012). La professione di avvocato è stata così riformata dopo oltre settant'anni dall'entrata in vigore della precedente legge (r.d.l. n. 1578/1933).

Secondo i dati diffusi dalla Camera dei deputati al termine della XVI Legislatura, Cassinelli ha partecipato al 99,79% di votazioni in aula (di cui lo 0,21% di missioni), essendo così il più presente fra i deputati eletti nella circoscrizione Liguria e il terzo deputato più presente in assoluto[2].

Le proposte per internetModifica

È stato tra i fondatori dell'"Intergruppo Parlamentare 2.0", un gruppo di deputati e senatori di ogni schieramento politico avente per finalità la promozione delle politiche dell'innovazione all'interno del Parlamento italiano[3].

Nell'ambito della propria attività parlamentare, ha dato vita a diverse iniziative direttamente rivolte al mondo della rete.

Il 19 novembre 2008 ha presentato alla Camera il progetto di legge 1921 chiamandolo "Salvablog" in antitesi al progetto di legge Levi cosiddetto "Ammazzablog". Cassinelli ha poi dato vita all'iniziativa "scriviamola insieme!" per modificare il testo originariamente presentato: dialogando con i blogger italiani ha raccolto da loro suggerimenti e critiche, che gli hanno consentito di presentare in via definitiva un testo completo che, secondo buona parte dei commentatori[4], rispecchia gli interessi della comunità virtuale e risponde alle sue esigenze, anche se alcuni[5] rimangono titubanti e temono che il significato iniziale del testo possa essere stravolto da emendamenti.

Nel febbraio 2009 ha presentato una proposta di emendamento all'articolo 60 del ddl sicurezza introdotto da un emendamento presentato dal senatore dell'Udc Gianpiero D'Alia, che avrebbe introdotto disposizioni relative al filtraggio dei siti sulla base dei loro contenutia. Nella notte del 29 aprile 2009 è stato il primo ad annunciare ufficialmente, tramite il proprio blog, l'abrogazione dell'articolo 60 dal ddl sicurezza. La decisione è stata presa, poco prima delle ore 02.00, dalle Commissioni riunite Affari costituzionali e Giustizia di Montecitorio[6] su proposta dello stesso Cassinelli.

Nel giugno 2009 ha presentato un disegno di legge in tema di riforma del diritto d'autore con l'obiettivo di contemperare gli interessi degli autori e degli editori con quelli del pubblico sulla più larga diffusione della conoscenza[7].

Nell'ottobre 2010 ha promosso e sostenuto l'iniziativa "wi-fi libero" grazie alla quale non sono state rinnovate le disposizioni previste nel cd. decreto Pisanu che limitavano l'utilizzo e la diffusione del wi-fi in Italia[8].

Nella primavera 2011 è stato il promotore di un'interpellanza parlamentare, sottoscritta da deputati di ogni schieramento, nata con lo scopo di contrastare le iniziative dell'Agcom in materia di diritto d'autore[9].

Nell'ottobre 2011 è intervenuto modificando il comma 29 del cosiddetto "ddl intercettazioni" presentato dall'allora Ministro della giustizia, Angelino Alfano, che prevedeva l'estensione dell'obbligo di rettifica, previsto per le testate giornalistiche, anche per i blog amatoriali[10].

Nel maggio 2012 ha dichiarato di sostenere la candidatura di Stefano Quintarelli, fortemente sostenuto dall'ambiente web, a commissario dell'Agcom. È stato così il primo parlamentare a votare in Aula sulla base delle risultanze di una consultazione on-line[11].

Elezione a senatore dal 2017Modifica

Alle elezioni politiche del 2013 è candidato al Senato della Repubblica, in Liguria, nelle liste del Popolo della Libertà e risulta il primo dei non eletti.

Il 20 aprile 2017, in seguito alle dimissioni di Augusto Minzolini dalla carica di parlamentare, gli subentra e viene proclamato senatore per la parte residua della XVII Legislatura.[12] Da subito membro della Commissione Affari Esteri, dal 16 maggio fa parte della Commissione Affari Costituzionali.

Attività nella legislaturaModifica
 
Cassinelli e Bagnasco.

Nella XVII legislatura presenta una mozione sull'ipotesi di rimozione delle statue di Cristoforo Colombo,[13] interviene per la Piaggio sollecitando il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan a prorogare la cassa integrazione per i lavoratori di Villanova d'Albenga,[14] sollecita finanziamenti per lo sviluppo della tramvia e l'ampliamento della metropolitana di Genova, presenta un disegno di legge di modifica del codice della strada per consentire l'utilizzo di sistemi di rilevazione elettronica della velocità nelle strade urbane.[15]

Inoltre presenta delle interrogazioni al ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda per salvaguardare i lavoratori genovesi di Wind-3 Italia,[16] al ministro della Giustizia Andrea Orlando per il tribunale di Savona e la sicurezza all'interno dei Palazzi di Giustizia,[17] al ministro degli Esteri Angelino Alfano per gli scontri in Venezuela [18] e la strana morte della genovese Benedetta Podestà a Londra,[19] a Padoan per il caos "spesometro",[20] ai ministri della Salute Beatrice Lorenzin e delle Infrastrutture Graziano Delrio affinché le pubbliche assistenze siano esentate dal pagamento del pedaggio [21] (alla ministra chiede anche di avviare una campagna di comunicazione sulla possibilità di partorire in forma anonima) [22] e ai ministri della Difesa Roberta Pinotti e dell'Interno Marco Minniti con l'obiettivo di eliminare ogni preclusione all’accesso dei celiaci alle carriere militari.[23]

Il 15 novembre 2017 è il relatore del provvedimento che prevede il riconoscimento per legge del Canto degli Italiani, ovvero l'inno italiano scritto dal genovese Goffredo Mameli.[24] In seguito un suo emendamento alla finanziaria promossa dal Parlamento permette allo Stato di ripianare i buchi nei bilanci delle compagnie portuali salvando così 3.000 scaricatori di porto di cui circa 1.000 camalli genovesi.[25]

Elezione a deputato nel 2018Modifica

 
Cassinelli con Manuela Gagliardi, Giovanni Toti e Stefania Pucciarelli durante la campagna elettorale del 2018.

Alle elezioni politiche del 2018 è candidato alla Camera dei Deputati, nel collegio plurinominale Liguria - 02, nelle liste di Forza Italia (come capolista), venendo eletto deputato della XVIII legislatura.[26] Ricopre questi incarichi: membro della Commissione Giustizia dal 21 giugno, Segretario della Giunta per le autorizzazioni dal 17 luglio, membro del Comitato parlamentare per i procedimenti di accusa dal 17 luglio e membro del Comitato consultivo sulla condotta dei deputati dal 17 ottobre. Nel febbraio 2019 viene nominato presidente della sezione bilaterale di amicizia Italia-Cuba nell'ambito dell'Unione interparlamentare, l'organizzazione che riunisce tutte le assemblee parlamentari del mondo. Nell’aprile 2021 viene nominato responsabile dell’area Libere professioni in Forza Italia nell’ambito della Commissione Giustizia.[27]

NoteModifica

  1. ^ Giovanni Mari, È la domenica di Cassinelli, Forza Italia lo incorona (PDF), Il Secolo XIX, 14 ottobre 2007. URL consultato il 21 settembre 2011.
  2. ^ Camera dei deputati, Partecipazione al voto [collegamento interrotto], su camera.it.
  3. ^ Perché promuovere un integruppo Web 2.0?, Blog dell'Intergruppo Parlamentare 2.0, aprile 2009. URL consultato il 4 maggio 2009.
  4. ^ Registrazione dei siti web, la Cassinelli 2.0, Punto Informatico, 11 dicembre 2008. URL consultato il 20 gennaio 2009.
  5. ^ Manlio Cammarata, Da una sentenza sbagliata a una proposta demagogica, Manlio Cammarata reporter, 15 dicembre 2008. URL consultato il 20 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2009).
  6. ^ Roberto Cassinelli, L'emendamento D'Alia non esiste più, su robertocassinelli.blogspot.com, 29 aprile 2009. URL consultato il 29 aprile 2009.
  7. ^ Roberto Cassinelli, Il testo della proposta di legge (PDF) [collegamento interrotto], su robertocassinelli.it, giugno 2009. URL consultato il 3 novembre 2009.
  8. ^ La Stampa, Wi-fi, via la legge Pisanu e la Rete festeggi, su lastampa.it, 5 novembre 2010. URL consultato il 10 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2016).
  9. ^ Il Sole 24 ore, Interpellanza bipartisan: sia il parlamento e non l'Agcom a rinnovare la normativa sul copyright, su ilsole24ore.com, 29 marzo 2011. URL consultato il 10-11-2105.
  10. ^ Roberto Cassinelli, Ddl intercettazioni: il comma 29 non fa più paura, su webnews.it, 5 ottobre 2011.
  11. ^ Corriere Comunicazioni, Agcom, Pdl e Web "candidano" Quintarelli, su corrierecomunicazioni.it, 14 maggio 2012.
  12. ^ Il Senato accetta le dimissioni di Minzolini, subentra Cassinelli. URL consultato il 20 aprile 2017.
  13. ^ Le statue di Colombo distrutte, su telenord.it. URL consultato il 31 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2017).
  14. ^ Piaggio Aero, senatore Cassinelli: "Interrogazione al ministro Padoan sui tempi per la proroga della cassa integrazione"
  15. ^ Rilevatori velocità in strade urbane, ass. Balleari: "Positivo il disegno di legge Cassinelli"
  16. ^ Wind-Tre, Cassinelli: “Intervenga governo per evitare perdita di posti di lavoro”, su forzaitalia-pdl.it. URL consultato il 31 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2017).
  17. ^ Cassinelli presenta interrogazione al Governo
  18. ^ Cassinelli e Beverini per il Venezuela
  19. ^ Giovane deceduta a Londra, Senatori Liguri: interrogazione ad Alfano su risposte evasive del consolato
  20. ^ Spesometro, nuovo rinvio
  21. ^ La “battaglia” delle pubbliche assistenze: «Il soccorso non paghi il pedaggio»
  22. ^ Albenga, Forza Italia appoggia la proposta-Cassinelli al Governo: avviare campagna di sensibilizzazione su parto anonimo, su savonanews.it. URL consultato il 31 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2017).
  23. ^ Celiachia, la denuncia del senatore Cassinelli: "Discriminazione in carriere militari"
  24. ^ Inno di Mameli, mercoledì ultimo atto: Cassinelli relatore al Senato, su genovapost.com. URL consultato il 15 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 16 novembre 2017).
  25. ^ Finanziaria, a Genova Forza Italia salva gli scaricatori di porto
  26. ^ Il colore della regione è cambiato - I 24 liguri che entrano in Parlamento. URL consultato il 7 marzo 2018.
  27. ^ Politica: Cassinelli, nuovo incarico in Forza Italia, su levantenews.it. URL consultato il 15 aprile 2021.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica