Rudina Hajdari

politica albanese
Rudina Hajdari

Membro dell'Assemblea di Albania
Durata mandato 9 settembre 2017 –
9 settembre 2021
Legislature IX Legislatura Pluralista dell'Albania
Gruppo
parlamentare
Partito Democratico d'Albania
Circoscrizione prefettura di Tirana

Dati generali
Partito politico
Titolo di studio
  • Laurea in Scienze Politiche
  • Master in Geopolitica, Territorio e Sicurezza
  • Master in Diritti Umani
Università

Rudina Hajdari (Tropojë, 15 agosto 1987) è una politica albanese, ex membro dell'Assemblea di Albania e capogruppo parlamentare dell'opposizione.

Figlia del defunto Azem Hajdari, che ha guidato il movimento studentesco albanese del 1990 che ha portato alla caduta del comunismo in Albania, Hajdari è stata eletta all'assemblea albanese il 9 settembre 2017 per la prefettura di Tirana.[1]

BiografiaModifica

Rudina Hajdari è nata il 15 agosto 1987 a Tropojë.

Dopo l'assassinio del padre nel 1998, nel 2002 Hajdari si è trasferita negli Stati Uniti d'America per proseguire gli studi.[2]

Si è laureata nel 2009 in Scienze politiche alla Fordham University, per poi conseguire un Master of Arts in Geopolitica, Territorio e Sicurezza al King's College London nel 2014 e un secondo Master of Arts in Diritti umani alla Columbia University nel 2016.[3] Hajdari ha anche pubblicato numerosi editoriali[4][5][6] sulle sfide per la regione dei Balcani occidentali in testate come Newsweek[7].

Dal 2014 al 2015 Hajdari ha ricoperto il ruolo di Staff Associate presso il deputato Eliot Engel, membro della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti per il 16º Distretto di New York[8], che ricopre anche la carica di Presidente della Commissione Affari Esteri[9].

Dopo la sua breve esperienza negli Stati Uniti, ha deciso di tornare in Albania, nel "tentativo di contribuire a far rivivere il partito che suo padre ha co-fondato e a restituirgli il suo antico splendore".[10]

Carriera politicaModifica

Si è candidata in Parlamento insieme al leader del Partito democratico Lulzim Basha[2][11] nella Prefettura di Tirana, in una posizione sicura nella lista.[3]

A settembre è stata nominata membro della Commissione per la politica estera[12] e membro, e successivamente presidente, della Commissione per l'integrazione europea[13].

Nel dicembre 2018, a seguito delle proteste studentesche, ha dichiarato che l'Albania ha bisogno di un nuovo movimento e che ha preso in considerazione la possibilità di lasciare il Partito Democratico, in quanto non è più gradito dalla gente.[14] Ha inoltre contestato la decisione del suo partito di boicottare il Parlamento.[15]

A seguito della decisione del 18 febbraio 2019 adottata dal leader del Partito Democratico Lulzim Basha di rinunciare al proprio mandato[16], Hajdari ha criticato con forza la decisione del suo partito in un'intervista dell'11 marzo trasmessa da Voice of America[17], in cui Hajdari ha confermato che non si sarebbe unita agli altri 41 deputati del partito nell'abbandono del proprio incarico[18], venendo espulsa dal suo partito per questa decisione[19][20]. Hajdari ha indicato come motivazione principale le proteste sempre più violente che Basha ha guidato a Tirana[21][22][23], che hanno ricevuto anche una diffusa condanna internazionale da parte di Federica Mogherini, Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, e Johannes Hahn, Commissario europeo per l'allargamento e la politica di vicinato.[24]

A maggio 2020 è stata destituita dalla presidenza[25][26] del gruppo parlamentare.[27] A luglio 2020 ha annunciato la creazione del nuovo partito Nisma[28] per concorrere alle elezioni del 2021[28], in opposizione alla decisione dei grandi partiti di opposizione extraparlamentari di non supportare la proposta di aprire le liste dei parlamentari alle prossime elezioni.[29]

NoteModifica

  1. ^ Rudina Hajdari, su Albania News. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato il 27 ottobre 2020).
  2. ^ a b (SQ) Rrëfehet vajza e Azemit: Pse u ktheva nga SHBA dhe a do jem në listën e PD për deputete, su Balkanweb.com, 16 febbraio 2017. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato il 3 dicembre 2020).
  3. ^ a b (SQ) Gjergj Erebara, Beteja për Tiranën, Fitorja fatlume e PS-së për mandatin e 18-të - reporter.al, su reporter.al, 21 luglio 2017. URL consultato il 3 dicembre 2020.
    «Rudina Hajdari [CV Link], e arsimuar në SHBA dhe Britani por më së shumti e njohur si vajza e njërit prej themeluesve të PD Azem Hajdari.»
  4. ^ (EN) Op-Ed: Protests, Post-Communism and Compromise in Albania, su Balkanist, 30 marzo 2017. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato il 7 febbraio 2019).
  5. ^ (EN) Op-Ed: The Perfect Storm, su Balkanist, 11 aprile 2017. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato il 7 febbraio 2019).
  6. ^ (EN) Op-Ed: Half Truths & Gangster Politics, su Balkanist, 3 maggio 2017. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato il 22 settembre 2020).
  7. ^ (EN) Can one handshake end decades of self-interested macho politics?, su Newsweek, 17 giugno 2017. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato il 7 febbraio 2019).
  8. ^ Our District, su Congressman Eliot Engel. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato il 7 febbraio 2019).
  9. ^ (EN) Chairman, su House Foreign Affairs Committee. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato il 7 febbraio 2019).
  10. ^ (EN) Fatjona Mejdini, Albanian Anti-Communist Leader’s Daughter Enters Politics, su Balkan Insight, 16 febbraio 2017. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato il 3 dicembre 2020).
  11. ^ (SQ) Vajza e Azem Hajdarit: Zona ku e kam për nder të kandidoj për deputete të PD, su Balkanweb.com, 17 febbraio 2017. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato il 3 dicembre 2020).
  12. ^ Komisioni për Politikën e Jashtme, su Kuvendi i Shqipërisë. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato il 3 dicembre 2020).
  13. ^ Komisioni për Integrimin Europian, su Kuvendi i Shqipërisë. URL consultato il 3 dicembre 2020.
  14. ^ Democrat MP Gives Up Mandate, su Albanian Daily News, 10 dicembre 2018. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2019).
  15. ^ Hajdari Violates DP Decision, Participates in Parliament, su Albanian Daily News, 13 dicembre 2018. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2019).
  16. ^ (EN) Gjergj Erebara, Albania Opposition MPs to Quit ‘Mafia’ Parliament, su Balkan Insight, 18 febbraio 2019. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato il 23 aprile 2019).
  17. ^ Intervistë me deputeten Rudina Hajdari, su Zëri i Amerikës, 11 marzo 2019. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato il 23 aprile 2019).
  18. ^ (EN) Albanian opposition MP Hajdari said she will not give up her mandate, su Independent Balkan News Agency, 12 marzo 2019. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato il 6 aprile 2019).
  19. ^ (SQ) DP expels MP Rudina Hajdari after interview with VOA, su Gazeta Tema, 12 marzo 2019. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato il 3 dicembre 2020).
  20. ^ (SQ) Vendimi i Rudina Hajdarit, Bardhi: S'përfaqëson PD në parlament, su Balkanweb.com, 11 marzo 2019. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato il 3 dicembre 2020).
  21. ^ (EN) Gjergj Erebara, Protests Against Rama’s Government Turn Violent in Albania, su Balkan Insight, 16 febbraio 2019. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato il 5 novembre 2019).
  22. ^ Gentiola Madhi, Albania: il giorno dopo la protesta dell'opposizione, su Osservatorio Balcani e Caucaso Transeuropa, 18 febbraio 2019. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato l'11 giugno 2020).
  23. ^ (EN) Gjergj Erebara, Albania Opposition Supporters Clash with Police During Protest, su Balkan Insight, 16 marzo 2019. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato il 23 aprile 2019).
  24. ^ (EN) Statement by High Representative/Vice-President Federica Mogherini and Commissioner Johannes Hahn on the latest developments in Albania, su European External Action Service, Commissione europea, 21 febbraio 2019. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato il 7 novembre 2020).
  25. ^ (SQ) Deutsche Welle: Çfarë synon opozita e re në Shqipëri?, su Balkanweb.com, 20 aprile 2019. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato il 12 agosto 2020).
  26. ^ (SQ) Grupi Demokrat shkarkon Rudina Hajdarin si kryetare, ja me kë e zëvendëson, su Balkanweb.com - News24, 14 maggio 2020. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato il 1º giugno 2020).
  27. ^ (SQ) Grupi Demokrat shkarkon Hajdarin si kryetare, vihet në diskutim ekzistenca e grupit parlamentar, su Exit | Shpjegon Shqipërinë, 14 maggio 2020. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato il 3 dicembre 2020).
  28. ^ a b (SQ) Hajdari garon me parti të re në 2021, su Exit | Shpjegon Shqipërinë, 12 ottobre 2020. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato il 27 ottobre 2020).
  29. ^ (EN) Opposition MP Rudina Hajdari Set to Create New Political Party, su Exit - Explaining Albania, 12 luglio 2020. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato il 25 ottobre 2020).