Apri il menu principale
Basilica di San Lorenzo in Damaso
Parione - san Lorenzo in Damaso 01448.JPG
Ingresso principale, nella facciata principale del palazzo della Cancelleria.
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
LocalitàRoma-Stemma.pngRoma
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareLorenzo
Diocesi Roma
Inizio costruzioneXV secolo
CompletamentoXVIII secolo
Sito webSito della parrocchia

Coordinate: 41°53′48.72″N 12°28′18.18″E / 41.896867°N 12.471717°E41.896867; 12.471717

Pianta

La basilica di San Lorenzo in Damaso è un luogo di culto cattolico di Roma, nel rione Parione, incorporata nel palazzo della Cancelleria, nella piazza che da questo prende nome; l'ingresso principale della chiesa è inserito nell'area destra della facciata principale del palazzo.

Sulla basilica insistono gli omonimi parrocchia, affidata al clero diocesano di Roma, e titolo cardinalizio.[1]

Indice

StoriaModifica

La chiesa è nota sin dall'antichità, dal sinodo di papa Simmaco, (499) come Titulus Damasi. Secondo la tradizione, San Lorenzo in Damaso fu costruita per la prima volta da papa Damaso I nella sua casa verso il 380.

Esiste un distico attribuito a papa Damaso che celebra la costruzione della chiesa:

HAEC DAMASVS TIBI CHRISTE DEVS NOVA TECTA DICAVI
LAVRENTII SAEPTVS MARTYRIS AVXILIO.[2]

Il 3 dicembre 1424 o 1425 Ciriaco d'Ancona, considerato internazionalmente il fondatore in senso generale dell'archeologia[3], scrisse qui primo nucleo dei Commentaria, ospite per quaranta giorni dal suo amico cardinale Condulmer, futuro papa Eugenio IV; nell'opera, considerata fondamentale per la nascita dell'Archeologia, descrisse le ancora magnifiche testimonianze dell'antichità e trascrisse epigrafi[4].

Donato Bramante la modificò sostanzialmente alla fine del XV secolo su ordine del cardinale Raffaele Riario, durante i lavori di restauro del contiguo palazzo della Cancelleria, dandole una nuova forma interna.

Nei primi anni del XIX secolo, sotto la dominazione francese, fu sconsacrata. Nel 1820, dietro indicazione di papa Pio VII, fu restaurata da Giuseppe Valadier, ricevendo l'assetto attuale.[2]

Un ulteriore restauro fu reso necessario dopo un incendio che danneggiò la basilica nel 1944.

La chiesa è costruita su un mitreo romano; scavi sotto il cortile del palazzo della Cancelleria nel 19881991 hanno rivelato fondazioni (IV e V secolo) della grande basilica fondata da papa Damaso I, una delle più importanti chiese paleocristiane di Roma. Inoltre è stato identificato un cimitero in uso dall'VIII secolo fino a poco prima della costruzione dei palazzo. La chiesa paleocristiana aveva come particolarità una navata trasversale posta dietro l'abside, sicché la basilica appariva circondata da portici[5].

DescrizioneModifica

Arte e architetturaModifica

 
Interno
 
Altare maggiore e abside

La basilica è priva di facciata; oltre al portale principale che si apre su piazza della Cancelleria (opera del Vignola), ce n'è un secondo lungo il fianco destro, su corso Vittorio Emanuele II.

Internamente, l'edificio presenta una struttura a tre navate divise da pilastri quadrangolari, introdotte da un vestibolo a cinque navate. Nel primo vestibolo c'è la tomba di Alessandro Voltrini, un cubiculario di papa Urbano VIII, opera del Bernini, mentre nel secondo vestibolo c'è una statua di Carlo Borromeo opera di Stefano Maderno (1576-1636). Nel vestibolo, a destra c'è una cappella disegnata da Nicola Salvi, lo scultore di fontana di Trevi, su incarico del cardinale Tommaso Ruffo che ebbe il titolo tra il 1740 ed il 1753. Gli affreschi sono di Corrado Giaquinto; il quadro sull'altare è opera di Sebastiano Conca. Sempre nel vestibolo, a sinistra c'è la cappella del Sacramento, commissionata dal cardinale Pietro Ottoboni ed affrescata con un'allegoria biblica da Andrea Casali.

La basilica dispone di diverse cappelle laterali:

Nella parete sinistra della cappella del Sacro Cuore di Gesù agonizzante, in un quadro, è ritratto l'architetto Vincenzo De Rossi Re (18341888) insieme ad altre persone mentre sottopongono al pontefice Leone XIII gli statuti della Pia Unione del S. Cuore di Gesù Agonizzante fondata nella stessa chiesa nel 1883.

La navata centrale termina con l'abside semicircolare, al centro della cui conca si trova un grande dipinto ad olio di Federico Zuccari raffigurante l'Incoronazione di Maria e santi. Al disotto dell'altare maggiore (sormontato da un ciborio neoclassico) sono custoditi i corpi dei santi Eutichiano e Damaso, mentre alla sua sinistra c'è una statua di sant'Ippolito, copia di quella che si trova nel Museo lateranense.

Organi a canne[6]Modifica

Il primo organo della basilica fu costruito nel 1533 dall'organaro napoletano Niccolò Asprelli per volere del cardinale Alessandro Farnese il Giovane. Con la costruzione della nuova abside su progetto di Gian Lorenzo Bernini, l'organo venne venduto e, fra il 1638 e il 1642, vennero costruiti rispettivamente da Ennio Bonifazi e Giulio Cesare Burzio e collocati nelle due cantorie più in alto dell'abside. Nel 1853, considerate non più agibili le due cantorie superiori, venne costruito da Enrico e Girolamo Priori un nuovo organo collocato in una delle due cantorie inferiori dell'abside. Dopo il rifacimento dell'area presbiteriale ad opera di Virginio Vespignani nel 1880, l'organo ottocentesco venne posizionato nella cantoria in basso a destra. Nel 1908, venne costruito un nuovo organo a canne dalla ditta Balbiani-Vegezzi Bossi e dalla ditta Mascioni elettrificato nel 1979 (in occasione di questo lavoro furono aggiunte le campane tubolari). L'organo è stato restaurato nel 2007 dall'organaro Daniel Joseph Taccini sotto la tutela della Sovrintendenza per Beni Culturali di Roma.

L'organo Balbiani Vegezzi-Bossi è attualmente l'unico in funzione; esso è a trasmissione elettropneumatica con due tastiere di 56 note ed una pedaliera di 30 (ma reale per sole 27 note). Il materiale fonico è distribuito tra le due cantorie sovrapposte dell'abside alla sinistra dell'altare, le canne del Grand'Organo e del Pedale su quella inferiore mentre quelle dell'Espressivo in quella superiore; la consolle, mobile, si trova a pavimento nel presbiterio.

L'organo Priori è tutt'ora esistente, per quanto non funzionante, e si trova sulla cantoria inferiore di destra dell'abside. A trasmissione meccanica, ha un'unica tastiera di 54 tasti ed una pedaliera di 22 note costantemente unita al manuale.

NoteModifica

  1. ^ Parrocchia San Lorenzo in Damaso, su diocesidiroma.it. URL consultato il 18 marzo 2019.
  2. ^ a b M. Armellini: Le chiese di Roma dal secolo IV al XIX
  3. ^
    • Edward W. Bodnar e Clive Foss (a cura di), Cyriac of Ancona: Later travels, Cambridge (Massachusetts), Harvard University Press, 2003, ISBN 0-674-00758-1. Bodnar chiama Ciriaco: «the founding father of modern classical archeology» ("il padre fondatore della moderna archeologia classica");
    • R. Bianchi Bandinelli, M. Pallottino, E. Coche de la Ferté - Treccani, alla voce archeologia, in Enciclopedia dell'arte antica, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
      «Quindi, se Ciriaco de' Pizzicolli (v. Ciriaco D'Ancona), che viaggiò in Grecia fra il 1412 e il 1448 ricercando e annotando opere d'arte e iscrizioni, può dirsi, in certo modo, il fondatore dell'archeologia in senso generale, l'archeologia nel suo carattere storico-artistico, come viene intesa oggi, può ben dirsi datare dalla pubblicazione della Storia delle arti del disegno presso gli antichi di J. J. Winckelmann, avvenuta nel 1764».
  4. ^ Enciclopedia Treccani, voce Ciriaco de'Pizzicolli
  5. ^ a b c D. Angeli, Le Chiese di Roma
  6. ^ G. Fronzuto, Organi di Roma. Guida pratica orientativa agli organi storici e moderni, Leo S. Olschki Editore, Firenze 2007, pp. 193-195. ISBN 978-88-222-5674-4

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4740745-1