Selen

attrice cinematografica e pornografica italiana
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la rivista, vedi Selen (rivista).
Selen
Dati biografici
Nome di nascitaLuce Caponegro
NazionalitàItalia Italia
Dati fisici
Altezza162 cm
Peso49 kg
Etniacaucasica
Occhimarroni
Capellicastani
Seno naturaleno
Misure90-65-90
Dati professionali
Altri pseudonimiSelen De Rosa, Luce Caponegro, Selena
Film girati
  • 43 da attrice
  • 5 da regista[1]

Selen, pseudonimo di Luce Caponegro (Roma, 17 dicembre 1966[2]), è un'ex attrice pornografica e attrice cinematografica italiana.

BiografiaModifica

Figlia di un industriale petrolifero, si trasferisce con la famiglia a Ravenna, dove comincia a esibirsi in locali per adulti fino a quando, all'età di ventisei anni, gira la sua prima pellicola pornografica, in realtà poco più di un video amatoriale diretto da Eugenio De Lorenzi e intitolato Orgia di compleanno. Nei primi anni novanta, partecipa come concorrente a una puntata de Il gioco dei 9, condotto da Raimondo Vianello.

Dopo un intervento chirurgico di mastoplastica, nel 1993 Alex Perry le offre di partecipare al film Signore scandalose di provincia. Selen motivò la decisione di intraprendere la carriera di pornoattrice con la passione per l'esibizionismo e con il piacere di considerare il sesso come un atto di ribellione verso la società conformista. I genitori disapprovano imbarazzati la sua scelta professionale.[3]

Il successo arriva a metà degli anni novanta: dal quel momento Selen diventa sempre più famosa anche al di fuori del mercato del cinema porno. Al massimo della sua popolarità è indicata come la pornostar preferita d'Italia.[4] Partecipa a molte edizioni degli Hot d'or (una sorta di Oscar del cinema porno) durante il festival di Cannes[5] e all'Erotica di Torino, vincendo 17 premi in carriera come attrice pornografica nel periodo 1993-1999.[6]

Nel 1994 nasce Selen (editrice 3ntini), rivista mensile di cultura erotica e fumetti, a cui collabora. In questi anni conduce nuda alcuni programmi notturni dell'emittente Rete Mia. Nella metà degli anni novanta incide alcuni singoli dance, tra cui Lady of The Night e It's Raining Again.

Si ritira dal mondo della pornografia nel 1999 con il suo ultimo film Millennium, per darsi alla televisione come ospite in programmi di varietà e di intrattenimento, quali Maurizio Costanzo Show, Unomattina, Domenica in, I fatti vostri, Ciro, il figlio di Target, Omnibus. Dichiara che non sarebbe mai più tornata al porno in futuro, poiché non si divertiva più come una volta e la professione non le piaceva abbastanza per continuare.[7]

Nel novembre 2001 è impegnata nello spettacolo No, grazie! Faccio sesso. Nel 2003 partecipa al Festival di Cannes con il film B.B. e il Cormorano e nel 2004 al reality show La fattoria. Per qualche tempo conduce il programma televisivo Hot, in onda sul canale satellitare Match Music. Nel 2005 appare sul grande schermo assieme a Fabio Troiano e Violante Placido nel film Il giorno + bello di Massimo Cappelli.

Nel 2006 diventa madre per la seconda volta e torna a vivere a Ravenna. Si ritira temporaneamente dalle scene. Nel 2010 torna nelle vesti di DJ nelle discoteche più importanti della riviera adriatica con l'appellativo "DJ Selen", e incide il singolo dance The Star of the Night (contenente 5 versioni remixate), accompagnato da un videoclip, che presenta durante le sue serate.

Dal novembre 2010 partecipa come co-conduttrice alla trasmissione Romagna mia, dedicata alla cucina italiana, in onda sul canale satellitare Alice.

È stata sposata con Fabio Albonetti,[8] con cui ha avuto un figlio. Con l'ex calciatore Nicola Zanone ha avuto un secondo figlio.[9] Il 7 luglio 2012 si è sposata con Antonino Putortì, con il quale lavora presso il loro centro di benessere olistico chiamato Luce. I due divorziano nel 2015 subito dopo l'approvazione della legge sul "divorzio breve".[10]

In un'intervista, rilasciata al Corriere della Sera nel 2017, parlando del suo passato nel mondo della pornografia ha dichiarato: «Scanzonato all'inizio, tutti giovani con gli ormoni a mille. Si è rivelato un mondo dark, scuro, quasi gotico. Era brutto vedere le ragazze dell'Est costrette al sesso estremo sei ore di seguito per un capriccio del regista, con una scena guadagnavano la paga di un anno a Budapest. Lo squallore, la droga... Ma circola anche nella tv dove c'è più ipocrisia che nell'hard. Ho fatto tutto alla luce del sole. Avevo un contratto capestro, gli ultimi tempi sono stati una tortura, la trasgressione era diventata un lavoro odioso. Ho dovuto fare film quando volevo smettere, cercando di costruire ciò che ho sempre desiderato, una famiglia. Rocco Siffredi? Era violento. Ho avuto un flirt con un attore porno turco, bellissimo».[11]

Nel 2017 per l'Editore Cairo ha pubblicato l'autobiografia Da bambina sognavo di volare.[12]

Carriera come pornostarModifica

Scene di sessoModifica

Verso la fine della sua carriera di attrice pornografica Selen ha abbandonato le pratiche estreme e il sesso anale. Negli anni novanta ha dichiarato in un'intervista che, ai tempi della sua massima popolarità come pornostar, nel suo contratto aveva fatto inserire una clausola che escludeva scene hard con neri, transessuali e animali, e la pratica del pissing.[13]

RegistiModifica

Selen ha recitato in film diretti da celebri registi porno italiani come Alex Perry (Signore scandalose di provincia, Divisione di colpi, Tabatha and Her Friends), Mario Salieri (Dracula, Sceneggiata napoletana, Concetta Licata), Silvio Bandinelli (Rosso e nero, Cuore di pietra) e Joe D'Amato (Selvaggia, Selen Sahara, Selen regina degli elefanti). Occasionalmente si è occupata lei stessa della regia di altri film di cui era protagonista.

FilmografiaModifica

Filmografia pornograficaModifica

  • Orgia di compleanno, regia di Eugenio De Lorenzi (1992) (riedito come Selen Story diario di una fotomodella (1º episodio) - Orgia di compleanno)
  • Scala reale, regia di Franco Ludovisi (1992)
  • Alcuni cazzi fa (1992) (Compilation di scene tagliate da Orgia di compleanno e Scala reale)
  • Selen Story diario di una fotomodella (2º episodio) - Fantasie notturne, regia di Eugenio De Lorenzi (1992)
  • Selen Story diario di una fotomodella (3º episodio) - Eccitanti preparativi, regia di Eugenio De Lorenzi (1992)
  • Signore scandalose di provincia, regia di Alex Perry (1993)
  • Adolescenza perversa, regia di Mario Salieri (1993)
  • Selen puledra in calore, regia di Alex Perry (1993)
  • Una femmina esplosiva, regia di Eros Cristaldi (1994)
  • Scuole superiori, regia di Mario Salieri (1994)
  • Sceneggiata napoletana, regia di Mario Salieri (1994)
  • Selen Superporca, regia di Alex Perry (1994) (seconda parte di Selen puledra in calore)
  • Divisione di colpi / Giada Supertrans, regia di Alex Perry (1994) (terza parte di Selen puledra in calore)
  • Dracula, regia di Mario Salieri (1994)
  • Concetta Licata, regia di Mario Salieri (1994)
  • Concetta Licata 2, regia di Mario Salieri (1995)
  • Rosso e nero, regia di Silvio Bandinelli (1995)
  • Eros e Tanatos, regia di Mario Salieri (1995)
  • La clinica della vergogna (1995)
  • C.K.P., regia di Mario Salieri (1995)
  • Cuore di pietra, regia di Silvio Bandinelli (1996)
  • Selvaggia, regia di Joe D'Amato (1997)
  • Selen Live, regia di Silvio Bandinelli (1997)
  • Così come piace a me, regia di Luca Damiano (1997)
  • Cindy, regia di Luca Damiano (1997)
  • La regina degli elefanti, regia di Joe D'Amato (1997)
  • Sahara, regia di Joe D'Amato (1998)
  • Selen dalla testa ai piedi, regia di Steve Perry (1998)
  • Selen nell'Isola del tesoro, regia di Joe D'Amato (1998)
  • AAA Selen cercasi, regia di Antonio Adamo (1998)
  • In the Flesh (1998)
  • Gli uomini preferiscono Selen (1999)
  • Selen Live 2, regia di Silvio Bandinelli (1999)
  • Consigli per gli acquisti, regia di Antonio Adamo (1999)
  • Colpi di pennello, regia di J.F. Romagnoli (1999)
  • L'idolo del piacere (1999)
  • Millennium, regia di J. F. Romagnoli (2000)
  • Desiderando Selen, regia di J.F. Romagnoli (2003) (compilation di scene di film già editi)

Filmografia tradizionaleModifica

VideoclipModifica

DiscografiaModifica

Singoli
  • 1996 – Lady of the Night
  • 1997 – It's Raining Again
  • 2010 – The Star of the Night

Opere letterarieModifica

  • Da bambina sognavo di volare, Cairo, 2017.

VideogiochiModifica

Selen compare in tre videogiochi italiani di avventura grafica pornografica, tutti sviluppati dalla GMM Game Over Italia, pubblicati dalla Green Pig Production e distribuiti dalla Giunti Multimedia su CD-ROM:

OmaggiModifica

  • Il gruppo musicale italiano Peter Punk ha scritto una canzone dal titolo A letto con Selen.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Selen, in Internet Adult Film Database.
  2. ^ Giorgio Dell'Arti e Massimo Parrini, Catalogo dei viventi 2009, Venezia, Marsilio Editori, 2006, ISBN 978-88-317-9599-9.
  3. ^ News 2000 - Libero - speciale: Come mi riciclo dal porno
  4. ^ http://news2000.libero.it/speciali/6442.jhtml
  5. ^ Tgcom - Articolo Tgcom, su tgcom.mediaset.it. URL consultato il 18 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2011).
  6. ^ Nautilus Web Magazine - Cinema 1/2003
  7. ^ Nuova Luce a Selen, su news2000.libero.it.
  8. ^ OLTRE CENSURA - la Repubblica.it
  9. ^ Selen minacciata di morte Accuse alla figlia dell'ex
  10. ^ Nozze in chiesa per l'ex pornostar Selen - Il Fatto Quotidiano
  11. ^ Luce Caponegro (Selen): «Mio figlio mi ha chiesto: “Eri una pornostar?”»
  12. ^ 'L'hard, l'anoressia e la mia nuova vita. Ero Selen e sono Luce: vi racconto tutto', in Tiscali Spettacoli. URL consultato il 21 giugno 2017.
  13. ^ Andrea Di Quarto, Michele Giordano, Moana e le altre - Vent'anni di cinema porno in Italia, Gremese Editore, Roma, 1997, pag. 134, ISBN 88-7742-067-7
  14. ^ Sito Old Games Italia: Museo videogiochi: Virtual Inseminator, su oldgamesitalia.net.
  15. ^ Sito Old Games Italia: Museo videogiochi: Selen: The Sex Files, su oldgamesitalia.net.
  16. ^ Annunci di vendita eBay: SELEN presenta SPACE SEX pc old game cd-rom 1999 GMM Green Pig Prod. VM 18 Porno, su ebay.it. URL consultato il 9 giugno 2020 (archiviato dall'url originale il 9 giugno 2020).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN5132219 · ISNI (EN0000 0000 1082 0775 · SBN IT\ICCU\MODV\310237 · BNF (FRcb14034729z (data) · WorldCat Identities (ENviaf-5132219