Apri il menu principale
Settevoci
Pippo Baudo e Daniela Ghibli.jpg
PaeseItalia
Anno1966 - 1970
Generevarietà, talent show
Edizioni4
Durata120 min
Lingua originaleitaliano
Crediti
ConduttorePippo Baudo
RegiaMaddalena Yon, Beppe Recchia
Rete televisivaProgramma nazionale

Settevoci è stato un varietà televisivo andato in onda la domenica pomeriggio sulla Rai dal 6 febbraio 1966[1] e condotto da Pippo Baudo.

Indice

Il programmaModifica

Era un quiz a carattere musicale dove in ogni puntata intervenivano, come ospiti, sette cantanti (da cui il titolo): due di essi erano agli inizi della carriera musicale e venivano giudicati dall'applausometro (un apparecchio che misurava l’intensità dei battiti delle mani, quantificandola da 1 a 100), quattro erano affermati e uno era celeberrimo (e non gareggiava). Ai quattro cantanti affermati, venivano abbinati quattro giovani che partecipavano al quiz rispondendo a domande sulla musica[2]. Il pubblico decideva il vincitore[1].

Gli autori del programma sono Sergio Paolini e Stelio Silvestri, la regia è affidata a Maria Maddalena Yon, l'orchestra è diretta dal Maestro Luciano Fineschi; le vallette sono Laila Rigazzi nella prima edizione, Giovanna Coprani che diventerà poi la moglie di Bruno Lauzi[1][3] nella seconda, Margherita Boretti nella terza, Renata Lunari e Daniela Ghibli, che avrà anche una carriera come cantante e come attrice, nella quarta ed infine nell'ultima edizione Zaira Cavalleri[4].

Secondo Aldo Grasso, fu "il primo trionfo" di Baudo, che si fece notare per le giacche sgargianti e il "fiuto da talent-scout"[1].

Il programma ha avuto grande successo in quanto vi partecipavano cantanti emergenti come Giusy Romeo (meglio conosciuta, successivamente, come Giuni Russo), Massimo Ranieri, Mario Tessuto, Orietta Berti, Al Bano, Armando Savini, Silvana Aliotta, Dominga, Lionello, Tina Polito, I Girasoli, Rossano, Marisa Sannia, Nancy Cuomo, Bruno Filippini e Giovanna[1][2]. A dire di Fausto Leali, vi si cantava "rigorosamente in playback"[5].

Grazie, Rin Tin Tin!Modifica

La prima puntata del programma, registrata a Milano (in seguito le riprese si trasferirono a Roma), fu giudicata «intrasmissibile» dai vertici Rai[6].

Sembrava la fine delle fervide speranze di carriera del trentenne Pippo, dopo un provino sul cui esito era scritto, a firma di Piero Turchetti, Lino Procacci e Antonello Falqui: «buona presenza, buon video, discreto nel canto, suona discretamente il pianoforte, può essere utilizzato per programmi minori»[2]. Ma, domenica 6 febbraio 1966, la bobina con la prevista puntata del telefilm americano Rin Tin Tin non pervenne[7]. Soluzione: tamponare con la puntata pilota di Settevoci[7]. Un successo clamoroso, con indice di gradimento di 84%, che valse la riproposizione del programma per le domeniche successive e l'accensione improvvisa di una strepitosa carriera per Baudo[2][6].

Nessuna delle puntate di Settevoci, registrate su nastro magnetico, è stata archiviata, e i nastri sono stati cancellati: pertanto non è più possibile rivederle. Negli archivi Rai restano solo alcune sigle, girate in pellicola e senza la sovraimpressione dei titoli di testa.

Le sigleModifica

  • 1ª edizione 1966: Sette voci (testo di Sergio Paolini e Stelio Silvestri, musica di Luciano Fineschi) e Domenica è per noi (testo di Sergio Paolini e Stelio Silvestri, musica di Ugo Calise), cantate dai The Hary Stones
  • 2ª edizione 1966-1967: Shaly n. 1 (testo di Sergio Paolini e Stelio Silvestri, musica di Francesco Anselmo) e Gol (testo italiano di Vito Pallavicini, testo originale di Cynthia Weil, musica di Barry Mann), cantate dai The Bad Boys
  • 3ª edizione 1967-1968: Una domenica così (testo di Sergio Paolini e Stelio Silvestri, musica di Riccardo Vantellini e Pippo Baudo), cantata da Gianni Morandi, e La quadriglia (testo di Sergio Paolini e Stelio Silvestri, musica di Riccardo Vantellini), cantata da Sacha Distel
  • 4ª edizione 1968-1969: Stasera sì (testo di Sergio Paolini e Stelio Silvestri, musica di Riccardo Vantellini e Pippo Baudo), cantata da Armando Savini, e Donna Rosa (testo di Sergio Paolini e Stelio Silvestri, musica di Pippo Baudo e Luciano Fineschi), cantata da Nino Ferrer
  • 5ª edizione 1969-1970: Sette giorni (testo di Pippo Baudo, Sergio Paolini e Stelio Silvestri, musica di Riccardo Vantellini e Pippo Baudo), cantata da Emy Cesaroni, e W le donne (testo di Sergio Paolini e Stelio Silvestri; musica di Riccardo Vantellini e Pippo Baudo), cantata da Marcel Amont e "don Nicola" (Nino Manfredi)

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Aldo Grasso, Storia della Televisione - la TV italiana dalle origini, Garzanti, 1998 - ISBN 88-11-30543-8
  2. ^ a b c d Massimo Emanuelli, 50 anni di storia della televisione attraverso la stampa settimanale, Greco & Greco Editori, 2004 - ISBN 8879803468
  3. ^ Franco Manzoni, Giovanna Coprani, musa del grande Lauzi, in Corriere della Sera, 19 ottobre 2010, Pagina 7
  4. ^ La valletta occhi neri, pubblicato in Giovani, n° 4 del 22 gennaio 1970, pag. 44
  5. ^ Fausto Leali, Massimo Poggini, Notti piene di stelle: Gli anni d'oro della canzone italiana tra segreti e nostalgia, Rizzoli, 2014 - ISBN 8858664698
  6. ^ a b Raffaella Bragazzi, Un sapore nel cuore: I Vip si raccontano: ricette e ricordi, De Agostini, 2013 - ISBN 8841895756
  7. ^ a b Racconto di Cino Tortorella e Pippo Baudo durante la trasmissione televisiva "Novecento", puntata del 5 novembre 2001.

BibliografiaModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione