Silas Weir Mitchell (attore)

attore statunitense

Silas Weir Mitchell (Filadelfia, 30 settembre 1969) è un attore statunitense.

BiografiaModifica

CarrieraModifica

Inizia la sua carriera d'attore nel 1996, nella maggior parte delle occasioni gli vengono dati ruoli di personaggi disturbati o dal carattere instabile. Partecipa a svariati film e serie televisive.

Le interpretazioni che l'hanno maggiormente reso riconoscibile al pubblico sono quelle nelle serie televisive 24, in cui interpreta Eli Stram e My Name Is Earl, in cui interpreta il ruolo dell'amico di Earl Donny Jones, ma soprattutto Prison Break, dove interpreta il detenuto Charles "Haywire" Patoshik. Ha partecipato a un numero elevato di serie televisive, la maggior parte delle volte per un unico episodio.

Nel 2011 entra a far parte del cast principale della serie televisiva Grimm nel ruolo del blutbad Eddie Monroe.[1] La serie termina nel 2017 dopo la produzione di sei stagioni, alle quali l'attore partecipa recitando in tutti i 123 episodi prodotti.

Oltre alla sua carriera nel piccolo schermo ha recitato anche in molti film tra cui Fino all'inferno e FBI: Protezione testimoni 2. Nel 2002 è stato sia attore che produttore del film Ant.

Vita privataModifica

Ha ereditato il nome dell'antenato Silas Weir Mitchell, medico e scrittore statunitense vissuto tra fine '800 e inizio '900.[2] È sposato con l'attrice K. K. Dodds. Ha un dobermann blu chiamato Attico e due gatti.

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

CuriositàModifica

Nei contenuti speciali inseriti nei DVD della prima stagione di Prison Break Mitchell dichiara di aver sostenuto un provino anche per i ruoli di Theodore "T-Bag" Bagwell e di Lincoln Burrows.

NoteModifica

  1. ^ Silas Weir Mitchell fa pilates con Grimm, su movieplayer.it. URL consultato il 14 settembre 2011.
  2. ^ (EN) Ellen Gray, 'Grimm' star Silas Weir Mitchell revels in 'otherness' [collegamento interrotto], in The Philadelphia Inquirer, 23 marzo 2012. URL consultato il 23 gennaio 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN68643923 · ISNI (EN0000 0004 4887 8840 · LCCN (ENno2004066226 · GND (DE143093738 · WorldCat Identities (ENlccn-no2004066226