Apri il menu principale
Voivodato della Bassa Slesia
voivodato
Województwo dolnośląskie
Voivodato della Bassa Slesia – Stemma Voivodato della Bassa Slesia – Bandiera
Localizzazione
StatoPolonia Polonia
Amministrazione
CapoluogoBreslavia
VoivodaAleksander Skorupa (PO)
Data di istituzione1999
Territorio
Coordinate
del capoluogo
51°06′36″N 17°01′20″E / 51.11°N 17.022222°E51.11; 17.022222 (Voivodato della Bassa Slesia)Coordinate: 51°06′36″N 17°01′20″E / 51.11°N 17.022222°E51.11; 17.022222 (Voivodato della Bassa Slesia)
Superficie19 946,74 km²
Abitanti2 877 121 (2010)
Densità144,24 ab./km²
Distretti4+29
Voivodati confinantiLubusz, Grande Polonia, Opole, Sassonia (GM), Regione di Hradec Králové (EZ), Regione di Liberec (EZ), Regione di Olomouc (EZ), Regione di Pardubice (EZ)
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
ISO 3166-2PL-DS
Codice GUS02
TargaD
Cartografia
Voivodato della Bassa Slesia – Localizzazione
Sito istituzionale

Il voivodato della Bassa Slesia (in polacco: województwo dolnośląskie) è uno dei 16 voivodati della Polonia.

Indice

GeografiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Slesia.

Il voivodato si trova nel sud-ovest del territorio polacco ed è stato creato con la riforma del 1999 dalla fusione dei precedenti voivodati di Breslavia, Legnica, Wałbrzych e Jelenia Góra. Il voivodato confina a nord con il voivodato di Lubusz, a nordest con il voivodato della Grande Polonia e a sudest con il voivodato di Opole, così come confina a sudovest con la Germania e la Repubblica Ceca. Il capoluogo è Breslavia (Wrocław).

Suddivisione amministrativaModifica

CittàModifica

 
La piazza del mercato a Wałbrzych

La capitale del voivodato è Breslavia che, con i suoi circa 640.000 abitanti, è la quarta città più grande di tutta la Polonia e la più importante e popolosa della Bassa Slesia.

Le altre città con almeno 20.000 abitanti sono le seguenti:

  1. Breslavia (638.000)
  2. Wałbrzych (129.000)
  3. Legnica (106.000)
  4. Jelenia Góra (90.000)
  5. Lubin (82.000)
  6. Głogów (73.000)
  7. Świdnica (61.000)
  8. Bolesławiec (43.000)
  9. Oleśnica (39.000)
  10. Dzierżoniów (36.000)
  11. Zgorzelec (36.000)
  12. Bielawa (34.000)
  13. Oława (32.000)
  14. Kłodzko (29.000)
  15. Jawor (25.000)
  16. Nowa Ruda (25.000)
  17. Świebodzice (24.000)
  18. Polkowice (23.000)
  19. Lubań (23.000)
  20. Kamienna Góra (22.000)
  21. Bogatynia (20.000)

EconomiaModifica

La Bassa Slesia è una delle regioni più ricche della Polonia, in quanto dispone di risorse naturali pregiate quali rame, carbone e materiali rocciosi sfruttati dalle maggiori imprese della regione. Le sue industrie sono molto sviluppate ed attraggono sia gli investitori nazionali che quelli esteri. La sua città più importante e popolosa è Breslavia, situata sul fiume Oder. È una delle città più dinamiche della Polonia ed in rapida crescita economico-commerciale. Il PIL pro capite nel 2007 si è attestato al 108,7% rispetto alla media nazionale. A partire dal 2005 la crescita economica è la più alta del Paese (circa il 10% all'anno).

TurismoModifica

Il voivodato della Bassa Slesia è tra i più visitati della Polonia. È famoso per i numerosi palazzi (centinaia) e castelli (99), tra i quali: il castello di Książ, di Czocha, di Chojnik, di Grodziec, di Gorzanów. Ce ne sono parecchi anche nella valle di Jelenia Góra[1].

Breslavia è la città che vanta svariate attrazioni, tra le quali l'Aquapark aperto tutto l'anno, il centro benessere e i famosi nani di Breslavia.

Lo Śnieżka è il monte dei Sudeti che attrae il maggior numero di turisti europei.

Infrastrutture e trasportiModifica

 
L'aeroporto di Breslavia

L'unico aeroporto internazionale del voivodato è lAeroporto di Breslavia-Niccolò Copernico.

La stazione ferroviaria principale è quella Wrocław Główny. Nella città ci sono varie stazioni

Il voivodato è attraversato dalle autostrade A4, A8 e A18.

Aree protetteModifica

 
Il parco nazionale dei Monti Stołowe
 
L'"Inferno" a Szczeliniec Wielki (Parco nazionale dei Monti Stołowe)

Altre aree di interesse:

AmministrazioneModifica

GemellaggiModifica

NoteModifica

  1. ^ http://www.duw.pl/pl/urzad/delegatury-urzedi/511,dok.html[collegamento interrotto]

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN159635910 · LCCN (ENn2001114040 · GND (DE4596748-9 · WorldCat Identities (ENn2001-114040
  Portale Polonia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Polonia