Stadio comunale Walter Beltrametti

impianto sportivo di Piacenza
Stadio Walter Beltrametti
Stadio Beltrametti.jpg
Informazioni
StatoItalia Italia
UbicazioneLargo Ercole Anguissola 5
29122 Piacenza
Inizio lavori1966
Inaugurazione1966
StrutturaPianta ellittica
CoperturaTribuna
Pista d’atleticaNo
Ristrutturazione1983-1985
Mat. del terrenoErba
ProprietarioComune di Piacenza
Uso e beneficiari
Rugby a 15Piacenza
(1966-1983)
(1985-presente)

Lyons
(1972-presente)
Football americanoWolverines Piacenza
(2021-presente)
Capienza
Posti a sedere3 000

Lo stadio comunale Walter Beltrametti è un impianto rugbistico di Piacenza. È dotato di un campo utilizzato per le partite ufficiali e due dedicati agli allenamenti.

L'impianto è intitolato a Walter Beltrametti, ex giocatore del Piacenza e del Parma, scomparso prematuramente nel luglio del 1973[1].

StoriaModifica

Lo stadio fu costruito per il Piacenza, che precedentemente aveva condiviso con il Piacenza Calcio lo stadio di Barriera Genova[2]. L'impianto fu inaugurato, in una versione dotata di tribune in legno, il 27 novembre 1966 con la sfida contro l'Olimpic Roma. Per l'occasione furono presenti il ministro Giulio Andreotti, l'assessore Franzanti, il vice sindaco Menzani, il presidente della FIR Montano e il tesoriere Valcherotti[3].

Dal 1972, con l'iscrizione dell'altra squadra cittadina, i Lyons ai campionati senior lo stadio inizia ad essere condiviso tra le due società.

Il 30 gennaio 1978 in occasione del pareggio 4-4 tra Piacenza e Brescia viene inaugurata la nuova tribuna coperta, che va a sostituire la precedente scoperta da circa 700 posti, ormai inadeguata a sostenere l'affluenza del pubblico[4] e che aveva costretto il Piacenza a disputare le prime gare casalinghe del campionato 1977-1978 presso il vicino stadio di calcio della Galleana[5].

Tra il 1983 e il 1985 lo stadio viene sottoposto a lavori di ristrutturazione e ampliamento che costringono il Piacenza a disputare le proprie partite casalinghe al campo Bertocchi[6][7].

Nel maggio 2005 ha ospitato la finale dei play-off di Serie A, vinta 44-8 dal Veneziamestre sulla Capitolina[8].

Con la creazione nel 2010 dell'Italian Rugby League da parte della FIRL, lo stadio è stato utilizzato anche per il rugby a 13, ospitando tra l'altro l'Italian State Origin, sorta di All Star Game del rugby a 13, nel 2011[9] e la finale scudetto del 2012, vinta dalla squadra piacentina XIII del Ducato contro gli Arieti Este[10].

In previsione dalla stagione 2019-2020 la tribuna subisce dei lavori di ammodernamento venendo dotati nuovi seggiolini[11].

A partire dalla stagione 2021 ospita anche gli incontri casalinghi della squadra di football americano degli Wolverines Piacenza[12].

Eventi sportiviModifica

RugbyModifica

Competizioni per nazionaliModifica

L'impianto ha ospitato più volte le nazionali giovanili di rugby a 15: il 6 aprile 2013 ha ospitato il test match tra Italia e Francia Under 17, terminato 18 pari[13]. Si sono disputate inoltre due partite del Sei nazioni Under 20: il 12 marzo 2007 l'Italia ha sconfitto 22-21 i pari età del Galles[14], mentre il 14 febbraio 2009 gli azzurrini sono stati sconfitti per 23-29 dall'Irlanda[15].

L'impianto ha ospitato anche la Nazionale A: nel 1994 si è disputato l'incontro Italia B-Inghilterra B[16], mentre nel novembre 2009 l'Italia A ha sconfitto la Romania A 33-6[17].

Rugby a 13Modifica

Competizioni per nazionaliModifica

Lo stadio ha ospitato la nazionale di rugby a 13, il 7 luglio 2012 in occasione della partita Italia-Germania valida per lo European Shield e vinta 72-10 dagli azzurri[18].

NoteModifica

  1. ^ 1969-1977 Abbonamento al secondo posto, scompare il gigante buono, su piacenzarugby.it, 28 luglio 1997 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2016).
  2. ^ Prosperità e occasioni perdute, su piacenzarugby.it, 28 luglio 1997 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2016).
  3. ^ 1958-1969: La rissa di Parma, Andreotti per il nuovo stadio, su piacenzarugby.it, 28 luglio 1997 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2016).
  4. ^ 1977-1993 Il sogno dura poco e diventa un incubo, su piacenzarugby.it, 25 luglio 1997 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2016).
  5. ^ In tremila alla Galleana, su piacenzarugby.it, 25 luglio 1997 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2016).
  6. ^ 1977-1993 Una fila incredibile di secondi posti, su piacenzarugby.it, 25 luglio 1997 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2016).
  7. ^ 1977-1993 Secondi anche in Coppa Italia, su piacenzarugby.it, 25 luglio 1997 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2016).
  8. ^ Valerio Vecchiarelli, Capitolina, crollo in finale, in Corriere della Sera, 30 maggio 2005 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2016).
  9. ^ Rugby League: Italian State of Origin, su rugbryca.altervista.org, 22 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 15 settembre 2016).
  10. ^ Finali campionato Serie A RL [collegamento interrotto], su test.firl.it.
  11. ^ Leonardo Piriti, La Sitav Rugby Lyons tra i grandi dell'ovale. Al Beltrametti c'è il blasonato Rovigo, in Libertà, 19 ottobre 2019, p. 55.
  12. ^ Wolverines, su fidaf.org. URL consultato il 15 giugno 2021.
  13. ^ Italia U17, ancora un risultato utile: a Piacenza contro la Francia pareggio 18-18, su federugby.it, 6 aprile 2013. URL consultato il 15 giugno 2021.
  14. ^ Azzurrini al cardiopalma, poi la storia, su air.it (archiviato dall'url originale il 17 agosto 2016). air.it
  15. ^ 6 nazioni 2009 - L'under 20 perde con l'Irlanda, ma che occasione sprecata!, in Blogo, 14 febbraio 2009. URL consultato il 15 giugno 2021.
  16. ^ 1993-1997 Bentornata Serie A2, su piacenzarugby.it, 25 luglio 1997 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2016).
  17. ^ L'Italia A supera la Romania 33-6 a Piacenza, su federugby.it, 13 aprile 2009. URL consultato il 15 giugno 2021.
  18. ^ (EN) European Shield 2012-2013 Game 4, su rlef.eu.com (archiviato dall'url originale il 22 agosto 2016).