Apri il menu principale
Tebaldo VI
Theobald VI of Blois.jpg
Conte di Blois
In carica 15 aprile 1205 –
22 aprile 1218
Predecessore Luigi
Successore Margherita
conte di Chartres
In carica 15 aprile 1205 –
22 aprile 1218
Predecessore Luigi
Successore Isabella di Blois
Conte di Clermont
In carica 15 aprile 1205 –
22 aprile 1218
Predecessore Luigi
Successore Filippo Hurepel
Nome completo Tebaldo di Blois
Altri titoli conte di Châteaudun e Provins
Nascita prima del 1200
Morte 22 aprile 1218
Dinastia Casato di Blois (Tebaldingi)
Padre Luigi
Madre Caterina di Clermont
Consorte Matilde d'Alençon
Clémenza di Roches
Religione cattolico
Blasone dei Blois

Tebaldo VI di Blois in francese: Thibaut VI de Blois (prima del 120022 aprile 1218) fu conte di Blois, Chartres, Châteaudun, Provins e anche Clermont (sino al 1212 assieme alla madre, Caterina di Clermont) dal 1205 alla sua morte.

Indice

OrigineModifica

Secondo il documento n° LI degli Archives de la Maison-Dieu de Châteaudun, Tebaldo era figlio del conte di Blois, Châteaudun, Chartres e Provins, Luigi di Blois e della Contessa di Clermont Caterina[1], che, secondo il documento n° CCLX del Cartulaire de l'abbaye de Notre-Dame d'Ourscamp de l'ordre de Citeaux, era figlia del conte di Clermont, Rodolfo I, e della moglie Alice di Breteuil[2] († 1196), figlia di Valerano III, Signore di Breteuil, discendente del Casato di Breteuil e della prima moglie, Holdeburge signora d'Ailly-sur-Noye e di Tartigny.
Luigi di Blois, secondo il documento n° XXV degli Archives de la Maison-Dieu de Châteaudun, era figlio del conte di Blois, Châteaudun, Chartres e Provins, Tebaldo V di Blois e, come conferma anche la Chronica Albrici Monachi Trium Fontium[3] di Alice di Francia[4] che, sia secondo il cronista e monaco benedettino inglese, Matteo di Parigi, che secondo la Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, era la figlia secondogenita di Luigi VII, detto il Giovane, re di Francia, e della duchessa d'Aquitania e Guascogna e contessa di Poitiers, Eleonora d'Aquitania[5][3], che, ancora secondo la Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, era la figlia primogenita del duca di Aquitania, duca di Guascogna e conte di Poitiers, Guglielmo X il Tolosano[3] e della sua prima moglie, Aénor di Châtellerault († dopo il 1130), figlia del visconte Americo I di Châtellerault e della Maubergeon, che al momento della sua nascita era l'amante di suo nonno Guglielmo IX il Trovatore[6].

BiografiaModifica

Tebaldo viene citato in diversi documenti, assieme ai genitori:

  • nel n° LI degli Archives de la Maison-Dieu de Châteaudun, del 1200, assieme alla sorella, Giovanna, e alla zia, Margherita[1].
  • nel n° CLI dei Cartulaire de Notre-Dame de Chartres, tome II , del 1201, assieme ai fratelli, Giovanna e Rodolfo, e alla zia, Margherita[7]
  • nel n° LXVII degli Archives de la Maison-Dieu de Châteaudun, del 1202, assieme alla sorella, Giovanna, e alla zia, Margherita[8].

A seguito dell'appello del papa Innocenzo III del 1198, suo padre, Luigi, assieme a tutti i partecipanti al torneo, organizzato, nel 1199, nel suo castello di Écry-sur-Aisne, da suo cugino (figlio della zia, Maria di Francia, la sorella di sua madre), Tebaldo III, conte di Champagne, decise di aderire alla IV crociata[9].
Nel 1200, Tebaldo III, venne designato ad essere il capo della IV crociata[9]; la scelta fu gradita anche da papa Innocenzo III[9].

Nel 1202, suo padre, Luigi partì, raggiunse Venezia, dove si imbarcò per la Quarta Crociata, che conquistò Bisanzio due anni dopo fondando l'Impero latino ed il primo imperatore fu Baldovino I, Conte delle Fiandre e di Hainaut[10].

 Lo stesso argomento in dettaglio: quarta Crociata.

Dopo la partenza del marito, sua madre, Caterina assunse la reggenza delle contee: infatti il documento CCLXIX del Cartulaire de l'abbaye de Notre-Dame d'Ourscamp de l'ordre de Citeaux, datato 1202, Caterina si cita come contessa di Blois e di Clermont (Katelina Blesis et Clarimuntis comitissa)[11].

Nel 1205 suo padre, Luigi, assieme a Baldovino I, Enrico Dandolo, e Goffredo di Villehardouin, lo storico e trovatore, marciarono su Adrianopoli, nell'intento di assediarla, ma, il 14 aprile 1205, furono sconfitti, Baldovino I cadde prigioniero e Luigi rimase ucciso[12]; gli Obituaires de Sens Tome II, Eglise cathédrale de Chartres, Obituaire du xii siècle confermano la morte di Luigi (Ludovicus comes Blesensis) il 15 aprile (XVII Kal Mai) e che la madre e la moglie, Caterina fecero una donazione per la sua anima[13].

 Lo stesso argomento in dettaglio: Battaglia di Adrianopoli (1205).

Tebaldo, alla morte di Luigi, gli succedette nelle varie contee, come Tebaldo VI[14], ed affiancò la madre nella Contea di Clermont.

Contribuì alla costruzione della Cattedrale di Chartres; fece erigere un enorme castello a Blois, di cui resta solamente una torre e una sala, all'epoca la più grande d'Europa.

Sua madre, Caterina morì nel 1212 o 1213; gli Obituaires de Sens Tome II, Eglise cathédrale de Chartres, Obituaire du xii siècle confermano la morte di Caterina (Katerina, nobilis comitissa Blesensis et Clarimontis) il 20 settembre (XII Kal Oct) e che il figlio, Tebaldo VI fece una donazione per la sua anima[15].

Nel documento n° CXVII degli Archives de la Maison-Dieu de Châteaudun, del 1218, Tebaldo viene citato col titolo di Conte (Theobaldus Blesensis et Clarimontis comitis)[16].

Tebaldo morì nel 1218 o 1219;; gli Obituaires de Sens Tome II, Eglise cathédrale de Chartres, Obituaire du xii siècle confermano la morte di Tebaldo (heobaldus Blesensis et Clarimontis comes) il 22 aprile (X Kal Mai)[17].
Morì senza eredi; i suoi possedimenti furono spartiti: Clermont andò alla corona e fu dato in appannaggio al figlio cadetto di Filippo II di Francia, Filippo Hurepel; Blois e Châteaudun andarono a Margherita, sorella di suo padre; Chartres invece andò a Isabella, altra sorella di suo padre.

Matrimoni e discendenzaModifica

Tebaldo, in prime nozze, secondo la Genealogia Dominorum Bellismontium (non consultato), aveva sposato, prima del 1213, Matilde d'Alençon, che figlia di Roberto I d'Alençon e Jeanne de Preuilly[18].
Tebaldo da Matilde non ebbe figli[18][19].

In seconde nozze, come viene confermato dal documento n° CXVII degli Archives de la Maison-Dieu de Châteaudun, Tebaldo aveva sposato Clemenza di Roches[16] († verso il 1259), figlia di Guglielmo des Roches e Marguerite de Sablé, come ci viene confermato dal documento n° 142 del Cartulaire de Château-du-Loir[20].
Tebaldo nemmeno da Clemenza ebbe figli[18][19].

NoteModifica

  1. ^ a b (LA) Archives de la Maison-Dieu de Châteaudun, doc. LI, pag. 35
  2. ^ (LA) Cartulaire de l'abbaye de Notre-Dame d'Ourscamp de l'ordre de Citeaux, doc. CCLX, pag. 157
  3. ^ a b c (LA) #ES Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus XXIII, Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, anno 1152, pag 841
  4. ^ (LA) Archives de la Maison-Dieu de Châteaudun, doc. XXV, pag. 20
  5. ^ (LA) Matthæi Parisiensis, monachi Sancti Albani, Historia Anglorum, vol. II, anno 1137, pagina 166
  6. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy: Nobiltà Aquitana - GUILLAUME d'Aquitaine
  7. ^ (LA) Cartulaire de Notre-Dame de Chartres, tome II, doc. CLI, pagg. 14 e 15
  8. ^ (LA) Archives de la Maison-Dieu de Châteaudun, doc. LXVII, pag. 45
  9. ^ a b c D.M. Nicol, "La quarta crociata e gli imperi greco e latino, 1204 - 1261", cap. XIV, vol. III, pag. 504
  10. ^ D.M. Nicol, "La quarta crociata e gli imperi greco e latino, 1204 - 1261", cap. XIV, vol. III, pag. 506 e seguenti
  11. ^ (LA) Cartulaire de l'abbaye de Notre-Dame d'Ourscamp de l'ordre de Citeaux, doc. CCLXIX, pagg. 162 e 163
  12. ^ D.M. Nicol, "La quarta crociata e gli imperi greco e latino, 1204 - 1261", cap. XIV, vol. III, pag. 520
  13. ^ (LA) Obituaires de Sens Tome II, Eglise cathédrale de Chartres, Obituaire du xii siècle, pag. 58
  14. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy: conti di Blois - LOUIS de Blois
  15. ^ (LA) Obituaires de Sens Tome II, Eglise cathédrale de Chartres, Obituaire du xii siècle, pagg. 94 e 95
  16. ^ a b (LA) Archives de la Maison-Dieu de Châteaudun, doc. LXVII, pag. 80
  17. ^ (LA) Obituaires de Sens Tome II, Eglise cathédrale de Chartres, Obituaire du xii siècle, pag. 61
  18. ^ a b c (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy: conti di Blois - THIBAUT de Blois
  19. ^ a b (EN) #ES Genealogy: Blois 1 - Thibaut VI
  20. ^ (FR) #ES Cartulaire de Château-du-Loir, doc. 142, pag. 104

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica