Teletubbies

programma televisivo per bambini britannico
Teletubbies
Teletubbies.jpg
I quattro Teletubbies nella sigla di apertura (da sinistra: Tinky Winky, Dipsy, La La e Po)
Titolo originaleTeletubbies
PaeseRegno Unito
Anno1997-2001, 2015-in corso
Genereper bambini
Edizioni9
Puntate485
Durata24 min (1997-2001)
15 min (2015-)
Lingua originaleinglese
Crediti
RegiaAnne Wood, Andrew Davenport
Casa di produzioneRagdoll Productions (1997-2001)
DHX Media (2015-)
Rete televisivaBBC Two
CBBC
CBeebies
Rete televisiva
(ed. italiana)
RaiSat Ragazzi
Rai 3
Rai 2
Rai Yoyo, DeA Kids, DeA Junior

Teletubbies è una serie televisiva per bambini in età prescolare creata dalla BBC prodotta tra il 31 marzo 1997 e il 16 febbraio 2001 dalla Ragdoll Productions. I personaggi sono creati da Anne Wood, direttore creativo della Ragdoll, e Andrew Davenport. Dal 9 novembre 2015 è in onda nel Regno Unito una nuova serie (conosciuta come ''New Teletubbies'' in italiano), prodotta dalla DHX Media che nel frattempo ha acquisito la casa originaria. La serie è divenuta un successo di critica e commerciale in Inghilterra e all'estero. In Italia è stata trasmessa per la prima volta dalla Rai, dapprima su RaiSat Ragazzi (dal 1º luglio 1999)[1][2] e poi, in chiaro, su Rai 3 (dal giugno 2000).

La trasmissioneModifica

I protagonisti sono quattro Teletubbies, i cui nomi sono Tinky-Winky, Dipsy, Laa-Laa e Po, che vivono a TeletubbyLandia, in un'abitazione futuristica, a forma di pseudocupola, posizionata al centro di un ambiente collinare, dietro la loro casa vi si trova una girandola magica che avvisa i Teletubbies per prepararsi ad un evento; il clima non è solo esclusivamente primaverile. I dintorni sono punteggiati di fiori (anche parlanti) e la fauna consiste in svariati conigli in libertà, pur lasciando intendere la presenza di uccellini dei quali si sente soltanto il cinguettio. Durante lo svolgimento degli episodi compaiono dal terreno degli altoparlanti a forma di periscopio dai quali escono suoni o voci che danno indicazioni ai Teletubbies su quello che devono fare. Una presenza costante di ogni episodio è rappresentata dal sole, che compare all'inizio e alla fine della puntata e che contiene al suo interno il viso di un neonato.[3]

I Teletubbies sono dei pupazzi antropomorfi, di grosse dimensioni e di forma tondeggiante. Al centro dell'addome si trova un rettangolo di colore metallico utilizzato come se fosse uno schermo televisivo per mostrare brevi filmati di vita quotidiana orientati a bambini in età prescolare; sulla testa ogni teletubbie porta una antenna di forma diversa per ognuno. I Teletubbies hanno proporzioni, comportamento e linguaggio simili a quelli di un bimbo in età prescolare. Il design e il ritmo delle trasmissioni furono definiti da uno psicologo cognitivo, Andrew Davenport, che strutturò le puntate in modo adeguato alla breve capacità di concentrazione tipica dei bambini di quell'età. Il linguaggio dei Teletubbies è estremamente semplificato, lento e ripetitivo.

Tra le frasi ricorrenti si ricordano[4] "Tante coccole" e "Ciao ciao". La dieta dei Teletubbies consiste di tubbypappa (una sorta di crema che viene sorbita tramite una cannuccia) e tubbytoast (dei toast circolari con un viso sorridente). Insieme a loro convive Noo-Noo (pronunciato nu-nu), un aspirapolvere autonomo che ripulisce e riordina l'abitazione. Tra gli oggetti utilizzati dai Teletubbies vi sono anche tubbyspugne, che vengono adoperate dai quattro personaggi per ripulirsi dopo che si sono sporcati. Nel reboot della serie New Teletubbies, le tubbyspugne e lo scivolo hanno lasciato il posto al tubbytelefono e al tubbyascensore con la fondazione di un nuovo luogo dove abitavano, giocavano e dormivano i Tiddlytubbies chiamati Daa Daa, Umby Pumby, Baa e Ping, RuRu, Duggle Dee, Mi-Mi e Nin ossia il tubbyasilo all'interno della casa grazie alla comparsa del Treno della Tubbypappa.

PersonaggiModifica

  • Tinky-Winky (interpretato da Dave Thompson, Mark Heenehan e Simon Shelton e in italiano da Nanni Baldini, Omar Vitelli e Federico Zanandrea) è il primo teletubby. Maschio, è il più grande del gruppo ed è sempre molto gentile. Di colore violetto, ha una antenna triangolare sulla sua testa. Porta sempre con sé una borsa rossa. Adora andare a spasso con Po, ballare e fare le capriole.[5]
  • Dipsy (interpretato da John Simmit e in italiano da Fabrizio Vidale, Silvio Anselmo e Luca Sandri) è il secondo teletubby. Maschio, di colore verde lime, ha una antenna dritta sulla sua testa e porta sempre con sé un cappello a cilindro bianco e nero. È il teletubby alla moda, adora cantare e ballare in modo strano.[5] Ha il volto più scuro degli altri e secondo gli autori è afroamericano.[6]Non gli piace indossare il tutù.
  • La-La (interpretata da Nikky Smedley e in italiano da Antonella Rinaldi e Jolanda Granato) è la terza teletubby. Femmina, di colore giallo, ha una antenna a ricciolo sulla sua testa. Ama giocare con la sua grossa palla arancione. Adora ballare, cantare e saltare.[5]
  • Po (interpretata da Pui Fan Lee e in italiano da Ilaria Latini, Giulia Tarquini e Serena Clerici) è la quarta teletubby, è cantonese e sa parlare sia in inglese che in cantonese.[6] Femmina, di colore rosso, ha una antenna che termina con un cerchio. Non si separa mai dal suo monopattino blu e rosa. Adora ballare, cantare e fare le cose di testa sua.[5]

Dal reboot New Teletubbies hanno una versione baby chiamata Tiddlytubbies e loro hanno un tubbyasilo all'interno della casa.

  • Noo-Noo (pronunciato Nuu-Nuu) è un aspirapolvere blu e poi arancione che abita nella casa dei Teletubbies, da cui non esce mai. La sua principale attività è pulire continuamente l'abitazione con il suo naso/tubo con cui comunica attraverso una serie di rumori. Per mostrare le sue emozioni Noo-Noo non parla ma riesce a muovere su e giù i suoi occhi. Noo-Noo a volte, fa dei dispetti ai Teletubbies, come aspirare i loro tubbytoast o i loro giochi.
  • La voce fuori campo (voci di Tim Whitnall, Toyah Willcox e Eric Sykes, ed occasionalmente di Sandra Dickinson e Penelope Keith) che descrive o anticipa le azioni dei protagonisti. La voce italiana è quella di Mario Cordova per gli episodi a partire dalla prima stagione e la sigla iniziale e Jenny De Cesarei per il prologo e l'epilogo degli episodi a partire da New Teletubbies.
  • La bimba-Sole (interpretata dalla piccolissima Jessica Smith)[7][8] è un sole con il volto di una bimba sorridente di nove mesi all'incirca.

DoppiaggioModifica

Personaggio Serie del 1997 Serie del 2015
Attore/Attrice Voce italiana Attore/Attrice Voce italiana
Tinky-Winky Dave Thompson
Mark Heenehan
Simon Shelton
Nanni Baldini
Omar Vitelli
Federico Zanandrea
Jeremiah Krage Federico Zanandrea
Dipsy John Simmit Fabrizio Vidale
Silvio Anselmo
Luca Sandri
Nick Kellington Luca Sandri
Laa-Laa Nikky Smedley Antonella Rinaldi
Jolanda Granato
Rebecca Hyland Jolanda Granato
Po Pui Fan Lee Ilaria Latini
Giulia Tarquini
Serena Clerici
Rachelle Beinart Serena Clerici

Il set della prima serieModifica

Il set di Teletubbilandia della prima serie è nella contea inglese del Warwickshire, non lontano dalla sede della Ragdoll Productions di Stratford-upon-Avon. Esattamente si trova alle coordinate 52°07′31.72″N 1°42′12.53″W / 52.125478°N 1.703481°W52.125478; -1.703481, però ora al suo posto si trova un laghetto artificiale.[9] Il set e gli stessi Teletubbies sono molto più grandi di quanto non sembri: il costume di Tinky Winky, arriva all'altezza di circa tre metri, mentre quello di Po è circa due metri e mezzo.[9] Noo Noo (l'aspirapolvere) è abbastanza grande da contenere una persona che la pilota utilizzando uno schermo televisivo. La casa dei Teletubbies è alta circa cinque metri.[9]I conigli sono domestici di razza fiamminga e possono pesare fino a 15 kg.[9]

ControversieModifica

  • Nel febbraio 1999 Jerry Falwell, reverendo della Liberty University di Lynchburg (Virginia), denunciò la presenza di contenuti inerenti l'omosessualità nella serie[10]: le accuse furono rivolte in particolare al personaggio di Tinky Winky, criticandone la borsetta rossa e la passione per la danza.[11]
  • Analoghe proteste furono mosse da una parlamentare polacca, Ewa Sowinska, nel maggio 2007[12]: in aggiunta ai timori già espressi da Falwell circa la validità educativa del messaggio trasmesso al pubblico[13], essa avanzò l'ipotesi di un'analisi sui personaggi compiuta da psicologi infantili.[14] Tali dichiarazioni non ebbero tuttavia un seguito pratico[15], con la serie che in precedenza era stata censurata nel Paese.[13]

NoteModifica

  1. ^ Silvia Fumarola, Arrivano i Gabibbi dei piccoli, in la Repubblica, 30 giugno 1999, p. 45.
  2. ^ Arrivano i Teletubbies, in la Repubblica, 17 giugno 2000, p. 65.
  3. ^ Antonio Dipollina, Teletubbies, i cartoon che sfidano gli adulti, in la Repubblica, 20 giugno 2000, p. 53.
  4. ^ Frasi della versione italiana
  5. ^ a b c d Meet the Teletubbies, su pbs.org, Public Broadcasting Service. URL consultato il 1º novembre 2010.
  6. ^ a b Teletubbies FAQ, su pbs.org, Public Broadcasting Service. URL consultato il 1º novembre 2010.
  7. ^ Corriere della Sera, Esplora il significato del termine: Il coming out di Jessica: «Ero io la bambina-sole dei Teletubbies», su corriere.it, 23 dicembre 2014.
  8. ^ Record Breakers and Trivia : Singles : Artists : Age, su everyhit.com. URL consultato il 14 aprile 2016.
  9. ^ a b c d Behind the Scenes ... Some Technical Details, su wap.parrette.net. URL consultato il 3 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 24 luglio 2011).
  10. ^ (EN) Jerry Falwell attacks "Teletubbies", su au.org, 10 febbraio 1999.
  11. ^ (EN) "Gay Tinky-Winky bad for children", su news.bbc.co.uk, 15 febbraio 1999.
  12. ^ (EN) Poland to probe if Teletubbies are gay, su reuters.com, 28 maggio 2007.
  13. ^ a b (EN) Adam Easton, Poland targets "gay" Teletubbies, su news.bbc.co.uk, 28 maggio 2007.
  14. ^ Varsavia, no ai Teletubbies: nel cartoon propaganda gay, in la Repubblica, 29 maggio 2007, p. 50.
  15. ^ (EN) Teletubbies cleared of being "gay", su smh.com.au, 31 maggio 2007.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4562899-3
  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione