Teorema dei valori intermedi

In analisi matematica il teorema dei valori intermedi (o teorema di tutti i valori) si applica alle funzioni continue reali e assicura che l'immagine di un intervallo contenga tutti i valori compresi tra le immagini degli estremi dell'intervallo.

In [a,b], la funzione assume qualsiasi valore scelto tra f(a) e f(b)

Enunciato modifica

Sia   una funzione continua. Sia   (o viceversa  ). Allora la funzione assume tutti i valori compresi tra   e  , ovvero, per ogni   tale che   (o rispettivamente  ), esiste un punto   in   tale che  .[1] Equivalentemente: sia   una funzione continua, se  , allora   è suriettiva su   (o  . Questo teorema è fondamentale per la dimostrazione di quello della media integrale.

Dimostrazione modifica

Senza perdita di generalità (WLOG) supponiamo che   e consideriamo un valore   tale che  .

Introduciamo la funzione  , continua in  . Risulta che   e  .

Allora possiamo applicare il teorema degli zeri alla funzione  , per il quale esiste   tale che  , ossia tale che  .

Del tutto analogo è il caso in cui  .

Corollario modifica

Sia   continua sull'intervallo  . Allora l'insieme immagine   è un intervallo (le funzioni continue trasformano intervalli in intervalli).

Dimostrazione modifica

Poniamo   e   (  e/o   possono essere eventualmente infiniti). Sia c un numero reale tale che  . Per definizione di estremo inferiore, esiste un   tale che  .

In modo analogo si prova l'esistenza di un   tale che  . Per il teorema dei valori intermedi, applicato all'intervallo di estremi   e  , esiste allora un punto   in tale intervallo (e dunque in  ) tale che  . Ne concludiamo che  . Ma oltre ad  ,   può contenere solo gli estremi   e  , se questi sono finiti. In ogni caso   è un intervallo.

Necessità delle ipotesi modifica

Come si vedrà nei controesempi, queste sono le ipotesi più larghe possibili per cui vale l'enunciato stesso. Il teorema non vale se cade anche solo una delle ipotesi.

  •   non continua: si consideri   tale che   per   e   altrimenti, che non è continua in  . Il teorema non è valido, infatti non assume nessun valore intermedio tra   e  .
  • l'insieme di definizione non è un intervallo: si consideri   tale che   se   e   altrimenti. La funzione è continua nel suo dominio ma non è definita in un intervallo. Il teorema non è valido, infatti non assume nessun valore fra   e  . Tuttavia nei singoli intervalli il teorema è applicabile.

Osservazioni modifica

  • Il teorema non può essere invertito. Esistono, infatti, funzioni che rispettano la proprietà dei valori intermedi ma non sono continue. Un esempio molto semplice è fornito dalla funzione definita come   per   reale diverso da zero e come   nell'origine: tale funzione soddisfa la tesi del teorema ma è discontinua nell'origine. Un ulteriore esempio di funzione discontinua in ogni punto che rispetta però la tesi del teorema è invece la funzione base-13 di Conway.
  • Con le stesse ipotesi di continuità e di definizione in un intervallo, il teorema si può rafforzare: la funzione assume tutti i valori tra il massimo e il minimo nell'intervallo (che esistono per il teorema di Weierstrass). La dimostrazione è analoga, sostituendo i valori agli estremi dell'intervallo con il massimo e il minimo della funzione.
  • Il teorema si può inoltre generalizzare per spazi topologici. Se   è una funzione continua tra gli spazi topologici   e   di cui il primo è uno spazio connesso, allora   è uno spazio connesso. Nel caso in cui   allora l'immagine di   sarà un intervallo.

Note modifica

  1. ^ P. M. Soardi, p. 184.

Bibliografia modifica

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

  Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica