The Babe - La leggenda

film del 1992 diretto da Arthur Hiller
The Babe - La leggenda
Titolo originaleThe Babe
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1992
Durata115 min
Rapporto1,85:1
Generedrammatico
RegiaArthur Hiller
SoggettoJohn Fusco
ProduttoreArthur Hiller
FotografiaHaskell Wexler
MontaggioRobert C. Jones
Effetti specialiJohn D. Milinac
MusicheElmer Bernstein
ScenografiaJames Dowell Vance
CostumiApril Ferry
TruccoArt Anthony
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Babe - La leggenda (The Babe) è un film del 1992 diretto da Arthur Hiller.

I protagonisti sono John Goodman e Kelly McGillis.

TramaModifica

La storia inizia nel 1902 a Baltimora, nel Maryland, dove un bambino di sette anni, George Herman Ruth, detto "Babe", turbato e tanto indisciplinato, viene inviato alla St. Mary's Industrial School for Boys, un riformatorio e un orfanotrofio. "Babe" Ruth viene inviato da suo padre, George Herman Ruth Sr., che non riesce a gestire la crescita del ragazzo. A scuola, è istruito da missionari cattolici ed è preso in giro dagli altri bambini, a causa delle sue grandi dimensioni. Il fratello Matthias Boutlier, capo della Disciplina di St. Mary's, lo introduce per la prima volta nel gioco del baseball. Durante una sessione di esercitazioni in battuta, Ruth colpisce diversi imponenti fuoricampo al largo di Matthias, che sta lanciando. Il fratello Matthias e gli altri sono sbalorditi dallo straordinario potere di Ruth nel colpire la palla.

Il film passa poi al 1914. Un diciannovenne Ruth fa parte della squadra di baseball di St. Mary e il ragazzo continua ad eccellere come potente battitore e grande lanciatore. Le incredibili abilità di Ruth arrivano all'attenzione di Jack Dunn: poiché il ragazzo è minorenne, Dunn decide di adottarlo e fargli firmare un contratto con gli Baltimore Orioles. Nel mezzo della stagione del baseball del 1914, Ruth viene venduto al Boston Red Sox. Come membro dei Red Sox, Ruth inizia a guadagnare grande attenzione per le sue gare di casa e diventa popolare a Boston. Tuttavia, fa arrabbiare Harry Frazee, proprietario di Red Sox durante una festa, e dopo la stagione del 1919, Ruth chiede un aumento e una suite per i giochi su strada, quindi Frazee lo vende agli Yankees di New York per finanziare i suoi spettacoli di Broadway, che gli erano costati denaro (125.000 dollari, la stessa quantità di denaro che Frazee ha ottenuto per vendere Ruth per l'esattezza).

Ruth diventa molto popolare a New York, poiché aiuta gli Yankee a vincere le World Series nel 1923. Inoltre, in una partita, colpisce due fuoricampo per un bambino di nome Johnny Sylvester, che aveva recentemente visitato in ospedale. Tuttavia, due anni dopo, dopo aver divorziato dalla sua prima moglie, Helen Woodford, che gli rivelò di essere incorreggibile ed è per questo che i suoi genitori lo abbandonarono, Ruth iniziò a cadere in una crisi, mentre il compagno di squadra Lou Gehrig diventa noto come "Cavallo di ferro" e "L'orgoglio degli yankee". Dopo essere stato colpito da limoni durante una partita, si arrabbia e si precipita sulla panchina, urlando alla folla, che continua a colpirlo con i limoni. Prende anche una seconda moglie Claire ma anche questo diventa complicato.

Tuttavia, nel 1927, Ruth ritorna quello di prima e colpisce 60 volte un fuoricampo, battendo il suo vecchio record di 59 volte. Nel 1932, durante le World Series contro i the Cubs, nel Game 3, Ruth, durante un turno di battuta, indica il centro del campo e colpisce un'imponente fuoricampo, chiamandolo "il suo tiro" .

Nel 1934, Babe è in declino. Vuole perseguire la sua ambizione post-carriera di gestire una squadra di baseball ma il proprietario del Yankees, il colonnello Jacob Ruppert, ha altre intenzioni, lasciando il "bambino" di andare dove vuole. Con la promessa di diventare un manager, Babe firma con i Boston Braves ma la sua presenza nella squadra è più comica di ogni altra cosa. Durante una partita contro i Pittsburgh Pirates, Babe litiga con l'allenatore per una scelta tattica e, finita la discussione, si precipita nell'ufficio dirigenziale per parlare della sua posizione: qui ascolta i proprietari dei Boston e scopre che è stato ingaggiato soltanto per attrarre il pubblico e che non diventerà mai presidente. Lui risponde facendo tre fuoricampo nel gioco, quindi evita drammaticamente la stretta di mano offerta dal proprietario di congratulazioni e lascia cadere il suo cappello dei Braves sul terreno, indicando che sta lasciando la squadra.

Il film termina con Ruth a pezzi, arrancando da solo attraverso il tunnel d'ingresso. Si trova di fronte a un uomo; è Johnny, ormai cresciuto. Per il ragazzo è ancora il suo eroe e restituisce la palla firmata che gli è stata data su quello che era quasi il suo letto di morte. Ruth osserva esclamando: "Sono andato, Johnny. Sono andato". Mentre Ruth esce, Johnny gli urla: "Lei è il migliore, è il migliore di tutti i tempi".

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENno96046630
  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema