The Cloister's Touch

cortometraggio del 1910 diretto da David W. Griffith
The Cloister's Touch
Titolo originaleThe Cloister's Touch
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1910
Durata303 metri (1 rullo)
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,33 : 1
film muto
Generedrammatico
RegiaDavid W. Griffith
SceneggiaturaStanner E.V. Taylor
Casa di produzioneBiograph Company
FotografiaG.W. Bitzer, Arthur Marvin
Interpreti e personaggi

The Cloister's Touch è un cortometraggio muto del 1910 diretto da David W. Griffith. Prodotto e distribuito dalla Biograph Company, il film uscì nelle sale cinematografiche statunitensi il 31 gennaio 1910.

TramaModifica

Il duca, con la sua corte, durante una partita di caccia si ferma in una povera casa dove vive una famigliola composta dal marito, la moglie e un figlio. I cortigiani restano tutti colpiti dalla bellezza della donna e nasce in loro l'idea di portarla via con loro a corte. Il duca si trova d'accordo e la donna deve lasciare marito e figlio. A corte, il duce si innamora follemente della donna che diventa la sua favorita. Lei, sempre triste, lo prega di lasciarla andare finché lui le concede di andare a casa. Ma la casupola, quando lei arriva, è deserta: il marito si è rifugiato in un monastero, portando con sé il bambino. La donna, tornata a corte, langue senza speranza finché non muore di crepacuore. Il duca, disperato, si pente di ciò che ha fatto e decide di entrare in convento. Sceglie proprio lo stesso monastero dove si trova il marito: ambedue entrano nell'ordine diventando confratelli.

ProduzioneModifica

Il film fu prodotto dalla Biograph Company

DistribuzioneModifica

Il copyright del film, richiesto dalla Biograph Co., fu registrato il 2 febbraio 1910 con il numero J137957. Distribuito dalla Biograph Company, il film - un cortometraggio in una bobina - uscì nelle sale cinematografiche degli Stati Uniti il 31 gennaio 1910[1].

NoteModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema