Via Zamboni

Strada del centro storico di Bologna, Italia
Portici dell'Università

Via Zamboni è una strada storica del centro di Bologna, nel quartiere San Vitale, che porta dalle due Torri alla zona Universitaria fino a Porta San Donato.

Prende il nome da Luigi Zamboni (Bologna, 12 ottobre 1772 – Bologna, 18 agosto 1795), patriota e ideatore del tricolore italiano.

StoriaModifica

 
Via Zamboni durante i fatti di Bologna dell'11 marzo 1977, fotografata dalla parte delle forze dell'ordine

La via, fino alla seconda metà dell'ottocento era nota come "Strada San Donato".

Dal 1555 delimitava nel centro storico della città la sede del Ghetto di Bologna, riservato alla comunità ebraica.

ArchitettureModifica

 
Palazzo Paleotti. Casa di Aurelio Saffi, ora sede universitaria.

In via Zamboni si trovano alcuni importanti palazzi storici di Bologna[1]:

A Palazzo Poggi, sede dell'Università degli Studi di Bologna, hanno sede alcuni musei[2]:

Molte altre istituzioni si trovano in questa strada[1]:

Tra le architetture religiose invece vi sono:

Monumenti scomparsiModifica

Le piazzeModifica

Le piazze toccate da via Zamboni, dal centro alla periferia della città, sono:

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Patrizia Romagnoli, Buonasera via Zamboni: guida al quartiere universitario, 1999.
  • 6: Strada Maggiore, via Zamboni, Bologna, Santarini, 1995.
  • Eugenio Riccomini, Carmen Lorenzetti (a cura di), E via dicendo: percorsi di via Zamboni, illustrazione di Manuela Marchesan, Bologna, Editrice compositori, 1997
  • Verso il ‘77. Propaganda in via Zamboni, in “Annale dell'Istituto Antonio Gramsci Emilia-Romagna”, 2000, n. 2-3.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Bologna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Bologna