Apri il menu principale

BiografiaModifica

Di professione impiegato bancario, è sposato e ha due figlie, Giulia e Mariolina. A Casarza Ligure è stato consigliere comunale dal 1990 e poi Sindaco per due mandati dal 1995 al 2004. Consigliere regionale dal 2008 al 2010 nella giunta Burlando.

Elezione a senatoreModifica

Nel 2013 viene eletto senatore della XVII legislatura della Repubblica Italiana nella circoscrizione Liguria per il Partito Democratico diventando membro della Commissione Difesa; in seguito diventa membro anche del Comitato parlamentare Schengen, Europol e immigrazione e della Delegazione parlamentare italiana presso l'Assemblea parlamentare della NATO.

Presentate 90 firme di componenti dell'assemblea regionale del PD, nel febbraio 2017 è il candidato unico a segretario regionale del partito non essendo arrivate altre candidature,[1] venendo così eletto il 18 marzo.[2]

Alle elezioni politiche del 2018 viene rieletto senatore.

Procedimenti giudiziariModifica

Il 22 settembre 2017 gli viene notificato l'avviso di conclusione delle indagini preliminari poiché accusato di peculato in relazione a un filone del caso delle spese pazze che ha coinvolto altri consiglieri regionali liguri per quanto riguarda la legislatura 2005-2010 (lui era subentrato nel 2008).[3]

Il 2 gennaio 2019 la Corte dei Conti della Liguria, dopo una contestazione complessiva da 58 000 euro datata 14 luglio 2017,[4] condanna Vattuone e altri 9 ex consiglieri regionali del PD a risarcire il danno per spese non giustificate adeguatamente o considerate non inerenti all'attività politica in relazione ai primi 5 mesi del 2010.[5]

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica