Vivalto

Carrozza passeggeri
Carrozze FS "Vivalto"
Carrozza
Treno Vivalto composto da 6 carrozze ed una locomotiva E.464 nel settembre 2020.
Treno Vivalto composto da 6 carrozze ed una locomotiva E.464 nel settembre 2020.
Anni di progettazione 2004-2005
Anni di costruzione 2005-oggi
Anni di esercizio 2005-oggi
Quantità prodotta 1ª serie:
90 semipilota;
90 carrozze 1ª classe;
270 carrozze 2ª classe.
2ª serie:
50 semipilota;
300 carrozze 2ª classe.
Costruttore 1ª serie: Corifer
2ª serie: AnsaldoBreda
2ª serie: Hitachi Rail Italy
Lunghezza 26060 mm
Larghezza 2 725 mm
Altezza 4 300 mm
Capacità 2ª classe: 126 posti a sedere
1ª classe: 90
semipilota: 88 + 2 spazi disabile
Quota del piano di calpestio piano inferiore: 380 mm;
piano superiore: 2 325 mm;
estremità: 1 250 mm
vestiboli: 650 mm
Interperno 20 000 mm
Passo dei carrelli 2 500 mm
Massa vuoto 50 t
Velocità massima omologata 160 km/h

Vivalto è il nome attribuito a un tipo di carrozza passeggeri, esistente sia in versione rimorchiata che semipilota, prodotte per i servizi ferroviari regionali in Italia a partire dai primi anni 2000.

La prima serie, di 450 carrozze (sigla NCDP-Nuova Carrozza Doppio Piano), è entrata in servizio nel 2005, affiancando e sostituendo gradualmente le carrozze Piano Ribassato e le carrozze Due Piani "Casaralta".

Una seconda serie (sigla CDPTR-Carrozza Doppio Piano Trasporto Regionale[1]), di 350 carrozze, è entrata in servizio a partire dall'aprile 2012.[2]

Genesi del nomeModifica

Il nome Vivalto è stato scelto tramite un concorso e nasce dall'unione di Vivaldi e alto, riprendendo la tendenza, cominciata con il Minuetto, di attribuire ai treni di nuova generazione per il trasporto regionale nomi relativi al mondo della musica.

CostruzioneModifica

 
Carrozza Vivalto di prima serie in costruzione a Santhià (VC)

La prima serie è stata costruita dal Consorzio Corifer, un raggruppamento di quattro produttori italiani.

La seconda serie è stata costruita dalla AnsaldoBreda in raggruppamento con le Officine Ferroviarie Veronesi (OFV) e Magliola Antonio & Figli SpA.

Le carrozze rimorchiate della seconda serie CDPTR sono costruite presso gli stabilimenti AnsaldoBreda di Pistoia e Reggio Calabria, oltre che negli stabilimenti di Officine Ferroviarie Veronesi e Magliola. Le carrozze semipilota sono invece costruite solo negli stabilimenti di queste ultime.

Nel 2015 Trenitalia ha ordinato altre 70 carrozze Vivalto di seconda serie.[3]

Sempre nel 2015 un ulteriore contratto da 190 milioni di euro è stato assegnato a Hitachi Rail Italy, ex AnsaldoBreda, per la fornitura di altre 112 carrozze intermedie e 24 semipilota per Trenitalia[4].

CaratteristicheModifica

Il Vivalto appartiene alla nuova generazione di veicoli creati già alla nascita con la livrea XMPR unificata; è destinato all'utilizzo con motrici E.464 (che sono l'unica tipologia di locomotiva in grado di essere telecomandata dalla carrozza semipilota Vivalto), di cui la carrozza semipilota riprende la forma del musetto. Inizialmente alcune motrici E.464 erano state pellicolate in una livrea specifica bianca e verde, in tinta con il resto del mezzo. La pellicolatura speciale bianca e verde è stata in seguito abbandonata per ridurre i costi. A partire dal 2014, le carrozze Vivalto di Trenitalia cominciano a ricevere la nuova livrea DPR dedicata ai servizi regionali, basata su due tonalità di grigio, giallo e blu. Le carrozze Vivalto passate alla società lombarda Trenord hanno invece assunto la livrea tipica di tale società, bianca e verde.

Le carrozze Vivalto sono normalmente impiegate in convogli a composizione bloccata, composti da una locomotiva E.464, da carrozze intermedie rimorchiate in numero variabile da 3 a 7 e da una carrozza semipilota, che può essere sostituita da una seconda locomotiva E.464 utilizzata in doppia trazione simmetrica; per estensione viene chiamato Vivalto l'intero convoglio. Le carrozze semipilota sono attrezzate per la fruizione da parte di disabili anche senza l'assistenza di mezzi in stazione: sulla semipilota sono presenti anche un ampio vano bagagli, portascì e porta biciclette.

Servizi a bordoModifica

 
Treno Vivalto in nuova livrea in arrivo nella Stazione di Valle Aurelia. Notare la carrozza semipilota

Il Vivalto è un rotabile ad alta tecnologia, fornito di dotazioni utilizzate per la prima volta su un treno italiano. L'informazione ai passeggeri è realizzata tramite audiodiffusione e monitor LCD visibili da ogni punto del treno, in grado, oltre che di visualizzare le informazioni di viaggio (temperatura esterna e interna, velocità, ritardo e stato dei servizi igienici), di ricevere e riprodurre anche programmi televisivi per l'On-Board Entertainment. Dal punto di vista della sicurezza, tutti i treni Vivalto sono provvisti di un capillare sistema di telecamere di videosorveglianza interne a circuito chiuso e di un impianto anti-incendio automatico con rilevatori di fumo.[senza fonte]

I sedili sono disposti frontalmente nella classica configurazione 4x4 vis-a-vis nel piano superiore; nel piano inferiore invece solo i sedili alle estremità sono frontali, mentre gli altri sono tutti rivolti in una direzione su uno dei lati del corridoio centrale e nella direzione opposta sull'altro lato. Le postazioni passeggeri sono tutte dotate di presa elettrica; i sedili alle estremità dei piani superiori e tutti quelli dei piani inferiori sono provvisti anche di tavolini[5]. Si tratta di soluzioni già presenti sul precedente Minuetto[6].

La prima serie NCDP prevede sia carrozze di prima che di seconda classe, differenziate per l'ampiezza degli spazi e per la colorazione originaria dei sedili in tessuto, blu in seconda classe e rossi in prima.[5]

 
Interni di una carrozza Vivalto
(2ª classe - piano inferiore).
 
Interni di una carrozza Vivalto
(2ª classe - piano superiore).

La seconda serie CDPTR, per le carrozze di Trenitalia, prevede invece solo carrozze di seconda classe, equipaggiate con sedili rivestiti in ecopelle blu, mentre Trenord, su alcune delle sue vetture di seconda serie, ha scelto di mantenere anche la prima classe (ponendola nel pianale ribassato), con sedili di colore grigio.

Entrambe le serie di Vivalto sono dotate di pavimenti montati su strutture antivibranti di nuova concezione, carrelli con ammortizzatori ad aria compressa molto efficienti e porte d'accesso di notevoli dimensioni equipaggiate con un gradino estraibile per facilitare la salita e la discesa e poste in posizione ribassata, a filo delle banchine. La seconda serie CDPTR è inoltre equipaggiata con impianto di illuminazione interna realizzato utilizzando la tecnologia LED.[senza fonte]

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Klimat-Fer – HVAC Air-Conditioning Systems for the Railway Industry, su railway-technology.com.
  2. ^ Al via altri 1 250 milioni di investimenti per i pendolari: alle Regioni i primi nuovi treni, FSNews.
  3. ^ Nuovo ordine Trenitalia per 70 carrozze Vivalto, iltirreno.gelocal.it, 2 aprile 2015. URL consultato l'11 ottobre 2015.
  4. ^ Ferrovie.it - Hitachi Rail Italy: nuove carrozze per Trenitalia, su Ferrovie.it. URL consultato il 9 dicembre 2015.
  5. ^ a b Evaristo Principe, Treni italiani con carrozze a due piani, Vicenza, Editrice Veneta, ISBN 978-88-8449-549-5.
  6. ^ David Campione, Arriva il Minuetto!, su ferrovie.it.

BibliografiaModifica

  • Le carrozze Vivalto, in I Treni, n. 378, febbraio 2015, pp. 15-23.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti