Apri il menu principale

BiografiaModifica

Nato a Boston, nel Massachusetts, crebbe in una famiglia di attori, insieme ai due fratelli, Dustin e Marshall.

Fece il suo debutto di attore all'età di dieci anni a Richmond, in una produzione teatrale del Giulio Cesare, con protagonista Edwin Booth. Il suo più grande successo fu come protagonista in Ben-Hur nel 1900, dove rimpiazzò Edward Morgan, che aveva portato in scena il lavoro teatrale nel 1899. Più tardi, Farnum apparve in una serie di commedie e drammi insieme a Viola Allen, al fratello Dustin e a fianco della piccola Mary Miles Minter che, all'epoca, aveva nove anni.

Dal 1915 al 1925, Farnum si dedicò completamente al cinema, diventando uno dei più importanti divi di Hollywood, fatto che lo fece diventare anche uno degli attori più pagati, con uno stipendio di diecimila dollari la settimana. Di questi anni, restano un paio di pellicole, prodotte dalla Fox: il western Drag Harlan e la ricostruzione storica di Un vagabondo alla corte di Francia (ambedue del 1920).

Vita privataModifica

Farnum si sposò tre volte: la prima con l'attrice Mabel Eaton da cui divorziò, poi con Olive Thomas (1906-1931)[1]. La terza con Isabelle Major (1932-?).

RiconoscimentiModifica

William Farnum ha una stella sulla Hollywood Walk of Fame.

Galleria di immagini: I filmModifica

FilmografiaModifica

AttoreModifica

1914Modifica

1915Modifica

1916Modifica

1917Modifica

1918Modifica

1919Modifica

1920Modifica

1921Modifica

1922Modifica

1923Modifica

1924Modifica

1928Modifica

1930Modifica

1931Modifica

1932Modifica

1933Modifica

1934Modifica

1935Modifica

1936Modifica

1937Modifica

1938Modifica

1939Modifica

1940Modifica

1941Modifica

1942Modifica

1943Modifica

1944Modifica

1945Modifica

1946Modifica

1947Modifica

1949Modifica

Anni cinquantaModifica

  • The Philco Television Playhouse

Film o documentari dove appare William FarnumModifica

Doppiatori italianiModifica

NoteModifica

  1. ^ Da non confondere con l'attrice omonima

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN19943341 · ISNI (EN0000 0000 3053 4469 · LCCN (ENn87847725 · BNF (FRcb14678717s (data) · WorldCat Identities (ENn87-847725