Zone extraterritoriali della Santa Sede in Italia

proprietà dello Stato del Vaticano in territorio italiano

Le zone extraterritoriali della Santa Sede in Italia sono aree di extraterritorialità che si trovano principalmente a Roma ed altri luoghi della provincia di Roma.

A parte il Pontificio Seminario Romano Minore, tutti i territori nella città di Roma sono stati dichiarati patrimonio dell'umanità dall'UNESCO.

Le zone si trovano sul suolo italiano: la sovranità territoriale è stata concordata in occasione della firma dei Patti Lateranensi (11 febbraio 1929); con la risoluzione della Questione romana, per decisione del Governo italiano, questi luoghi sono trattati secondo le regole del diritto internazionale alla stregua di ambasciate di Paesi stranieri. La superficie complessiva di tali immobili è di circa 700 000 m².[1]

Città di RomaModifica

Proprietà extraterritoriali nella città di Roma, al di fuori della Città del Vaticano:[1]

Città metropolitana di RomaModifica

 
Zona extraterritoriale di Castel Gandolfo - 1 Palazzo Apostolico - 2 Giardino della villa Cybo - 3 Villa Barberini con giardini adiacenti, sede estiva del Pontificio Collegio Urbano di Propaganda Fide e azienda agricola pontificia - 4 Oliveto ex Bacelli - 5 Collegiata di San Tommaso e adiacente casa parrocchiale

Proprietà extraterritoriali nel resto della provincia di Roma:[1]

Proprietà non extraterritorialiModifica

Città di RomaModifica

Resto d'ItaliaModifica

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica