Đ

lettera del latino medioevale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la lettera Ð (eth), graficamente molto simile, vedi Ð.
Latin alphabet Đđ.svg

Đ (in minuscolo đ) è una lettera derivata dall'alfabeto latino, costituita da una D con l'aggiunta di una barra orizzontale che la taglia. La lettera non va confusa con la Ð (eth, in minuscolo ð) che è una variante insulare del simbolo đ.

La Đ veniva impiegata nel latino medioevale per indicare l'abbreviazione di parole contenenti la lettera D, ed è attualmente utilizzata in numerosi alfabeti, tra cui quello croato, nel quale fu introdotta da Đuro Daničić nel XIX secolo.

Viene anche utilizzata come simbolo fonetico in linguistica.

Note di scritturaModifica

In minuscolo, la đ viene solitamente scritta con la barra orizzontale posizionata nella parte superiore della stanga (tratto ascendente); quando è usata come simbolo fonetico, tuttavia, è di norma preferibile una variante alternativa con la barra tracciata attraverso il cerchietto inferiore della d[1]. Questa forma è anche quella principalmente trovata nell'ortografia di alcune lingue africane[2].

Similmente, in maiuscolo la Đ viene di norma tracciata con la barra che incrocia unicamente la stanga a sinistra, sebbene in alcune lingue africane ed in vietnamita essa attraversi l'intera lettera.

UtilizzoModifica

 
La definizione di Đ nel Dictioniarum Annamiticum di Alexandre de Rhodes, vocabolario Vietnamita-Portoghese-Latino

Lingue latineModifica

Nel latino medioevale la Đ veniva utilizzata come simbolo grafico per indicare un'abbreviazione all'interno di parole contenenti la lettera d. Ad esempio, hđum poteva essere utilizzato come abbreviazione per heredum. È usato nella Grafia Veneta Unitaria per scrivere in lingue venete.

Lingua vietnamitaModifica

In vietnamita, la Đ è usata per rappresentare l'emissione simultanea del suono D e di un colpo di glottide (IPA: [ʔd]). È considerata a tutti gli effetti una lettera a sé stante, e posizionata fra la D e la E nell'alfabeto vietnamita.

Lingue germanicheModifica

La Đ venne introdotta nell'alfabeto inglese e norreno. Oggi si conserva solo in quello islandese e faroese.

Lingue slaveModifica

La Đ venne introdotta nell'alfabeto croato a partire dal XIX secolo, per opera del linguista e filologo Đuro Daničić. A partire da questa data, il lessema iniziò ad essere utilizzato nelle trascrizioni latine del cirillico, prima in serbo e successivamente in macedone, per rappresentare la affricata alveopalatale sonora (IPA: /dʑ/). Nel contesto delle lingue slave, viene spesso traslitterata in italiano come dj, dato che il suono che esprime è simile: ad esempio Međugorje/Medjugorje.

L'equivalente di Đ nell'alfabeto cirillico è Ђ ђ in serbo e montenegrino, mentre in macedone il suo parziale equivalente è Ѓ ѓ (in alcune regioni della Macedonia il suono /dʑ/ non viene usato nel parlato).

Lingua samiModifica

In sami settentrionale e sami skolt la Đ è usata per rappresentare una fricativa dentale sonora (IPA: /ð/, come la pronuncia inglese di th in this). È considerata una lettera a sé stante, posizionata fra D e E nell'ordine alfabetico.

NoteModifica

Altri progettiModifica

  Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica