A-League Men

Massimo livello professionistico di calcio australiano
(Reindirizzamento da A-League)
A-League Men
A-League text logo.svg
SportFootball pictogram.svg Calcio
TipoClub
PaeseAustralia Australia
Nuova Zelanda Nuova Zelanda
OrganizzatoreFFA
TitoloCampione d'Australia
Aperturaottobre[1]
Partecipanti12
FormulaOgni squadra incontra gli avversari tre volte
Sito InternetA-League
Storia
Fondazione2004
DetentoreMelbourne City
Record vittorieSydney FC (5)
Ultima edizioneA-League 2020-2021
Edizione in corsoA-League Men 2021-2022
A-League Trophy.svg
Trofeo o riconoscimento

La A-League Men, conosciuta anche come Isuzu UTE A-League Men per motivi di sponsorizzazione, è il massimo livello professionistico del campionato australiano di calcio.

La denominazione è in uso dal 2004 quando la A-League ha sostituito la vecchia National Soccer League, fondata nel 1977. Vi partecipano 12 squadre, di cui una proveniente dalla Nuova Zelanda.

Il club più titolato è il Sydney FC con cinque titoli vinti.

FormulaModifica

Dalla stagione 2020-2021 che vede partecipare 12 squadre, i club si affrontano a turno per tre volte per un totale di 33 partite. Per ogni partita sono assegnati tre punti alla squadra vincitrice dell'incontro e zero a quella sconfitta. In caso di pareggio è assegnato un punto a entrambe.

Nel caso in cui due o più squadre finiscano la stagione a parità di punti, sono applicati i seguenti criteri:

Le prime sei squadre nella regular season vengono ammesse alle finals series. Le squadre dal terzo al sesto posto accedono ai play-off: le vincenti sfidano in semifinale la prima e la seconda classificata. Infine si gioca la finalissima che decreta la squadra campione d'Australia[2].

In base al Ranking AFC stilato annualmente dall'IFFHS, le posizioni in classifica alla fine del campionato determinano la qualificazione alla AFC Champions League per l'anno successivo. Il campionato di A-League si trova al momento al decimo posto del Ranking AFC. La prima squadra accede direttamente ai gironi di Champions League, mentre la seconda classificata si qualifica al turno di play-off della medesima competizione.

Il numero di squadre partecipanti è stato cambiato più volte nel corso della storia della A-League:

  • 2005-2009: 8 squadre
  • 2009-2010: 10 squadre
  • 2010-2011: 11 squadre
  • 2011-2019: 10 squadre
  • 2019-2020: 11 squadre
  • 2020- : 12 squadre

StoriaModifica

Il 26 agosto 2005 si giocò la prima partita della stagione inaugurale della Hyundai A-League.

Nel mese di ottobre 2003, Frank Lowy, presidente della Football Federation Australia (o Australian Soccer Association come era chiamata allora), annunciò che si sarebbe formata una nuova competizione nazionale.

La National Soccer League (NSL) fu la prima competizione di calcio australiana quando cominciò nel 1977, ma era evidente che aveva bisogno di una notevole ristrutturazione.

Il signor Lowy, uno dei pionieri della competizione chiamata NSL, con l'ex chairman di Sydney, Andrew Kemeny, considerò una serie di questioni, tra cui la struttura, il suo nome, i criteri per i club partecipanti, stagione di competizione (estate/inverno) ed una fascia oraria per la realizzazione.

Nel dicembre 2003, ebbe inizio il processo di messa a punto per la struttura della nuova competizione nazionale.

Dopo quattro mesi di progettazione, la struttura per la nuova competizione nazionale finalmente fu rivelata da Lowy e dall'allora amministratore delegato della FFA, John O'Neill. Otto squadre avrebbero fatto parte di questa nuova competizione nazionale, con una squadra dalle città di Sydney, Melbourne, Brisbane, Adelaide, Perth, Newcastle, più una squadra in Nuova Zelanda. La data di inizio della competizione fu fissata ad agosto 2005.

Il 1º novembre 2004, otto franchigie si aggiudicarono un posto per quella che sarebbe stata nota come Hyundai A-League: Adelaide United, Central Coast Mariners, Melbourne Victory, Newcastle Jets, New Zealand Knights (nel frattempo sostituito dal Wellington Phoenix), Perth Glory, Queensland Roar e Sydney FC.

Con Fox Sports come emittente ufficiale, la Hyundai A-League già aveva realizzato quello che il suo predecessore non era riuscito a fare nei suoi anni.

Il primo giocatore della Hyundai A-League fu l'ex attaccante dei Wollongong Wolves Stuart Young che firmò con il Perth Glory.

Alcuni critici ritennero che la Hyundai A-League avrebbe avuto difficoltà ad attirare giocatori e allenatori dall'estero a causa dei severi criteri sui club, questo chiaramente non si materializzò e la credibilità della competizione fu assicurata.

Una serie di grandi nomi integrarono la nuova competizione, in cima alla lista l'ex attaccante del Manchester United Dwight Yorke. Sul fronte allenatori, l'ex stella tedesca Pierre Littbarski al Sydney FC e l'ex nazionale inglese Steve McMahon al Perth Glory.

Tra i giocatori australiani di ritorno dall'estero, la lega incluse: Ned Zelić, Kevin Muscat, Archie Thompson, David Zdrilić, Steve Corica, Alex Brosque e Richard Johnson.

La stagione inaugurale fu un successo notevole, la Grand Final fu vinta dal Sydney FC 1-0 sui Central Coast Mariners.

Il pubblico superò le aspettative, con oltre un milione di spettatori durante la stagione ad una media di 11 627 a partita.

Tale fu il successo della stagione inaugurale che Fox Sports si affrettò a negoziare un nuovo contratto di sette anni offrendo la stabilità finanziaria per la competizione ed in particolare per i club.

Accoppiato col successo dei Socceroos alla Coppa del Mondo 2006, dove giunsero agli ottavi di finale, prima di inchinarsi ai campioni dell'Italia, il profilo dello sport non è stato mai più alto.

Il successo di quella prima stagione continuò, con le medie di spettatori in continuo aumento, canali TV e la copertura mediatica raggiunsero livelli senza precedenti.

La competizione compì un altro passo avanti nella stagione 2009-10 con l'espansione a 10 squadre per includere Gold Coast United e N. Queensland Fury, che si assicurò l'ex attaccante del Liverpool Robbie Fowler per la sua stagione inaugurale.

La Hyundai A-League ebbe il suo primo vero derby nella stagione 2010-11, con l'ingresso del Melbourne Heart. Il North Queensland Fury fu costretto a chiudere alla fine della stagione. Ma la competizione rimase forte come mai, con il Brisbane Roar che segnò un record con un parziale di 32 partite di imbattibilità.

Il 20 maggio 2015 la federazione australiana annuncia di aver revocato ai Newcastle Jets la licenza per disputare il campionato, per insolvenze economiche da parte della società, e che verrà individuata una nuova squadra che ne prenderà il posto a partire dalla stagione 2015-2016[3]. Il 21 maggio 2015 la federazione australiana ha annunciato che una nuova squadra rappresentante la città di Newcastle e avente lo stesso nome, lo stesso logo e gli stessi colori avrebbe partecipato alla A-League 2015-2016[4].

Nel febbraio 2018, è stato annunciato che sarebbero state aggiunte 2 nuove squadre a partire dalla stagione 2019-2020.[5] Nell'aprile del 2019, la lega ha annunciato che le due squadre aggiunte sarebbero state il Western United FC, che avrebbe partecipato dalla stagione 2019-2020, ed il Macarthur FC a partire invece dalla stagione 2020-2021.[6]

Il 29 settembre 2021, viene annunciato il cambio di denominazione del campionato da A-League a A-League Men[7].

Squadre della A-League MenModifica


AttualiModifica

Club Città Stato/Regione Stadio Capacità Prima stagione
Adelaide Utd Adelaide   Austalia Meridionale Hindmarsh Stadium 16.500 2005-2006
Brisbane Roar Brisbane   Queensland Moreton Daily Stadium 11.500 2005-2006
C.C. Mariners Gosford   Nuovo Galles del Sud Central Coast Stadium 20.059 2005-2006
Macarthur FC Campbelltown   Nuovo Galles del Sud Campbelltown Stadium 20.000 2020-2021
Melbourne City Melbourne   Victoria Melbourne Rectangular Stadium 30.050 2010-2011
Melbourne Victory Melbourne   Victoria Melbourne Rectangular Stadium
Docklands Stadium
30.050
56.347
2005-2006
Newcastle Jets Newcastle   Nuovo Galles del Sud Newcastle International Sports Centre 33.000 2005-2006
Perth Glory Perth   Australia Occidentale Perth Oval 20.500 2005-2006
Sydney FC Sydney   Nuovo Galles del Sud Jubilee Oval
Leichhardt Oval
20.505
20.000
2005-2006
Wellington Phoenix Wellington   Wellington Wellington Regional Stadium 34.500 2007-2008
Western Sydney W. Sydney   Nuovo Galles del Sud Western Sydney Stadium 30.000 2012-2013
Western United FC Melbourne   Victoria Kardinia Park
Eureka Stadium
36.000
11.500
2019-2020

Non più presentiModifica

Club Città Stato/Regione Stadio Capacità Prima stagione Ultima stagione Motivo
Gold Coast United Gold Coast   Queensland Robina Stadium 27.400 2009-2010 2011-2012 Licenza revocata
NZL Knights Auckland   Auckland North Harbour Stadium 25.000 2005-2006 2006-2007 Licenza revocata
N. Queensland Fury Townsville   Queensland Willows Sports Complex 26.500 2009-2010 2010-2011 Licenza revocata

Partecipazioni per clubModifica

Aggiornato al campionato 2020-21

Albo d'oroModifica

Stagione Campione Risultato Finalista Sede della finale Premier's Plate
2005-2006
Dettagli
Sydney FC 1-0 C.C. Mariners Sydney Football Stadium (Sydney) Adelaide Utd
2006-2007
Dettagli
Melbourne Victory 6-0 Adelaide Utd Docklands Stadium (Melbourne) Melbourne Victory
2007-2008
Dettagli
Newcastle Jets 1-0 C.C. Mariners Sydney Football Stadium (Sydney) C.C. Mariners
2008-2009
Dettagli
Melbourne Victory 1-0 Adelaide Utd Docklands Stadium (Melbourne) Melbourne Victory
2009-2010
Dettagli
Sydney FC 1-1
(4-2 dtr)
Melbourne Victory Docklands Stadium (Melbourne) Sydney FC
2010-2011
Dettagli
Brisbane Roar 1-1
(4-2 dtr)
C.C. Mariners Lang Park (Brisbane) Brisbane Roar
2011-2012
Dettagli
Brisbane Roar 2-1 Perth Glory Lang Park (Brisbane) C.C. Mariners
2012-2013
Dettagli
C.C. Mariners 2-0 Western Sydney W. Sydney Football Stadium (Sydney) Western Sydney W.
2013-2014
Dettagli
Brisbane Roar 2-1 (dts) Western Sydney W. Lang Park (Brisbane) Brisbane Roar
2014-2015
Dettagli
Melbourne Victory 3-0 Sydney FC Melbourne Rectangular Stadium (Melbourne) Melbourne Victory
2015-2016
Dettagli
Adelaide Utd 3-1 Western Sydney W. Adelaide Oval (Adelaide) Adelaide Utd
2016-2017
Dettagli
Sydney FC 1-1
(4-2 dtr)
Melbourne Victory Sydney Football Stadium (Sydney) Sydney FC
2017-2018
Dettagli
Melbourne Victory 1-0 Newcastle Jets Newcastle International Sports Centre (Newcastle) Sydney FC
2018-2019
Dettagli
Sydney FC 0-0
(4-1 dtr)
Perth Glory Perth Stadium (Perth) Perth Glory
2019-2020
Dettagli
Sydney FC 1-0 (dts) Melbourne City Western Sydney Stadium (Sydney) Sydney FC
2020-2021
Dettagli
Melbourne City 3-1 Sydney FC Melbourne Rectangular Stadium (Melbourne) Melbourne City

Titoli per squadraModifica

Squadra Titoli Anni
Sydney FC 5 2005-2006, 2009-2010, 2016-2017, 2018-2019, 2019-2020
Melbourne Victory 4 2006-2007, 2008-2009, 2014-2015, 2017-2018
Brisbane Roar 3 2010-2011, 2011-2012, 2013-2014
Newcastle Jets 1 2007-2008
C.C. Mariners 1 2012-2013
Adelaide Utd 1 2015-2016
Melbourne City 1 2020-2021

Statistiche e record della A-League MenModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Statistiche della A-League.

Diritti TVModifica

A partire dalla stagione inaugurale le partite di A-League Men vengono trasmesse sulla pay-tv, sui canali di Fox Sports, che esclusivamente ne detiene i diritti. Le partite e gli highlights pertanto non possono essere mandati in onda sui canali gratuiti, fatto che ha creato grande scontento nel Paese in quanto non permette agli australiani sprovvisti di pay-tv di vedere il calcio in televisione. Nelle stagioni 2012-2013 e 2013-2014 le partite della franchigia del Sydney FC sono state trasmesse anche in Italia sulla piattaforma a pagamento Mediaset Premium. Attualmente alcune delle partite della A-League vengono trasmesse in chiaro su Sportitalia.

NoteModifica

  1. ^ agosto fino alla stagione 2010-2011
  2. ^ Australia, ecco come funziona l'A-League nel segno di Alex Archiviato l'8 settembre 2012 in Internet Archive. sport.sky.it
  3. ^ (EN) FFA terminates licence of Newcastle Jets, FFA, 20 maggio 2015. URL consultato il 23 maggio 2015.
  4. ^ (EN) A letter from FFA CEO, Mr David Gallop, FFA.
  5. ^ (EN) Dominic Bossi, FFA announce A-League expansion to 12 teams but clubs are wary of 'smokescreen', su The Sydney Morning Herald, 16 febbraio 2018. URL consultato il 16 maggio 2019.
  6. ^ (EN) A-League expanding with teams from western Melbourne, south-west Sydney, su ABC News, 13 dicembre 2018. URL consultato il 16 maggio 2019.
  7. ^ (EN) A-Leagues revealed as new identity for Australian football, su A-League, 30 settembre 2021. URL consultato il 30 settembre 2021.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica


  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio