Apri il menu principale

Nazionale di calcio dell'Australia

nazionale maschile di calcio dell'Australia
Australia Australia
Campione d'Asia in carica Campione d'Asia in carica
FootballFederationAustralia logo.svg
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Sport Football pictogram.svg Calcio
Federazione FFA
Football Federation Australia
Confederazione AFC
Codice FIFA AUS
Soprannome Socceroos
Selezionatore Australia Graham Arnold
Record presenze Mark Schwarzer (109)
Capocannoniere Tim Cahill (50)
Ranking FIFA 42° (25 ottobre 2018)[1]
Esordio internazionale
Nuova Zelanda Nuova Zelanda 3 - 1 Australia Australia
Dunedin, Nuova Zelanda; 17 giugno 1922
Migliore vittoria
Australia Australia 31 - 0[2] Samoa Americane Samoa Americane
Coffs Harbour, Australia; 11 aprile 2001
Peggiore sconfitta
Australia Australia 0 - 8 Sudafrica Sudafrica
Adelaide, Australia; 17 settembre 1955
Campionato del mondo
Partecipazioni 5 (esordio: 1974)
Miglior risultato Ottavi di finale nel 2006
Coppa d'Oceania
Partecipazioni 6 (esordio: 1980)
Miglior risultato Oro Campioni nel 1980, 1996, 2000, 2004
Coppa d'Asia
Partecipazioni 3 (esordio: 2007)
Miglior risultato Oro Campioni nel 2015
Confederations Cup
Partecipazioni 4 (esordio: 1997)
Miglior risultato Argento Secondo posto nel 1997

La nazionale di calcio dell'Australia è la squadra nazionale di calcio dell'Australia ed è posta sotto la giurisdizione della Football Federation Australia (nota come Australian Soccer Association fino al 2005). Dal 1º gennaio 2006 è affiliata all'Asian Football Confederation (AFC), mentre in precedenza lo era all'Oceania Football Confederation (OFC).

Con la vittoria della Coppa d'Asia 2015, l'Australia è diventata la quarta nazionale al mondo, dopo le selezioni di Costa Rica, Messico ed Haiti, ad aver vinto il titolo continentale di due confederazioni diverse (AFC e OFC), nello specifico la Coppa d'Asia e la Coppa d'Oceania. È anche l'unica nazionale al mondo ad aver rappresentato due confederazioni diverse (AFC e OFC) nel Campionato mondiale di calcio, a cui ha preso parte nel 1974, 2006, 2010, 2014 e 2018, raggiungendo gli ottavi di finale nel 2006, e nella Confederations Cup, a cui ha preso parte nel 1997, 2001, 2005 e 2017, ottenendo quale miglior risultato il secondo posto alla prima partecipazione, nel 1997, quando perse la finale con il Brasile.

I giocatori ed i tifosi della nazionale australiana sono soprannominati Socceroos, termine derivante dalla fusione delle parole soccer (in italiano calcio) e kangaroos (in italiano canguri).

Nella classifica mondiale della FIFA, istituita nell'agosto 1993, l'Australia vanta quale miglior posizionamento il 21° posto del luglio 2009, mentre il peggiore piazzamento è il 100° posto del luglio 2014. Occupa attualmente la 42ª posizione della graduatoria[1].

Indice

StoriaModifica

La nazionale australiana giocò le sue prime partite in un tour svoltosi in Nuova Zelanda nel 1922, nel corso del quale l'Australia ottenne due sconfitte e un pareggio. Nei 25 anni successivi al torneo Australia, Nuova Zelanda, Cina e Sudafrica ebbero l'occasione di affrontarsi molte volte in partite amichevoli. Con la diminuzione del costo dei viaggi aerei l'Australia poté ampliare la lista dei suoi avversari, anche se, ad ogni modo, il suo isolamento geografico avrebbe continuato a giocare un ruolo fondamentale per lungo tempo.

Primi tentativi di qualificazione ai mondialiModifica

La squadra riuscì a qualificarsi per la prima volta al mondiale in occasione del campionato del mondo 1974. Dopo 32 anni di tentativi falliti, riuscì nuovamente nell'impresa nel 2005, conseguendo ai play-off contro l'Uruguay la qualificazione per il campionato del mondo 2006. Tali difficoltà per l'Australia erano dovute anche a quanto era previsto dai regolamenti della FIFA, in base ai quali avrebbe dovuto affrontare una lunga serie di partite per cercare di ottenere la qualificazione al mondiale.

Avversari scomodiModifica

Il primo tentativo di qualificazione dell'Australia ai mondiali risale al 1965, in vista di Inghilterra 1966. L'anno precedente, in virtù della decisione della FIFA di assegnare qualche posto alle nazionali non europee e non sudamericane, l'Australia avrebbe dovuto disputare i play-off contro la Corea del Nord, tuttavia fino a quel momento la Corea del Nord era una entità politica non riconosciuta da molte nazioni, inclusa l'Inghilterra. Quindi il match si disputò in campo neutro in Cambogia e nel doppio confronto i nordcoreani si imposero nettamente: 6-1 il 21 novembre 1965 e 3-1 tre giorni dopo.[3]

Le successive qualificazioni per le coppe del mondo del 1970, 1978, 1982 e 1986 videro l'Australia disputare delle gare contro nazioni isolate politicamente (cioè paesi non allineati). Gli avversari, tra gli altri, furono Israele (le nazioni arabe, più vicine geograficamente, si rifiutarono di giocare), Taiwan (che non era riconosciuta ufficialmente dalla Cina), l'Iran (in cui c'era appena stata una rivoluzione) e la Nuova Zelanda. In ogni caso, il vincitore di questi "tornei preliminari" doveva sempre affrontare in uno spareggio una o due squadre più forti, dall'Europa o dal Sudamerica.

Le proteste dell'Australian Soccer Federation e i tentativi di unirsi alla confederazione asiatica furono respinti. Comunque, il percorso di qualificazione fu semplificato dal 1990, in cui la federazione calcistica dell'Oceania ebbe diritto a 0,5 posti.

Tentativi di qualificazione ai Mondiali (1994-2005)Modifica

La strada dell'Australia verso USA '94 costituì un esempio del difficile percorso di qualificazione che doveva compiere una nazionale proveniente dall'Oceania Football Confederation. Per qualificarsi al mondiale l'Australia dovette, infatti, passare attraverso tre gironi, il primo dei quali fu il girone dell'Oceania. L'Australia chiuse in testa il gruppo 1 vincendo quattro gare contro Tahiti e le Isole Salomone, con 13 reti segnate. Quindi giocò contro la Nuova Zelanda nello spareggio del gruppo oceaniano: la gara di andata fu giocata in Nuova Zelanda il 30 maggio 1993 e fu vinta per 1-0 dall'Australia, che si ripeté con un 3-0 nella partita di ritorno e superò quindi il turno con il punteggio complessivo di 4-0. Avendo vinto lo spareggio, l'Australia dovette affrontare un doppio incontro contro il Canada, seconda classificata del terzo turno delle qualificazioni della zona CONCACAF. La partita di andata fu giocata in Canada il 31 luglio 1993 e vide la vittoria del Canada per 2-1, mentre nel ritorno, giocato a Sydney il 15 agosto, l'Australia vinse per 2-1, portando così la sfida ai tempi supplementari, nel corso dei quali il punteggio non si sbloccò. Si andò ai tiri di rigore, che furono vinti dall'Australia con il risultato di 4-1. Vincendo l'incontro la nazionale australiana si era così qualificata per lo spareggio contro la quinta classificata del girone della CONMEBOL, l'Argentina. L'andata, disputata a Sydney il 31 ottobre 1993, finì 1-1, mentre la gara di ritorno, disputatasi il 17 novembre, fu vinta per 1-0 dall'Argentina, che riuscì così a conseguire un posto alla coppa del mondo del 1994 negli Stati Uniti.

 
Frank Farina, alla guida della nazionale australiana dal 1999 al 2005

Nel novembre 1997, dopo aver vinto il girone di qualificazione dell'Oceania, l'Australia affrontò l'Iran in due partite, il vincitore delle quali si sarebbe guadagnato un posto alla fase finale dei mondiali di Francia 1998. L'Australia, allenata dall'inglese Terry Venables, riuscì a pareggiare 1-1 in trasferta la gara d'andata contro l'Iran così da dare l'impressione di poter conseguire con maggiore probabilità rispetto agli avversari l'obiettivo della qualificazione ai mondiali. Ciononostante, nella gara di ritorno disputatasi a Melbourne l'Iran riuscì a pareggiare con il punteggio 2-2 nei minuti finali dell'incontro e riuscì così a superare il turno, decisivo per la qualificazione ai mondiali, grazie alla regola dei gol fuori casa.

Nel 2001 l'Australia, nonostante non avesse avuto la possibilità di giocare con la formazione titolare, vinse comunque con facilità il girone di qualificazione della confederazione oceaniana. Tra i vari risultati si può ricordare una partita vinta con il risultato di 22-0 contro Tonga e un'altra vinta con il risultato record di 31-0 contro le Samoa Americane.[4] Nonostante la mancanza di due giocatori fondamentali per la squadra oceaniana, Harry Kewell e Mark Viduka, l'Australia riuscì a vincere contro la Nuova Zelanda lo spareggio della zona OFC. Per accedere alla fase finale del mondiale 2002 dovette affrontare e vincere uno spareggio con la quinta classificata del girone di qualificazione sudamericano, l'Uruguay. Nella partita di andata a Melbourne l'Australia vinse per 1-0 grazie a un gol su rigore di Kevin Muscat, ma non riuscì a qualificarsi ai mondiali poiché perse per 3-0 la partita di ritorno a Montevideo.

Dopo questi mondiali la FIFA decise che, per accedere alla fase finale del torneo, la prima classificata delle qualificazioni oceaniane non avrebbe più dovuto disputare lo spareggio con la quinta del girone sudamericano. Qualche mese dopo, però, il massimo organo calcistico fece marcia indietro e questo causò non poche polemiche, anche a causa delle pressioni esercitate dalla federazione sudamericana, la CONMEBOL, che difatti si dimostrò (com'era immaginabile) molto soddisfatta di ciò.

Nonostante i deludenti risultati conseguiti ai mondiali o alle qualificazioni, l'Australia riuscì, nel corso di amichevoli o in altre competizioni, a ottenere buoni risultati contro forti squadre europee e sudamericane con vittorie nella Confederations Cup 2001 contro Francia e Brasile. L'Australia pareggiò inoltre con la Francia per 1-1 a Melbourne nel novembre 2001, mentre nel 2003 vinse per 3-1 a Londra un'amichevole contro i rivali tradizionali dell'Inghilterra.

Nel 2004 la squadra fece i primi passi verso la qualificazione al campionato del mondo 2006 giocando per l'ultima volta la Coppa d'Oceania, le cui partite erano valide anche come qualificazioni oceaniane al mondiale. Il 6 giugno 2004, nell'ultimo incontro, la squadra pareggiò per 2-2 con le Isole Salomone, un risultato che permise ai Socceroos di chiudere il girone in testa alla classifica davanti alle Isole Salomone e alla Nuova Zelanda. Malgrado i neozelandesi fossero i favoriti dopo i Socceroos, grazie al secondo posto furono proprio i salomoniani a qualificarsi, insieme agli australiani, sia per la finale di Coppa d'Oceania che per il play-off che assegnava un posto per lo spareggio interzona con la quinta classificata della zona CONMEBOL, valido per l'accesso al mondiale di Germania. Il 9 ottobre 2004 l'Australia batté le Isole Salomone per 1-5 al Lawson Tama Stadium di Honiara e si impose, tre giorni dopo, anche nella sfida di ritorno al Sydney Football Stadium con il punteggio di 6-0, aggiudicandosi così la Coppa d'Oceania per la quarta e ultima volta.

Ingresso nella Confederazione Calcistica Asiatica (AFC)Modifica

La Coppa d'Oceania 2004 fu l'ultima giocata dall'Australia. Molti commentatori e tifosi pensavano che l'unico modo per riuscire a migliorare qualitativamente la selezione australiana fosse quello di abbandonare l'Oceania Football Confederation. Il calcio, in Australia, si è sviluppato dando crescente importanza alle competizioni ufficiali piuttosto che alle partite amichevoli. I campionati continentali e le loro qualificazioni hanno costituito, infatti, la maggior fonte di partite ufficiali per le nazionali. Prendere parte ad una confederazione in cui partecipassero squadre più importanti rispetto alle modeste nazionali oceaniane servì ad abituare l'Australia ad affrontare avversari di spessore tecnico maggiore e ciò fu fondamentale per la crescita della nazionale.

 
L'Australia affronta la Germania nella Confederations Cup 2005

Johnny Warren, stimato giornalista radiotelevisivo di calcio ed ex capitano dell'Australia, evidenziò il desiderio dell'Australia di unirsi alla confederazione calcistica asiatica, la AFC. Nonostante precedenti tentativi di aggregarsi a tale confederazione fossero sempre falliti, nel marzo 2005 una fuga di notizie proveniente da Tokyo indicò che la FFA stava trattando segretamente con l'AFC per questa questione e il 23 marzo il comitato esecutivo dell'AFC assunse la decisione unanime di invitare l'Australia ad unirsi all'AFC.

Il presidente dell'AFC, Mohammed Bin Hammam, espresse le ragioni della decisione in questi termini:

«Oltre ad essere una nazione calcistica sviluppata, l'Australia ha un'economia sviluppata che noi vogliamo esprimere anche nel calcio. Oltre al Giappone, alla Corea del Sud, alla Cina e all'Arabia Saudita se l'Australia si unirà a noi i benefici saranno enormi.»

Il 17 aprile 2005 il comitato esecutivo dell'OFC appoggiò all'unanimità il trasferimento proposto dall'Australia, che la FIFA approvò il successivo 30 giugno, in attesa di renderlo effettivo a partire dal 1º gennaio 2006. L'Australia partecipò pertanto alle qualificazioni della Coppa d'Asia 2007, iniziate nel febbraio 2006. Inserita nel gruppo D di qualificazione alla Coppa d'Asia 2007 insieme a Bahrein, Libano e Kuwait, l'Australia esordì il 22 febbraio 2006 battendo per 3-1 il Bahrein, nella prima partita ufficiale da membro della Asian Football Confederation.

Confederations Cup 2005Modifica

Nel giugno 2005 l'Australia partecipò poi, in qualità di campione d'Oceania, alla Confederations Cup 2005. Per gli australiani, alla terza apparizione nella competizione, il torneo che si svolse in Germania fu negativo: la nazionale collezionò tre sconfitte consecutive, contro Germania (4-3), Argentina (2-4) e Tunisia (0-2), chiudendo il proprio cammino nel girone all'ultimo posto in classifica. A causa delle crescenti critiche subite, il 29 giugno 2005 l'allenatore Frank Farina e la federazione interruppero consensualmente la loro collaborazione[5].

Mondiale 2006Modifica

 
Mark Viduka in campo contro l'Uruguay durante il play-off per l'accesso a Germania 2006
 
Guus Hiddink, CT dell'Australia dal luglio 2005 al giugno 2006

Il 22 luglio 2005 la FFA annunciò che il nuovo allenatore dell'Australia sarebbe stato Guus Hiddink, dopo molte speculazioni da parte dei media australiani sui potenziali candidati e dopo un prematuro annuncio dello stesso Hiddink, che combinava il ruolo di tecnico del PSV con quello di allenatore della nazionale australiana e che rimase sulla panchina dei Socceroos fino alla fine della Coppa del mondo 2006.

Hiddink esordì come CT il 3 settembre 2005 al Sydney Football Stadium, dove l'Australia sconfisse per 7-0 le Isole Salomone nell'andata del play-off che assegnava un posto per lo spareggio interzona contro la quinta classificata del girone CONMEBOL di qualificazione a Germania 2006. Vinta anche la gara di ritorno per 1-2 al Lawson Tama Stadium di Honiara il 6 settembre, l'Australia ottenne la certezza di contendere all'Uruguay un posto al mondiale tedesco. La squadra di Hiddink disputò poi alcune amichevoli. Nell'ottobre 2005 batté per 5-0 la Giamaica in amichevole a Londra: fu la vittoria più larga dell'Australia contro una nazionale che comparsa nella fase finale di mondiale.

La nazionale australiana, in quel momento 49esima nel ranking della FIFA, si recò dunque in Uruguay per giocare lo spareggio contro la nazionale locale, quinta classificata nel girone di qualificazioni CONMEBOL al mondiale di Germania e 18esima nella graduatoria della FIFA. Come nel 2001, lo spareggio con l'Uruguay non fu privo di polemiche. Temendo il ripetersi dei fatti di Montevideo del 2001, l'Australia annunciò che si sarebbe allenata a Buenos Aires, in Argentina, e che si sarebbe recata a Montevideo solo per disputare la partita. L'Uruguay chiese di anticipare di un giorno la prima partita, l'11 novembre. Tale richiesta fu respinta dall'Australia. L'Uruguay annunciò dunque lo spostamento in avanti di cinque ore del calcio d'inizio, fissandolo alle 21 ora locale del 12 novembre. Ciò allo stesso tempo avrebbe comportato per l'Australia la perdita del volo diretto per tornare a Sydney in vista della gara di ritorno e la possibilità per l'Uruguay di avere un giorno in più di preparazione per meglio affrontare la gara di ritorno contro l'Australia. Per dirimere la questione intervenne la FIFA, che ordinò di iniziare alle 18 ora locale come compromesso.

Grazie ad un gol di Darío Rodríguez, l'Uruguay vinse per 1-0 la partita di andata disputata all'Estadio Centenario Montevideo il 12 novembre 2005 di fronte a 55.000 spettatori. A Sydney, il 16 novembre, si disputò la partita di ritorno, di fronte a 82.698 spettatori accorsi al Telstra Stadium. I primi 90 minuti di gioco finirono con il punteggio di 1-0 per l'Australia grazie a un gol di Mark Bresciano nel primo tempo. Si disputarono quindi i tempi supplementari, visto il punteggio complessivo di parità tra le due partite (1-1). Poiché il risultato rimase invariato si andò ai tiri di rigore, dove i Socceroos prevalsero con il risultato di 4-2, qualificandosi così per la fase finale del mondiale 2006 in Germania. Decisivi furono il portiere Mark Schwarzer, che riuscì a parare due rigori degli uruguaiani, e John Aloisi, autore del gol decisivo dal dischetto. La vittoria fu accolta da scene di gioia in tutto il paese per una qualificazione al mondiale che mancava da 32 anni.

L'Australia, che partecipò al mondiale 2006 come penultima classificata nel ranking FIFA tra le partecipanti, per prepararsi al torneo disputò delle amichevoli contro Croazia, Grecia e Olanda. A portare la squadra ai grandi livelli furono molti fattori: la tattica e la grande esperienza del tecnico Guus Hiddink, l'ottima preparazione fisica e mentale.

Nella rassegna tedesca i Socceroos si classificarono secondi nel girone vinto dal Brasile, qualificandosi così per gli ottavi di finale, dove furono eliminati dall'Italia, ridotta in 10 uomini per l'espulsione di Marco Materazzi, ma vittoriosa per 1-0 grazie ad un calcio di rigore ottenuto al 93º minuto da Fabio Grosso e segnato da Francesco Totti. Il risultato della nazionale australiana al mondiale di Germania fu comunque molto soddisfacente, se si considera che la squadra era alla sua seconda partecipazione in una competizione di questo tipo.

Hiddink portò il calcio totale olandese in Australia, con ritmi veloci, molto movimento, pressing alto e molti altri elementi. Tuttavia, come già previsto da tempo, lasciò la panchina dei Socceroos alla fine del mondiale per diventare il nuovo commissario tecnico della Russia e il suo posto fu preso da Graham Arnold, rimasto in carica ad interim in attesa della nomina del nuovo commissario tecnico.

Successi continentaliModifica

 
Pim Verbeek, commissario tecnico della nazionale australiana dal 2007 al 2010

Il 16 agosto 2006 l'Australia si qualificò per la Coppa d'Asia 2007 battendo per 2-0 il Kuwait. Guidata dal CT Graham Arnold, la nazionale, comprendente 15 reduci di Germania 2006, fu inserita nel gruppo A della fase finale, insieme a Thailandia, Oman e Iraq. Dopo il sofferto pari (1-1) all'esordio contro l'Oman, ottenuto grazie ad un gol al 92° minuto del subentrato Tim Cahill, seguì una sconfitta per 3-1 contro l'Iraq poi vincitore della competizione (l'unico gol australiano, quello del temporaneo pareggio, fu di Mark Viduka). Nel terzo incontro della fase a gironi l'Australia sconfisse per 4-0 la Thailandia, una delle nazioni ospitanti (doppiette di Michael Beauchamp e Harry Kewell), qualificandosi dunque per i quarti di finale, dove fu eliminata dal Giappone, vincitore per 4-3 ai tiri di rigore (0-0 dopo i tempi supplementari). Furono fatali gli errori dagli undici metri di Harry Kewell e Lucas Neill.

L'11 settembre 2007, al Melbourne Cricket Ground, l'Australia fu sconfitta per 1-0 in amichevole dall'Argentina. Fu l'ultima partita del CT Graham Arnold, che inizialmente pareva destinato a essere sostituito dall'olandese Dick Advocaat, che tuttavia tornò sui propri passi, malgrado un contratto già stipulato con la federcalcio australiana. Per la partita amichevole contro la Nigeria a Loftus Road subentrò quindi Rob Baan, che condusse i suoi alla vittoria (1-0).

Il 6 dicembre 2007 la federcalcio australiana nominò l'olandese Pim Verbeek nuovo CT della nazionale.

Nel febbraio 2009 iniziarono le qualificazioni AFC al campionato del mondo 2010. L'Australia, inserita in un girone con Qatar, Iraq e Cina, raggruppamento che i media definirono "gruppo della morte", esordì con una vittoria per 3-0 contro il Qatar al Docklands Stadium di Melbourne, nel primo incontro ufficiale con il CT Verbeek. Una settimana dopo la nazionale balzò al 38° posto del ranking FIFA. Pareggiato a reti bianche l'incontro in trasferta con la Cina (Mark Schwarzer parò un rigore agli avversari negli ultimi minuti di gioco), il 1º giugno 2009 la squadra batté l'Iraq per 1-0 al Brisbane Stadium di Brisbane (gol di Harry Kewell). Il match di ritorno contro l'Iraq, giocato a Dubai, vide la vittoria irachena (1-0 con gol di Emad Mohammed). Il 14 giugno, a Doha, i Socceroos sconfissero per 3-1 il Qatar e conseguirono così la terza qualificazione al campionato mondiale. A qualificazione già ottenuta, persero per 1-0 in casa contro la Cina.

Al campionato del mondo 2010 in Sudafrica la nazionale australiana fu inserita nel gruppo D assieme a Serbia, Ghana e Germania. Già all'inizio del mondiale l'obiettivo era superare il turno come nel 2006, ma il raggiungimento di questo traguardo sarebbe stato più difficile rispetto al mondiale precedente. All'esordio l'Australia subì un netto 4-0 dalla Germania. Nella seconda partita con il Ghana passò in vantaggio grazie al gol di Brett Holman ma subì il pareggio su rigore. Buona parte della partita la giocò in 10 per l'espulsione di Harry Kewell. La situazione avvantaggiava il Ghana, che però andò in svantaggio con la Germania, mentre nell'altra partita l'Australia, arrembante, prima passò in vantaggio con Tim Cahill e poi raddoppiò immediatamente con un gol di Brett Holman. All'Australia bastava un gol per qualificarsi, ma proprio negli ultimi minuti la Serbia segnò il gol del 2-1 che tagliò le gambe agli oceaniani. L'Australia fu eliminata arrivando terza a pari punti con il Ghana, che passò per una migliore differenza reti.

Nell'agosto 2010 la panchina dell'Australia fu affidata al tedesco Holger Osieck.

Nell'edizione del 2011 della Coppa d'Asia in Qatar gli australiani vinsero il proprio girone battendo l'India per 4-0, pareggiando per 1-1 con la Corea del Sud e vincendo per 1-0 contro il Bahrain. Nei quarti di finale superarono i campioni uscenti dell'Iraq con un gol di Kewell, messo a segno negli ultimi minuti dei tempi supplementari. In semifinale travolsero l'Uzbekistan per 6-0, guadagnando per la prima volta l'accesso alla finale del torneo continentale, dove furono battuti per 1-0 dopo i supplementari dal Giappone allenato da Alberto Zaccheroni.

L'Australia iniziò il cammino verso il campionato del mondo 2014 il 2 settembre 2011 contro la Thailandia, battuta in rimonta per 2-1 con un gol di Kennedy. La seconda partita fu vinta contro l'Arabia Saudita (3-1, doppietta di Kennedy e Wilkshire) e la terza contro l'Oman (3-0, Jedinak, Kennedy e Holman). Nel ritorno fu sconfitta 1-0 dall'Oman, ma vinse con la Thailandia (1-0) e Arabia Saudita (4-2). Vinto il girone, nel turno successivo pareggiò per 0-0 con l'Oman l'8 giugno 2012 e per 1-1 il 12 giugno con il Giappone di Alberto Zaccheroni. Perse con la Giordania (2-1) e vinse in Iraq per 2-1. Nel ritorno con due pareggi e due vittorie (2-2 contro l'Oman, 1-1 con il Giappone, 4-0 contro la Giordania e 1-0 contro l'Iraq il 18 giugno 2013) ottenne la qualificazione al mondiale 2014 come seconda nel proprio girone.

 
L'Australia in campo contro il Kuwait nella prima partita della Coppa d'Asia 2015

Nell'ottobre 2013 fu ufficializzata la nomina a C.T. di Ange Postecoglou, chiamato a ringiovanire una squadra invecchiata, che faceva troppo affidamento sui reduci del mondiale del 2006 e che aveva conseguito negli ultimi tempi risultati modesti, tra cui due pesanti sconfitte consecutive (6-0) contro Brasile e Francia. Nel gennaio 2014 il nuovo allenatore esordì battendo in amichevole la Costa Rica per 1–0 (gol di Tim Cahill).

Nella fase finale del mondiale, in Brasile, l'Australia fu inserita nel girone B con i campioni del mondo della Spagna, i vicecampioni dei Paesi Bassi ed il Cile. L'esordio fu contro i cileni, che vinsero per 3-1 (gol australiano di Cahill). La seconda partita, persa per 3-2 contro l'Olanda (Cahill ancora a segno con un grandissimo gol al volo), sancì l'eliminazione al primo turno. L'Australia perse anche l'ultima gara contro la Spagna, anch'essa già eliminata prima dell'incontro, per 3-0.

L'Australia ospitò poi la Coppa d'Asia 2015, partecipando per la seconda volta consecutiva al torneo. Vinse agevolmente contro il Kuwait (4-1) e l'Oman (4-0), qualificandosi in anticipo per la fase successiva. Nell'ultimo match del girone fu sconfitta dalla Corea del Sud, cedendole il primo posto nel raggruppamento. Nei quarti di finale ebbe la meglio sulla Cina, battendola per 2-0, e in semifinale sugli Emirati Arabi Uniti, battuti ancora per 2-0, arrivando così a disputare la finale continentale per la seconda volta consecutiva. Il 31 gennaio 2015 allo Stadium Australia di Sydney batté la Corea del Sud per 2-1 dopo i tempi supplementari, vincendo il suo primo titolo continentale e qualificandosi pertanto per la Confederations Cup 2017.

Nella Confederations Cup, disputatasi in Russia nel giugno 2017, l'Australia uscì al primo turno, dopo aver raccolto una sconfitta (contro la Germania) e due pareggi (contro Camerun e Cile) nelle tre partite del girone eliminatorio.

Inserita in un girone di qualificazione al campionato del mondo 2018 comprendente la Giordania, il Tagikistan, il Bangladesh e il Kirghizistan, ottenne il primo posto con sette vittorie e una sconfitta in sei partite. Nella seconda fase si piazzò terza nel proprio girone, a un punto dal Giappone capolista e a pari merito con l'Arabia Saudita, che come i nipponici si qualificò direttamente per la fase finale del mondiale grazie ad una differenza reti favorevole rispetto agli australiani, costretti a spareggiare nell'ottobre 2017 con la Siria (terza nell'altro girone) per un posto nello spareggio interzona contro la quarta classificata del girone del Nord e Centro America. Dopo l'1-1 allo Stadio Hang Jebat di Krubong, in Malaysia, l'Australia vinse per 2-1 dopo i tempi supplementari e ottenne l'accesso al turno successivo di qualificazione, lo spareggio inter-zona contro l'Honduras. Nel novembre 2017, dopo lo 0-0 di Tegucigalpa, l'Australia batté per 3-1 gli honduregni a Sydney e si qualificò per la fase finale di un mondiale per la quinta volta. A qualificazione ottenuta, Postecoglu lasciò l'incarico di CT dopo quattro anni[6] e fu sostituito, nel gennaio 2018, da Bert van Marwijk.

Sotto la sua guida l'Australia, inserita nel girone con Francia, Perù e Danimarca, uscì al primo turno del mondiale di Russia 2018, dopo aver perso contro i francesi (2-1), pareggiato contro i danesi (1-1) e perso contro i peruviani (2-0). Come noto dall'8 marzo 2018, alla fine del mondiale il CT van Marwijk fu sostituito dal rientrante Graham Arnold.

Divisa e coloriModifica

La nazionale australiana di calcio adotta una maglia gialla con risvolti verdi, pantaloncini verdi e calzettoni gialli. Pur non essendo riconosciuto da nessun altro organo federale né dalle Nazioni Unite, gli australiani adottano un vessillo formato da due bande orizzontali di colore giallo e verde, colori che rappresentano rispettivamente il sole e la terra, a tratti ancora vergine, del nuovissimo continente. Tra l'altro anche altre nazionali sportive del paese australiano, come quelle del rugby e del cricket adottano quei colori.

MondialiModifica

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1930   Uruguay Non iscritta - - - -
1934   Italia Non iscritta - - - -
1938   Francia Non iscritta - - - -
1950   Brasile Non iscritta - - - -
1954   Svizzera Non iscritta - - - -
1958   Svezia Non iscritta - - - -
1962   Cile Non iscritta - - - -
1966   Inghilterra Non qualificata - - - -
1970   Messico Non qualificata - - - -
1974   Germania Ovest Primo turno 0 1 2 0:5
1978   Argentina Non qualificata - - - -
1982   Spagna Non qualificata - - - -
1986   Messico Non qualificata - - - -
1990   Italia Non qualificata - - - -
1994   Stati Uniti Non qualificata - - - -
1998   Francia Non qualificata - - - -
2002   Corea del Sud /   Giappone Non qualificata - - - -
2006   Germania Ottavi di finale 1 1 2 5:6
2010   Sudafrica Primo turno 1 1 1 3:6
2014   Brasile Primo turno 0 0 3 3:9
2018   Russia Primo turno 0 1 2 2:5

Risultati Confederations CupModifica

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1992   Arabia Saudita Non invitata - - - -
1995   Arabia Saudita Non invitata - - - -
1997   Arabia Saudita Secondo posto   2 1 2 4:8
1999   Messico Non qualificata - - - -
2001   Corea del Sud /   Giappone Terzo posto   3 0 2 4:2
2003   Francia Non qualificata - - - -
2005   Germania Primo turno 0 0 3 5:10
2009   Sudafrica Non qualificata - - - -
2013   Brasile Non qualificata - - - -
2017   Russia Primo turno 0 2 1 4:5

Risultati Coppa delle nazioni oceanianeModifica

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1973   Nuova Zelanda Non partecipante
1980   Nuova Caledonia Campione   4 0 0 24:2
1996 nessun Paese ospitante Campione   3 1 0 14:0
1998   Australia Secondo posto   3 0 1 23:3
2000   Polinesia Francese Campione   4 0 0 26:0
2002   Nuova Zelanda Secondo posto   4 0 1 23:2
2004   Australia Campione   6 1 0 32:4

Risultati Coppa d'AsiaModifica

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
2007   Indonesia/  Malaysia
  Thailandia/  Vietnam
Quarti di finale 1 1 2 7:5
2011   Qatar Secondo posto   4 1 1 13:2
2015   Australia Campione   5 0 1 14:3

RosaModifica

Lista dei convocati per il campionato del mondo 2018[7].

Presenze e reti aggiornate al 9 giugno 2018.

N. Pos. Giocatore Data nascita (età) Pres. Reti Squadra
1 P Ryan, Mathew Mathew Ryan 8 aprile 1992 (26 anni) 44 0   Brighton & Hove Albion
12 P Jones, Brad Brad Jones 19 marzo 1982 (36 anni) 6 0   Feyenoord
18 P Vukovic, Danny Danny Vukovic 27 marzo 1985 (33 anni) 1 0   Genk
2 D Degenek, Milos Milos Degenek 28 aprile 1994 (24 anni) 18 0   Yokohama F. Marinos
3 D Meredith, James James Meredith 4 aprile 1988 (30 anni) 2 0   Millwall
6 D Jurman, Matthew Matthew Jurman 8 dicembre 1989 (28 anni) 4 0   Suwon Samsung Bluewings
16 D Behich, Aziz Aziz Behich 16 ottobre 1990 (28 anni) 23 2   Bursaspor
19 D Risdon, Joshua Joshua Risdon 27 luglio 1992 (26 anni) 8 0   Western Sydney Wanderers
20 D Sainsbury, Trent Trent Sainsbury 5 gennaio 1992 (26 anni) 35 3   Grasshopper
5 C Milligan, Mark Mark Milligan 4 agosto 1985 (33 anni) 71 6   Al-Ahli
8 C Luongo, Massimo Massimo Luongo 25 settembre 1992 (26 anni) 36 5   Queens Park Rangers
13 C Mooy, Aaron Aaron Mooy 15 settembre 1990 (28 anni) 34 5   Huddersfield Town
15 C Jedinak, Mile Mile Jedinak 3 agosto 1984 (34 anni) 76 18   Aston Villa (capitano)
17 C Arzani, Daniel Daniel Arzani 4 gennaio 1999 (19 anni) 2 1   Melbourne City
21 C Petratos, Dimitri Dimitri Petratos 10 novembre 1992 (26 anni) 2 0   Newcastle Jets
22 C Irvine, Jackson Jackson Irvine 7 marzo 1993 (25 anni) 19 2   Hull City
23 C Rogic, Tom Tom Rogic 16 dicembre 1992 (25 anni) 37 7   Celtic
4 A Cahill, Tim Tim Cahill 6 dicembre 1979 (38 anni) 106 50 Unattached
7 A Leckie, Mathew Mathew Leckie 4 febbraio 1991 (27 anni) 53 8   Hertha Berlin
9 A Juric, Tomi Tomi Juric 22 luglio 1991 (27 anni) 35 8   Luzern
10 A Kruse, Robbie Robbie Kruse 5 ottobre 1988 (30 anni) 64 5   VfL Bochum
11 A Nabbout, Andrew Andrew Nabbout 26 dicembre 1992 (25 anni) 4 1   Urawa Red Diamonds
14 A Maclaren, Jamie Jamie Maclaren 29 luglio 1993 (25 anni) 6 0   SV Darmstadt 98

Record di squadraModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Australia-Samoa Americane 31-0.

L'Australia detiene tuttora il record di vittoria con maggiore scarto in partite tra nazionali, avendo sconfitto per 31-0 le Samoa Americane in una partita delll'11 aprile 2001 valida per le qualificazioni al campionato del mondo 2002[8]. In quel match Archie Thompson fu autore di ben 13 gol, mentre 8 furono le marcature di David Zdrilić. Con quella vittoria l'Australia batté il precedente primato di vittoria più larga stabilita da una nazionale di calcio, stabilito dalla stessa compagine australiana appena due giorni prima, il 9 aprile 2001, grazie ad un successo per 22-0 contro Tonga, sempre nelle qualificazioni al mondiale del 2002[9]. Le due vittorie superarono il precedente record del Kuwait, che il 14 febbraio 2000 aveva battuto per 20-0 il Bhutan. Grazie ai 13 gol e agli 8 gol segnati, Thompson e Zdrilić superarono congiuntamente il precedente primato di gol segnati in una sola partita tra nazionali, detenuto dall'australiano Gary Cole, autore di 7 gol contro le Figi nel 1981[10], e dall'iraniano Karim Bagheri, autore di 7 gol con l'Iran contro le Maldive nel 1997[11].

Record individualiModifica

Il primatista di presenze con la maglia dell'Australia è, con 109 presenze, il portiere Mark Schwarzer, primo calciatore australiano a superare il traguardo delle 100 presenze in nazionale. Alle sue spalle vi è Tim Cahill, anch'egli oltre quota 100 presenze.

Tim Cahill detiene il record di marcature in nazionale con 50 gol segnati. Al secondo posto vi è Damian Mori, al terzo posto figura Archie Thompson.

Dati aggiornati al 16 giugno 2018.

PresenzeModifica

 
Il portiere Mark Schwarzer è il primatista di presenze con la nazionale australiana
# Nome Presenze Reti Prima presenza Ultima presenza
1 Mark Schwarzer 109 0 31 luglio 1993 8 settembre 2013
2 Tim Cahill 107 50 30 marzo 2004 9 giugno 2018
3 Lucas Neill 96 1 27 marzo 1996 19 novembre 2013
4 Brett Emerton 95 20 7 febbraio 1998 9 dicembre 2012
5 Alex Tobin 87 2 9 marzo 1988 6 novembre 1998
6 Paul Wade 84 10 3 agosto 1986 1º novembre 1996
Mark Bresciano 84 13 1º giugno 2001 22 gennaio 2015
8 Luke Wilkshire 80 8 9 ottobre 2004 26 maggio 2014
9 Mile Jedinak 79 20 22 marzo 2008 21 giugno 2018
10 Tony Vidmar 76 3 6 febbraio 1991 7 ottobre 2006

RetiModifica

 
Il centrocampista Tim Cahill è il primatista di reti con la nazionale australiana
# Nome Reti Presenze Media Prima presenza Ultima presenza
1 Tim Cahill 50 107 0.47 30 marzo 2004 9 giugno 2018
2 Damian Mori 29 45 0.64 4 settembre 1992 14 luglio 2002
3 Archie Thompson 28 53 0.53 28 febbraio 2001 8 settembre 2013
4 John Aloisi 27 55 0.49 12 marzo 1997 6 febbraio 2008
5 John Kosmina 25 60 0.42 18 agosto 1976 22 settembre 1988
Attila Abonyi 61 0.41 4 giugno 1967 25 novembre 1977
7 David Zdrilić 20 30 0.67 18 gennaio 1997 29 marzo 2005
Brett Emerton 95 0.21 7 febbraio 1998 9 Dicembere 2012
Mile Jedinak 79 0.25 22 marzo 2008 16 giugno 2018
10 Graham Arnold 19 56 0.34 23 ottobre 1985 29 novembre 1997

Plurimarcatori in una singola partitaModifica

Commissari tecniciModifica

Tutte le roseModifica

MondialiModifica

Coppa del Mondo FIFA 1974
Reilly, 2 Utjesenović, 3 Wilson, 4 Schäfer, 5 Curran, 6 Richards, 7 Rooney, 8 Mackay, 9 Warren, 10 Manuel, 11 Abonyi, 12 Alston, 13 Ollerton, 14 Tolson, 15 Williams, 16 Rudic, 17 Harding, 18 Watkiss, 19 Campbell, 20 Buljević, 21 Milisavjevic, 22 Maher, CT: Rašić
Coppa del Mondo FIFA 2006
Schwarzer, 2 Neill, 3 Moore, 4 Cahill, 5 Čulina, 6 Popović, 7 Emerton, 8 Skoko, 9 Viduka, 10 Kewell, 11 Lazaridis, 12 Čović, 13 Grella, 14 Chipperfield, 15 Aloisi, 16 Beauchamp, 17 Thompson, 18 Kalac, 19 Kennedy, 20 Wilkshire, 21 Sterjovski, 22 Milligan, 23 Bresciano, CT: Hiddink
Coppa del Mondo FIFA 2010
Schwarzer, 2 Neill, 3 Moore, 4 Cahill, 5 Čulina, 6 Beauchamp, 7 Emerton, 8 Wilkshire, 9 Kennedy, 10 Kewell, 11 Chipperfield, 12 Federici, 13 Grella, 14 Holman, 15 Jedinak, 16 Valeri, 17 Rukavytsya, 18 Galeković, 19 Garcia, 20 Milligan, 21 Carney, 22 Vidošić, 23 Bresciano, CT: Verbeek
Coppa del Mondo FIFA 2014
Ryan, 2 Franjić, 3 Davidson, 4 Cahill, 5 Milligan, 6 Špiranović, 7 Leckie, 8 Wright, 9 Taggart, 10 Halloran, 11 Oar, 12 Langerak, 13 Bozanic, 14 Troisi, 15 Jedinak, 16 Holland, 17 McKay, 18 Galeković, 19 McGowan, 20 Vidošić, 21 Luongo, 22 Wilkinson, 23 Bresciano, CT: Postecoglou
Coppa del Mondo FIFA 2018
Ryan, 2 Degenek, 3 Meredith, 4 Cahill, 5 Milligan, 6 Jurman, 7 Leckie, 8 Luongo, 9 Jurić, 10 Kruse, 11 Nabbout, 12 Jones, 13 Mooy, 14 Maclaren, 15 Jedinak, 16 Behich, 17 Arzani, 18 Vukovic, 19 Risdon, 20 Sainsbury, 21 Petratos, 22 Irvine, 23 Rogić, CT: van Marwijk

Coppa dell'OceaniaModifica

Coppa d'Oceania 1980
Davidson, 2 Bertogna, 3 Moulis, 4 Krnčević, 5 Christopoulos, 6 Woodhouse, 7 Hunter, 8 Brusasco, 9 Kay, 10 Raskopoulos, 11 Sharne, 12 Blair, 13 Hogg, 14 Selemidis, 15 Bozanic, 16 Banovic, CT: Gutendorf
Coppa d'Oceania 1996
Kalac, 2 Edwards, 3 Marth, 4 Foster, 5 Mori, 6 Tiatto, 7 Tapai, 8 Juric, 9 Polak, 10 Spiteri, 11 Markovski, 12 Trajanovski, 13 Bingley, 14 Blagojevic, 15 Ivanović, 16 Trimboli, 17 Wade, 18 Hooker, 19 Enes, 20 Cranney, 21 Popović, 22 Spink, 23 Tobin, CT: Thomson
Coppa d'Oceania 1998
Petkovic, 2 Ceccoli, 4 Veart, 5 Mori, 6 Gwynne, 7 Tapai, 8 De Amicis, 9 Longo, 10 Lozanovski, 11 Tobin, 12 Wehrman, 13 Trajanovski, 14 Babic, 15 Trimboli, 16 Trajkovski, 18 Colosimo, 19 Halpin, CT: Farina
Coppa d'Oceania 2000
Kalac, 2 Muscat, 3 Murphy, 4 Okon, 5 Popović, 6 Foster, 7 Tiatto, 8 Lazaridis, 9 Zdrilić, 10 Emerton, 11 Agostino, 13 Vidmar, 15 Zane, 16 Bolton, 17 Cardozo, 18 Chipperfield, 19 Colosimo, 20 Corica, 21 Horvat, 22 Laybutt, CT: Farina
Coppa d'Oceania 2002
Petkovic, 2 De Amicis, 3 North, 4 Durakovic, 5 Horvat, 6 Kisnorbo, 7 Middleby, 8 Porter, 9 Mori, 10 Despotovski, 11 Chipperfield, 12 Pondeljak, 13 Blagojevic, 14 Costanzo, 15 Milicic, 16 Trimboli, 17 Jurić, 18 Anastasiadis, CT: Farina
Coppa d'Oceania 2004
Schwarzer, 2 North, 3 Laybutt, 4 Colosimo, 5 T. Vidmar, 6 Chipperfield, 7 Emerton, 8 Skoko, 9 Aloisi, 10 Cahill, 11 Lazaridis, 12 Brosque, 13 Grella, 14 Kisnorbo, 15 Sterjovski, 16 Tarka, 17 Zdrilić, 18 Kalac, 19 Vieri, 20 Madaschi, 21 Elrich, 22 Jones, 23 Bresciano, CT: Farina

Coppa d'AsiaModifica

Coppa d'Asia 2007
Schwarzer, 2 Neill, 3 Kisnorbo, 4 Cahill, 5 Čulina, 6 Beauchamp, 7 Emerton, 8 Wilkshire, 9 Viduka, 10 Kewell, 11 Thompson, 12 Jones, 13 Grella, 14 Holman, 15 Aloisi, 16 Thwaite, 17 Valeri, 18 Petkovic, 19 Carle, 20 Carney, 21 Sterjovski, 22 Milligan, 23 Bresciano, CT: Arnold
Coppa d'Asia 2011
Schwarzer, 2 Neill, 3 Carney, 4 Cahill, 5 Čulina, 6 Ognenovski, 7 Emerton, 8 Wilkshire, 9 McDonald, 10 Kewell, 11 Burns, 12 Coe, 13 North, 14 Holman, 15 Jedinak, 16 Valeri, 17 McKay, 18 Jones, 19 Oar, 20 Špiranović, 21 McKain, 22 Kilkenny, 23 Kruse, CT: Osieck
Coppa d'Asia 2015
Ryan, 2 Franjić, 3 Davidson, 4 Cahill, 5 Milligan, 6 Špiranović, 7 Leckie, 8 Herd, 9 Jurić, 10 Kruse, 11 Oar, 12 Langerak, 13 Behich, 14 Troisi, 15 Jedinak, 16 Burns, 17 McKay, 18 Galeković, 19 Antonis, 20 Sainsbury, 21 Luongo, 22 Wilkinson, 23 Bresciano, CT: Postecoglou

Confederations CupModifica

FIFA Confederations Cup 1997
Bosnich, 2 Horvat, 3 Lazaridis, 4 Ivanović, 5 Tobin, 6 Zelić, 7 Slater, 8 Foster, 9 Viduka, 10 A. Vidmar, 11 Kewell, 12 Bingley, 13 Hooker, 14 T. Vidmar, 15 Skoko, 16 Trimboli, 17 Mori, 18 Aloisi, 19 Tapai, 20 Kalac, 21 Muscat, CT: Venables
FIFA Confederations Cup 2001
Schwarzer, 2 Muscat, 3 Moore, 4 Okon, 5 T. Vidmar, 6 Popović, 7 Lazaridis, 8 Skoko, 9 Aloisi, 10 Emerton, 11 Zdrilić, 12 Bolton, 13 Bresciano, 14 Murphy, 15 Foxe, 16 Horvat, 17 Corica, 18 Chipperfield, 19 A. Vidmar, 20 Zane, 21 Thompson, 22 Sterjovski, 23 Juric, CT: Farina
FIFA Confederations Cup 2005
Schwarzer, 2 Muscat, 3 Moore, 4 Neill, 5 Vidmar, 6 Popović, 7 Emerton, 8 Skoko, 9 Viduka, 10 Cahill, 11 Chipperfield, 12 Petkovic, 13 Wilkshire, 14 Colosimo, 15 Aloisi, 16 Zdrilić, 17 McKain, 18 Kalac, 19 Čulina, 20 Miličević, 21 Elrich, 22 Thompson, 23 Sterjovski, CT: Farina
FIFA Confederations Cup 2017
Ryan, 2 Degenek, 3 Gersbach, 4 Cahill, 5 Milligan, 6 D. McGowan, 7 Leckie, 8 Wright, 9 Jurić, 10 Kruse, 11 Maclaren, 12 Langerak, 13 Mooy, 14 Troisi, 15 Jeggo, 16 Behich, 17 Hrustic, 18 Vukovic, 19 R. McGowan, 20 Sainsbury, 21 Luongo, 22 Irvine, 23 Rogić, CT: Postecoglou

Giochi olimpiciModifica

NOTA: per le informazioni sulle rose successive al 1948 visionare la pagina della Nazionale olimpica.

NoteModifica

  1. ^ a b Men's Ranking, su fifa.com.
  2. ^ Record internazionale.
  3. ^ Socceroo 1965 Matches
  4. ^ 11 aprile 2001, Australia-Samoa Americane 31-0: è Guinness dei primati - TUTTOmercatoWEB.com. URL consultato l'8 novembre 2016.
  5. ^ (EN) Farina quits as Socceroo coach, The Sydney Morning Herald, 30 giugno 2005.
  6. ^ (EN) Ange Postecoglou quits as Socceroos coach, The Guardian, 22 novembre 2017.
  7. ^ Caltex Socceroos finalise squad for Russia, Football Federation Australia, 3 giugno 2018.
  8. ^ (EN) Australia score 31 without loss in record win, telegraph.co.uk.
  9. ^ (EN) 'Exposed' Tonga lose 22-0, highbeam.com.
  10. ^ (EN) The all-important Cole difference, theage.com.au.
  11. ^ (EN) Iran fanatics keep close eye on the Valley, theguardian.com.
  12. ^ (EN) Brian Green, The Grecian Archive, https://web.archive.org/web/20171122135558/http://grecianarchive.exeter.ac.uk/items/show/1935. URL consultato il 22 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2017).
    «(...) Moving into coaching, Green became coach of the Australian national football team in 1975 and 1976 (...)».
  13. ^ (EN) Michael Cockerill, Arok warns Socceroos of Serbian 'steel', The Sydney Morning Herald, 21 gennaio 2010. URL consultato il 22 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 22 novembre 2017).
    «(...) Arok, 78, spent 24 years in Australia - including a six-year spell as national coach between 1983 and 1989 (...)».
  14. ^ (EN) Michael Cockerill, Former Socceroo coach Eddie Thomson loses 18-month battle with cancer, The Sydney Morning Herald, 22 febbraio 2003. URL consultato il 22 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2017).
    «(...) n 1990 he succeeded Arok as national coach and took Australia through 59 internationals and two World Cup campaigns before resigning to accept an offer from Japanese side Sanfrecce Hiroshima in 1996. (...)».
  15. ^ (EN) German Osieck named Socceroos coach, ABC Australia, 11 agosto 2010. URL consultato il 22 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2017).
  16. ^ a b (EN) Fox Sports, Socceroos coach Holger Osieck sacked after embarrassing 6-0 defeat to France in Paris, The Daily Telegraph, 11 ottobre 2013. URL consultato il 22 ottobre 2017.
    «(...) Osieck was told by Football Federation CEO David Gallop that he leaves with immediate effect, assistant coach Aurelio Vidmar to take the side for Tuesday's friendly with Canada. (...)».

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica