Adolfo II, conte di Mark

Adolfo II
conte di Mark
Stemma
In carica 1328 - 1347
Predecessore Engelberto II
Successore Engelberto III
Nome completo Adolfo di Mark
Nascita 1300 circa
Morte 20 ottobre 1347
Luogo di sepoltura monastero di Fröndenberg
Padre Engelberto II
Madre Matilde d'Arenberg
Consorte Margherita di Kleve
Figli Engelberto
Margherita
Matilde
Adolfo
Teodorico
Eberardo e
Elisabetta
Religione cattolico

Adolfo II di Mark in tedesco: Adolf II. von der Mark (1300 circa – 20 ottobre 1347) fu conte di Mark, dal 1328 alla sua morte.

OrigineModifica

Secondo la Genealogia Comitum de Marka, Adolfo era il figlio primogenito del conte della contea di Mark, Engelberto II e della moglie, la Signora d'Arenberg, Matilde d'Arenberg[1] († 18 marzo 1328), che ancora secondo la Genealogia Comitum de Marka era figlia di Giovanni d'Arenberg e di Caterina di Jülich[2], sorella di Gerardo VI di Jülich[3]; secondo la nota 1 del documento n° 757 del Urkundenbuch für die Geschichte des Niederrheins, Volume 2, datato 1281, Giovanni d'Arenberg era figlio del signore d'Arenberg, Gerardo burgravio di Colonia e di Matilde di Holte (Methildis nobilis matrona domina de Holthe, relicta quondam nobilis viri domini Gerardi Burgravii Coloniensis domini de Areberg)[4].
Secondo la Chronica Comitum de Marka, Engelberto II de la Marca, era il figlio primogenito del conte di Mark, Eberardo I[5] e della prima moglie, Ermengarda di Berg, figlia del conte di Berg, Adolfo IV[6] e della moglie, Margherita di Hochstaden, la nipote di Corrado di Hochstaden[7].

BiografiaModifica

Adolfo, in gioventù, era stato fidanzato con Ermengarda di Kleve, figlia del conte di Kleve, Ottone (Ermegardi nata quondam Ottonis de Cleuis), che poi non sposò, come ci viene confermato dal documento n° 225 dell'Urkundenbuch für die Geschichte des Niederrheins, Volume 3, in cui si specifica che il matrimonio non venne consumato, e che, Ermengarda sposò un altro (Giovanni di Arkel)[8].

Suo padre, Engelberto II, secondo la Chronica Comitum de Marka, morì il 18 luglio 1328, e fu sepolto nel monastero di monastero di Fröndenberg[9]; a Engelberto II, nella Contea di Mark, succedette Adolfo, figlio primogenito, come Adolfo II[9], mentre nella Signoria d'Arenberg gli succedette il figlio terzogenito, Eberardo, come Eberardo I.

Ancora secondo la Chronica Comitum de Marka, l'altro suo fratello, il figlio secondogenito, Engelberto, con l'approvazione del re di Francia, Filippo VI di Valois, fu nominato vescovo di Liegi da papa Clemente VI, e, dopo le festività di Pasqua del 1345, entrò in Liegi, dove fu accolto con onore[10].

Sempre secondo la Chronica Comitum de Marka, Adolfo, in quello stesso anno (1345), a Rikelinchusen, si scontrò con le truppe dell'arcivescovo di Colonia, Waleramo di Jülich, riportò una vittoria, facendo anche molti prigionieri[11]; Waleramo di Jülich, con un altro contingente si avviò verso la contea, ma di fronte ad Adolfo II, che aveva raccolto un numeroso esercito, si arrestò e, anche per l'intermediazione del duca di Brabante, Giovanni III[12], fu fatta la pace, e i prigionieri furono liberati, dietro pagamento di una certa somma[13].

Adolfo, nel 1347, si trovava nel Ducato di Gheldria, per assistere (in terra Gelrie ubi in manburnum fuit assumptus) il nuovo duca, Rinaldo III, ancora minorenne, quando morì[14] e fu sepolto nel monastero di monastero di Fröndenberg[15]; ad Adolfo, nella Contea di Mark, succedette Engelberto, il figlio primogenito, come Engelberto III[16].

Matrimonio e discendenzaModifica

Secondo la Genealogia Comitum de Marka, Adolfo aveva sposato Margherita di Kleve († dopo il 1348), figlia del conte di Kleve, Teodorico VII e di Margherita di Gheldria[17], che era sorella del Conte di Gheldria, Rinaldo II[18], figlia del Conte di Gheldria, Rinaldo I e di Margherita Dampierre o di Fiandra; secondo il documento n° 225 del Urkundenbuch für die Geschichte des Niederrheins, Volume 3, per poter celebrare il matrimonio, il papa Giovanni XXII dovette rilasciare una dispensa papale[8]; Margherita viene citata assieme al marito, Adolfo (Aloph greue van der Marka, Margareta greuinne van der Marka), nel documento n° 378 del Gedenkwaardigheden uit de geschiedenis van Gelderland, I, datato 16 agosto 1341[19]. Adolfo da Margherita ebbe sette figli[20][21]:

NoteModifica

  1. ^ (LA) MGH SS rer. Germ. N. S. 6, pagg. 101 e 102, nota 5
  2. ^ (LA) MGH SS rer. Germ. N. S. 6, pag. 101, note 17, 18 e 19
  3. ^ (LA) MGH SS rer. Germ. N. S. 6, pag. 102, nota 1
  4. ^ (LA) Urkundenbuch für die Geschichte des Niederrheins, Volume 2, doc. 757, nota 1, pag. 447
  5. ^ (LA) MGH SS rer. Germ. N. S. 6, pag. 63, nota 3
  6. ^ (LA) MGH SS rer. Germ. N. S. 6, pag. 44, nota 8
  7. ^ (LA) MGH SS 23, anno 1240, pag. 947, nota 17
  8. ^ a b (LA) Urkundenbuch für die Geschichte des Niederrheins, Volume 3, doc. 225, pagg. 189 e 190
  9. ^ a b (LA) MGH SS rer. Germ. N. S. 6, pag. 73, nota 6
  10. ^ (LA) MGH SS rer. Germ. N. S. 6, pag. 83, nota 4
  11. ^ (LA) MGH SS rer. Germ. N. S. 6, pag. 83, nota 5
  12. ^ (LA) MGH SS rer. Germ. N. S. 6, pag. 83, nota 7
  13. ^ (LA) MGH SS rer. Germ. N. S. 6, pag. 83, nota 8
  14. ^ (LA) MGH SS rer. Germ. N. S. 6, pag. 85, nota 5
  15. ^ (LA) MGH SS rer. Germ. N. S. 6, pag. 85, nota 6
  16. ^ a b (LA) MGH SS rer. Germ. N. S. 6, pag. 85, nota 7
  17. ^ (LA) MGH SS rer. Germ. N. S. 6, pag. 102, nota 6
  18. ^ (LA) MGH SS rer. Germ. N. S. 6, pag. 102, nota 7
  19. ^ (NL) Gedenkwaardigheden uit de geschiedenis van Gelderland, I, doc. 378, pagg. 426 e 427
  20. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy : GRAFEN von der MARK- ADOLF II
  21. ^ (EN) #ES Genealogy : Cleves 5- Adolf II
  22. ^ (NL) Urkundenbuch für die Geschichte des Niederrheins, Volume 3, doc. 296, pagg. 314 e 315
  23. ^ (NL) Urkundenbuch für die Geschichte des Niederrheins, Volume 3, doc. 846, pag. 741
  24. ^ (LA) MGH SS rer. Germ. N. S. 6, pag. 87, nota 1
  25. ^ (LA) MGH SS rer. Germ. N. S. 6, pag. 87, nota 4

BibliografiaModifica

Fonti primarieModifica

Letteratura storiograficaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN81563500 · GND (DE13736251X · CERL cnp01166365