Alfabeto siciliano

L'alfabeto siciliano (arfabbetu, abbezzè[1] o santacruci[2] in siciliano) è il sistema di scrittura utilizzato per trascrivere i fonemi propri della lingua siciliana. È basato sull'alfabeto latino e, stando alla Grammatica siciliana di Salvatore Camilleri, è costituito da 23 grafemi[3].

AlfabetoModifica

Maiuscole Minuscole Nome IPA Diacritico
A a a /a/ â, à, á
B b bi /b/
C c ci /k/ o /tʃ/ o /ʃ/ ç
D d di /ɖ/ o /ɖ͡ʐ/
ḌḌ ḍḍ di ritruflessa, di suttapuntata ɖɖ
E e e /ɛ/ é, è, ê
F f effi /f/
G g gi /ɡ/ o /dʒ/
H h acca, acchi
I i i /i/ î, ì
J j i longa /j/
K k kappa /k/
L l elli /l/
M m emmi /m/
N n enni /n/ o /ŋ/ o /ɱ/
O o o /ɔ/ ô, ò
P p pi /p/
Q q cu /k(w)/
R r erri, erra[4] /r/
S s essi /s/ š, ṣ
T t ti /t/
U u u /u/ o /w/ ù, û
V v vi, vu /v/
X x ics (ìcchisi) /ʃ/ (obsoleto) o /ks/ o /kɪˈsi/
Z z zeta /ts/ o /dz/

ParticolaritàModifica

VocaliModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Vocalismo siciliano.

ConsonantiModifica

Segno DdModifica

Tra i più distintivi suoni del siciliano, il segno dd non va confuso col dd raddoppiamento di d (come in addunàrisi, 'accorgersi'). Negli ambienti colti del Seicento al dd si preferiva ll, probabilmente a imitazione del toscano[5].

Tuttavia, ancora oggi non vi è una grafia universalmente accettata: nei testi accademici, ad esempio, non è raro incontrare ḍḍ, ma esistono anche altre soluzioni come ddr o ddh[6].

Il segno dd va considerato come un unico grafema e in maiuscolo andrebbe trascritto Dd, tranne che non siano maiuscole tutte le lettere di quel determinato termine[6].

La "Kademia du Krivu", tuttavia, ha formulato un alfabeto siciliano di 36 grafemi tendendo a formare «una koinè scritturale della lingua siciliana»; cfr. Come scrivere in siciliano su linguasiciliana.com. URL consultato il 11/11/2021. In questo caso le lettere dell'alfabeto siciliano sarebbero le seguenti a, b, c, ch, k, x, d, dd, dr, e, f, g, gh, gn, j, h, i, l, m, n, ng, ngr, o, p, r, s, sc, sk, sgr, str, t, tr, u, v, z, zz, così suddivise: 5 vocali (a, e, i, o, u), 6 semiconsonanti (c, ch, x, sc, gh, gn), una semivocale (j), una muta (h) e 23 consonanti.

NoteModifica

  1. ^ O ancora abbeccè, abbizzì; cfr. Mortillaro, 1838s.v. Abbeccè.
  2. ^ La santa cruci era la tavoletta dell'ABC grazie alla quale i bambini apprendevano l'alfabeto, così detta perché vi si soleva premettere un segno di croce; cfr. Mortillaro, 1838s.v. Cruci e VS IVs.v. Santacruci.
  3. ^ Camilleri, 2002, 15.
  4. ^ Ad esempio nell'espressione di littra nun ni sapi né a né erra, ovvero "è totalmente analfabeta". Cfr. VS I, 959, s.v. Erra.
  5. ^ Camilleri, 2002, 19.
  6. ^ a b Camilleri, 2002, 20.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica