Apri il menu principale

Angelo Panara

allenatore di calcio e calciatore italiano
Angelo Panara
Angelo Panara.jpg
Angelo Panara con la maglia del Bari
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Carriera
Giovanili
Rosatese
Squadre di club1
1955-1960 Legnano 101 (0)
1960-1962 Parma 67 (1)
1962-1965 Bari 91 (2)
1965-1967 Genoa 5 (0)
1967-1968 Sanremese 17 (?)
???? Bressana ? (?)
Carriera da allenatore
????Bressana
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Angelo Panara (Rosate, 13 aprile 1937Pieve Porto Morone, 15 giugno 2007) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo terzino.

È morto il 15 giugno 2007, dieci giorni dopo che un attacco di cuore lo aveva colpito mentre era alla guida della sua auto.[1]

Si sposa nel 1965 a Bari con Clara, da cui ebbe in seguito due figli Riccardo e Alberto Panara. Termianata la carriera calcistica, Angelo aprí un panificio nel 68' a Bressana Bottarone dove vi abitó fino al 1984. Dall'84' all'86' rimase con la famiglia a Roma finché ritornó nei suoi paesi di origine. Negli ultimi momenti Angelo si trasferì con la moglie Clara a Pieve Porto Morone dove tutt'ora abita il figlio maggiore.

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

Cresciuto nella Rosatese, passa nel 1955 al Legnano, club con cui esordisce in Serie B. Con i lombardi disputa due stagioni tra i cadetti e tre in Serie C. Nel 1960 passa al Parma, club con cui gioca due stagioni in Serie B.

 
Panara (accosciato, secondo da sinistra) nel Legnano del 1956-1957

Nel 1962 si trasferisce in Puglia, al Bari. Con i galletti ottiene il secondo posto della Serie B 1962-1963, conquistando la promozione in massima serie. In Serie A esordisce 15 settembre 1963, nella sconfitta per 3-1 casalinga dei baresi contro la Roma. Con la sua società Panara retrocederà tra i cadetti al termine della stagione, chiusa all'ultimo posto. La stagione seguente tra i cadetti si concluderà con una nuova retrocessione, questa volta in Serie C.

Nel 1965 si trasferisce al Genoa, appena retrocesso dalla massima serie, con cui esordisce nella sconfitta esterna per 2-1 contro il Verona del 17 ottobre 1965.[2] Con i rossoblu gioca due stagioni tra i cadetti, collezionando 5 presenze. Nel 1967 passa alla Sanremese, società in cui militerà una sola stagione ottenendo il quarto posto del Girone A della Serie D 1967-1968.

Chiude la carriera agonistica al Bressana, formazione lombarda militante nelle leghe inferiori.[3]

AllenatoreModifica

Ritiratosi dall'attività agonistica divenne allenatore del Bressana.[4]

NoteModifica

  1. ^ Il Grifone dà l'addio ad Angelo Panara genoacfc.it
  2. ^ Tabellini 1965-66 Archiviato l'11 giugno 2009 in Internet Archive. Akaiaoi.com
  3. ^ [1] acbressana.wordpress.com
  4. ^ [2] acbressana.wordpress.com

BibliografiaModifica

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.

Collegamenti esterniModifica