Apri il menu principale

Annalisa Mandolini

conduttrice televisiva italiana

Annalisa Mandolini (Viterbo, 29 luglio 1974) è una conduttrice televisiva italiana.

Eletta Miss Lazio nel 1994 e concorrente a Miss Italia 1994, dopo aver debuttato in televisione con il programma Non è la RAI e il suo spin-off Bulli & pupe, ha raggiunto la notorietà a cavallo tra gli anni novanta e gli anni duemila conducendo su Raiuno alcuni programmi televisivi tra cui La Banda dello Zecchino e lo Zecchino d'Oro 1999. Dal 2017 conduce su La5 il game show Guerrilla Gardeners, ambientato nel mondo degli appassionati di pollice verde.

BiografiaModifica

Dopo aver esordito nel 1992 nel programma estivo di prima serata di Canale 5 Bulli & pupe, nel settembre dello stesso anno entrerà a far parte del cast di Non è la RAI, celebre programma di Italia 1 condotto da Paolo Bonolis.[1] Nel 1994 è a Salsomaggiore per l'evento annuale di Miss Italia, già eletta Miss Lazio[2] e eletta anche, in quell'occasione, Miss Tele Volto Italia.[3] Due anni dopo, dopo aver preso il diploma di ragioneria e condotto insieme a Michele Mirabella su Raitre Tivvù cumprà,[1] conduce il programma giornaliero La RAI che vedrai, dove presenta le anteprime dei programmi RAI che sarebbero andati in onda nelle settimane e nei mesi successivi.[4][1] Contemporaneamente è protagonista di numerose televendite per i programmi Mediaset[1] e co-conduce, nel 1997, il programma sportivo Progetto Gol e Stadio a studio sull'emittente romana Teleregione.[1]

Il grande successo arriva nel 1999, quando viene scelta per condurre al fianco di Ettore Bassi il programma per bambini La Banda dello Zecchino,[5] in onda il sabato e la domenica mattina su Raiuno, e conduce anche l'edizione 1999 della celebre gara canora per bambini Zecchino d'Oro.

Nel 2000 condurrà anche l'edizione estiva del programma, a cui seguirà, per la stagione 2000/2001, un nuovo ciclo del programma nella sua versione invernale;[6] nello stesso anno conduce la striscia di cartoni animati di Raitre Cartoons on the Bay.[1] Nel 2001 è scelta per condurre il Concerto dell'Epifania, sempre su Raiuno, andato in onda 5 gennaio successivo,[7] e nell'estate conduce il programma Miss Italia Top.[6] In seguito negli anni 2000 è tornata a registrare numerose televendite per i programmi Mediaset. Nel 2004 ha recitato nel terzo episodio della serie televisiva Carabinieri 3, intitolato "Un bravo ragazzo", nel ruolo di Alessia Manca. L'anno successivo ha partecipato al programma Non è la RAI - Speciale, andato in onda su Happy Channel,[8] e condotto la serata "Palio di Roma" insieme ad Antonio Giuliani.[9]

Dal 2016 è una delle presentatrici del canale di televendite HSE24 (Italia).

Da maggio del 2017 ha condotto la prima edizione del programma Guerrilla Gardeners su La 5, confermata per una seconda stagione a partire dal giugno 2018.

TelevisioneModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g Pagina di Annalisa Mandolini su eliominasi.it, su eliominasi.it. URL consultato il 15-11-2009 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2009).
  2. ^ Sognando Salsomaggiore, in Corriere della Sera, 22 agosto 1994, p. 29. URL consultato il 30-11-2009 (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).
  3. ^ Laura Laurenzi, Miss & campioni. Amori in passerella, in la Repubblica, 3 settembre 1994, p. 19. URL consultato il 19-02-2010.
  4. ^ Prossimamente in Rai con l'ironico Barlozzetti, in la Repubblica, 21 novembre 1996, p. 43. URL consultato il 19-02-2010.
  5. ^ Scheda di La banda dello Zecchino, Archivio RAI, su archivio.raiuno.rai.it. URL consultato il 15-11-2009 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2010).
  6. ^ a b Biografia di Annalisa Mandolini su Archivio RAI, su archivio.raiuno.rai.it. URL consultato il 15-11-2009 (archiviato dall'url originale il 13 agosto 2009).
  7. ^ Nino Marchesano, Antonio Tricomi, Oggi alle 20,30 nella basilica di Santa Chiara la carovana di artisti, ci sarà anche Vecchioni, in la Repubblica, 4 gennaio 2002, p. 10. URL consultato il 19-02-2010.
  8. ^ Scheda di Non è la Rai speciale sul sito nonelarai.it, su lnx.nonelarai.it. URL consultato il 15-11-2009 (archiviato dall'url originale il 14 gennaio 2011).
  9. ^ Totti e Peruzzi premiano i 19 assi del "Palio di Roma", in la Repubblica, 13 marzo 2005, p. 7. URL consultato il 19-02-2010.