Apri il menu principale
Augusto Bergamino
De Vecchi e Bergamino.jpg
Bergamino, a destra, insieme al capitano De Vecchi
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1926
Carriera
Giovanili
1910-1915 Genoa[1]
Squadre di club1
1915-1926Genoa108 (32)
Nazionale
1920-1923Italia Italia 5 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Augusto Bergamino (Genova, 12 luglio 1898[2]Venezia, 29 gennaio 1976) è stato un calciatore italiano, di ruolo di ala sinistra[1].

Indice

BiografiaModifica

Nato nel quartiere di Marassi, risiedeva in via Casata Centurioni proprio a fianco del campo del Genoa, era conosciuto come Bergamino I, per distinguerlo dai fratelli minori Giacomo[1] e Giuseppe. Cresciuto nelle giovanili del Genoa, militò per l'intera carriera nel club rossoblù. Lasciato il calcio giocato si è trasferito a Venezia, dove un suo amico concittadino gli aveva offerto un posto di lavoro in una ditta di spedizioni.[3] É morto a Mestre a 77 anni, lasciando moglie e figlio.[3]

Caratteristiche tecnicheModifica

Dotato di temperamento, la tecnica e la velocità, Bergamino era considerato una delle migliori ali vecchia maniera del calcio italiano dei primi anni '20.[3][4] Il suo compito consisteva di correre sulle fasce per servire cross nell'area avversaria per i compagni quando arrivava all'altezza del calcio d'angolo.[3]

CarrieraModifica

ClubModifica

Venne notato giovinetto da Thomas Coggins, allenatore delle giovanili del Genoa, che volle inserire nel club rossoblù allenandolo personalmente per molte ore al giorno.[3] Spese l'intera carriera tra le file del Grifone, dalla seconda metà degli anni dieci fino alla metà degli anni venti del secolo scorso.

Bergamino esordì sedicenne in campionato nella stagione 1914-1915, nella vittoria casalinga per 5 a 3 contro l'Inter del 25 aprile 1915[1][5].

 
Bergamino (accosciato, primo da destra) nel Genoa campione d'Italia della stagione 1923-1924

Nella sua prima stagione con il Grifone vinse lo scudetto, benché la vittoria venisse assegnata solo al termine della Grande Guerra che aveva causato l'interruzione del campionato[6].

Con il Genoa, club nel quale trascorse tutta la carriera, vinse due scudetti consecutivi nelle stagioni 1922-23 e 1923-24 prima del suo ritiro dall'attività agonistica nel 1926.

NazionaleModifica

Giocò nella nazionale azzurra in cinque occasioni, esordendovi il 18 gennaio 1920 nell'amichevole disputata a Milano contro la Francia vinta per 9 a 4.

L'ultimo incontro in azzurro lo disputò nella sua Genova il 4 marzo 1923, pareggiando per 0 a 0 contro l'Ungheria.

Rimase in azzurro fino al 1924 quando fece parte della nazionale italiana che partecipò ai Giochi olimpici di Parigi, tuttavia non scese mai in campo nel corso della competizione.[7]

StatisticheModifica

Cronologia presenze e reti in NazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
18/01/1920 Milano Italia   9 – 4   Francia Amichevole -
20/02/1921 Marsiglia Francia   1 – 2   Italia Amichevole -
06/03/1921 Milano Italia   2 – 1   Svizzera Amichevole -
01/01/1923 Milano Italia   3 – 1   Germania Amichevole -
04/03/1923 Genova Italia   0 – 0   Ungheria Amichevole -
Totale Presenze 5 Reti 0

PalmarèsModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d Nel 1898 nasce a Genova l'ala sinistra Augusto Bergamino Archiviato il 1º luglio 2015 in Internet Archive. Tuttomercatoweb.com
  2. ^ Bocchio, Tosco, vol.1, p.36
  3. ^ a b c d e Addio, vecchio Bergamino, in Il Giornale, 30 gennaio 1976.
  4. ^ In ricordo di Bergamino, in Il Corriere del pomeriggio, 2 febbraio 1976.
  5. ^ Nasce Augusto Bergamino Archiviato il 1º luglio 2015 in Internet Archive. Tuttomercatoweb.com
  6. ^ Il campionato 1914-15 viene sospeso per l'entrata in guerra dell'Italia Archiviato il 6 ottobre 2013 in Internet Archive. Tuttomercatoweb.com
  7. ^ Giornale "La voz", 21 di maggio, 1924, Spagna Hemerotecadigital.bne.es

BibliografiaModifica

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, Genova, De Ferrari, 2008, ISBN 978-88-6405-011-9.
  • Aldo Padovano, Accadde domani... un anno con il Genoa, Genova, De Ferrari, 2005, ISBN 88-7172-689-8.
  • Franco Tomati e Gianni Brera, Genoa Amore mio, Nuove Edizioni Periodiche, 1992.
  • Sandro Bocchio e Giovanni Tosco, Dizionario rossoblù, Bradipolibri, 2006.

Collegamenti esterniModifica