Bernard Lajarrige

attore cinematografico francese

Bernard Leynia de La Jarrige, meglio conosciuto come Bernard Lajarrige (o La Jarrige), (Saint-Mandé, 25 febbraio 1912Parigi, 29 maggio 1999) è stato un attore francese.

BiografiaModifica

Lajarrige è nato a Saint-Mandé il 25 febbraio 1912, figlio unico di Jean, autore di diari di Guerra, e Adrienne des Mazis. Sua madre scrisse poesie che pubblicò sotto lo pseudonimo di Jacques Sizam (anagramma di Mazis). Suo zio Louis Leynia de la Jarrige è un pittore di animali e illustratore di La Semaine de Suzette. I Leynia de Lajarrige provengono da un'antica famiglia borghese del Limousin.

Dopo aver studiato scienze politiche, Lajarrige conobbe Léon Chancerel, fondatore di Comédiens Routiers. Dal 1930, quindi, formò il primo nucleo dei Comédiens Routiers insieme a François Bloch-Lainé, Maurice Jacquemont, Michel Richard e Pierre Gouter in seguito affiancato da Hubert Gignoux.

Ha esordito come attore nel 1938 nel film Delirio e, dopo aver recitato in un centinaio di film, ha concluso la sua carriera nel 1995 al fianco di Philippe Noiret in Le roi de Paris. Tra i molti film da lui interpretati sono da ricordare Amore a vent'anni (1938), La conversa di Belfort (1943), Le sedicenni (1949), Le belle della notte (1952), Le spie (1957), I filibustieri della Martinica (1959), Assassinio a 45 giri (1960), Capitan Fracassa (1961), Sherlock Holmes - La valle del terrore (1962), Il treno (1964), Angelica (1964), Le due orfanelle (1965), Mayerling (1968), Operazione crepes suzette (1970), Che la festa cominci... (1975), L'uomo del fiume (1977), Contro 4 bandiere (1979) e Linea di sangue (1979).

È deceduto il 29 maggio 1999 nella sua casa nel 14º arrondissement di Parigi.[1].

Vita privataModifica

Lajarrige aveva sposato Pauline Simon (1909-1991), figlia del pittore Lucien Simon. Hanno avuto quattro figli: quattro femmine ed un maschio.[2]

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

TeatroModifica

BibliografiaModifica

  • Mémoires d'un comédien au XXe siècle : trois petits tours (2009) - Autobiografia postuma

OnorificenzeModifica

  Cavaliere dell'Ordine delle Arti e delle Lettere
— 8 febbraio 1968

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN74050051 · ISNI (EN0000 0000 7779 9915 · LCCN (ENno2009018649 · BNF (FRcb140196582 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2009018649