Borso da Correggio

Borso da Correggio (... – 1504) è stato un politico e condottiero italiano.

BiografiaModifica

Era figlio di Manfredo I da Correggio (?-1474), signore di Correggio e di Agnese Pio (?-1474).

Fu uomo d'armi al servizio di diversi signori. Nel 1478 fece parte di un complotto tendente a fare impadronire di Parma Ludovico il Moro, mentre era reggente del ducato di Milano Bona di Savoia. Quando Ludovico Maria Sforza divenne duca di Milano, Borso fu al suo servizio. Combatté per gli Estensi contro i veneziani nel 1482, rimanendo ferito ad Argenta. Fu ambasciatore del Moro presso Mattia, re d'Ungheria. Nel 1484 fu nominato consigliere ducale a Milano.

Partecipò alla edificazione del Palazzo dei Principi di Correggio.[1]

Morì nel 1504.

DiscendenzaModifica

Borso sposò nel 1470 Francesca di Brandeburgo ed ebbero sei figli:[2]

NoteModifica

  1. ^ Museo Il Correggio.
  2. ^ Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Da Correggio, Torino, 1835.

BibliografiaModifica

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Da Correggio, Torino, 1835, ISBN non esistente.

Collegamenti esterniModifica