Bulgaria Air

compagnia aerea bulgara
Bulgaria Air
Logo
LZ-FBE (6921128976).jpg
StatoBulgaria Bulgaria
Fondazionenovembre 2002
Sede principaleSofia
GruppoBalkan Hemus Group AG
ControllateBul Air
Persone chiave
  • Yanko Georgiev (CEO)
  • Hristo Todorov (CEO)
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Sito webwww.air.bg/en/
Compagnia aerea di bandiera
Codice IATAFB
Codice ICAOLZB
Indicativo di chiamataFLYING BULGARIA
Primo volo4 dicembre 2002
HubSofia
Frequent flyerFLY MORE
Flotta19 (nel 2021)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

Bulgaria Air (in bulgaro: България Ер) è la compagnia aerea di bandiera della Bulgaria, con sede presso l'aeroporto di Sofia a Sofia.[1][2] L'azienda è di proprietà di Chimimport AD. La compagnia aerea opera aerei a corto e medio raggio verso destinazioni in Europa, Medio Oriente e Russia. Le città principali nelle quali opera in Bulgaria sono Sofia e Varna. Nel 2018, la compagnia ha trasportato circa 1.267.000 passeggeri su 5.995 voli.[3]

StoriaModifica

La compagnia aerea venne fondata nel 2002 come successore della insolvente Balkan Bulgarian Airlines e iniziò le operazioni il 4 dicembre dello stesso anno. Per ordine del Ministro dei trasporti e delle comunicazioni venne dichiarata compagnia di bandiera nel novembre 2002. Bulgaria Air iniziò le operazioni utilizzando il nome Balkan Air Tour. Il nome Bulgaria Air e il logo vennero determinati durante un concorso pubblico dopo un breve periodo.[4] Bulgaria Air è stata privatizzata nel 2006; anche se si vociferava che il governo volesse vendere il vettore a un importante investitore straniero, un gruppo di società di proprietà locale, guidate da Hemus Air, emerse come acquirente con la compagnia aerea italiana Air One come unico altro contendente. Secondo quanto riferito, Hemus Air, vincitrice dell'asta, aveva offerto 6,6 milioni di euro e ne aveva promessi altri 86 milioni nei successivi cinque anni. Da allora, tutti i voli e le operazioni di Hemus Air e della sua controllata Viaggio Air operano con il nome e la gestione della società risultante dalla fusione, Bulgaria Air.

Nel novembre 2008, Bulgaria Air è diventata membro a pieno titolo della International Air Transport Association (IATA).[5] A metà del 2011, Bulgaria Air ha annunciato di aver completato un'analisi approfondita delle sue rotte e di aver deciso di acquisire il nuovo Embraer 190. La consegna del primo nuovo esemplare è avvenuta nel marzo 2012.[6]

Nel 2016, Bulgaria Air ha fondato una sussidiaria charter chiamata Bul Air.[7]

Identità aziendaleModifica

Bul AirModifica

Bul Air è una sussidiaria charter di Bulgaria Air. La compagnia è stata fondata nel 1954, ma dopo la fusione con il vettore nazionale bulgaro TABSO è entrata a far parte della Balkan Bulgarian Airlines. Nel 2015, la compagnia ha ripreso le operazioni sotto la direzione della Bulgaria Air.[8]

Frequent FlyerModifica

Fly More è il nome del programma Frequent Flyer della Bulgaria Air. Ci sono tre livelli: Basic, Silver e Gold Privilege.[9] La Central Cooperative Bank emette carte di credito Visa Classic e Visa Gold in co-branding con Bulgaria Air.[10][11]

LivreaModifica

Nel novembre 2002 si sono svolti concorsi pubblici in Bulgaria per determinare un nome e un logo per la nuova compagnia aerea. Migliaia di persone hanno mostrato la loro creatività e espresso le loro opinioni. Dopo aver cercato tra i contributi, sono stati scelti il nome e il logo.[5] Il design è stato utilizzato per circa quattro anni, fino al 2006, quando è stato introdotto un design migliorato e più professionale. Dopo la piena integrazione della flotta di Hemus Air e Viaggio Air, è stato necessario sviluppare nuovamente una nuova livrea. A metà del 2010, il primo Airbus A319 è stato lanciato con la combinazione di colori definitiva.

CateringModifica

Nel 2010, Bulgaria Air e LSG Sky Chefs hanno creato una nuova società di catering per compagnie aeree chiamata Silver Wings. L'investimento totale per Bulgaria Air è stato di 1,3 milioni di dollari. I futuri piani di investimento prevedono una nuova mensa per servire il personale dell'aeroporto all'aeroporto di Sofia.[12]

DestinazioniModifica

 
Un Airbus A319-100.
 
Un Embraer 190.

Al 2021, Bulgaria Air opera voli verso Austria, Belgio, Cipro, Francia, Germania, Grecia, Israele, Italia, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Russia, Spagna, Svizzera, Ucraina e Ungheria.[13]

Accordi di code shareModifica

Al 2021, Bulgaria Air ha accordi di code-share con le seguenti compagnie aeree[14][15]:

FlottaModifica

Flotta attualeModifica

 
Un Airbus A320-200.
 
Un Boeing 737-300 della controllata Bul Air.

A marzo 2021 la flotta di Bulgaria Air è così composta[16][17]:

Aereo In flotta Ordini Passeggeri Note
J Y Totale
Airbus A319-100 2 8 132 140 [18]
Airbus A320-200 4 180 180 [19]
Boeing 737-300 9 148 148 Operati da Bul Air.
Embraer 190 4 108 108 [20]
Totale 19

Flotta storicaModifica

Bulgaria Air operava in precedenza con i seguenti aeromobili[16][17]:

Aereo Esemplari Inserimento Dismissione Note
Avro RJ70 1 2009 2016
Boeing 737-500 5 2003 2010
British Aerospace 146-200 3 2009 2016
British Aerospace 146-300 3 2009 2013

NoteModifica

  1. ^ (EN) Bulgaria Air strengthens its European network with new E-Jets, but cost reduction is also essential | CAPA - Centre for Aviation, su web.archive.org, 29 novembre 2014. URL consultato il 31 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 29 novembre 2014).
  2. ^ (EN) Contacts, su Airline Bulgaria Air. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  3. ^ (EN) Bulgaria Air narrows 2018 net loss on rise in revenue, su seenews.com. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  4. ^ (EN) Air.bg - Travel with pleasure all over the world!, su web.archive.org, 22 giugno 2008. URL consultato il 31 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 22 giugno 2008).
  5. ^ a b (EN) Air.bg - Travel with pleasure all over the world!, su web.archive.org, 7 febbraio 2009. URL consultato il 31 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 7 febbraio 2009).
  6. ^ (EN) Bulgaria Air Welcomes First Embraer 190 Jet - Novinite.com - Sofia News Agency, su www.novinite.com. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  7. ^ (EN) Bulgaria's Bul Air secures Kosovo charter contract, su ch-aviation. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  8. ^ (EN) Company, su BUL AIR. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  9. ^ (EN) Bulgaria Air - Membership levels, su web.archive.org, 2 aprile 2015. URL consultato il 31 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  10. ^ (EN) "CCB - BG AIR" credit card | Central Cooperative Bank, su web.archive.org, 16 aprile 2015. URL consultato il 31 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2015).
  11. ^ (RU) Авиокомпания България Ер - Co-branded credit card, su web.archive.org, 31 dicembre 2014. URL consultato il 31 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 31 dicembre 2014).
  12. ^ (EN) Авиокомпания България Ер - Новини, su web.archive.org, 13 aprile 2014. URL consultato il 31 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2014).
  13. ^ (EN) Airline ticket - Airline Bulgaria Air, su Airline Bulgaria Air. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  14. ^ (RU) Авиокомпания България Ер - Partners, su web.archive.org, 15 agosto 2012. URL consultato il 31 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 15 agosto 2012).
  15. ^ (EN) Alitalia / Bulgaria Air expands codeshare partnership in W17, su Routesonline. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  16. ^ a b (EN) Bulgaria Air Fleet Details and History, su www.planespotters.net. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  17. ^ a b (EN) Bul Air Fleet Details and History, su www.planespotters.net. URL consultato il 31 gennaio 2021.
  18. ^ Marche LZ-FBA e LZ-FBB.
  19. ^ Marche LZ-FBC, LZ-FBD e LZ-FBE.
  20. ^ Marche LZ-BUR, LZ-PLO, LZ-SOF e LZ-VAR.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica