Air France

compagnia aerea francese
Air France
Logo
F-GSQA@PEK (20191119155716).jpg
StatoFrancia Francia
Fondazione7 ottobre 1933 a Parigi
Sede principaleSophia-Antipolis
GruppoAir France-KLM
Persone chiaveAnne Rigail (CEO)
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Dipendenti84.602 (2016)
Slogan«France is in the air
Sito webwww.airfrance.com/
Compagnia aerea di bandiera
Codice IATAAF
Codice ICAOAFR
Indicativo di chiamataAIRFRANS
Primo volo30 agosto 1933
Hub
Frequent flyerFlying Blue
AlleanzaSkyTeam
Flotta215 (nel 2021)
Destinazioni211 (nel 2021)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

Air France è la compagnia aerea di bandiera della Francia, nonché la principale compagnia aerea del paese, di proprietà del gruppo Air France-KLM; l'hub principale della compagnia è l'Aeroporto di Parigi Charles de Gaulle, l'Aeroporto di Parigi Orly è l'hub per i voli domestici, inclusi i voli verso i territori d'oltremare francesi.

In passato di proprietà completamente pubblica, oggi è parzialmente privatizzata: a seguito dell'integrazione con KLM, la partecipazione dello Stato francese nell'azionariato di Air France avviene attraverso la capogruppo Air France-KLM, dove lo Stato francese detiene (al 2014) il 15,9% delle quote.[1] Il business di Air France è suddiviso in tre settori: trasporto passeggeri, trasporto cargo, assistenza e manutenzione aeromobili.

StoriaModifica

Fondazione e primi anniModifica

 
L'inaugurazione dell'Aérogare des Invalides il 21 agosto 1951.

Air France venne costituita il 7 ottobre 1933 da una fusione di Air Orient, Air Union, Compagnie Générale Aéropostale, Compagnie Internationale de Navigation Aérienne (CIDNA) e Société Générale des Transports Aériens (SGTA). Di queste compagnie aeree, SGTA è stata la prima compagnia aerea commerciale in Francia, essendo stata fondata come Lignes Aériennes Farman nel 1919. I membri costitutivi di Air France avevano già costruito ampie reti in tutta Europa, verso le colonie francesi in Nord Africa e oltre. Durante la seconda guerra mondiale, Air France trasferì le sue operazioni a Casablanca (Marocco).

Nel 1936, Air France aggiunse alla sua flotta velivoli bimotore Potez 62 di costruzione francese, dotati di una cabina a due compartimenti che poteva ospitare da 14 a 16 passeggeri. Monoplano ad ala alta, aveva una fusoliera in legno con rivestimento composito mentre le ali erano rivestite in tessuto con un bordo d'attacco in metallo. Dotati di motori a V Hispano-Suiza, venivano utilizzati su rotte in Europa, Sud America ed Estremo Oriente. Anche se volava a sole 175 miglia orarie, il Potez 62 era un cavallo di battaglia robusto e affidabile per l'Air France e rimase in servizio fino alla seconda guerra mondiale con uno utilizzato dalla Free French Air Force.

 
L'elenco dei servizi con i Potez 62.

Il 26 giugno 1945, tutte le compagnie di trasporto aereo francesi furono nazionalizzate.[2] Il 29 dicembre 1945, un decreto del governo concesse ad Air France la gestione dell'intera rete di trasporto aereo francese.[3] Air France nominò i suoi primi assistenti di volo nel 1946. Lo stesso anno la compagnia aerea aprì il suo primo terminal aereo a Les Invalides, nel centro di Parigi. Era collegato all'aeroporto di Parigi Le Bourget, la prima base operativa e di ingegneria di Air France, in pullman. A quel tempo la rete copriva 160.000 km, dichiarata la più lunga del mondo.[4] La Société Nationale Air France venne costituita il 1º gennaio 1946.

Le rotte europee erano inizialmente gestite da una flotta di Douglas DC-3. Il 1º luglio 1946, Air France iniziò i voli diretti tra Parigi e New York tramite scali di rifornimento a Shannon e Gander. I Douglas DC-4 coprivano la rotta in poco meno di 20 ore.[4] Nel settembre 1947, la rete di Air France si estendeva a est da New York, Fort de France e Buenos Aires fino a Shanghai.

 
Un DC-3 di Air France a Manchester nel 1952.

Nel 1948, Air France gestiva 130 aeromobili, una delle flotte più grandi del mondo.[4] Tra il 1947 e il 1965 la compagnia aerea operò Lockheed Constellation su servizi passeggeri e merci in tutto il mondo.[5] Nel 1946 e nel 1948, rispettivamente, il governo francese autorizzò la creazione di due compagnie aeree private: Transports Aériens Internationaux e SATI. Nel 1949, quest'ultima entrò a far parte della Union Aéromaritime de Transport (UAT), una compagnia aerea internazionale privata francese.

La Compagnie Nationale Air France venne creata con atto del parlamento del 16 giugno 1948. Inizialmente, il governo deteneva il 70%. Negli anni successivi, le partecipazioni dirette e indirette dello Stato francese raggiunsero quasi il 100%. A metà del 2002, lo stato deteneva il 54%.[6]

Il 4 agosto 1948, Max Hymans fu nominato presidente. Durante i suoi 13 anni di mandato implementò pratiche di modernizzazione incentrate sull'introduzione di aerei a reazione. Nel 1949, la compagnia divenne co-fondatrice della Société Internationale de Télécommunications Aéronautiques (SITA), una compagnia di servizi di telecomunicazioni aeree.

Riorganizzazione dell'era dei jetModifica

 
Pubblicità di Air France (1950).

Nel 1952, Air France trasferì le sue operazioni e la base di ingegneria al nuovo terminal dell'aeroporto di Orly Sud. A quel punto la rete copriva 250.000 km. Air France entrò nell'era dei jet nel 1953 con l'originale de Havilland Comet serie 1 di breve durata, il primo aereo di linea al mondo.

Durante la metà degli anni '50 operava anche il turboelica Vickers Viscount, con dodici servizi in entrata tra maggio 1953 e agosto 1954 sulle rotte europee. Il 26 settembre 1953, il governo incaricò Air France di condividere rotte a lunga distanza con nuove compagnie aeree private. Ciò fu seguito dall'imposizione da parte del Ministero dei lavori pubblici e dei trasporti di un accordo su Air France, Aigle Azur, TAI e UAT, in base al quale alcune rotte verso l'Africa, l'Asia e la regione del Pacifico sono state trasferite a vettori privati.[4]

Il 23 febbraio 1960, il Ministero dei lavori pubblici e dei trasporti trasferì il monopolio nazionale di Air France ad Air Inter. Per compensare la perdita della sua rete domestica, Air France ricevette una partecipazione in Air Inter. Il giorno successivo, Air France ricevette istruzioni di condividere le rotte africane con Air Afrique e UAT.[6]

La compagnia aerea iniziò le operazioni di volo ininterrotte nel 1960 con il Sud Aviation Caravelle e il Boeing 707; gli aerei di linea dimezzarono i tempi di viaggio e migliorarono il comfort.[4] Air France in seguito divenne uno dei primi operatori di Boeing 747 e alla fine ebbe una delle flotte di Boeing 747 più grandi al mondo.

Il 1º febbraio 1963, il governo formalizzò la divisione delle rotte tra Air France e i suoi concorrenti del settore privato. Air France dovette ritirare i servizi per l'Africa occidentale (eccetto il Senegal), l'Africa centrale (eccetto Burundi e il Ruanda), l'Africa meridionale (compreso il Sud Africa), la Libia in Nord Africa, il Bahrain e l'Oman in Medio Oriente, lo Sri Lanka (allora noto come Ceylon) in Asia meridionale, Indonesia, Malesia e Singapore nel sud-est asiatico, Australia, Nuova Zelanda, Nuova Caledonia e Tahiti. Queste rotte vennero assegnate alla nuova Union de Transports Aériens (UTA), una compagnia aerea privata nata dalla fusione di TAI e UAT. UTA ottenne anche i diritti esclusivi tra il Giappone, la Nuova Caledonia e la Nuova Zelanda, il Sud Africa e l'isola della Riunione nell'Oceano Indiano, così come Los Angeles e Tahiti.[7]

Dal 1974, Air France iniziò a trasferire la maggior parte delle operazioni al nuovo aeroporto Charles de Gaulle a nord di Parigi. All'inizio degli anni '80, solo Corsica, Martinica, Guadalupa, la maggior parte dei servizi per la Guyana francese, La Riunione, la regione del Maghreb, l'Europa orientale (eccetto l'URSS), l'Europa meridionale (tranne la Grecia e l'Italia) e un servizio giornaliero per New York (JFK ) era rimasto a Orly. Nel 1974, Air France divenne anche il primo operatore al mondo del bimotore a fusoliera larga Airbus A300, il primo aereo di linea commerciale di Airbus Industrie per il quale era un cliente di lancio.[8]

Concorde e rivalitàModifica

 
F-BVFA, uno dei Concorde della compagnia.

Il 21 gennaio 1976, Air France ha operato il suo servizio inaugurale di trasporto supersonico (SST) sulla rotta Parigi (Charles de Gaulle) a Rio (via Dakar) con l'anglo-francese BAC Aérospatiale Concorde F-BVFA. I servizi supersonici da Parigi (CDG) all'aeroporto internazionale di Washington Dulles iniziarono il 24 maggio 1976, anche con F-BVFA. Il servizio per New York (JFK), quello rimasto fino alla fine, iniziò il 22 novembre 1977. La rotta Parigi-New York fu volata in 3 ore e 23 minuti, a circa il doppio della velocità del suono. L'approvazione per i voli per gli Stati Uniti venne inizialmente negata a causa delle proteste contro il rumore. Alla fine, furono avviati i servizi per Città del Messico via Washington DC. Air France divenne una delle uniche due compagnie aeree - British Airways è l'altra - ad operare regolarmente servizi supersonici e continuò il servizio quotidiano transatlantico Concorde fino alla fine di maggio 2003.[9]

Nel 1983, Air France contava più di 34.000 dipendenti, una flotta di circa 100 aerei a reazione (inclusi 33 Boeing 747) e la sua rete di 634.400 km serviva 150 destinazioni in 73 paesi. Ciò rese Air France la quarta più grande compagnia aerea di linea al mondo, nonché la seconda più grande compagnia di trasporto merci di linea.[4] Air France condivideva anche codice con le compagnie aeree regionali francesi, TAT era la più importante. TAT avrebbe successivamente operato diverse rotte internazionali regionali per conto di Air France. Nel 1983, Air France iniziò i voli passeggeri per la Corea del Sud, essendo la prima compagnia aerea europea a farlo.[10]

Nel 1986, il governo allentò la sua politica di divisione dei diritti di traffico per i servizi di linea tra Air France, Air Inter e UTA, senza sovrapposizioni di rotta tra di loro. La decisione aprì alcune delle rotte più redditizie di Air France su cui aveva goduto di un monopolio sancito dal governo dal 1963 e che erano nella sua esclusiva sfera di influenza, a rivaleggiare con le compagnie aeree, in particolare UTA. Le modifiche consentirono a UTA di lanciare servizi di linea verso nuove destinazioni all'interno della sfera di Air France, in concorrenza con quella compagnia aerea.[11][12][13]

La Parigi-San Francisco divenne la prima rotta UTA servita in concorrenza con Air France senza scalo da Parigi. Air France rispose estendendo alcuni servizi non-stop Parigi-Los Angeles a Papeete, Tahiti, che competeva con UTA su Los Angeles-Papeete. La capacità di UTA di assicurarsi i diritti di traffico al di fuori della sua sfera tradizionale in concorrenza con Air France fu il risultato di una campagna di pressioni sul governo per consentirgli di crescere più rapidamente, diventando più dinamica e più redditizia. Questo fece infuriare Air France.[14]

Nel 1987, Air France insieme a Lufthansa, Iberia e SAS fondarono Amadeus, una società IT (nota anche come GDS) che avrebbe consentito alle agenzie di viaggio di vendere i prodotti dei fondatori e di altre compagnie aeree da un unico sistema.[15]

Nel 1988, Air France era un cliente di lancio per l'Airbus A320 fly-by-wire (FBW), insieme ad Air Inter e alla British Caledonian. Divenne la prima compagnia aerea a prendere in consegna l'A320 nel marzo 1988 e, insieme ad Air Inter, la prima a introdurre il servizio di Airbus A320 sulle rotte a corto raggio.[16]

Acquisizione e privatizzazioneModifica

Il 12 gennaio 1990, le operazioni di Air France di proprietà del governo, la semi-pubblica Air Inter e Union de Transports Aériens (UTA) furono fuse in un'Air France allargata.[4] L'acquisizione di UTA e Air Inter da parte di Air France faceva parte di un piano governativo dei primi anni '90 per creare un vettore aereo nazionale unificato con economie di scala e portata globale per contrastare le potenziali minacce derivanti dalla liberalizzazione del mercato interno del trasporto aereo dell'UE.[17]

Il 25 luglio 1994 fu costituita con decreto una nuova holding, Groupe Air France. Divenne operativo il 1º settembre 1994. Acquisì le partecipazioni di maggioranza del gruppo Air France in Air France e Air Inter (successivamente ribattezzata Air Inter Europe). Il 31 agosto 1994, Stephen Wolf, ex CEO di United Airlines, venne nominato consigliere del presidente del gruppo Air France Christian Blanc.

Nel 1997, Air France Europe venne assorbita in Air France. Il 19 febbraio 1999, il governo della Sinistra Plurale del Primo Ministro francese Lionel Jospin approvò la parziale privatizzazione di Air France. Le sue azioni vennero quotate alla borsa di Parigi il 22 febbraio 1999. Nel giugno 1999, Air France e Delta Air Lines formarono una partnership transatlantica bilaterale. Il 22 giugno 2000, questa si è espanse nell'alleanza aerea globale SkyTeam.[18]

Fusione Air France-KLMModifica

 
La fusione tra Air France e KLM è avvenuta nel 2004.

Il 30 settembre 2003, Air France e KLM Royal Dutch Airlines, con sede nei Paesi Bassi, annunciarono la fusione delle due compagnie aeree, la nuova compagnia conosciuta come Air France-KLM. La fusione diventò realtà il 5 maggio 2004. A quel punto, gli ex azionisti di Air France possedevano l'81% della nuova società (44% di proprietà dello Stato francese, 37% di azionisti privati), ex azionisti di KLM il resto. La decisione del governo di Jean-Pierre Raffarin di ridurre la partecipazione dello Stato francese nell'ex gruppo Air France dal 54,4% al 44% del gruppo Air France-KLM di nuova creazione privatizzò di fatto la nuova compagnia aerea. Nel dicembre 2004, lo stato vendette il 18,4% della sua partecipazione in Air France-KLM, che scese a poco meno del 20%.

Air France-KLM è diventata la più grande compagnia aerea del mondo in termini di ricavi operativi e la terza (la più grande in Europa) in passeggeri-chilometri. Sebbene di proprietà di una singola compagnia, Air France e KLM hanno continuato a volare con i propri marchi. Air France-KLM è rimasta parte dell'alleanza SkyTeam, alla quale si unirono poi Aeroflot, Delta Air Lines, Aeroméxico, Korean Air, Czech Airlines, Alitalia, Northwest Airlines, China Southern Airlines, Air Europa, Continental Airlines, Garuda Indonesia, Vietnam Airlines e Saudi Arabian Airlines. A marzo 2004, il gruppo impiegava 71.654 persone. A marzo 2007, il gruppo impiegava 102.422 dipendenti.

Il patto "Open Skies"Modifica

Il 17 ottobre 2007, durante una conferenza stampa presso la sede di Air France-KLM, è stata annunciata la creazione di una joint venture transatlantica di partecipazione agli utili e ai ricavi tra Air France-KLM e Delta Air Lines. L'iniziativa è diventata effettiva il 29 marzo 2008. Mirava a sfruttare le opportunità transatlantiche per catturare una quota importante del traffico di affari a lungo raggio dall'aeroporto di Londra Heathrow, che quel giorno si è aperto alla concorrenza illimitata a seguito del patto "Open Skies" tra l'UE e gli USA. Si prevedeva che Air France e Delta avrebbero iniziato nove viaggi giornalieri di andata e ritorno tra Londra-Heathrow e destinazioni negli Stati Uniti, incluso un servizio giornaliero da Londra (Heathrow) a Los Angeles da parte di Air France. Una volta ottenuta l'immunità dall'antitrust, la nuova impresa Air France-Delta doveva essere estesa agli altri due partner SkyTeam transatlantici, consentendo a tutti e quattro i partner di voli in code-share e di condividere entrate e profitti.[19] La nuova joint venture transatlantica ha segnato la seconda grande espansione del gruppo Air France-KLM nel mercato londinese, dopo il lancio dei servizi a corto raggio operati da CityJet dall'aeroporto di London City, destinati ai viaggiatori d'affari nel settore dei servizi finanziari della città. Tuttavia, il servizio quotidiano da Londra (Heathrow) a Los Angeles non ha avuto il successo sperato ed è stato interrotto nel novembre 2008.

Anni 2010Modifica

 
Un Boeing 777-200ER a Vancouver.

Il 12 gennaio 2012, Air France-KLM ha annunciato un piano di trasformazione triennale, denominato Transform 2015, per ripristinare la redditività. Il piano era di ripristinare la competitività riducendo i costi, ristrutturando le operazioni a corto e medio raggio e riducendo rapidamente l'indebitamento. L'obiettivo principale di questo piano era riportare Air France-KLM in un attore mondiale entro il 2015. Air France perdeva 700 milioni di euro all'anno. Come hanno dimostrato i risultati finanziari del 2011, le operazioni di lungo raggio, anch'esse soggette a una crescente concorrenza, non sarebbero state in grado di compensare queste perdite.

Il 21 giugno 2012, Air France-KLM aveva annunciato la sua decisione di tagliare poco meno del 10% del totale di 53.000 dipendenti (circa 5.000 posti di lavoro) entro la fine del 2013 nel tentativo di ripristinare la redditività. La compagnia aerea prevedeva di perdere 1.700 posti di lavoro a causa del turnover naturale e il resto a causa di licenziamenti volontari.[20] Nell'agosto 2012, il piano Transform 2015 è stato accettato dal personale di terra e dai sindacati dei piloti, ma rifiutato dai sindacati del personale di cabina.[21]

All'inizio di luglio 2012, è stato annunciato che Air France-KLM ha trovato partner per la nuova compagnia aerea africana di start-up Air France, che è stata co-fondata da sei paesi dell'Africa centrale per sostituire l'ex Air Afrique. Ma diversi problemi e due partner, che avevano deciso di ritirarsi, hanno ritardato l'attuazione del progetto. Dopo il suo lancio, Air France ha annunciato che avrebbe iniziato le operazioni nel 2013.[22]

 
Uno degli ex Airbus A380 della compagnia, ritirati nel 2020.

Nel settembre 2013, Air France ha introdotto una nuova classe economy insieme a un miglioramento della premium economy. Si prevedeva che i miglioramenti sarebbero stati installati sugli aeromobili a partire da giugno 2014.[23] Nell'ottobre 2013, Air France-KLM ha annunciato la cancellazione della partecipazione del 25% in Alitalia, poiché non credeva che il vettore in difficoltà avrebbe ottenuto i 300 milioni di euro di finanziamento.[24]

Nel dicembre 2013, Air France ha annunciato che CityJet non soddisfava più le esigenze di corto raggio del gruppo ed era in procinto di concludere un accordo con la società tedesca Intro Aviation entro la fine del primo trimestre del 2014.[25]

Nel 2014, la compagnia aerea è stata presa di mira da una campagna pubblicitaria negativa, guidata dalla PETA, per essere l'unica grande compagnia aerea che consentiva il trasporto di primati per la ricerca.[26]

Il 4 febbraio 2014 è stata presentata la nuova business class, caratterizzata da un letto completamente piatto di Zodiac Aerospace. Il sedile è stato montato sui Boeing 777 a partire dal giugno 2014.[27] Nel settembre 2014, Air France ha annunciato che avrebbe venduto una quota del 3% nella società di Amadeus IT Group per 438 milioni di USD.[28]

Alla fine del 2015, Air France ha dovuto affrontare una crisi finanziaria, aggravata dallo sciopero dei piloti contro la compagnia aerea, che rispose annunciando che avrebbe tagliato circa 2.900 posti di lavoro.[29] Nel dicembre 2015, Air France ha annunciato il ritiro del suo ultimo Boeing 747-400 con uno speciale volo il 14 gennaio 2016. La compagnia aerea ha operato il 747 in diverse varianti dal 1970.[30]

 
Uno dei Boeing 787-9 della compagnia. Insieme agli Airbus A350, costituiscono il futuro della flotta a lungo raggio.

Nel gennaio 2017, Air France ha ricevuto il suo primo Boeing 787-9. A novembre, CityJet non ha più operato per Air France e le destinazioni interessate sono state servite dalla stessa Air France e da HOP!.

Nel luglio 2017, Air France-KLM ha stipulato una partnership strategica multi-compagnia aerea con Delta Air Lines, China Eastern Airlines e Virgin Atlantic, consolidando i legami esistenti tra i vettori. In base all'accordo, Delta e China Eastern avrebbero acquisito ciascuna il 10% di Air France-KLM, mentre Air France-KLM avrebbe acquistato il 31% di Virgin Atlantic.[31] Nel dicembre 2019, l'accordo con Virgin Atlantic è stato annullato.[32]

Air France, insieme a British Airways, ha annunciato l'interruzione dei servizi verso l'Iran a partire da settembre 2018, spiegando che non sarebbero state più commercialmente praticabili a causa delle sanzioni statunitensi.[33]

A febbraio 2020, il settore è stato gravemente colpito dalla pandemia di COVID-19 e Air France ha annunciato un piano di riduzione delle spese per contrastare il calo del traffico, in particolare sulla rete asiatica. Le assunzioni sono state congelate, le spese non essenziali ridotte e alcuni investimenti (soprattutto pubblicitari) rinviati.[34][35] Anche KLM e Lufthansa hanno annunciato misure simili.[36]

Di fronte alla cessazione dell'attività di Air France a causa del Covid, lo Stato francese ha concesso alla compagnia di bandiera un prestito di 7 miliardi di euro diviso in 2 parti. 4 miliardi di prestiti bancari garantiti al 90% dallo Stato e 3 miliardi di prestiti diretti dallo Stato. Questo prestito è stato concesso a determinate condizioni[37]:

  • un incremento della redditività;
  • un maggiore rispetto verso l'ambiente e il pianeta.

Nel luglio 2020, Air France ha annunciato l'eliminazione di 7.600 posizioni, in particolare nella sua controllata Air France Hop.[38]

Identità aziendaleModifica

La sedeModifica

La sede principale di Air France si trova nel complesso Roissypôle sul terreno dell'aeroporto Charles de Gaulle e nel comune di Tremblay-en-France, Seine-Saint-Denis, vicino alla città di Parigi.[39]

Il complesso di 130.000 metri quadrati è stato completato nel dicembre 1995. La società francese Groupement d'Etudes et de Méthodes d'Ordonnancement (GEMO) ha gestito il progetto. L'architetto era Valode & Pistre e i consulenti di progettazione erano Sechaud-Boyssut e Trouvin. Il progetto è costato 137 milioni di euro (meno di 700 milioni di franchi).[40] Le piste dell'aeroporto sono visibili dall'edificio.[41] Il Centro di controllo delle operazioni di Air France (OCC, francese: Centre de Contrôle des Opérations, CCO), che coordina i voli Air France in tutto il mondo, è situato presso la sede centrale di AF.[42][43]

Per circa 30 anni prima del dicembre 1995, la sede di Air France si trovava in una torre adiacente alla stazione ferroviaria Gare Montparnasse nella zona di Montparnasse e nel 15º arrondissement di Parigi. Nel 1991 furono fatte due offerte per l'acquisto dell'edificio Square Max Hymans. Nel 1992 il complesso fu venduto a Mutuelle générale de l'Éducation nationale (MGEN) per 1,6 miliardi di franchi. Entro quell'anno Air France aveva pianificato di spostare la sua sede principale a Roissypôle, occupando 50.000 metri quadrati di spazio all'interno dell'hotel, degli uffici e del complesso commerciale sul terreno dell'aeroporto Charles de Gaulle. Dopo che Air France si è trasferita a Tremblay-en-France, la proprietà dell'ex complesso della sede centrale è stata trasferita.

Gli uffici all'esteroModifica

Gli uffici di Air France negli Stati Uniti si trovano nell'edificio della 125 West 55th Street a Midtown Manhattan, New York City.[44] Air France ha firmato per la prima volta un contratto di locazione per occupare l'edificio nel 1991.[45] Il sito ospitava anche la biglietteria della città di New York per Air France.

La sede principale di Air France-KLM per le operazioni nel Regno Unito e in Irlanda, che comprende strutture per Air France e KLM, si trova a Plesman House a Hatton Cross. L'inaugurazione della struttura è stata il 6 luglio 2006. Air France ha spostato l'ufficio da Hounslow a Hatton.

Base per gli equipaggiModifica

Air France Cité PN, situata presso l'aeroporto Charles de Gaulle, funge da base per gli equipaggi della compagnia aerea. L'edificio, sviluppato da Valode & Pistre, è stato inaugurato nel febbraio 2006. L'edificio è collegato alla sede principale di Air France.[46]

Centro per le vaccinazioniModifica

Air France gestisce il Centro di vaccinazione Air France nel 7º arrondissement di Parigi.[47] Il centro distribuisce vaccini per i viaggi internazionali. Dal 2001 il centro è stato l'unico centro di vaccinazione francese certificato dall'Organizzazione internazionale per la standardizzazione (ISO) 9001. Nel 2005, il centro si è trasferito dall'Aérogare des Invalides alla sua posizione attuale.[48]

Aérogare des InvalidesModifica

 
Aérogare des Invalides, 7º arrondissement di Parigi.

L'Aérogare des Invalides nel 7º arrondissement di Parigi ospita l'Agence Air France Invalides e il Museo Air France. Fino al 2005 l'edificio ha ospitato il Centro di vaccinazione Air France. Il 28 agosto 1959, Air France aprì un'agenzia di biglietti e informazioni nell'ex terminal aereo di Invalides, che si rivolgeva ai passeggeri in transito e ai clienti degli uffici e delle società nell'area degli Invalides.

SussidiarieModifica

 
Un volo regionale francese operato dalla Brit Air per conto di Air France.

Le controllate di Air France includono:

Air France e l'affiliata olandese Transavia hanno costituito Transavia France, una joint venture a basso costo nel maggio 2007, con sede all'aeroporto di Orly. Air Corsica, CityJet e Air France Hop operano tutte voli per conto di Air France, sia come affiliate che come controllate.

A gennaio 2019, Air France stava studiando come chiudere la sua controllata a basso costo Joon e assorbire i suoi dipendenti e gli aerei nella società madre.

Air France Asie e Air France Cargo AsieModifica

 
Un Boeing 747-200F di Air France Cargo Asie.

A causa dello status controverso di Taiwan, Air France non poteva operare voli per l'isola con il proprio nome. Nel 1993, la sua controllata, Air Charter, iniziò a operare voli tra Parigi e Taipei via Hong Kong, ma dopo che Air Charter cessò le operazioni nel 1998, venne fondata una controllata chiamata Air France Asie.[49] Era una delle numerose sussidiarie della compagnia aerea che volavano con il nome "Asia" con lo scopo di volare a Taiwan, che includeva Japan Asia Airways (una controllata di Japan Airlines), KLM Asia, British Asia Airways, Swissair Asia e Australia Asia Airlines (una controllata di Qantas).

La livrea di Air France Asie differiva da quella di Air France per avere strisce blu e bianche sull'impennaggio, piuttosto che blu, bianche e rosse, che rappresentano il tricolore francese. Air France Asie utilizzava due Airbus A340-200, F-GLZD e F-GLZE, e due Boeing 747-428M, F-GISA e F-GISC. Allo stesso modo, Air France Cargo Asie utilizzava un 747-200 Combi (per passeggeri e merci), F-GCBH) o all-cargo (F-GCBL, F-GPAN e F-GBOX). Air France Asie ha cessato le attività nel 2004, mentre Air France Cargo Asie nel 2007.

OutsourcingModifica

Nel 2010, Air France è migrata da un sistema di servizi passeggeri gestito internamente (Alpha3) che gestisce prenotazioni, inventario e prezzi a un sistema esterno (Altéa) gestito da Amadeus.

La livreaModifica

L'attuale livrea di Air France è uno schema "Eurowhite", comprendente una fusoliera bianca con il titolo e il design blu di Air France. La coda è bianca con una serie di linee rosse e blu parallele attraverso la coda ad angolo e una piccola bandiera europea in alto. Questa livrea è in uso dalla fine degli anni '70. Prima della livrea "eurowhite", gli aerei Air France avevano una parte inferiore in metallo nudo, che si estendeva fino a una linea blu che attraversava i finestrini della cabina. Al di sopra della linea dei finestrini, la fusoliera era di nuovo bianca, con i titoli Air France e una bandiera francese. La coda era bianca con due spesse linee blu, che si rastremavano dalla parte posteriore della coda e si incontravano in un punto verso il fondo anteriore. Questa livrea di base, con piccole variazioni, sarebbe apparsa su tutti gli aerei dell'Air France del dopoguerra fino alla fine degli anni '70.

Nel gennaio 2009, in concomitanza con il nuovo logo di Air France, è stata svelata una nuova livrea.[50] Air France ha lanciato la sua nuova livrea l'11 febbraio 2009. La livrea del 2009 ha visto la coda leggermente modificata, con 3 barre blu che scendono invece di 4. Anche le barre ora si curvano nella parte inferiore, riflettendo il design del logo. Nel 2017, Air France ha ricevuto il suo primo Boeing 787 con una livrea rivista che includeva titoli Air France più grandi. Nel 2019, Air France ha rivisto la livrea con l'arrivo dell'Airbus A350, con le alette blu raffiguranti l'ippocampo ailé. Allo stesso tempo, Air France ha restituito la tradizione di nominare ciascuno dei propri aerei, con il nome scritto sotto i finestrini della cabina anteriore.

MarketingModifica

La nuova canzone ufficiale suonata prima e dopo i voli Air France (durante l'imbarco e dopo l'atterraggio) è "The World Can Be Yours" di Telepopmusik. Air France ha utilizzato diversi gruppi di musica popolare per il suo marketing e l'atmosfera a bordo, da The Chemical Brothers nel 1999 a Telepopmusik nel 2010.[51]

Air France ha lanciato una nuova campagna pubblicitaria nel 2015 progettata da BETC e diretta da We Are From LA, incentrata sulla cultura francese. Insieme alla campagna pubblicitaria e agli annunci stampati, Air France ha anche introdotto un video sulla sicurezza a tema simile. La musica è una versione personalizzata della canzone di Glass Candy Warm in the Winter.[52]

Le diviseModifica

Le divise di Air France denotano i ranghi degli assistenti di volo. Due strisce d'argento sulle maniche denotano un capo commissario. Una striscia argentata sulla manica denota un Commissario. Gli assistenti di volo non hanno strisce sulle maniche. Le divise femminili dell'equipaggio di cabina presentano le strisce sul taschino piuttosto che sulla manica per le loro controparti maschili. Le attuali divise di Air France sono state create dallo stilista francese Christian Lacroix.

BrandingModifica

Al momento della sua formazione, Air France ha adottato il logo del cavalluccio marino del suo predecessore Air Orient, noto come hippocampe ailé (a volte chiamato in modo derisorio "la crevette", o gambero, dai suoi dipendenti), come sua insegna.[53][54] Prima della fusione Air France-KLM, l'ippocampe ailé veniva utilizzato nella sezione anteriore degli aeromobili accanto a "Groupe Air France"; dopo la fusione, il logo Air France-KLM è stato sostituito nella zona del muso e l'ippocampe ailé è stato trasferito nelle gondole dei motori. L'acronimo "AF" è stato anche messo in evidenza sulla bandiera della compagnia aerea. Il 7 gennaio 2009, Air France ha sostituito il proprio logo con una striscia rossa.

CabinaModifica

Air France offre un mix di tre e quattro configurazioni di cabina per rotte internazionali a lungo raggio, con La Première (aeromobili selezionati), Business, Premium Economy ed Economy. Schermi personali con audio video on demand sono disponibili in tutte le cabine di tutti gli aeromobili a lungo raggio. I voli europei a corto e medio raggio sono caratterizzati da una configurazione a tre cabine con Business, Premium Economy ed Economy.

La PremièreModifica

 
La Première su uno dei Boeing 777-300ER.

La Première, la prima classe a lungo raggio di Air France, è disponibile su Boeing 777-300ER selezionati.[55] La cabina dispone di sedili in legno e pelle reclinabili di 180°, formando letti lunghi due metri. Ogni sedile è dotato di uno schermo personale touchscreen da 10,4 "con giochi interattivi e audio video on demand, un divisorio per la privacy, funzione di automassaggio, luce di lettura, cassetto portaoggetti, cuffie con cancellazione del rumore, telefono personale e porte di alimentazione per laptop. Ogni passeggero è dotato anche di un servizio di cappotti personalizzato, coperta in pura lana merino, un cuscino "stile boudoir" e un kit da viaggio con prodotti Biologique Recherche per la cura del viso e del corpo per idratare e rinfrescare la pelle. Il servizio di couverture comprende un materasso, un piumone, un cuscino di piume ipoallergenico, indumenti da notte, un sacchetto per la polvere per le scarpe e un paio di pantofole.[56] I servizi di pasti su richiesta à la carte includono antipasti creati dallo chef Guy Martin. L'accesso alla lounge privata è offerto in tutto il mondo con un'auto con autista per l'aereo. La Première non è disponibile su Airbus A330-200, Airbus A340-300, Boeing 777-200ER e Boeing 777-300ER selezionati dove la business è la classe di cabina più alta.

BusinessModifica

Business, la business class a lungo raggio di Air France, è disponibile su tutti gli aeromobili a lungo raggio. È dotata di sedili reclinabili ad angolo fino a due metri di lunghezza. Ogni posto include un monitor TV touchscreen da 10,4 pollici con giochi interattivi e AVOD, luce di lettura, telefono personale e prese di alimentazione per laptop. Il servizio pasti comprende pasti di tre portate e un servizio di formaggi o un menu espresso servito subito dopo il decollo.

Air France ha rilasciato un nuovissimo prodotto di classe business, il sedile è uno Zodiac Aerospace Cirrus ed è progettato da Mark Collins di Design Investment, specializzato nel mondo dei trasporti di fascia alta e dall'agenzia di design e branding, Brandimage. Il nuovo sedile è stato installato sui Boeing 777 da giugno 2014 fino all'estate 2016, tutti gli altri tipi di aeromobili sono poi stati adattati ad eccezione del Boeing 747-400, Airbus A380 e Airbus A340-300 in quanto sarebbero dovuti essere ritirati dal flotta rispettivamente entro il 2016, 2019 e 2020. Sono stati installati 2.102 posti a sedere. La nuova cabina presenta un layout 1-2-1 rispetto al layout 2-3-2 che si trova attualmente sul 777. Il nuovo schermo da 16 pollici (41 cm) offre un'esperienza di navigazione a bordo unica simile a un tablet. Con un'interfaccia utente completamente ridisegnata e disponibile in 12 lingue (francese, inglese, spagnolo, portoghese brasiliano, cinese, giapponese, coreano, tedesco, italiano, olandese, russo e arabo), scegliendo un programma di intrattenimento tra oltre 1.000 ore di intrattenimento. Il sedile si trasforma in un letto completamente piatto con inclinazione di 180 gradi, è dotato di telecomando touchscreen, porta USB, presa elettrica universale, nuove cuffie con cancellazione del rumore, schermo per la privacy, testiera imbottita firmata Air France, ampio spazio di archiviazione, poggiatesta regolabile e un piumone con cuscino XXL in piuma d'oca.[57]

Premium EconomyModifica

 
Sedili della premium economy su un Boeing 777-200ER.

Premium Economy, è la classe premium economy di Air France per i voli a lungo raggio, che è diventata disponibile sui Boeing 777-200ER, 777-300ER, Airbus A330-200 tra la fine del 2009 e l'inizio del 2010. I sedili sono stati installati anche sull'ex Airbus A340-300 tra la fine del 2009 e l'inizio del 2010 e l'Airbus A380-800 tra la fine del 2010 e l'inizio del 2011. Si tratta di una sezione di cabina dedicata con un layout 2-4-2 (2-3-2 sulla flotta Airbus a lungo raggio e 3-3-3 per Alize sul 777-300 che serve le rotte dell'Oceano Indiano e dei Caraibi) con passo da 38" (36" per i sedili Alize a lungo raggio), sedili fissi reclinabili a 123°, incluso un poggiatesta regolabile, un touchscreen da 10,4", lampada da lettura personale, prese di alimentazione universali e poggiagambe regolabile (40% di spazio in più rispetto ai sedili Voyageur; i sedili sono più larghi del 20% e offrono il 20% di spazio per le gambe in più). Ce ne sono 32 sui Boeing 777-300ER, 24 sui Boeing 777-200 e 21 sugli Airbus A340-300 e A330-200 (tra la cabina Business ed Economy). I passeggeri ricevono una franchigia bagaglio doppia, servizi aeroportuali prioritari, accesso alla lounge (a pagamento) e miglia extra per il programma frequent flyer. A bordo, i servizi includono cuffie Sennheiser con cancellazione del rumore, un kit di cortesia (con calze, maschera per gli occhi, spazzolino da denti e dentifricio e tappi per le orecchie), coperte migliorate e un servizio pasti migliorato con secondo pasto caldo, caramelle e gelato il tutto servito con posate in vero vetro e metallo.[58] Un nuovo tipo di sedile Premium Economy migliorato che utilizza lo stesso guscio è stato introdotto a partire da giugno 2014 sui Boeing 777, caratterizzato da una migliore ammortizzazione e un migliore poggiapiedi.[23]

EconomyModifica

 
L'economy class su uno degli ex Airbus A380.

Economy, la classe economica di Air France, dispone di sedili reclinabili fino a 118°. L'attuale sedile Economy a lungo raggio, che ha debuttato sul Boeing 777-300ER, include poggiatesta alati, un telefono personale e un monitor TV touchscreen con AVOD Interactive Entertainment System che sono stati installati su tutta la flotta a lungo raggio di Air France. Sui voli a lungo raggio, viene presentato un menu con una scelta di due pasti. I servizi Economy a corto e medio raggio sono operati da aeromobili della famiglia Airbus A320 con diverse disposizioni dei posti. Air France è una delle poche compagnie aeree che dispone di poggiatesta alati su aeromobili di corto e medio raggio in entrambe le classi. Sui voli a corto raggio viene servito uno spuntino, mentre sui voli a medio raggio viene servito un pasto freddo di tre portate. Le bevande alcoliche gratuite sono disponibili su tutti i voli, compreso lo champagne.[59][60] Sulla maggior parte degli aeromobili, Air France offre posti con spazio extra per le gambe in economy chiamati Seat Plus. Questi posti si trovano nelle file di uscita della classe economica e in altre file a seconda dell'aereo, così come i sedili economici sul ponte superiore del 747, offrendo almeno 4" di spazio in più (36" contro i normali 32" nei sedili standard economici), la sezione Seat Plus del 747 offriva anche un ulteriore mezzo pollice di larghezza del sedile.

Air France ha introdotto un nuovissimo prodotto economico a lungo raggio che presenta un nuovo sedile slimline che offre fino a un pollice in più di spazio per le gambe, tavolo più ampio, prese elettriche universali, braccioli retrattili, poggiatesta in pelle con alette, più spazio di archiviazione, schermi da 10 pollici ad alta definizione con l'intrattenimento di volo più recente con una porta USB, un supporto per le cuffie e cuscini di nuova concezione con diversi modelli del logo Air France. I sedili sono stati installati insieme ai nuovi posti La Première, Business e Premium Economy da giugno 2014 fino all'estate 2016 sui Boeing 777, il cuore della flotta. Tutti gli altri aeromobili sono stati adattati ad eccezione degli Airbus A340-300, Airbus A380-800 e Boeing 747-400 poiché tutti e tre i tipi sarebbero stati ritirati entro il 2020.[61]

ServiziModifica

CateringModifica

 
Un pasto nella business class di Air France.

Per La Première, il menu di prima classe di Air France è disegnato da Guy Martin, chef di Le Grand Vefour, un ristorante tre stelle Michelin a Parigi.[62] Le voci del menu includono antipasti, primi piatti, cestino del pane e formaggi, insieme a un carrello dei dolci che include pasticcini, pasticcini e tortine.[63] Sui voli a lungo raggio, Air France serve anche champagne in omaggio ai passeggeri di tutte le classi.[64]

IntrattenimentoModifica

Air France offre Audio Video on Demand (AVOD) in tutte le cabine di tutti gli aeromobili a lungo raggio. Il sistema di intrattenimento in volo offre più canali di video, audio, musica e giochi. Air France Magazine, la pubblicazione a bordo della compagnia aerea, è inclusa in ogni posto, e Air France Madame, una rivista di moda di lusso con una prospettiva femminile, è inclusa nelle cabine e lounge La Première e Business.[65] Su tutti i voli, tutti i film possono essere visti in inglese, spagnolo e francese. I film selezionati su tutti i voli sono disponibili anche in cinese, giapponese, hindi e coreano. La compagnia aerea offre corsi di lingua Berlitz International tramite il sistema di intrattenimento in volo.[66]

Il 29 maggio 2013, KLM e Air France hanno lanciato un progetto per testare il Wi-Fi in volo. Entrambe le compagnie aeree hanno dotato di Wi-Fi un Boeing 777-300ER di ciascuna delle loro flotte. Utilizzando il Wi-Fi in volo, i passeggeri possono rimanere online utilizzando i loro smartphone, laptop o tablet abilitati Wi-Fi. Il servizio wireless inizierà una volta che il volo avrà raggiunto i 20 000 piedi (6 100 m).[67]

Le SalonModifica

Le lounge di Air France sono conosciute come Le Salon e sono aperte ai passeggeri La Première, Business e Premium Economy, nonché ai soci Flying Blue Gold, Flying Blue Platinum, SkyTeam Elite ed Elite Plus. In tutto il mondo, ci sono 530 lounge Air France e Skyteam in 300 aeroporti internazionali in tutti i continenti tranne l'Antartide.[68]

Flying BlueModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Flying Blue.

Flying Blue, il programma frequent flyer di Air France-KLM, assegna ai soci punti in base alle miglia percorse e alla classe di servizio. L'iscrizione al programma è gratuita. Il programma è suddiviso in status standard (Explorer), Elite (Silver) ed Elite Plus (Gold e Platinum). Explorer è il livello base che si ottiene entrando nel programma. Lo stato Elite si ottiene accumulando un certo numero di miglia entro un anno solare. Le carte Elite Silver, Elite Plus Gold ed Elite Plus Platinum offrono vantaggi aggiuntivi. Una carta solo su invito chiamata Club 2000 è attribuita ad alcuni VIP, celebrità e politici.[69] Ufficialmente, fornisce gli stessi vantaggi dello status Platinum, ma numerose fonti confermano che garantisce quasi l'upgrade a Business o La Première.[70] Flying Blue è succeduto al precedente programma frequent flyer di Air France, Fréquence Plus, attivo fino alla fusione Air France-KLM nel 2003.

FlottaModifica

Flotta correnteModifica

 
Un Airbus A318-100 di Air France.
 
Un Airbus A320-200 di Air France.
 
Un Airbus A330-200 di Air France.
 
Un Boeing 787-9 di Air France.

A gennaio 2021 la flotta Air France risulta composta dai seguenti aerei[71]:

Aereo In flotta Ordini Passeggeri Note
F J Y+ Y Totale
Airbus A220-300 60 149 149 Consegne da settembre 2021.[72]

Sostituiranno gli Airbus A318 e gli A319.

Airbus A318-100 18 18 113 131 Maggior operatore di del modello.

Saranno sostituiti dagli Airbus A220-300.

131 131
Airbus A319-100 32 20 123 143 Saranno sostituiti dagli Airbus A220-300.
142 142
Airbus A320-200 44 178 178
36 138 174
174 174
14 144 158
Airbus A321-100 5 212 212
Airbus A321-200 15
Airbus A330-200 15 36 21 167 224
Airbus A350-900 6 32 34 24 266 324 Sostituiranno i Boeing 777-200ER più vecchi.
Boeing 777-200ER 25 40 24 216 280
Boeing 777-300ER 43 14 32 422 468
42 24 315 381
4 58 28 206 296
Boeing 787-9 Dreamliner 10 30 21 225 276
Flotta Air France Cargo
Boeing 777-200F 2 Cargo Tutti mantengono ancora la vecchia livrea.
Totale 215 92

Flotta storicaModifica

 
Un Airbus A340-300 di Air France.
 
Un Airbus A380-800 di Air France.
 
Un Boeing 747-400 di Air France.
 
Un Concorde di Air France.

Nel corso degli anni Air France ha operato con i seguenti modelli di aeromobili:[73]

Altri aerei utilizzati dall'Air France:[73]

Gli aereiModifica

Airbus A380Modifica

Air France ha firmato come cliente di lancio per l'Airbus A380-800 "superjumbo" nel 2001.[74] Aveva ordinato 12 Airbus A380-800, con opzioni su altri due. È stata la prima compagnia aerea in Europa a utilizzare l'A380, con in primo esemplare consegnato il 30 ottobre 2009; veniva utilizzato sulla rotta Parigi-New York. Tutti gli Airbus A380 di Air France partivano dall'hub internazionale della compagnia aerea presso l'aeroporto Charles de Gaulle nel Terminal 2E. Nel 2018, il presidente e CEO di Air France-KLM, Benjamin Smith, ha annunciato che la compagnia aerea avrebbe ritirato il 50% della flotta di Airbus A380 entro il 2021 a causa di costi elevati, della scarsa efficienza e del maggiore ricavo degli Airbus A350-900 e Boeing 787 Dreamliner.[75]

Il 23 giugno 2019, Air France-KLM ha iniziato a prendere in considerazione la dismissione di tutti i suoi Airbus A380 prima del previsto a causa delle preoccupazioni che gli investimenti per l'adeguamento della cabina.[76]

Nell'agosto 2019, Air France-KLM ha rivisto i piani di pensionamento sull'Airbus A380 e ha annunciato che l'intera flotta di Airbus A380 sarebbe stata ritirata entro il 2022. Ciò ha portato Air France-KLM a eliminare tutti i quad-jet dalla propria flotta entro il 2022 con il ad eccezione dei Boeing 747-400ERF di KLM Cargo operati da Martinair. Il 2 gennaio 2020, Air France ha ritirato il suo primo A380.[77] A causa della pandemia di COVID-19, Air France-KLM ha ritirato i suoi nove A380 rimanenti prima del maggio 2020 invece che nel 2022.[78] Il 26 giugno 2020 è stato operato il volo d'addio con un tour sopra la Francia.[79]

Boeing 747Modifica

La compagnia aerea iniziò a operare il 747 il 3 giugno 1970, quando fu messo in servizio un 747-100 che era stato consegnato il 20 marzo di quell'anno. Continuò a operare le varianti -200, -300 e -400. Nel gennaio 2016, Air France ha ritirato il suo ultimo Boeing 747-400. Sono stati sostituiti dagli Airbus A380 e dai Boeing 777-300ER. Le versioni cargo sono state sostituite dai Boeing 777F.[80]

ConcordeModifica

Gli ultimi cinque Concorde dell'Air France sono stati ritirati il ​​31 maggio 2003, a causa della domanda insufficiente a seguito dell'incidente del 25 luglio 2000 a Gonesse (vicino all'aeroporto Charles de Gaulle), nonché dei maggiori costi di carburante e manutenzione. British Airways ha effettuato il suo ultimo servizio Concorde il 24 ottobre 2003.[81] Il Concorde F-BVFA è stato trasferito allo Steven F. Udvar-Hazy Center dell'aeroporto Internazionale di Washington Dulles.[82] F-BVFB fu dato allo Sinsheim Auto & Technik Museum in Germania, F-BTSD al Musée de l'Air et de l'Espace dell'aeroporto Le Bourget di Parigi, mentre F-BVFC tornò al suo luogo di produzione a Tolosa, presso la fabbrica Airbus. F-BVFF è l'unico esemplare a rimanere all'aeroporto Charles de Gaulle.[83][84][85]

IncidentiModifica

Secondo l'Air Safety Network, Air France è stata vittima di 11 dirottamenti aerei[107]:

NoteModifica

  1. ^ Air France-KLM Répartition du capital et franchissement de seuil, su airfranceklm-finance.com, 31 marzo 2014. URL consultato il 23 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2014).
  2. ^ (FR) Détail d'un texte, su web.archive.org, 5 giugno 2011. URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2011).
  3. ^ (EN) Air France - Corporate : History, su web.archive.org, 5 giugno 2011. URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2011).
  4. ^ a b c d e f g (EN) Air France (Airline, France), su web.archive.org, 29 giugno 2011. URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2011).
  5. ^ (EN) Marson, Peter, The Lockheed Constellation Series, Air-Britain (Historians) Ltd, 1982, pp. 137-141, ISBN 0-85130-100-2.
  6. ^ a b (FR) The Changing Nature of French Dirigisme A Case Study of Air France. (PDF), su homepages.nyu.edu (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2011).
  7. ^ (EN) Aeroplane – Airline of the Month: UTA – Five-star independent, in Temple Press, London, 3 giugno 1965, pp. 4-6.
  8. ^ (EN) Airliner Classic: Airbus A300 – the beginning for a giant: key.Aero, Commercial Aviation, su web.archive.org, 28 aprile 2011. URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 28 aprile 2011).
  9. ^ (EN) History com Editors, The Concorde makes its final flight, su HISTORY. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  10. ^ (EN) Air France Celebrates 25th Years in Korea, su koreatimes, 25 settembre 2008. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  11. ^ (EN) France - The Role of Competition Policy in Regulatory Reform (PDF), su oecd.org.
  12. ^ (EN) Changes to competition laws and policies adopted or envisaged (PDF), su oecd.org.
  13. ^ (EN) FRANCE FROWNS ON COMPETITION | JOC.com, su www.joc.com. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  14. ^ (EN) Chargeurs International: Information from Answers.com, su web.archive.org, 28 giugno 2011. URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2011).
  15. ^ Amadeus history, su corporate.amadeus.com. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  16. ^ (FR) Année 1988 - Histoire de l'aéronautique - AeroWeb-fr.net, su www.aeroweb-fr.net. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  17. ^ (EN) FT.com / Business Life - Pilot who found the right trajectory, su web.archive.org, 9 giugno 2011. URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 9 giugno 2011).
  18. ^ (EN) SkyTeam - History of the Alliance, su www.skyteam.com. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  19. ^ (EN) FT.com / Companies / Transport - Air France and Delta target London, su web.archive.org, 10 maggio 2008. URL consultato il 16 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 10 maggio 2008).
  20. ^ (EN) Air France to cut 5,000 jobs by the end of 2013, in BBC News, 21 giugno 2012. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  21. ^ (FR) AIR FRANCE-KLM : les pilotes approuvent le plan Transform 2015 - Capital.fr, su web.archive.org, 5 marzo 2014. URL consultato il 16 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2014).
  22. ^ (EN) Air CEMAC moves closer to launch in partnership with Air France, su CAPA - Centre for Aviation. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  23. ^ a b (EN) Air France unveils new economy and premium economy, su businesstraveller.com.
  24. ^ (EN) Nicola Clark, Air France-KLM Writes Off Alitalia Stake (Published 2013), in The New York Times, 31 ottobre 2013. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  25. ^ (EN) CityJet’s disposal by Air France-KLM is under way, but what will happen after the Intro?, su CAPA - Centre for Aviation. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  26. ^ (EN) Jane Goodall and Peter Gabriel urge Air France to stop ferrying lab monkeys, su the Guardian, 20 maggio 2014. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  27. ^ (EN) Air France Installs Business-Class Beds to Match Rivals, in Bloomberg.com, 4 febbraio 2014. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  28. ^ (EN) Reuters Staff, Air France to reap 339 million euros in cash from Amadeus shares, in Reuters, 9 settembre 2014. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  29. ^ (EN) Air France to cut 2,900 jobs reports say, in BBC News, 2 ottobre 2015. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  30. ^ (DE) Air France verabschiedet sich vom Jumbo, su aero.de, 8 dicembre 2015. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  31. ^ (EN) Jon Ostrower, Four huge airlines on three continents are creating a virtual super-airline, su CNNMoney, 27 luglio 2017. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  32. ^ (EN) Branson Drops Air France Deal to Keep Control of Virgin Atlantic, in Bloomberg.com, 2 dicembre 2019. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  33. ^ (EN) Reuters Staff, British Airways, Air France halting flights to Iran from next month, in Reuters, 23 agosto 2018. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  34. ^ (FR) Coronavirus : Air France-KLM suspend la Chine plus longtemps | Air Journal, su air-journal.fr. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  35. ^ (FR) Coronavirus : Air France redéploie ses capacités long-courriers, su La Tribune. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  36. ^ (FR) Coronavirus: Air France contraint de réduire ses dépenses, su LEFIGARO. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  37. ^ (FR) Par Le Parisien avec AFP Le 24 avril 2020 à 21h11, Modifié Le 25 Avril 2020 À 07h17, Des prêts de 7 milliards d'euros pour sauver Air France, 5 milliards pour Renault, su leparisien.fr, 24 aprile 2020. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  38. ^ (FR) Air France va supprimer 7 600 postes, confirme Jean-Baptiste Djebbari, in Le Monde.fr, 1º luglio 2020. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  39. ^ (FR) Tremblay en France - Services et activités liés au transport - AIR FRANCE, su web.archive.org, 23 agosto 2009. URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 23 agosto 2009).
  40. ^ (FR) Air France head quarters - Roissypole (PDF), su gemo-paris.com.
  41. ^ (FR) Air France au bord des pistes - Les sièges sociaux des entreprises du Cac 40 sur Journal du Net Economie, su www.journaldunet.com. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  42. ^ (EN) Air France - Corporate : The Air France Operations Control Centre (OCC), su web.archive.org, 13 giugno 2011. URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 13 giugno 2011).
  43. ^ (FR) Air France - Corporate : Fonctionnement du CCO, su web.archive.org, 6 luglio 2011. URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2011).
  44. ^ (EN) AIR FRANCE IN THE UNITED STATES (PDF), su web.archive.org, 6 gennaio 2011. URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2011).
  45. ^ (EN) Air France leases 29,500 sf at Avenue of the Americas Plaza | Real Estate Weekly | Find Articles, su web.archive.org, 19 gennaio 2012. URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2012).
  46. ^ (FR) Denis Valode & Jean Pistre (XML), su web.archive.org, 17 luglio 2011. URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2011).
  47. ^ (FR) Centre de vaccinations internationales Air France, par A.V.S, Renseignements vaccinations pour un voyage – Formulaire de contact, su Centre de vaccinations internationales Air France. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  48. ^ (FR) Par B. H. Le 10 août 2005 à 00h00, Fausse dentiste mais vraie pyromane Les « plieurs » de Twingo travaillaient à la chaîne La station Simplon ne rouvrira qu'en novembre Le centre de vaccinations d'Air France déménage, su leparisien.fr, 9 agosto 2005. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  49. ^ (EN) France's Taiwan policy (PDF), su sciencespo.fr.
  50. ^ (EN) PICTURE: Air France's new livery retains much of current scheme, su archive.vn, 12 febbraio 2009. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  51. ^ (EN) Air France - Corporate : «Air France Music» takes off, su web.archive.org, 4 dicembre 2010. URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2010).
  52. ^ (EN) Air France Bring A Bit Of Parisian Flair To Our Screens, su TheDesignAir, 6 marzo 2015. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  53. ^ (FR) AVIATION: Pegasus a la Francaise - TIME, su web.archive.org, 9 luglio 2010. URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2010).
  54. ^ (FR) Air France's Hippocampe and BOAC's Speedbird: the semiotic status of logos -- Scott 4 (11): 107 -- French Cultural Studies, su web.archive.org, 22 gennaio 2016. URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 22 gennaio 2016).
  55. ^ (FR) Air France, Livraison du nouveau Boeing 777 à Air France (PDF), su corporate.airfrance.com (archiviato dall'url originale il 14 novembre 2011).
  56. ^ (EN) Service on board - La Première, su AirFrance. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  57. ^ (EN) Air France unveils its new Business class seat: a cocoon in the sky : Air France - Corporate, su web.archive.org, 1º marzo 2014. URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2014).
  58. ^ (FR) Premium Voyageur Class - Comfort - Air France airline, su web.archive.org, 28 febbraio 2014. URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2014).
  59. ^ (EN) Economy Europe, su AirFrance. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  60. ^ (EN) Economy - intercontinental Caribbean/Indian ocean - At the airport, su AirFrance. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  61. ^ (EN) The new Economy seat, optimum comfort for all : Air France - Corporate, su web.archive.org, 22 febbraio 2014. URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2014).
  62. ^ (EN) First-Class Chefs Take Flight, su Forbes. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  63. ^ (EN) There such thing as a good airline meal, su NBC News. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  64. ^ (EN) Why Air France pours complimentary Champagne in all classes, su Runway Girl, 2 giugno 2017. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  65. ^ (EN) xavier emerson, Air France Madame, su Echo Media V3. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  66. ^ (EN) Berlitz (PDF), su web.archive.org, 6 gennaio 2011. URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2011).
  67. ^ (EN) Air France and KLM launch inflight Wi-Fi, su Air France and KLM launch inflight Wi-Fi. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  68. ^ (EN) Air France Lounges in Paris-Charles de Gaulle Airport, Wi-Fi internet access, relaxing, su AirFrance. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  69. ^ (FR) Les cartes dont raffolent les grands dirigeants : Club 2000 d'Air France, su www.journaldunet.com. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  70. ^ (FR) Vols intercontinentaux, Choix des sièges et surclassement .. : Le café des hôtesses de l'air et stewards, su web.archive.org, 22 febbraio 2014. URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2014).
  71. ^ (EN) Air France Fleet Details and History, su www.planespotters.net. URL consultato il 21 maggio 2020.
  72. ^ Air France Klm amplia la flotta con 60 Airbus A220-300, su TTG Italia. URL consultato il 21 maggio 2020.
  73. ^ a b fonte: airliners.net.
  74. ^ (EN) AIR FRANCE CONFIRMS MAJOR A380 ORDER, su www.asiatraveltips.com. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  75. ^ (EN) Oliver Smith, Airline ditches half its A380s: Why no one wants the superjumbo, su Traveller, 5 dicembre 2018. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  76. ^ (EN) Air France Debates Retiring Their A380s Early, su Simple Flying, 23 giugno 2019. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  77. ^ (EN) Air France's First Airbus A380 Has Been Retired, su Simple Flying, 2 gennaio 2020. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  78. ^ (EN) Eric Rosen, Air France Retiring All Airbus A380s Immediately, su Forbes. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  79. ^ (EN) Air France schedules last A380 flight on 26JUN20; A380 2009 – 2020 operations, su Routesonline. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  80. ^ (EN) Air France Accelerates Boeing 747 Retirement Schedule, su Routesonline. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  81. ^ (EN) Celebrating Concorde | History and Heritage | British Airways, su www.britishairways.com. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  82. ^ (EN) Owen Edwards, When Concorde First Flew, It Was a Supersonic Sight to Behold, su Smithsonian Magazine. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  83. ^ (FR) Concorde F-BTSD Air France, su Musée de l'Air et de l'Espace. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  84. ^ (EN) Visit Concorde Toulouse, su heritage-concorde. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  85. ^ (EN) Concorde F-BVFF - De Gaulle International Airport - Paris, France - Static Aircraft Displays on Waymarking.com, su www.waymarking.com. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  86. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Lockheed L-749-79-46 Constellation F-BAZN Redondo Mountain, São Miguel Island, Azores, su aviation-safety.net. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  87. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Douglas DC-4-1009 F-BBDE Bahrain Airport (BAH), su aviation-safety.net. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  88. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Douglas DC-4-1009 F-BBDM Bahrain Airport (BAH), su aviation-safety.net. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  89. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Lockheed L-749A Constellation F-BAZS Fethiye, su aviation-safety.net. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  90. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Lockheed L-749A Constellation F-BAZZ Mont Le Cimet, su aviation-safety.net. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  91. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Lockheed L-1649A Starliner F-BHBM Edjele, su aviation-safety.net. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  92. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Sud Aviation SE-210 Caravelle III F-BJTB Rabat-Sale Airport (RBA), su aviation-safety.net. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  93. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Boeing 707-328 F-BHSM Paris-Orly Airport (ORY), su aviation-safety.net. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  94. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Boeing 707-328 F-BHST Pointe-à-Pitre-Le Raizet Airport (PTP), su aviation-safety.net. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  95. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Boeing 707-328C F-BLCJ Pointe-à-Pitre, su aviation-safety.net. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  96. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Sud Aviation SE-210 Caravelle III F-BOHB Nice, France, su aviation-safety.net. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  97. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Boeing 707-328B F-BHSZ Caracas-Simon Bolivar Airport (CCS), su aviation-safety.net. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  98. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Embraer EMB-120RT Brasilia F-GEGH Bordeaux-Mérignac Airport (BOD), su aviation-safety.net. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  99. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Airbus A320-111 F-GFKC Mulhouse-Habsheim Airport, su aviation-safety.net. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  100. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Airbus A300B2-1C F-GBEC Marseille-Provence Airport (MRS), su aviation-safety.net. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  101. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Boeing 727-230 HC-BSU Bogotá-Eldorado Airport (BOG), su aviation-safety.net. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  102. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Aérospatiale / BAC Concorde 101 F-BTSC Gonesse, su aviation-safety.net. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  103. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Canadair CL-600-2B19 Regional Jet CRJ-100ER F-GRJS Brest-Guipavas Airport (BES), su aviation-safety.net. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  104. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Airbus A340-313X F-GLZQ Toronto-Pearson International Airport, ON (YYZ), su aviation-safety.net. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  105. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Airbus A330-203 F-GZCP São Pedro and São Paulo Archipelago, su aviation-safety.net. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  106. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Airbus A380-861 F-HPJE southern Greenland, su aviation-safety.net. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  107. ^ (EN) Air Safety Network - Air France, su aviation-safety.net. URL consultato il 20 dicembre 2012.

BibliografiaModifica

  • (FR) Hélène Basselier, Air France, la légende des légendes, Le Cherche Midi, 2010, ISBN 978-2-7491-1495-8.
  • (FREN) Gérard Maoui, Philippe Chovard, Air France et l'A 380, Le Cherche Midi, 2010, ISBN 978-2-7491-0642-7.
  • (FR) Xerfi, N. Garin, Air France-Klm (Etude de Groupe), Xerfi, 2009, ISBN 978-2-84977-517-2.
  • (FR) Denis Rossignol, Air France, mutation économique et évolution statutaire, L'Harmattan, 2009, ISBN 978-2-296-07976-2.
  • (FR) Philippe-Michel Thibault, Anaïs Leclerc, Air France, l'art du voyage, Gallimard, 2008, ISBN 978-2-07-042903-5.
  • (FR) Pierre-Alain Nobs, Air France et sa flotte : De 1933 à nos jours, Editions de l'Officine, 2008, ISBN 978-2-35551-029-8.
  • (FR) René Cadier, Puissance décollage : Du DC 3 au Boeing 747, 32 ans commandant de bord à Air France, Editions La Bruyère, 2007, ISBN 978-2-7500-0248-0.
  • (FR) Louis-Jean Calvet, Philippe-Michel Thibault, Rêver le monde : Affiches Air France, Le Cherche Midi, 2006, ISBN 978-2-7491-0448-5.
  • (FR) Nadia Simony, Des métiers et des hommes : Air France, gestes et paroles, Le Cherche Midi, 2004, ISBN 978-2-7491-0145-3.
  • (FR) Pierre-Michel Fraile, Air France : Objets du ciel, Ouest-France, 2003, ISBN 978-2-7373-3236-4.
  • (FR) Philippe-Michel Thibault, Le roman d'Air France, Gallimard, 2003, ISBN 978-2-7424-1104-7.
  • (FR) Olivier Wilmart, De Sabena à Air France, Racine Lannoo, 2002, ISBN 978-2-87386-288-6.
  • (FR) Autler, Air France, du monopôle à la déréglementation, Vuibert, 2001, ISBN 978-2-7117-7817-1.
  • Fabienne Autier, Gregory Corcos; Georger Trépo, Air France, des années héroïques à la refondation, Vuibert, 2001, ISBN 978-2-7117-7817-1.
  • (FREN) Jean Lasserre, Hélène Le Guernevé, Un siècle d'aviation avec Air France, Gallimard, 2000, ISBN 978-2-7424-0786-6.
  • (FR) Pascal Perri, Sauver Air France, L'Harmattan, 2000, ISBN 978-2-7384-2491-4.
  • (FR) Robert Espérou, Gérard Maoui, Air France. Des origines à nos jours, Le Cherche-midi Editeur, 1999, ISBN 978-2-86274-537-4.
  • (FR) Franck Bouaziz, Air France: Dans les coulisses d'une entreprise pas comme les autres, Omnibus, 1998, ISBN 978-2-259-18850-0.
  • (FR) Lotfi Belhassine, Le ciel confisqué. Les relations incestueuses d'Air France et de l'Etat, Albin Michel, 1997, ISBN 978-2-226-09311-0.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN140119005 · ISNI (EN0000 0001 2173 0676 · LCCN (ENn81071765 · BNF (FRcb11862185w (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n81071765