Campionato europeo di calcio femminile 2009

Campionato europeo di calcio femminile 2009
UEFA Women's Euro
Competizione Campionato europeo di calcio femminile
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 10ª
Organizzatore UEFA
Date dal 23 agosto 2009
al 10 settembre 2009
Luogo Finlandia Finlandia
(4 città)
Partecipanti 12 (45 alle qualificazioni)
Impianto/i 5 stadi
Risultati
Vincitore Germania Germania
(7º titolo)
Secondo Inghilterra Inghilterra
Semi-finalisti Paesi Bassi Paesi Bassi
Norvegia Norvegia
Statistiche
Miglior giocatore Germania Inka Grings[1]
Miglior marcatore Germania Inka Grings (6)
Incontri disputati 25
Gol segnati 75 (3 per incontro)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg Inghilterra 2005 Svezia 2013 Right arrow.svg

Il campionato europeo di calcio femminile 2009 si svolse in Finlandia tra il 23 agosto e il 10 settembre 2009. Il Paese ospite è stato scelto l'11 luglio 2006 a Berlino dal Comitato Esecutivo della Union of European Football Associations (UEFA), preferendola alla candidatura dei Paesi Bassi.

La finale si disputò il 10 settembre all'Olympiastadion di Helsinki e vide la vittoria della Germania per la settima volta nella sua storia, la quinta consecutiva, dopo aver superato l'Inghilterra per 6-2[2].

Struttura del torneoModifica

La decima edizione del campionato europeo di calcio femminile è stata allargata a dodici nazionali, quattro in più rispetto a quelle che parteciparono al trofeo precedente. Le dodici squadre partecipanti sono state divise in tre gironi da quattro squadre. Le prime due classificate e le due migliori terze sono state ammesse alla fase a eliminazione diretta.

QualificazioniModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Qualificazioni al campionato europeo di calcio femminile 2009.

Le qualificazioni sono iniziate il 18 novembre 2006, concludendosi il 30 ottobre 2008. La nazionale finlandese è stata ammessa direttamente come rappresentativa del paese organizzatore, mentre le restanti 45 squadre nazionali hanno preso parte alle qualificazioni. Alle qualificazioni non hanno partecipano Andorra, Cipro, Liechtenstein e San Marino.

La fase di qualificazione è suddivisa in tre turni[3]:

  • Turno preliminare: le 20 nazionali con il ranking UEFA peggiore sono suddivise in cinque gruppi da quattro squadre. Ogni gruppo gioca in un girone all'italiana che si disputa in una delle nazioni rappresentate estratte a sorte dalla UEFA. Le cinque vincitrici dei gironi vengono promosse alla fase a gironi di qualificazione.
  • Girone di qualificazione: Le 30 nazionali (25 dal ranking superiore più le cinque promosse dal turno preliminare) sono divise in sei gironi da cinque squadre. Ogni gruppo è giocato con il formato del girone all'italiana con partite di andata e di ritorno. Le sei vincitrici dei gironi si qualificano direttamente per la fase finale, mentre le sei seconde classificate e le quattro migliori terze sono ammesse alla fase dei play-off.
  • Play-off: Le dieci nazionali rimaste si affrontano in partite di andata e ritorno per determinare l'ultime cinque squadre qualificate.

Squadre partecipantiModifica

Pr. Squadra Data di qualificazione certa Partecipante in quanto Ultima presenza
1   Finlandia 0011 luglio 2006 00Rappresentativa della nazione organizzatrice della fase finale Inghilterra 2005
2   Francia 0027 settembre 2008 00Vincitrice gruppo 3 di qualificazione Inghilterra 2005
3   Svezia 001º ottobre 2008 00Vincitrice gruppo 2 di qualificazione Inghilterra 2005
4   Germania 001º ottobre 2008 00Vincitrice gruppo 4 di qualificazione Inghilterra 2005
5   Danimarca 001º ottobre 2008 00Vincitrice gruppo 5 di qualificazione Inghilterra 2005
6   Inghilterra 002 ottobre 2008 00Vincitrice gruppo 1 di qualificazione Inghilterra 2005
7   Norvegia 002 ottobre 2008 00Vincitrice gruppo 6 di qualificazione Inghilterra 2005
8   Italia 0029 ottobre 2008 00Vincitrice play-off Inghilterra 2005
9   Russia 0030 ottobre 2008 00Vincitrice play-off Germania 2001
10   Ucraina 0030 ottobre 2008 00Vincitrice play-off esordiente
11   Islanda 0030 ottobre 2008 00Vincitrice play-off esordiente
12   Paesi Bassi 0030 ottobre 2008 00Vincitrice play-off esordiente

StadiModifica

Stadi ospitanti i campionati europei di calcio femminile 2009.
Helsinki Turku Tampere Lahti
Olympiastadion
Capacità: 40 000
Finnair Stadium
Capacità: 10 770
Veritas-stadion
Capacità: 9 000
Ratina stadion
Capacità: 17 000
Lahden stadion
Capacità: 14 465
         
4 partite fase a gruppi
finale
3 partite fase a gruppi
1 quarto di finale
1 semifinale
4 partite fase a gruppi
1 quarto di finale
4 partite fase a gruppi
1 quarto di finale
1 semifinale
3 partite fase a gruppi
1 quarto di finale

SorteggioModifica

Per il sorteggio i nomi delle squadre partecipanti sono state ripartite in tre urne, ad eccezione della Finlandia, per la quale era stato programmato l'inserimento come testa di serie nel gruppo A (in quanto nazionale rappresentante la federazione ospite). Nella prima urna sono state immesse le palline corrispondenti alla Germania, in qualità di detentrice del titolo, e alla Svezia, nazionale migliore delle qualificazioni; nella seconda urna sono state invece collocate le palline corrispondenti ai nomi delle squadre che hanno vinto gli altri gironi di qualificazione, mentre nella terza ed ultima urna sono state introdotte i nomi di quelle che si sono qualificate tramite gli spareggi. Il sorteggio si è svolto il 18 novembre 2008 a Helsinki e vi ha partecipato il presidente della UEFA Michel Platini e l'ambasciatrice dei campionati Satu Kunnas (già portiere della nazionale finlandese).

Urna 1 Urna 2 Urna 3

  Finlandia (Gruppo A)
  Germania
  Svezia

  Danimarca
  Inghilterra
  Francia
  Norvegia

  Islanda
  Italia
  Paesi Bassi
  Russia
  Ucraina

ConvocazioniModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Convocazioni per il campionato europeo di calcio femminile 2009.

Fase a gruppiModifica

 
Piazzamenti delle nazionali a Euro 2009

Si qualificano alla fase ad eliminazione diretta le prime due classificate di ciascuno dei quattro gruppi[3].

In caso di parità di punti tra due o più squadre di uno stesso gruppo, le posizioni in classifica verranno determinate prendendo in considerazione, nell'ordine, i seguenti criteri[3]:

  1. maggiore numero di punti negli scontri diretti tra le squadre interessate (classifica avulsa);
  2. migliore differenza reti negli scontri diretti tra le squadre interessate (classifica avulsa);
  3. maggiore numero di reti segnate negli scontri diretti tra le squadre interessate (classifica avulsa);
  4. migliore differenza reti;
  5. maggiore numero di reti segnate;
  6. calci di rigore se le due squadre sono a parità di punti al termine dell'ultima giornata;
  7. posizione del ranking UEFA al momento del sorteggio dei gironi.

Gruppo AModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1.   Finlandia 6 3 2 0 1 3 2 +1
2.   Paesi Bassi 6 3 2 0 1 5 3 +2
3.   Danimarca 3 3 1 0 2 3 4 -1
4.   Ucraina 3 3 1 0 2 2 4 -2
Turku
23 agosto 2009, ore 13:45 UTC+2
Ucraina  0 – 2
referto
  Paesi BassiVeritas-stadion (2 571 spett.)
Arbitro:   Cristina Dorcioman

Helsinki
23 agosto 2009, ore 18:30 UTC+2
Finlandia  1 – 0
referto
  DanimarcaOlympiastadion (16,334 spett.)
Arbitro:   Dagmar Damková

Helsinki
26 agosto 2009, ore 16:30 UTC+2
Ucraina  1 – 2
referto
  DanimarcaFinnair Stadium (1 372 spett.)
Arbitro:   Gyöngyi Krisztina Gaal

Helsinki
26 agosto 2009, ore 19:00 UTC+2
Paesi Bassi  1 – 2
referto
  FinlandiaOlympiastadion (16,148 spett.)
Arbitro:   Jenny Palmqvist

Helsinki
29 agosto 2009, ore 16:30 UTC+2
Finlandia  0 – 1
referto
  UcrainaOlympiastadion (1 712 spett.)
Arbitro:   Natalia Avdončenko

Lahti
29 agosto 2009, ore 16:30 UTC+2
Danimarca  1 – 2
referto
  Paesi BassiLahden stadion (15 138 spett.)
Arbitro:   Jenny Palmqvist

Gruppo BModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1.   Germania 9 3 3 0 0 10 1 +9
2.   Francia 4 3 1 1 1 5 7 -2
3.   Norvegia 4 3 1 1 1 2 5 -3
4.   Islanda 0 3 0 0 3 1 5 -4
Tampere
24 agosto 2009, ore 16:00 UTC+2
Germania  4 – 0
referto
  NorvegiaRatina stadion (6 552 spett.)
Arbitro:   Alexandra Ihringova

Tampere
24 agosto 2009, ore 19:00 UTC+2
Islanda  1 – 3
referto
  FranciaRatina stadion (6 552 spett.)
Arbitro:   Natalia Avdončenko

Tampere
27 agosto 2009, ore 16:30 UTC+2
Francia  1 – 5
referto
  GermaniaRatina stadion (3 331 spett.)
Arbitro:   Kateryna Monzul'

Lahti
27 agosto 2009, ore 19:00 UTC+2
Islanda  0 – 1
referto
  NorvegiaLahden stadion (1 399 spett.)
Arbitro:   Cristina Dorcioman

Tampere
30 agosto 2009, ore 15:00 UTC+2
Germania  1 – 0
referto
  IslandaRatina stadion (1 537 spett.)
Arbitro:   Kirsi Heikkinen

Helsinki
30 agosto 2009, ore 15:00 UTC+2
Norvegia  1 – 1
referto
  FranciaFinnair Stadium (3 101 spett.)
Arbitro:   Alexandra Ihringova

Gruppo CModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1.   Svezia 7 3 2 1 0 6 1 +5
2.   Italia 6 3 2 0 1 4 3 +1
3.   Inghilterra 4 3 1 1 1 5 5 0
4.   Russia 0 3 0 0 3 2 8 -6
Lahti
25 agosto 2009, ore 16:30 UTC+2
Inghilterra  1 – 2
referto
  ItaliaLahden stadion (2 950 spett.)
Arbitro:   Bibiana Steinhaus

Turku
25 agosto 2009, ore 19:00 UTC+2
Svezia  3 – 0
referto
  RussiaVeritas-stadion (4 697 spett.)
Arbitro:   Kirsi Heikkinen

Turku
28 agosto 2009, ore 16:30 UTC+2
Italia  0 – 2
referto
  SveziaVeritas-stadion (5 947 spett.)
Arbitro:   Bibiana Steinhaus

Helsinki
28 agosto 2009, ore 19:00 UTC+2
Inghilterra  3 – 2
referto
  RussiaFinnair Stadium (1 462 spett.)
Arbitro:   Dagmar Damkova

Helsinki
31 agosto 2009, ore 18:00 UTC+2
Russia  0 – 2
referto
  ItaliaOlympiastadion (1 112 spett.)
Arbitro:   Gyöngyi Gaál

Turku
31 agosto 2009, ore 18:00 UTC+2
Inghilterra  1 – 1
referto
  SveziaVeritas-stadion (6 142 spett.)
Arbitro:   Kateryna Monzul'

Confronto tra le terze classificateModifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
C   Inghilterra 4 3 1 1 1 5 5 0
B   Norvegia 4 3 1 1 1 2 5 -3
A   Danimarca 3 3 1 0 2 3 4 -1

Fase ad eliminazione direttaModifica

Quarti di finale Semifinali Finale
                   
3 settembre 2009 - Veritas-stadion, Turku        
   Finlandia  2
6 settembre 2009 - Ratina stadion, Tampere
   Inghilterra  3  
   Inghilterra 10000-00-00  2
3 settembre 2009 - Ratina stadion, Tampere
     Paesi Bassi  1  
   Paesi Bassi (dcr)  0 (5)
10 settembre 2009 - Olympiastadion, Helsinki
   Francia  0 (4)  
   Inghilterra  2
4 settembre 2009 - Lahden stadion, Lahti
     Germania  6
   Germania  2
7 settembre 2009 - Finnair Stadium, Helsinki
   Italia  1  
   Germania  3
4 settembre 2009 - Finnair Stadium, Helsinki
     Norvegia  1  
   Svezia  1
   Norvegia  3  

Quarti di finaleModifica

Turku
3 settembre 2009, ore 16:00 UTC+2
Finlandia  2 – 3
referto
  InghilterraVeritas-stadion (7 247 spett.)
Arbitro:   Dagmar Damková

Tampere
3 settembre 2009, ore 20:00 UTC+2
Paesi Bassi  0 – 0
(d.t.s.)
referto
  FranciaRatina stadion (2 766 spett.)
Arbitro:   Kirsi Heikkinen

Lahti
4 settembre 2009, ore 16:00 UTC+2
Germania  2 – 1
referto
  ItaliaLahden stadion (1 866 spett.)
Arbitro:   Jenny Palmqvist

Helsinki
4 settembre 2009, ore 20:00 UTC+2
Svezia  1 – 3
referto
  NorvegiaFinnair Stadium (1 708 spett.)
Arbitro:   Bibiana Steinhaus

SemifinaliModifica

Tampere
6 settembre 2009, ore 19:00 UTC+2
Inghilterra  2 – 1
(d.t.s.)
referto
  Paesi BassiRatina stadion (4 621 spett.)
Arbitro:   Gyöngyi Gaál

Helsinki
7 settembre 2009, ore 19:00 UTC+2
Germania  3 – 1
referto
  NorvegiaFinnair Stadium (2 765 spett.)
Arbitro:   Kirsi Heikkinen

FinaleModifica

Helsinki
10 settembre 2009, ore 19:00 UTC+2
Inghilterra  2 – 6
referto
  GermaniaOlympiastadion (15 877 spett.)
Arbitro:   Dagmar Damková

StatisticheModifica

Classifica marcatriciModifica

 
Inka Grings, miglior marcatrice del torneo
6 reti
3 reti
2 reti
1 rete

NoteModifica

  1. ^ 2009: Inka Grings, su it.uefa.com. URL consultato il 23 novembre 2019.
  2. ^ (EN) Mark Ashenden, England 2-6 Germany, 10 settembre 2009. URL consultato il 23 novembre 2019.
  3. ^ a b c (EN) Regulations of the UEFA European Women's Championship, 2007–09 (PDF), su es.uefa.com. URL consultato il 23 novembre 2019.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio