Cimiteri di Firenze

lista di un progetto Wikimedia

1leftarrow blue.svgVoce principale: Firenze.

Florence American Cemetery and Memorial
Cimitero delle Porte Sante
Basilica di Santa Croce
Cimitero di Soffiano

Ecco un elenco dei cimiteri di Firenze.

Sepolture in chieseModifica

A Firenze, come in tutte le città europee, si seppelliva dentro o a ridosso delle chiese entro la cerchia muraria. Tra le sepolture antiche spiccano:

Basilica di Santa Croce
sede di importanti monumenti funebri come quello di Michelangelo Buonarroti e di Galileo Galilei, nell'Ottocento divenne "il tempio dell'Italie glorie", dove vennero raccolti i monumenti funebri o i cenotafi di alcune delle maggiori personalità italiane: Niccolò Machiavelli, Enrico Fermi, Ugo Foscolo, Guglielmo Marconi, Luigi Cherubini, Leon Battista Alberti, Vittorio Alfieri, Gioacchino Rossini, Lorenzo Ghiberti, Lorenzo Bartolini, Pier Antonio Micheli, Bartolomeo Cristofori, Giovanni Gentile e moltissimi altri. Nel 1933 vi fu aggiunto il Famedio per le personalità dell'Italia fascista.
San Lorenzo
Contiene le sepolture della famiglia Medici e di Donatello.
Santissima Annunziata
Nella cappella dei Pittori furono sepolti molti confratelli dell'Accademia delle Arti del Disegno, tra i quali Benvenuto Cellini e il Pontormo.
Duomo
In quanto cattedrale contiene nella cripta le sepolture degli arcivescovi di Firenze; inoltre nei sotterranei dell'antica chiesa di Santa Reparata è sepolto Filippo Brunelleschi
Chiesa di Sant'Ambrogio
Vi furono sepolti numerosi artisti, tra cui Andrea del Verrocchio e Mino da Fiesole.
Chiesa di Santi Apostoli
Accanto alla chiesa esisteva il cimitero per i bambini nati morti o comunque non battezzati, da cui deriva il nome della piazzetta antistante: piazza del Limbo.

Cimiteri storiciModifica

Cimitero delle Ballodole
fu il primo cimitero creato a Firenze per la sepoltura della gente comune al di fuori delle chiese. Venne aperto nel 1775, anticipando quindi le riforme napoleoniche, e chiuso nel 1783, trasferendone le funzioni al neonato cimitero di Trespiano.
Vecchio cimitero della Misericordia
aperto nel 1747 a ridosso delle mura, era risevato ai confratelli dell'Arciconfraternita della Misericordia, che all'epoca accoglieva solo membri maschili; per questo vi sono soltanto sepolture di uomini, tra le quali molti personaggi illustri della Firenze dell'epoca. Poiché all'epoca non era prevista la rotazione delle concessioni cimiteriali, venne chiuso per raggiunti limiti di spazio nel 1896, quando la confraternita aprì un nuovo cimietro a Soffiano.
Cimitero degli inglesi
fu costruito nel 1828 a ridosso delle mura per la comunità svizzera residente in città, destinato ai forestieri acattolici, e chiuso alle sepolture nel 1877 per reggiunti limiti. Oggi rappresenta un cimitero monumentale storico aperto ai visitatori, con alcune sepolture illustri quali la poetessa Elizabeth Barrett Browning e l'editore Giovan Pietro Vieusseux.
Antico cimitero monumentale ebraico
aperto nel 1777 fu chiuso per raggiunti limiti nel 1870. Da allora le sepolture della comunità ebraica hanno luogo al cimitero israelitico di Soffiano.

Cimiteri in usoModifica

Cimitero delle Porte Sante (comunale)
Sorse nel 1848 entro le mura che circondano la basilica di San Miniato al Monte; è il luogo di sepoltura delle personalità fiorentine che si sono distinte per fama e merito, come stabilito di volta in volta da apposite delibere comunali. Tra queste Carlo Collodi, Enrico Coveri, Vasco Pratolini, Mario Cecchi Gori, Giovanni Spadolini. Ha accolto anche persone comuni, fino al Dopoguerra anche nei campi e nei loculi, dopo in un apposito colombario di recente costruzione, riservato ai residentid ella zona.
Cimitero di Trespiano (comunale)
è uno dei più vasti d'Italia ed al suo interno è attiva una speciale linea di autobus; vi sono sepolti tra gli altri i fratelli Rosselli, Giuseppe Poggi, Spartaco Lavagnini, Luigi Dallapiccola. Per statuto vi può essere sepolto chiunque residente del Comune di Firenze; per questo ospita anche una sezione acattolica.
Cimitero di Soffiano
Destinato a chiunque previa iscrizione alla Misericordia, fu costruito nella parte ovest della città e ingrandito più volte. Vi sono sepolti tra gli altri Artemio Franchi e Roberto Ridolfi.

Cimiteri rionaliModifica

Sono riservati ai redidenti di alcune zone della città.

Cimitero di Brozzi (comunale)
Cimitero di Careggi (comunale)
Cimitero di Castello
Cimitero di Mantignano (comunale)
Cimitero di Monteripaldi (comunale)
Cimitero di Peretola (comunale)
Cimitero del Pino (comunale)
Cimitero di Rifredi (comunale)
Cimitero di San Bartolo a Cintoia (comunale)
Cimitero di San Felice a Ema (comunale)
Vi sono sepolti Eugenio Montale, Plinio Nomellini, Fausto Melotti.
Cimitero di Santa Lucia al Galluzzo (comunale)
Cimitero di Santa Maria a Marignolle (comunale)
Cimitero di San Silvestro a Ruffignano (comunale)
Cimitero di Settignano (comunale)
Vi sono sepolti Niccolò Tommaseo e Aldo Palazzeschi.
Cimitero di Sollicciano (comunale)
Cimitero di Ugnano (comunale)

Cimiteri militariModifica

Florence American Cemetery and Memorial
Statunitense, è uno dei 14 luoghi in territori d'oltre oceano prescelti dalla commissione incaricata, sorge su un'area ceduta gratuitamente dal governo italiano agli Stati Uniti d'America per la sepoltura delle spoglie dei soldati americani caduti durante la campagna di liberazione d'Italia nel 1945.
Florence War Cemetery (Fiesole)
Fu stato costruito al termine della seconda guerra mondiale per la sepoltura di soldati, marinai e aviatori delle forze del Commonwealth caduti nella campagna di liberazione dell'Italia tra il 1939 e il 1945.

Cimiteri acattoliciModifica

Cimitero degli Allori
Situato in zona Galluzzo vi sono sepolti Oriana Fallaci, Arnold Böcklin, Frederick Stibbert e Leonardo Savioli.
Cimitero israelitico di Soffiano

BibliografiaModifica

  • Foresto Niccolai (a cura di), L'urne de' forti, monumenti e iscrizioni sepolcrali, Firenze, Coppini Tipografi, 1997.
  • La Misericordia di Firenze. Cimiteri monumentali, Firenze, Officine grafiche Firenze, 1983

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Firenze: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Firenze