Apri il menu principale

Fiesole

comune italiano
Fiesole
comune
Fiesole – Stemma Fiesole – Bandiera
Fiesole – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
Città metropolitanaProvincia di Firenze-Stemma.svg Firenze
Amministrazione
SindacoAnna Ravoni (Cittadini per Fiesole) dal 25-5-2014
Territorio
Coordinate43°48′N 11°18′E / 43.8°N 11.3°E43.8; 11.3 (Fiesole)Coordinate: 43°48′N 11°18′E / 43.8°N 11.3°E43.8; 11.3 (Fiesole)
Altitudine295 m s.l.m.
Superficie42,19 km²
Abitanti14 088[1] (31-7-2017)
Densità333,92 ab./km²
FrazioniAnchetta, Caldine, Compiobbi, Ellera, Girone, Falle, Pian di Mugnone, Pian di San Bartolo, San Domenico
Comuni confinantiBagno a Ripoli, Borgo San Lorenzo, Firenze, Pontassieve, Sesto Fiorentino, Vaglia
Altre informazioni
Cod. postale50014
Prefisso055
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT048015
Cod. catastaleD575
TargaFI
Cl. sismicazona 3s (sismicità bassa)
Cl. climaticazona E, 2 216 GG[2]
Nome abitantifiesolani
Patronosan Romolo di Fiesole
Giorno festivo6 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Fiesole
Fiesole
Fiesole – Mappa
Posizione del comune di Fiesole all'interno della città metropolitana di Firenze
Sito istituzionale

Fiesole (pronuncia: Fièsole, /ˈfjɛzole/[3]) è un comune italiano di 14 088 abitanti[1] della città metropolitana di Firenze in Toscana. Dal XIV secolo in poi la città è sempre stata considerata come uno dei sobborghi più esclusivi di tutta Firenze e secondo le statistiche la città tutt'oggi rimane il comune più ricco di tutta la Toscana;[4] tuttavia, stando alla graduatoria del 2017, è il comune di Lajatico a soffiare il primato a Fiesole, divenendo infatti il sesto comune più ricco d'Italia, e di conseguenza il primo in Toscana e nell'Italia Centrale in genere.[5]

Indice

Geografia fisicaModifica

«Su l'arce onde mirò Fiesole al basso,
dov'or s'infiora la città di Silla,
stagnar livido l'Arno, a lento passo
richiama i francescani un suon di squilla.»

(Giosuè Carducci, Rime nuove, Libro II, Fiesole, vv. 1-4)

La città di Fiesole sorge su un doppio colle che sovrasta le valli dell'Arno e del Mugnone, a circa 6 chilometri da Firenze. Il comune si estende su altri colli confinanti, inglobando numerose frazioni, e arriva a toccare l'Arno nelle frazioni in vallata del Girone e dell'Anchetta.

StoriaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Etruria e Conquista romana dell'Etruria.

Fiesole dal IV secolo a.C. risulta come una delle più importanti città etrusche (in etrusco Vipsul o Visul) alle pendici meridionali dell'Appennino Tosco-Emiliano. Fu alleata di Roma fin dal III secolo a.C.

 
L'area archeologica di Fiesole

Nel 90 a.C. la città si ribellò durante la guerra sociale, venendo poi presa da Lucio Porcio Catone. Poco dopo, per aver parteggiato per Mario, fu occupata da una colonia di veterani di Silla. Nacque così ufficialmente Faesulae romana (da notare il passaggio della "v" etrusca alla "f" latina), centro della regione, che aveva un campidoglio, un foro, un teatro, dei templi, e un impianto termale. L'acropoli si trovava sulla sommità della collina, dove oggi si trova il convento di San Francesco. La città godette di relativa prosperità fino alle invasioni barbariche. Nel 405 Fiesole fu teatro della battaglia che vide la sconfitta dei Goti di Radagaiso da parte di Stilicone.

I vescovi di Fiesole, dal 492, acquisirono il potere politico durante l'alto medioevo, all'epoca dei Bizantini e dei Longobardi. In particolare durante la dominazione longobarda la città iniziò a subire un declino sempre più evidente, coincidente con la crescita dell'influenza economica e politica di Firenze. Una prima distruzione di Fiesole da parte dei fiorentini è un episodio piuttosto leggendario, datato tradizionalmente 1010, e forse va considerato solo come testimonianza implicita dell'allungarsi dell'ombra fiorentina sulla cittadina collinare.

Nel 1125 ci fu invece la conquista reale e da allora Fiesole seguì le sorti della vicina città del giglio. Nel 1325 i fiorentini ripristinarono le mura cittadine, nella paura dell'offensiva di Castruccio Castracani, ribadendo così la notevole importanza strategica del sito. In particolare venne murata la città alta, che dal 1399 ospitò il convento francescano.

In periodo di pace, Fiesole divenne un luogo prediletto per la creazione di ville suburbane fin dall'edificazione della villa Medici, una delle prime in assoluto a sfruttare appieno le prerogative teorizzate da Leon Battista Alberti nel De re aedificatoria. I Medici profusero notevoli ricchezze anche nella ricostruzione della Badia fiesolana.

Dalla fine del Settecento Fiesole fu uno dei luoghi di soggiorno preferiti dagli stranieri in Italia, che acquistarono le ville già della nobiltà fiorentina, ristrutturandole e dotandole di meravigliosi giardini. Oltre a un innumerevole numero di stranieri di passaggio, la cittadina ospitò anche una nutrita comunità di cittadini nordeuropei e statunitensi. Tra questi vanno ricordati William Spence, che visse proprio a villa Medici ospitandovi una nutrita colonia di preraffaelliti inglesi, il pittore Arnold Böcklin, che morì alla villa Bellagio, o John Temple Leader, che ricreò il sogno di un medioevo romantico al castello di Vincigliata. Quel periodo, rievocato in film come Camera con vista o Un tè con Mussolini, si interruppe bruscamente alla vigilia della Seconda Guerra Mondiale, con l'ostilità del regime fascista verso le nazionalità inglese e statunitense.

Durante la seconda guerra mondiale nell'agosto del 1944, fu teatro dell'episodio dei cosiddetti Martiri di Fiesole[6]. Alla fine del mese prese corpo l'iniziativa dei partigiani della Brigata Buozzi che riuscirono a entrare, il 1 settembre, nel centro abitato[7][8]. In quei giorni i tedeschi minarono anche le cantine del Seminario che tuttavia, con la loro struttura a volta, ammortizzarono l'esplosione[9]. A lungo, dopo la ritirata tedesca, restò il pericolo per le mine da loro lasciate in campi, giardini, case private così come nella base del campanile della Badia fiesolana. I danni al patrimonio artistico di Fiesole riguardarono in particolare il Duomo, il Museo Bandini, il convento di San Francesco, la chiesa di Sant'Alessandro[10], poi oggetto di restauri negli anni seguenti.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

 
Palazzo Vescovile
 
Duomo

Centro del capoluogo è piazza Mino da Fiesole, dove si trovano l'imponente cattedrale romanica, il Palazzo Altoviti (oggi sede del seminario vescovile), ed il Comune. Al termine di una ripida e breve salita che inizia nel lato ovest della piazza è situata la Chiesa di San Francesco.

Sempre nei pressi di Piazza Mino, ma in direzione nord, si trova l'entrata al Teatro Romano. Oltre al Teatro, perfettamente conservato, si trovano i resti di una necropoli, di terme romane e di alcuni altri edifici di epoca tardo-imperiale. Il Teatro è sede di una stagione teatrale e musicale estiva nota come Estate Fiesolana.

A pochi metri dal Teatro Romano vi è l'entrata del Museo Bandini, dove è conservata un'importante ed ampia collezione di ceramiche dei Della Robbia.

Architetture religioseModifica

 
Facciata della Badia fiesolana

Architetture civiliModifica

PalazziModifica

  • Palazzo Pretorio, di origine trecentesca, cela la sua vera età che non traspare dalla sua facciata esterna che si affaccia sulla centrale piazza Mino. La prima impressione è di trovarsi di fronte a una costruzione rinascimentale a causa della loggia coorredata di colonne in pietra serena che vedono una corrispondenza nella terrazza superiore. L'aspetto odierno è dovuto a successivi restauri iniziati fin dal 1436. Così come Fiesole fu comune e successivamente sede di una podesteria, parallelamente si possono ritrovare tracce di questo passato all'interno del palazzo. Nei successivi anni fu adibito a varie funzioni fungendo da scuola, municipio e museo. Sulla facciata sono presenti stemmi che ricordano, non solo i vari podestà che si sono alternati alla guida della città, ma anche il periodo comunale precedente.

VilleModifica

 
La villa di Maiano
 
Villa Schifanoia, una delle sedi dell'Istituto Universitario Europeo

AltroModifica

Architetture militariModifica

CastelliModifica

Siti archeologiciModifica

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[11]

 

Etnie e minoranze straniereModifica

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 1.137 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

CulturaModifica

Fiesole dà sede a importanti istituzioni culturali, come l'Istituto Universitario Europeo o EUI (nell'ex-Badia Fiesolana), la Scuola di Musica di Fiesole nella villa La Torraccia, l'Università di Harvard a villa I Tatti, la Georgetown University a villa Le Balze, la Fondazione Primo Conti e la Fondazione Giovanni Michelucci.

 
Villa I Tatti, sede dell'Università di Harvard a Firenze
 
Villa Le Balze, sede dell'Università di Georgetown a Firenze

Sia il Comune che i musei diocesani organizzano mostre d'arte. L'Estate fiesolana ha un ricco cartellone di musica classica e opera, che ha luogo al Teatro romano o in altri luoghi.

Con il XIV congresso cattolico, tenutosi in questa città nel 1896, venne fondata ufficialmente la “Federazione Universitaria Cattolica Italiana”, in sigla FUCI. Di lì a poco si formarono circoli aderenti alla Federazione nei maggiori atenei italiani.

La cittadina è stata citata in opere di letteratura. Ad esempio Fiesole e la valle di San Clemente sono descritte nel Peter Camenzind di Hermann Hesse (1904).[12] In oltre viene anche descritta nel romanzo Camera con Vista dello scrittore inglese E. M. Forster (1908).[13]

Ogni anno si tiene a Fiesole un importante premio letterario: il Premio Fiesole Narrativa Under 40.

IstruzioneModifica

A Fiesole si trova l'istituto comprensivo Mino da Fiesole, il quale comprende una scuola primaria di primo grado ed una primaria di secondo grado

MuseiModifica

MediaModifica

RadioModifica

Infrastrutture e trasportiModifica

StradeModifica

La principale strada che attraversa il territorio comunale è la SR302 Brisighellese-Ravennate. Il collegamento con Firenze avviene con la SP53 (Via di San Domenico) e con strade comunali. Un altro collegamento con Firenze avviene con la "Vecchia Fiesolana", strada che porta direttamente da San Domencio a Piazza di Fiesole. Via Francesco Ferrucci è la principale strada che porta all'Olmo.

FerrovieModifica

Trenitalia è l'unico gestore operante su Fiesole, e si occupa dei collegamenti con Firenze, Borgo San Lorenzo e Arezzo attraverso le stazioni di Fiesole-Caldine e Compiobbi.

Mobilità urbanaModifica

I trasporti urbani sono costituiti da linee autobus gestite da ATAF e Li-nea, le due aziende per la mobilità dell'area fiorentina. ATAF si occupa del collegamento con Firenze, mentre Li-nea di quelli con le frazioni. Dal 1884 Fiesole fu raggiunta dalla Tranvia Firenze-Fiesole, esercitata a cavalli poi a vapore, nota per essere infine diventata la prima tranvia elettrica d'Italia.

AmministrazioneModifica

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
14 agosto 1985 16 luglio 1990 Aldo Frangioni Partito Comunista Italiano Sindaco [14]
25 luglio 1990 9 gennaio 1993 Aldo Frangioni Partito Comunista Italiano
Partito Democratico della Sinistra
Sindaco [14]
3 febbraio 1993 24 aprile 1995 Alessandro Pesci Partito Democratico della Sinistra Sindaco [14]
8 maggio 1995 14 giugno 1999 Alessandro Pesci Partito Democratico della Sinistra
Democratici di Sinistra
Sindaco [14]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Alessandro Pesci Democratici di Sinistra Sindaco [14]
15 giugno 2004 8 giugno 2009 Fabio Incatasciato Lista civica di centro-sinistra Sindaco [14]
8 giugno 2009 27 maggio 2014 Fabio Incatasciato Lista civica di centro-sinistra Sindaco [14]
27 maggio 2014 in carica Anna Ravoni Lista civica Sindaco [14]

GemellaggiModifica

SportModifica

Ha sede nel comune la società di calcio Fiesole 2014 Calcio, nata nel 2014. Tornata nel calcio dilettantesco nella stagione 2015/2016 con la vittoria del campionato di 3ª categoria e la stagione successiva nuovamente vincente nella 2ª categoria. Si presenterà ai nastri di partenza per la stagione 2017/2018 in 1ª categoria.

NoteModifica

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 luglio 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Bruno Migliorini et al., Scheda sul lemma "Fiesole", in Dizionario d'ortografia e di pronunzia, Rai Eri, 2007, ISBN 978-88-397-1478-7.
  4. ^ Dove vivono i più ricchi d’Italia? La classifica dei Comuni, su Info Data, 4 agosto 2016. URL consultato il 16 febbraio 2017.
  5. ^ I comuni più ricchi d'Italia, su www.msn.com. URL consultato l'8 gennaio 2018.
  6. ^ Hanna Kiel, La battaglia della collina, Firenze, Medicea, 1986.
  7. ^ Renzo Luchi, 1° settembre 1944, la liberazione di Fiesole, su Cittadiniperfiesole.it. URL consultato il 30 settembre 2017.
  8. ^ Egidio Verga, Armi fra i colli, su Resistenza..
  9. ^ Nel diario di Monsignor Rodolfo Berti, parroco della Cattedrale, al giorno 31 agosto 1944 è annotato: "La dinamite fatta esplodere nella cantina del Seminario, aveva lo scopo di far saltare almeno parte dell'istituto verso la Via di San Francesco. Fortunatamente le volte ampie della cantina hanno resistito e solo si è avuto un rigonfiamento dell'impantito del piano terreno e spavento immenso di tutti, senza altre conseguenze.in Rodolfo Berti, Ex-archivio: memorie ritrovate : il passaggio della guerra a Fiesole; in appendice Note di ricerca sulla deportazione civile a Fiesole, Fiesole, Comune di Fiesole, 2008, p. 24.
  10. ^ Frederick Hartt, L'arte fiorentina sotto tiro, Firenze, Firenze Leonardo, 2014, ISBN 978-88-6800-021-9.
  11. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  12. ^ Hermann Hesse. Peter Camenzind. Milano, Rizzoli, 1962. pagina 95.
  13. ^ (EN) Adam Begley, Florence, Then and Now, With a Literary Guide. URL consultato il 7 luglio 2018.
  14. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/

BibliografiaModifica

  • Mauro Marrani, Il contado Fiesolano. Grafica European Center of Fine Arts, Firenze 2010. ISBN 978-8-8954-5034-6
  • AA. VV., Guida d'Italia, Firenze e provincia "Guida Rossa", Touring Club Italiano, Milano 2007.
  • Ines Romitti e Mariella Zoppi, Guida ai giardini di Fiesole, Alinea Editrice, Firenze 2000 ISBN 88-8125-418-2

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN234536192
  Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Toscana