Delirio (film 1954)

film del 1954 diretto da Pierre Billon, Giorgio Capitani
Delirio
Delirio (film 1953).JPG
Raf Vallone e Françoise Arnoul in una foto di scena del film
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia, Francia
Anno1954
Durata100 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,37:1
Generedrammatico, sentimentale
RegiaPierre Billon, Giorgio Capitani
SoggettoHenri Bernstein
SceneggiaturaMarcel Achard, Pierre Billon, Vittorio Calvino, Giorgio Capitani
ProduttoreLeo Menardi
Casa di produzioneBellotti Film e Société Générale de Cinématographie (S.G.C.)
Distribuzione in italianoIndipendenti Regionali
FotografiaGábor Pogány
MontaggioRenzo Lucidi
MusicheRenzo Rossellini
ScenografiaMario Chiari
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Delirio è un film del 1954, co-diretto da Pierre Billon e Giorgio Capitani (quest'ultimo al debutto alla regia), tratto dall'omonimo romanzo di Henri Bernstein.

TramaModifica

Andrea deve allontanare l'amante del cognato ma dopo averla conosciuta abbandona la famiglia per lei. Sarà poi proprio la donna a lasciarlo.

ProduzioneModifica

Il film è ascrivibile al filone dei melodrammi sentimentali, comunemente detto strappalacrime, allora in auge tra il pubblico italiano (in seguito ribattezzato dalla critica con il termine neorealismo d'appendice).

Fu frutto di una co-produzione italo-francese, tra la Bellotti Film di Leo Menardi e la francese Société Générale de Cinématographie.

DistribuzioneModifica

Il film venne distribuito nelle sale cinematografiche italiane il 17 aprile del 1954.

In Francia fu invece presentato il 16 luglio 1954 con il titolo Orage[1].

CensuraModifica

La censura fece eliminare l'inizio della scena in cui Françoise Arnoul si mette le calze in camera da letto.[2]

Opere correlateModifica

La pellicola è un remake dell'omonimo film realizzato nel 1938 da Marc Allégret.

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema