Apri il menu principale

Dieci inverni

film del 2009 diretto da Valerio Mieli

TramaModifica

Il titolo stesso è un riassunto della trama: dieci momenti casuali, ma sempre invernali, estrapolati da dieci anni successivi, raccontano per quadri una storia di anelito tra due ragazzi, Silvestro (Michele Riondino) e Camilla (Isabella Ragonese). La storia ha inizio nell'inverno del 1999 a Venezia, con l'incontro dei due protagonisti diciottenni su un vaporetto. Da lì in poi si dipana lungo i dieci anni in una Mosca nevosa e caotica (Camilla è studente di slavistica, e specializzata nel teatro russo), una Venezia stranamente industriale e insolita, e le colline venete di Valdobbiadene.

Questi dieci anni rappresentano una sorta di educazione sentimentale dei due, dai diciotto ai ventott'anni, dove il caso, le tensioni o le paure del momento hanno sempre il sopravvento su questo amore "congelato" e mai consumato.

ProduzioneModifica

Lo stesso Mieli ha definito quest'opera come film "anti-colpo di fulmine".[1]

Il film è scritto da Mieli, Isabella Aguilar e Davide Lantieri, e comprende un cameo di Vinicio Capossela che recita e interpreta un brano della colonna sonora originale del film.

AccoglienzaModifica

Il film è stato in concorso al Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia 2009 nella sezione Controcampo[2] e al Tokyo International Film Festival[3]. Ha vinto 2010 il David di Donatello[4] e il Nastro d'argento al miglior regista esordiente.[5]

Ha vinto inoltre, tra gli altri, il premio della Federazione Italiana Cinema d'essai Fice, Mantova,[6] il primo premio al festival del cinema italiano di Villerupt,[7] il Capri Hollywood Exploit Award[3], il premio Francesco Laudadio al Bif&st 2010 per la miglior opera prima,[8] il premio Rai Trade 2010,[9] il premio Ciak d'oro Bello & Invisibile 2010.[10] Il soggetto, scritto da Valerio Mieli in collaborazione con Isabella Aguilar, è arrivato finalista al premio Solinas.[3]

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema