Discussione:Repubblica di Crimea (Federazione Russa)

Aggiungi discussione
Discussioni attive

TitoloModifica

Questa voce dovrebbe intitolarsi "Repubblica di Crimea (disambigua)"--109.54.148.55 (msg) 12:52, 1 mag 2014 (CEST)[]

Non è "carino" spostare le voci mentre uno ci sta scrivendo su. E perché l'avviso "Questa voce o sezione sull'argomento politica non cita alcuna fonte o le fonti presenti sono insufficienti."? Ci sono fonti per ogni frase e i contenuti non sono controversi.

Ciao. Su wikipedia ci si basa non sulle carinerie, ma sulle regole. Nello specifico, se vuoi lavorare su una voce senza che altri intervengano va apposto il seguente avviso {{WIP|nome utente}}. Fonti: quasi esclusivamene un'agenzia stampa, direi poco per un'enciclopedia e per un tema cosi' controverso. Inoltre pensare che questa voce, nel recente passato messa in cancellazione ed eliminata, possa passare inosservata e' un po' strano, visti gli avvenimenti in corso, che fra l'altro non implicano che la wikipedia in italiano debba essere per forza aggiornata in tempo reale, considerato la delicatezza dell'argomento. A parte questo, e' prassi che uno firmi i propri interventi inserendo la firma, ad esempio inserendo questo --~~~~. Infine, caso mai ti interessasse, ti segnalo il progetto:ucraina Buon proseguimento--Rago (msg) 15:06, 5 mag 2014 (CEST)[]

E perché è stata bloccata?--Cironef (msg) 19:26, 5 mag 2014 (CEST)[]

perche' la situazione e' controversa, perche' era stata cancellata in precedenza, perche' la statusa non e' chiaro, ecc. --Rago (msg) 19:44, 5 mag 2014 (CEST)[]

...perché siete anti-russi ecc.--Cironef (msg) 13:22, 6 mag 2014 (CEST)[]

chi voi? Non esiste nessun noi su wikipedia, esistono i singoli utenti. Se poi ti riferissi a me, hai proprio sbagliato persona. --Rago (msg) 15:32, 6 mag 2014 (CEST)[]

Collegamenti esterni modificatiModifica

Gentili utenti,

ho appena modificato 1 collegamento/i esterno/i sulla pagina Repubblica di Crimea (Federazione Russa). Per cortesia controllate la mia modifica. Se avete qualche domanda o se fosse necessario far sì che il bot ignori i link o l'intera pagina, date un'occhiata a queste FAQ. Ho effettuato le seguenti modifiche:

Fate riferimento alle FAQ per informazioni su come correggere gli errori del bot

Saluti.—InternetArchiveBot (Segnala un errore) 07:10, 5 apr 2018 (CEST)[]

Unione o meno con Repubblica autonoma di CrimeaModifica

Fino a pochi giorni fa per l'entità amministrativa attualmente esistente nel territorio della Crimea c'erano su it.wiki due distinte voci: Repubblica autonoma di Crimea, che descriveva la suddivisione amministrativa dell'Ucraina, e la presente Repubblica di Crimea (Federazione Russa), facente riferimento al soggetto federale della Russia. Negli ultimi giorni le voci sono state oggetto di un processo di unione effettuato da utente, annullato da un altro e ripristinato dal primo (che è poi stato bloccato per attacchi). Allo stato attuale la prima voce è quindi redirect alla seconda, però non trovo da nessuna parte discussioni in cui sia emerso consenso, quindi mi sembra opportuno valutare in discussione come sia meglio procedere. Anche perché le voci contengono varie problematiche anche in ottica di ripetizioni tra loro (qualora vengano di nuovo separate) e rispetto alla voce geografica Crimea.--Antenor81 (msg) 15:22, 19 gen 2020 (CET)[]

Secondo me avere una pagina dedicata alla Crimea parte dell'Ucraina avrebbe comunque senso: infatti, anche se i due Stati si mettessero d'accordo a la Crimea venisse riconosciuta come parte della Russia sarebbe comunque auspicabile avere una pagina dedicata alla Repubblica autonoma di Crimea come Regione storica dell'Ucraina. Un po' come abbiamo la pagina Provincia di Pola nonostante essa non sia più oggi parte dell'Italia. Spero di essermi fatto capire.--Janik98 (msg) 15:33, 19 gen 2020 (CET)[]
Favorevole a 2 voci diverse. --Yacine Boussoufa (Contattami!) 17:33, 19 gen 2020 (CET)[]
Voci da tenere distinte. Regione geografica e descrizione della disputa (Crimea), Regione amministrativa ucraina fino al 2014 (Repubblica autonoma di Crimea), regione amministrativa russa (Repubblica di Crimea (Federazione Russa)). Ho recuperato il testo della seconda. Procederei nei prossimi giorni a riportare anche la terza alla versione del 10 gennaio. In ogni caso tutte e tre le pagine abbisognano di una revisione sostanziale. --Dans (msg) 13:41, 21 gen 2020 (CET)[]

Le due voci non hanno nulla di diverso da dire; i contenuti erano perfettamente identici, tranne poche frasi che sono state prontamente e facilmente accorpate in una sola voce. Per rispondere all'esempio, la provincia di Pola, con quel territorio, è esistita solo sotto l'amministrazione italiana, mentre la Crimea ad amministrazione ucraina e quella ad amministrazione russa hanno lo stesso identico territorio, la stessa suddivisione locale, la stessa storia, la stessa popolazione e via dicendo. Abbiamo di nuovo, inutilmente, due doppioni identici. Questo commento senza la firma utente è stato inserito da 5.90.124.153 (discussioni · contributi) 23:23, 23 gen 2020‎ (CET).[]

1. Impara a firmarti; 2. se sono due doppioni, è perché queste voci vanno sistemate. Non necessariamente unificate. 3. Smettila di chiedere spostamenti senza previa discussione, per cortesia --Dans (msg) 09:26, 24 gen 2020 (CET)[]
[@ Dans] 1. Tieni a bada l'arroganza: solitamente sono gli account registrati a firmarsi, non i contributori random. Ma ti accontento senza problemi. 2. Le voci non possono essere diversificate, dato che tenere la voce russa per l'entità amministrativa e quella ucraina come soggetto storico significherebbe riconoscere l'annessione. Spiegheresti in che modo intendi differenziarle? Se facessimo più voci per ogni territorio conteso ci troveremmo solo migliaia di duplicati. Attendo con ansia chiarimenti. 3. L'unico spostamento che ho chiesto è quello di "Repubblica di Crimea", proprio come te. Tu non hai avuto nessun consenso per spostare la pagina di disambiguazione, chiaro? Ed è il motivo per cui siamo liberi di apporre quell'avviso: è una richiesta, non uno spostamento fatto e finito. Ti chiedo, gentilmente, di non ripetere l'errore. 4. Inoltre, qualcuno saprebbe dirmi perché rinviare altrove se l'unico soggetto chiamato "Repubblica di Crimea" è quello attualmente russo? La pagina di disambiguazione credo basti, dato che l'entità ucraina ha un nome diverso --5.90.124.153 (msg) 10:55, 24 gen 2020 (CET)[]
La firma serve, tra le altre cose, a identificare la cronologia dei contributi alla discussione. Contribuire da sloggato non ti esime dal firmare. --Dans (msg) 13:36, 24 gen 2020 (CET)[]
[@ Dans] Non hai affatto risposto alle domande. --93.144.212.248 (msg) 00:57, 25 gen 2020 (CET)[]
Però accolgo la tua precedente proposta di spostare template ed informazioni sulla contesa nella voce Crimea e lasciare nelle due voci template ed informazioni relative agli enti amministrativi. --93.144.212.248 (msg) 01:48, 25 gen 2020 (CET)[]
Ho sistemato un po' le varie pagine. C'è pure Storia della Crimea da coordinare. --Dans (msg) 12:32, 25 gen 2020 (CET)[]

Comuni della CrimeaModifica

Vi segnalo questa discussione. Ogni parere è prezioso. --Camillo Prodi (msg) 22:14, 13 feb 2020 (CET)[]

Riconoscimento da parte di Toscana ed Emilia-RomagnaModifica

Non risultano atti formali del consiglio regionale o della giunta regionale di Toscana ed Emilia-Romagna in merito al riconoscimento dell'annessione russa della Crimea, salvo alcune proposte di risoluzione avanzate dai gruppi di opposizione che non mi pare siano state approvate: per la Toscana vi è una risoluzione del 2016 (n. 52) e una mozione del 2017 (n. 621) in cui si parla genericamente di invitare il governo a riprendere le trattative diplomatiche per giungere a un superamento delle sanzioni e a migliorare i rapporti con la Russia; per l'Emilia-Romagna, il consiglio ha invece approvato nel 2014 una delibera di sostegno all'operato del governo italiano sulla crisi ([1]). Le prese di posizione dei singoli consiglieri, come riportato nel link esterno a notizie.tiscali, non impegnano ovviamente l'intero consiglio regionale; le opinioni di siti direi più che di parte come ikrim.net è meglio se le lasciamo perdere. --Franz van Lanzee (msg) 17:53, 17 ago 2020 (CEST)[]

Allora c'è un problema nelle fonti usate nelle voci, visto che sia la mappa che l'elenco si basano in gran parte proprio su articoli di ikrim.net.--Janik98 (msg) 18:53, 17 ago 2020 (CEST)[]
In en:Political status of Crimea#Stances e in en:International reactions to the annexation of Crimea by the Russian Federation forse ci sono altre fonti utilizzabili. La lista è sicuramente da controllare: il riconoscimento dell'annessione da parte della Cina, ad esempio, non mi pare così chiaro. --Franz van Lanzee (msg) 19:19, 17 ago 2020 (CEST)[]
A mio avviso non è un problema di fonti, ma di rilevanza della notizia, che è quasi una barzelletta. La rilevanza di tali riconoscimenti sul piano internazionale, diplomatico, economico, legale e tutto quello che potete aggiungere vale zero. Soltanto propaganda politica italiota di parte. Dov'è l'enciclopedicità?--Bramfab Discorriamo 00:10, 20 ago 2020 (CEST)[]
Pare che a qualcuno interessi, visto che l'immagine e l'informazione sono state messe in praticamente ogni articolo inerente la Crimea.--Janik98 (msg) 00:13, 20 ago 2020 (CEST)[]
[@ Janik98] Interesse enciclopedico? C'è almeno un'ombra di motivazione enciclopedica per questa notiziola buona per Striscia la notizia?--Bramfab Discorriamo 11:28, 21 ago 2020 (CEST)[]
Non ho detto di essere tra coloro che ritengono la cosa enciclopedica ;)--Janik98 (msg) 11:30, 21 ago 2020 (CEST)[]
OK, io sto cercando una motivazione enciclopedica per questa notizia. Incidentalmente il fatto che sia rinvenibile in un quotidiano italiano non fornisce di per sé enciclopedicità.--Bramfab Discorriamo 11:39, 21 ago 2020 (CEST)[]

(rientro) Allora, con infinita pazienza ho ricontrollato tutta la lista di nazioni che avrebbero riconosciuto il referendum e la successiva incorporazione della Crimea nella Russia, andando a cercare dichiarazioni ufficiali in tal senso da parte di esponenti governativi degli Stati interessati (oltre alla posizione in merito alla Risoluzione 68/262 dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, che condannava l'annessione). A quanto ho visto, la lista contiene vari errori e imprecisioni:

  • i membri ONU che, oltre alla Russia, riconoscono il referendum sono tredici: Afghanistan, Armenia, Bielorussia, Bolivia, Cina, Corea del Nord, Cuba, Kirghizistan, Nicaragua, Siria, Sudan, Venezuela e Zimbabwe; vi sono poi anche tre membri non ONU che fanno altrettanto (Abcasia, Ossezia del Sud e Artsakh) e i tre soggetti non statali ora citati in voce (Repubblica Serba di Bosnia, Veneto e Lombardia).
Posizioni dei paesi in questione
Stati membri delle Nazioni Unite
  1.   Afghanistan: astenutosi nel voto della risoluzione 68/262, il paese, per bocca del presidente Hamid Karzai, ha in seguito dichiarato di rispettare «la decisione presa dal popolo della Crimea attraverso un recente referendum che considera la Crimea come parte della Federazione Russa»[1][2][3].
  2.   Armenia: in una conversazione con il suo omologo russo Putin il 19 marzo 2014, il presidente armeno Serž Sargsyan ha dichiarato che il referendum della Crimea «costituisce un altro caso di esercizio del diritto dei popoli all'autodeterminazione attraverso la libera espressione della volontà.»[4][5][3]; in seguito il paese ha votato contro la risoluzione 68/262.
  3.   Bielorussia: il 28 febbraio 2014 il ministro degli esteri Volodymyr Makei ha dichiarato «l'importanza di preservare l'integrità territoriale, la sovranità e l'indipendenza dell'Ucraina»[6]; in seguito, in un'intervista pubblicata il 23 marzo 2020 il presidente Aljaksandr Lukašėnka ha dichiarato che «oggi la Crimea fa parte della Federazione Russa. Non importa se lo riconosci o no, il fatto rimane [..] Nessuno chiede che la Bielorussia riconosca la Crimea e sostenga la Russia o prenda posizione contro di essa. Te lo dico onestamente: nessuno lo pretende da me e dal nostro governo, dal ministero degli Esteri. Penso che la situazione si svilupperà allo stesso modo de facto. Se la Crimea sarà riconosciuta de jure come una regione della Federazione Russa non ha molta importanza. Tutti riconoscono la Russia. Non ci immischeremo. È un male che la Federazione Russa abbia dovuto ricorrere a queste misure», dichiarando anche che «l'Ucraina dovrebbe rimanere uno Stato integrale, indivisibile e non allineato»[7]. In seguito il paese ha votato contro la risoluzione 68/262.
  4.   Bolivia: in un'intervista a RIA Novosti, il presidente Evo Morales ha dichiarato che «la Bolivia è pronta a sostenere la Russia nel riconoscere la Crimea»[8]; il paese ha votato contro la risoluzione 68/262.
  5.   Cina: il paese si è astenuto nel voto sulla risoluzione 68/262, ma il 21 novembre 2014, in un'intrevista all'agenzia di stampa TASS, Gui Congyou (all'epoca facente funzioni di direttore del dipartimento per gli affari in Europa e Asia centrale del ministero degli esteri cinese) ha dichiarato che la Cina è contraria alle dichiarazioni di indipendenza dei gruppi etnici per tramite di referendum, ma che la Crimea costituisce un «caso speciale» a cui questo principio non si applica[9].
  6.   Corea del Nord: il 15 marzo 2014 l'ambasciatore della Corea del Nord a Mosca Kim Yong-jae ha espresso pieno sostegno alla Russia nella crisi in atto con l'Ucraina[10], posizione poi ribadita dal ministero degli esteri nordcoreano[11]; in seguito il paese ha votato contro la risoluzione 68/262[2].
  7.   Cuba: il paese ha votato contro la risoluzione 68/262[3], e in seguito il ministero degli esteri russo l'ha indicato come una delle nazioni che ufficialmente riconoscono l'unione della Crimea alla Russia[12].
  8.   Kirghizistan: il 20 marzo 2014 il ministro degli esteri del Kirghizistan ha riconosciuto come legittimo l'esito del referendum in Crimea[13]; il paese non ha partecipato al voto sulla risoluzione 68/262.
  9.   Nicaragua: l'ambasciatore nicaraguense a Mosca Luis Molina Quadra ha dichiarato, il 27 marzo 2014, che il suo paese riconosce la Crimea come parte della Russia[14]; il paese ha votato contro la risoluzione 68/262.
  10.   Siria: il governo siriano ha riconosciuto l'esito del referendum e ha votato contro la risoluzione 68/262[11][1][15][2][3].
  11.   Sudan: l'ambasciatore del Sudan in Russia Nadir Yusuf Babiker ha annunciato il riconoscimento della Crimea come parte della Russia e la conformità del referendumal diritto internazionale[11][3]. Il paese ha votato contro la risoluzione 68/262.
  12.   Venezuela: il governo del presidente Nicolas Maduro ha espresso sostegno alla Russia sulla questione e riconosciuto l'unione con la Crimea[11][1][15][2]; il paese ha votato contro la risoluzione 68/262.
  13.   Zimbabwe: il paese ha votato contro la risoluzione 68/262, e in seguito il 22 dicembre 2014 ministro per lo sviluppo Savior Kasukuwere è diventato il primo funzionario governativo non russo a visitare la Crimea dopo l'unione alla Russia[16].
Stati non membri delle Nazioni Unite
  1.   Abcasia: il 16 marzo 2014 il governo abcaso e il suo presidente Alexander Ankvab hanno ufficialmente riconosciuto l'esito del referendum in Crimea[17].
  2.   Artsakh: il ministero degli esteri dell'Artsakh ha ufficialmente riconosciuto l'esito del referendum in Crimea con un annuncio formale il 17 marzo 2014[18].
  3.   Ossezia del Sud: il 17 marzo 2014 il ministro degli esteri sudossetino ha dichiarato che «l'Ossezia meridionale rispetta il diritto della popolazione della Crimea di determinare in modo indipendente il proprio destino»[17].
Altre entità
  •   Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina: il presidente della repubblica Milorad Dodik ha dichiarato di riconoscere l'esito del referendum della Crimea[11].
  •   Veneto: il 18 maggio 2016 il consiglio regionale del Veneto ha approvato una delibera in cui invita il governo italiano a «riconoscere la volontà espressa dal Parlamento di Crimea e dal popolo mediante un referendum»[19]
  •   Lombardia: il 5 luglio 2016 il consiglio regionale della Lombardia ha approvato una mozione in cui invita la giunta regionale «ad attivarsi presso il Governo, il Parlamento nazionale e le istituzioni europee per la revisione dei rapporti tra l’Unione europea e la Federazione Russa, chiedendo inoltre di rico-noscere la volontà espressa dal Parlamento di Crimea e dal popolo mediante referendum»[20].
Note
  1. ^ a b c (EN) Matthew Rosenberg, Breaking With the West, Afghan Leader Supports Russia’s Annexation of Crimea, in New York Times, 23 marzo 2014. URL consultato il 22 marzo 2020.
  2. ^ a b c d (EN) Jake Howry, Border Diplomacy: Why Afghanistan Supports a Russian Crimea, in The Gate, 7 aprile 2014. URL consultato il 21 ottobre 2020.
  3. ^ a b c d e (ENUK) Andrey Pozhidaev e Anna Tkacheva, Crimean deadlock: judicial protection, recognition and enforcement, in Asters, 24 giugno 2014. URL consultato il 21 ottobre 2020.
  4. ^ (EN) Today the President of Armenia held a telephone conversation with the President of Russia, The Office to the President of the Republic of Armenia, 19 marzo 2014. URL consultato il 22 marzo 2020.
  5. ^ (EN) Armenian and Russian presidents say Crimea referendum an example of peoples' right to self-determination, su arka.am, Arka, 20 marzo 2014. URL consultato il 22 marzo 2020.
  6. ^ (UK) МЗС Білорусі: важливо зберегти територіальну цілісність України Детальніше читайте на УНІАН, su unian.ua. URL consultato il 22 agosto 2020.
  7. ^ (EN) President of the Republic of Belarus Alexander Lukashenko answers questions of mass media representatives on 23 March 2014, su president.gov.by. URL consultato il 22 agosto 2020.
  8. ^ (RU) Боливия готова признать Крым частью России [La Bolivia è pronta a riconoscere la Crimea come parte della Russia], su krym.aif.ru, Аргументы и Факты, 6 marzo 2016. URL consultato il 24 marzo 2020.
  9. ^ (EN) China against declaration of independence at referendums, su tass.com. URL consultato il 22 agosto 2020.
  10. ^ (RU) КНДР поддержала позицию России по украинскому, su rosbalt.ru, 15 marzo 2014. URL consultato il 22 marzo 2020.
  11. ^ a b c d e (RU) Крым – ваш: кто в мире признал полуостров частью России [La Crimea è tua: chi nel mondo ha riconosciuto la penisola come parte della Russia], su ikrim.net, Крым.net, 10 ottobre 2018. URL consultato il 22 marzo 2020.
  12. ^ (EN) Jeremy Bender, https://www.businessinsider.com/six-countries-okay-with-russias-annexation-of-crimea-2016-5?IR=T, su businessinsider.com. URL consultato il 22 agosto 2020.
  13. ^ (EN) Kyrgyzstan Says Crimea Referendum 'Legitimate', su Radio Liberty, Radio Free Europe Radio Liberty. URL consultato il 22 marzo 2020.
  14. ^ (EN) Nicaragua recognizes Crimea as part of Russia, in Kyiv Post, 27 marzo 2014. URL consultato il 22 marzo 2020.
  15. ^ a b (EN) Putin on Ukraine Okay With China-Syria-Venezuela Minority, in Bloomberg News, 11 marzo 2014. URL consultato il 22 marzo 2020.
  16. ^ (EN) Jeremy Bender, Watch: Kasukuwere scores a first in Crimea, su newsdzezimbabwe.co.uk (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2014).
  17. ^ a b (EN) Georgia’s breakaway regions recognize Crimea vote, su agenda.ge. URL consultato il 22 agosto 2020.
  18. ^ (EN) Karabakh Foreign Ministry Issues Statement on Crimea, su asbarez.com. URL consultato il 22 agosto 2020.
  19. ^ Mercoledì 18 maggio 2016 Deliberazione n. 103, su consiglioveneto.it. URL consultato il 19 agosto 2020.
  20. ^ D.c.r. 5 luglio 2016 - n. X/1112 Mozione concernente il riconoscimento del principio di autodeterminazione della Crimea e il ritiro delle sanzioni contro la Russia, su consultazioniburl.servizirl.it, Regione Lombardia, p. 6. URL consultato il 21 agosto 2020.
  • sei paesi, ora indicati come pro-referendum, mi pare abiano invece posizioni ambigue o comunque non esplicite sulla questione: Eritrea, India, Kazakistan, Laos, Palestina e Uganda
Posizioni dei paesi in questione
  1.   Eritrea: astenutosi nel voto sulla risoluzione 68/262, in seguito il paese ha inviato una delegazione ufficiale nella regione, cosa indicata da alcune fonti come un riconoscimento tacito dell'annessione[1].
  2.   India: astenutosi nel voto sulla risoluzione 68/262, il paese ha mantenuto una posizione ambigua sulla questione, senza emettere un riconoscimento formale dell'adesione della Crimea alla Russia ma anche senza emettere una condanna esplicita degli avvenimenti, cosa che è stata letta da alcune fonti come un'accettazione tacita degli eventi[2]; il governo ucraino ha espresso lodi per il fatto che l'India non abbia ufficialmente riconosciuto l'annessione della Crimea e apprezzato la posizione «neutrale» da lei tenuta sulla questione[3].
  3.   Kazakistan: il 18 marzo 2014 il ministro degli esteri kazako ha dichiarato che «il referendum tenutosi in Crimea è visto in Kazakistan come una libera espressione della volontà della popolazione della Repubblica Autonoma, mentre la decisione della Federazione Russa nelle attuali circostanze è considerata con comprensione»; tuttavia, successivamente fonti diplomatiche kazake hanno negato che il paese abbia formalmente riconosciuto il referendum e i suoi esiti, e lo stesso presidente Nursultan Nazarbaev ha sostenuto che comprende la posizione della Russia ma non la condivide[4]. Il Kzakhistan si è astenuta nel voto sulla risoluzione 68/262, la posizione del paese circa la contesa tra Russia e Ucraina è stata descritta da alcune fonti come neutrale ed equidistante[5].
  4.   Laos: il paese non ha partecipato al voto sulla risoluzione 68/262, ma in seguito ha inviato una delegazione ufficiale nella regione, cosa indicata da alcune fonti come un riconoscimento tacito dell'annessione[1]
  5.   Palestina: l'ambasciatore palestinese in Russia Abdel Hafiz Nofal, in un'intervista ai media, ha sostenuto che il popolo della Crimea «ha il diritto all'autodeterminazione» e la stessa Palestina «sostiene le azioni della Russia su questo tema». Tuttavia, il servizio diplomatico palestinese ha presto smentito le parole dell'ambasciatore, affermando che Nofal non ha rilasciato alcuna dichiarazione sullo status della Crimea[6]
  6.   Uganda: alcune fonti indicano che il paese ha riconosciuto l'unione della Crimea alla Russia, pur senza indicare alcuna dichiarazione ufficiale di funzionari governativi ugandesi in tal senso[7][8]; il paese si è astenuto nel voto sulla risoluzione 68/262.
Note
  1. ^ a b (EN) Three years later, Crimea abandoned by both Ukraine and Russia, su euromaidanpress.com, Euromaidan Press, 18 marzo 2017. URL consultato il 22 marzo 2020.
  2. ^ (EN) Zachary Keck, India Backs Russia’s ‘Legitimate Interests’ in Ukraine, su thediplomat.com. URL consultato il 22 agosto 2020.
  3. ^ (EN) Kallol Bhattacherjee, Ukraine lauds India for support over Crimea, su thehindu.com. URL consultato il 22 agosto 2020.
  4. ^ (EN) Richard Weitz, Kazakhstan Responds to Ukraine Crisis, su refworld.org. URL consultato il 22 agosto 2020.
  5. ^ (EN) Catherine Putz, Kazakhstan Deftly Balances Relations with Ukraine and Russia, su thediplomat.com. URL consultato il 22 agosto 2020.
  6. ^ Errore nelle note: Errore nell'uso del marcatore <ref>: non è stato indicato alcun testo per il marcatore ikrim.net
  7. ^ Errore nelle note: Errore nell'uso del marcatore <ref>: non è stato indicato alcun testo per il marcatore uchicagogate
  8. ^ Errore nelle note: Errore nell'uso del marcatore <ref>: non è stato indicato alcun testo per il marcatore asterslaw
  • di altri sei paesi, ora indicati come pro-referendum, ho trovato invece fonti che non indicano alcun riconoscimento esplicito se non proprio dichiarazioni che sottendono una posizione del tutto opposta al riconoscimento: Cipro, Filippine (entrambe le nazioni hanno votato a favore della risoluzione 68/262 di condanna del referendum), Iran ([2] [3]), Serbia ([4] [5]), Tagikistan ([6])) e Uzbekistan ([7] [8]).
  • di altri cinque paesi, non ho trovato dichiarazioni di sorta di funzionari governativi in merito alla questione: Myanmar, Burundi, Cambogia, Sud Sudan e Transnistria. Nell'elenco sarebbe inserito anche lo Stato federale della Nuova Russia, entità che tuttavia ha cessato di esistere senza mai essere effettivamente entrata in funzione.

Idee, suggerimenti e opinioni su come procedere in merito? --Franz van Lanzee (msg) 23:50, 22 ago 2020 (CEST)[]

Per me si potrebbe procedere inserendo le informazioni da te trovate direttamente nella sezione "Riconoscimento internazionale". Si deve poi procedere alla modifica della mappa in modo da rispecchiare le fonti al momento trovate.--Janik98 (msg) 00:03, 23 ago 2020 (CEST) P.s: che Cipro riconoscesse l'annessione della Crimea alla Russia mi è sempre sembrato molto strano, data la posizione storica della Repubblica di Cipro contro i separatismi di quasi ogni tipo dovuta alla questione di Cipro del Nord.[]
Aggiunte fonti inerenti l'India, le repubbliche popolari del Donbass ed altri paesi --5.90.139.188 (msg) 18:29, 23 ago 2020 (CEST)[]
La fonte citata per l'India è la stessa che ho inserito io nell'elenco di cui sopra, e dove si parla di una posizione ambigua del paese sulla questione. La fonte per la Transnistria parla di un riconoscimento delle repubbliche separatiste del Dobass e non dell'annessione della Crimea. Anche le fonti citate per le repubbliche di Lugansk e Doneck (note 38 e 39) sembrano parlare di altro e non di quello che interessa a noi (dichiarazioni ufficiali di funzionari governativi in merito alla questione). --Franz van Lanzee (msg) 18:36, 23 ago 2020 (CEST)[]
[@ Franz van Lanzee] Riguardo la Transnistria credo tu abbia avuto una svista, la parte finale parla dell'annessione della Crimea. Le pubblicazioni che hai citato (note 38 e 39), comunque, espongono anche le posizioni ufficiali delle due repubbliche, citandone le autorità. --5.90.139.188 (msg) 18:41, 23 ago 2020 (CEST)[]
La parte finale dell'articolo sulla Transnistria dice: "Some analysts suspect Moscow was eyeing Transnistria, populated mainly by Russian speakers, in the wake of last month's annexation of Crimea. Russian troops in Transnistria started moving after the formal annexation of Crimea to Russia." Dove sarebbe la dichiarazione di un funzionario transinistriano sulla questione?
Idem per le note 38 e 39: mi puoi copia-incollare le dichiarazioni delle autorità? perché io non le vedo. --Franz van Lanzee (msg) 18:48, 23 ago 2020 (CEST)[]
Rimossa Toscana e Emilia, nessuna argomentazione sulla reale valenza enciclopedica del loro riconoscimento--Bramfab Discorriamo 12:58, 24 ago 2020 (CEST)[]

La mappa inserita in pagina è sbagliata (la Serbia non ha riconosciuto l'annessione della Crimea, figuriamoci, coi loro casini col Kosovo - cf qua: "Serbia does not recognise Crimea as part of Russia"). Gli enti locali non hanno potestà di riconoscimento internazionale, quindi è inutile citarli, tanto sulla mappa quanto nell'elenco. Questo vale anche per la Republika Srpska. Ikrim.net mi pare una fonte non particolarmente affidabile, andrebbero tutte verificate. Anche fonti come Sputnik e Pravda.ru su una questione del genere sono inaccettabili per NNPOV. Probabilmente la cosa più sensata è tradurre il paragrafo da en:Annexation_of_Crimea_by_the_Russian_Federation#International_recognition --Dans (msg) 14:54, 24 ago 2020 (CEST)[]

Ho iniziato rimuovendo Cipro, Filippine, Tagikistan, Iran e Uzbekistan in quanto le fonti dicono che non hanno riconosciuto l'annessione. Se la mappa è errata è necessario procedere alla sua correzione o eliminazione da COmmons, perché stanno iniziando ad utilizzarla anche le wiki in altre lingue. Per quanto riguarda l'IP che è intervenuto in questa discussione, se sei Vicipaedianus ricordati che un'ulteriore evasione dal blocco verrà sicuramente punita con il blocca a tempo indeterminato della tua utenza.--Janik98 (msg) 15:33, 24 ago 2020 (CEST)[]
Secondo me, le posizioni si possono distinguere (anche, con riferimento alla mappa, con colori diversi) in:
  • riconoscimento esplicito: Russia, Afghanistan, Armenia, Bielorussia, Bolivia, Cina, Corea del Nord, Cuba, Kirghizistan, Nicaragua, Siria, Sudan, Venezuela e Zimbabwe (membri ONU), più Abcasia, Artsakh e Ossezia del Sud (non membri ONU); il riconoscimento da parte delle repubbliche di Lugansk e Doneck lo possiamo dare per acquisito, anche se per la prima non c'è una fonte; rimane da chiarire la situazione della Transnistria (dovrebbe essere ovvio che lo abbiano riconosciuto ma non si trovano fonti in merito).
  • riconoscimento implicito: Eritrea, Laos e Uganda.
  • posizione ambigua: India.
Per Palestina e Kazakistan si può parlare anche di ritiro del riconoscimento precedentemente dato, comunque la situazione attuale è di non riconoscimento; per quanto riguarda Myanmar, Burundi, Cambogia e Sud Sudan, in assenza di fonti più solide del solo Ikrim.net direi di considerarli come non riconoscimento. Sul citare le regioni italiane e la Repubblica serba di Bosnia non so, mi rimetto al vostro giudizio; magari si può accennare la cosa nel corpo del testo ma non riportandola nell'elenco e in mappa per evitare un ingiusto rilievo. --Franz van Lanzee (msg) 17:47, 24 ago 2020 (CEST)[]
le entità non statali come le regioni italiani e/o Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina et altri non vanno mai menzionati in quanto non sono Stati sovrani.. --SurdusVII (segnami QUA) 18:12, 24 ago 2020 (CEST)[]

Ho sostituito il paragrafo con una traduzione da en:wiki come indicato più in alto. --Dans (msg) 23:08, 27 ago 2020 (CEST)[]

Ritorna alla pagina "Repubblica di Crimea (Federazione Russa)".