Apri il menu principale

Donnarumma all'assalto (film)

Donnarumma all'assalto
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1972
Durata97 min
Rapporto1,33:1
Generedrammatico
RegiaMarco Leto
SoggettoOttiero Ottieri
SceneggiaturaBruno Di Geronimo, Ernesto Guida, Marco Leto
Casa di produzioneRai
FotografiaSafai Teherani
CostumiMarisa D'Andrea
Interpreti e personaggi

Donnarumma all'assalto è un film del 1972 diretto da Marco Leto, tratto dall'omonimo romanzo autobiografico di Ottiero Ottieri.

TramaModifica

Uno psicologo arriva in treno in una piccola stazione nei dintorni di Napoli. Qui una grande azienda del nord Italia ha da poco aperto un impianto industriale e lo psicologo deve rapidamente valutare mediante un test psicotecnico gli oltre quarantamila candidati che hanno presentato domanda di assunzione. In un'area dove il tasso di disoccupazione è assai elevato, lo psicotecnico si trova presto al centro di forti tensioni provenienti sia dal direttore della fabbrica sia dagli abitanti della zona, per i quali il posto fisso rappresenta la fine dei loro eterni problemi economici. Alla fine il direttore comunica allo psicologo che quest'ultimo - con la classica procedura del promoveatur ut amoveatur- è stato promosso e che quindi presto rierientrerà a Milano al centro studi aziendale. L'ultima scena vede lo psicotecnico alla stazione ferroviaria dov'era arrivato, in attesa del treno che lo riporti al nord.

ProduzioneModifica

Il film, sebbene le vicende del libro si svolgano palesemente presso lo stabilimento Olivetti di Pozzuoli, è ambientato in alcune fabbriche della zona di Latina (Brionvega, Massey Ferguson, Mistral, Morteo Soprefin, Mallory Timers), come indicano i ringraziamenti nei titoli di coda.

CriticaModifica

Pulita, professionalmente ineccepibile versione di un libro che nel 1959 aveva fatto colpo, ma tredici anni dopo sembrava già risaputo ("Dizionario della TV" - Giorgio Carbone, Leo Pasqua).[1]

CuriositàModifica

Durante il fugace incontro a Roma con il protagonista, la giornalista belga accenna ad un'Europa "dove anche la moneta sarà in comune".

NoteModifica

  1. ^ mymovies.it, http://www.mymovies.it/dizionario/recensione.asp?id=50821/. URL consultato l'11 gennaio 2018.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema