Dragon 1

capsula orbitale da trasporto

1leftarrow blue.svgVoce principale: Dragon (veicolo spaziale).

Dragon 1
COTS2Dragon.2..jpg
La navetta Dragon si avvicina alla Stazione Spaziale Internazionale durante il COTS Demo Flight 2+ (maggio 2012)
Dati generali
OperatoreSpaceX
NazioneStati Uniti Stati Uniti
Principale costruttoreSpaceX
Tipo di missioniRifornimento ISS o laboratorio free-flying
OrbitaOrbita terrestre bassa
Durata della missione7 giorni in volo libero (cargo); 210 giorni attraccata; fino a 2 anni in DragonLab
Operatività
Statusdismesso
Primo lancio8 dicembre 2010
Ultimo lancio7 marzo 2020
Veicoli correlati
DerivatiDragon 2

Dragon, nota anche come Dragon 1 era una capsula orbitale da trasporto sviluppata dalla Space Exploration Technologies Corporation (SpaceX). Era riutilizzabile, e in grado di raggiungere l'orbita terrestre bassa e rientrare. Nel dicembre 2010, è diventata il primo veicolo spaziale a essere portato in orbita e poi di nuovo a terra da una compagnia privata, e nel maggio 2012, il primo a raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale.[1][2] Lo scudo termico di questo veicolo era progettato per resistere a velocità da rientro da orbite lunari o marziane.[3]

Le prime missioni operative di questa capsula, che era lanciata su un razzo vettore Falcon 9,[4] erano di trasporto merci alla Stazione Spaziale Internazionale nell'ambito del programma della NASA Commercial Resupply Services. Dopo l'ultimo volo dimostrativo, avvenuto il 22 maggio 2012 (in cui Dragon ha attraccato per la prima volta alla stazione spaziale), il veicolo spaziale ha iniziato il suo programma regolare di rifornimenti, decollando da Cape Canaveral alle 00:35 UTC dell'8 ottobre, con la missione SpX-1.[5][6][7][8]

A partire da questa capsula la SpaceX ha sviluppato la versione per il trasporto di equipaggio Dragon 2.

L'ultimo lancio della Dragon-1 è avvenuto il 7 marzo 2020 e ha segnato la conclusione dell'estensione contrattuale del primo programma Commercial Resupply Services stipulato tra NASA e SpaceX. I successivi lanci di rifornimento commerciale sono effettuati con la Dragon 2 nell'ambito del secondo programma Commercial Resupply Services (CRS-2).[9]

DesignModifica

Dimensioni
Altezza: 7,2 m
Diametro: 3,6 m
Volume pressurizzato:[10] 11 
Volume non pressurizzato:[10] 14 m³
Volume non pressurizzato
(con stiva estesa addizionale):[10]
34 m³
Massa:[11] 4200 kg
Carico utile al lancio:[10] 6000 kg
Carico utile al rientro:[10] 3000 kg
Performance
Resistenza: 2 anni[10]
Accelerazione nominale al rientro: 3,5 G[12]

Dragon è una capsula balistica tradizionale con ogiva a cerniera che si apre per rivelare un Common Berthing Mechanism (in italiano letteralmente sistema di aggancio comune, è il sistema utilizzato sulla ISS per connettere tra loro tutti i moduli del segmento statunitense) per l'attracco alla Stazione Spaziale Internazionale. Questo permette al Dragon di essere agganciato dal braccio robotico della Stazione e ancorato ai segmenti americani della ISS. La versione con equipaggio utilizza l'International Docking System Standard.

SviluppoModifica

Contratto NASA per il rifornimento della ISSModifica

Commercial Orbital Transportation ServicesModifica

Lo sviluppo della capsula Dragon è iniziato verso la fine del 2004.[13] Nel 2005, la NASA avviò il programma Commercial Orbital Transportation Services (COTS), per sollecitare proposte di rifornimento della Stazione Spaziale Internazionale dopo il ritiro dello Space Shuttle. La proposta inviata dalla SpaceX nel marzo 2006 comprendeva il veicolo spaziale Dragon, e fu presentata con un team composto di un certo numero di compagnie, incluse la MD Robotics e la canadese MacDonald Dettwiler and Associates (MDA), l'azienda canadese che aveva costruito il braccio robotico della stazione spaziale.

Il 18 agosto 2006 la NASA annunciò la selezione di SpaceX e Kistler Aerospace per lo sviluppo di un mezzo per portare rifornimenti alla stazione spaziale[14]. La selezione prevedeva tre voli dimostrativi della navetta Dragon tra il 2008 e il 2010[15][16], finanziati per 278 milioni di dollari per SpaceX e 207 milioni di dollari a Kistler[16]. Quest'ultima non riuscì a rispettare gli impegni contrattuali e il suo contratto terminò nel 2007[17]. In seguito NASA riaggiudicò il contratto con Kistler alla Orbital Sciences Corporation[17][18].

Commercial Resupply Services Phase 1Modifica

Il 23 dicembre 2008, NASA aggiudicò a SpaceX un contratto da 1,6 miliardi di dollari nell'ambito del programma Commercial Resupply Services (CSR-1), con opzioni che potevano incrmenetare il valore di contratto a 3,1 miliardi di dollari[19]. Tale contratto prevedeva 12 voli, che garantissero il trasporto di almeno 20000 kg di rifornimenti ed equipaggiamento per la stazione spaziale[19].

Nel giugno 2009, l'amministratore delegato e CTO della SpaceX Elon Musk ha dichiarato che l'azienda prevedeva di eseguire il volo inaugurale della nave spaziale Dragon nel 2009, e di far entrare in servizio la capsula nel 2010, prima dell'ultimo volo dello Space Shuttle.[20]

Il 23 febbraio 2009, SpaceX ha annunciato che il materiale scelto per lo scudo termico, il PICA-X, una variante di proprietà della NASA del phenolic impregnated carbon ablator, aveva superato le prove di stress da calore, in preparazione per il primo lancio del Dragon.[21] Nell'estate del 2009, la SpaceX ha assunto l'ex astronauta della NASA Kenneth Bowersox come vicepresidente del suo nuovo Astronaut Safety and Mission Assurance Department (in italiano Dipartimento per la sicurezza degli astronauti e delle missioni), in preparazione ai voli del Dragon con equipaggio umano.[22]

Nel 2010 Elon Musk ha dichiarato che il "Dragon è in grado di rientrare da una velocità da orbita lunare, o anche da una velocità da orbita marziana, con il suo scudo termico".[23]

Il primo volo di una versione ridotta della capsula Dragon ha avuto luogo nel mese di giugno 2010 sul volo inaugurale di Falcon 9. Questa unità di veicoli spaziali di qualificazione Dragon è stata originariamente utilizzata come un banco di prova non-volante per convalidare diversi sistemi della capsula. Al primo volo, la sua missione primaria era quella di inoltrare dati aerodinamici registrati durante il lancio.[24][25]

La vera e propria capsula Dragon ha volato per la prima volta l'8 dicembre 2010, durante il secondo volo del Falcon 9.

Il sistema di attracco del modulo Dragon, chiamato DragonEye, è stato testato durante la missione STS-127: è stato montato sulla porta nadir del modulo Harmony ed è stato usato durante l'avvicinamento alla Stazione Spaziale Internazionale. Sono quindi stati controllati sia il Lidar che li sistema di visione termica.[26] Il DragonEye è stato mandato nuovamente in orbita con la missione STS-133, in febbraio e marzo del 2011, per ulteriori test.[27]

Il 22 novembre 2010 la NASA ha annunciato che la Federal Aviation Administration (l'agenzia del Dipartimento dei Trasporti statunitense incaricata di regolare e sovrintendere a ogni aspetto riguardante l'aviazione civile) ha rilasciato una licenza per il Dragon. Questa è stata la prima volta che una licenza di questo tipo venne assegnata a un velivolo commerciale.[28]

A marzo 2015, SpaceX si aggiudicò altre tre missioni all'interno della fase 1 del Commercial Resupply Services, SpaceX CRS-13, SpaceX CRS-14 e SpaceX CRS-15, per i rifornimenti della stazione spaziale durante il 2017. Il 24 febbraio 2016, vennero annunciate altre missioni aggiuntive: SpaceX CRS-16 e SpaceX CRS-17 per l'anno 2017 e le missioni SpaceX CRS-18, SpaceX CRS-19 e SpaceX CRS-20 per l'anno 2018.

Commercial Resupply Services Phase 2Modifica

Il programma Commercial Resupply Services-2 (CRS-2) venne attivato nel 2014, contenente una seconda fase di missioni per il rifornimento della stazione spaziale. Nel gennaio 2016 venne annunciato la selezione di SpaceX, Orbital ATK e Sierra Nevada Corporation. Il contratto, del valore complessivo di 14 miliardi di dollari prevede un minimo di sei lanci per ciascuna azienda fino al 2024[29]. I lanci della seconda fase sono iniziati nel 2019.

Voli di testModifica

 
Il lancio inaugurale di Dragon sul Falcon 9.

La NASA assegnò a SpaceX tre voli di prova. Il primo volo della capsula Dragon avvenne l'8 dicembre 2010, con la missione COTS Demo Flight 1, dove un Falcon 9 con a bordo un Dragon senza equipaggio decollò da Cape Canaveral, in Florida. Il lancio fu un successo, e il Dragon si separò correttamente dal Falcon circa 10 minuti dopo il lancio. Vennero condotte tre ore di test di manovra orbitale ad una altitudine di 300 chilometri prima di far rientrare il veicolo, rientro che si concluse con successo ammarando nell'Oceano Pacifico, a circa 800 chilometri dalla costa ovest del Messico. Con questo volo furono testate l'integrità della struttura pressurizzata, la telemetria, il controllo dell'assetto (ottenuto con i motori Draco), della direzionalità, della navigazione, lo scudo termico in PICA-X e i paracadute di frenata.[30]

 
Recupero della capsula Dragon dopo il volo inaugurale

Questo fu il primo di due test di volo nell'ambito del contratto NASA Commercial Orbital Transportation Services per la convalidazione di veicoli per il rifornimento della Stazione Spaziale Internazionale. L'amministratore della NASA Charles Bolden si congratulò con la SpaceX per il riuscito lancio del Falcon 9 e per il successivo rientro della capsula Dragon dall'orbita terrestre.[31]

Anche se la capsula Dragon non trasportò né passeggeri né carico pratico, la squadra della Space X l'ha lanciata con un piccolo carico segreto. Più di un giorno dopo il volo venne rivelato che il carico segreto era una ruota di formaggio Le Brouère, un omaggio al famoso sketch Il negozio di formaggi dei Monty Python's Flying Circus. Il direttore generale della SpaceX non rivelò l'identità del carico nella conferenza stampa successiva all'ammaraggio per il timore che lo scherzo mettesse in ombra il risultato della compagnia nelle notizie del giorno successivo.[32]

La seconda missione di prova, chiamata COTS Demo Flight 2, venne lanciata il 22 maggio 2012, dopo che la NASA approvò la proposta di SpaceX di combinare gli obiettivi di missione della seconda e della terza missione di prova in un singolo volo, rinominato COTS 2+[33]. In questa missione, la navetta condusse test in orbita dei propri sistemi di navigazione e delle procedure di annullamento del lancio, prima di essere agganciata alla stazione spaziale tramite il braccio robotico il 25 maggio 2012[34][35][36][37]. La navetta rientrò il 31 maggio 2012, ammarando nell'oceano Pacifico e fu recuperata con successo[38][39].

Il 23 agosto 2012, l'amministratore della NASA Charles Bolden annunciò che SpaceX aveva completato tutti gli obiettivi del contratto COTS, e fu autorizzata ad iniziare le missioni di rifornimento della stazione spaziale del programma Commercial Resupply Services[40].

 
Illustrazione dell'attracco del Dragon
 
Interno della capsula Dragon attraccata alla ISS durante il COTS Demo Flight 2+.

Riutilizzo delle navetteModifica

La missione SpaceX CRS-11, lanciata con successo il 3 giugno 2017 dal Kennedy Space Center, è stata la prima missione a riutilizzare una navetta Dragon che aveva già volato a settembre 2014 nella missione CRS-4. In questa missione la navetta ha trasportato 2708 kg di rifornimenti[41] alla stazione spaziale, tra cui il Neutron Star Interior Composition Explorer (NICER)[42] Il primo stadio del lanciatore Falcon 9 atterrò con successo nella Landing Zone 1.

La missione SpaceX CRS-13, lanciata il 15 dicembre 2017 dal Complesso di lancio 40, è stata la seconda missione ad impiegare una navetta che aveva già svolto una precedente missione, ed è stata la prima volta in cui è stato impiegato un lanciatore il cui primo stadio aveva già volato. La missione ha trasportato sulla stazione spaziale 1560 kg di cargo pressurizzato e 645 kg di rifornimenti non pressurizzati[43].

Sviluppo della navetta con equipaggioModifica

 
Interno della navetta Dragon 2

Nel 2006, Elon Musk affermò che SpaceX aveva sviluppato "il prototipo di una navetta con equipaggio, che comprende un sistema di supporto vitale accuratamente testato per 30 giorni-uomo"[44]. Tra il 2009 e il 2010, Musk dichiarò in diverse occasioni che il progetto di una variante della navetta Dragon con equipaggio stava procedendo e che era prevista la conclusione in due o tre anni. Nel 2010 Musk aggiunse che i costi di sviluppo sarebbero ammontati tra 800 milioni e 1 miliardo di dollari[45].

Lista dei veicoliModifica

Dragon 1
Identificativo Nome Tipo Status Voli Tempo di volo Note
C101 N.D. Prototipo Ritirato 1 3h 19m Esposta nella sede centrale di SpaceX
C102 N.D. Produzione Ritirato 1 9g 7h 57m Esposta al centro visitatori del Kennedy Space Center
C103 N.D. Produzione Ritirato 1 20g 18h 47m Impiegata per la missione CRS-1
C104 N.D. Produzione Ritirato 1 25g 1h 24m Impiegata per la missione CRS-2
C105 N.D. Produzione Ritirato 1 29g 23h 38m Impiegata per la missione CRS-3
C106 N.D. Produzione Ritirato 3 97g, 3h, 2m Impiegata per le missioni CRS-4, CRS-11, CRS-19
C107 N.D. Produzione Ritirato 1 31g 14h 56m Impiegata per la missione CRS-5.
C108 N.D. Produzione Ritirato 3 98g, 18h, 50m Impiegata per le missioni CRS-6, CRS-13, CRS-18
C109 N.D. Produzione Distrutto 1 2m Distrutta all'impatto con l'oceano dopo l'avaria al primo stadio del lanciatore Falcon 9 nella missione CRS-7.
C110 N.D. Produzione Ritirato 2 65g, 20h, 20m Impiegata per le missioni CRS-8, CRS-14
C111 N.D. Produzione Ritirato 2 74g, 23h, 38m Impiegata per le missioni CRS-9, CRS-15
C112 N.D. Produzione Ritirato 3 99g, 1h Impiegata per le missioni CRS-10, CRS-16, CRS-20
C113 N.D. Produzione Ritirato 2 64g, 12h, 04m Ultima navetta Dragon 1 prodotta, impiegata per le missioni CRS-12 e CRS-17.

Lista delle missioniModifica

Tutte le missioni COTS/CRS sono state lanciate dal complesso di lancio 40 della Cape Canaveral Air Force Station.

Missione Stemma Navetta[46] Data di lancio (UTC) Note Durata attracco alla ISS Esito
Demo Flight 1 C101[47] 8 dicembre 2010 [48] Prima missione Dragon, secondo lancio del Falcon 9. La missione ha collaudato le capacità di manovra orbitale e rientro della navetta. Dopo essere stata recuperata, la navetta è esposta alla sede centrale di SpaceX[47] N.D. Riuscito
Demo Flight 2+ C102 22 maggio 2012 [49] Prima missione Dragon con una navetta di produzione, prima missione ad effettuare un rendezvous e l'aggancio con la stazione spaziale. Dopo essere stata recuperata, la navetta è stata esposta al centro visitatori del Kennedy Space Center[50] 5g 17h 47m Riuscito
CRS-1   C103 8 ottobre 2012[8] Prima missione del programma Commercial Resupply Services (CRS), prima missione operativa. Il vettore di lancio Falcon 9 ha avuto una parziale avaria al motore ma è stato in grado di portale la navetta in orbita. Tuttavia un carico secondario, un satellite, non ha raggiunto l'orbita corretta.[51][52] 17g 22h 16m Riuscito, anomalia del lancio [53]
CRS-2   C104 1º marzo 2013[54][55][56] Primo lancio della navetta Dragon con l'utilizzo della sezione cargo. Il lancio ha avuto successo, ma si sono verificate anomalie con i propulsori della navetta poco dopo il decollo. I propulsori sono stati successivamente riattivati e la navetta ha effettuato le correzioni orbitali. Il rendezvous con la stazione spaziale è stato rimandato al 2 marzo al giorno successivo[55][57]. La navetta è rientrata con successo il 26 marzo 2013. 22g 18h 14m Riuscito, anomalia ai propulsori della navetta[55]
CRS-3   C105 18 aprile 2014[58][59] Primo lancio di una versione riprogettata nell'avionica e nello scomparto cargo. Prima missione CRS effettuata con un Falcon 9 provvisto di cavalletti di atterraggio 27g 21h 49m Riuscito
CRS-4   C106 [60] 21 settembre 2014[61][62] Primo lancio di una navetta Dragon con un carico di rifornimenti per la stazione spaziale che comprendeva anche degli esseri viventi, 20 topi appartenenti ad un esperimento NASA per lo studio degli effetti fisiologici che si verificano durante la permanenza nello spazio[63]. 31g 22h 41m Riuscito
CRS-5   C107 10 gennaio 2015 Il carico della missione è stato modificato a seguito del fallimento del lancio della missione Cygnus CRS Orb-3.[64]. Ha trasportato l'esperimento Cloud Aerosol Transport System. 29g 3h 17m Riuscito
CRS-6   C108 [60] 14 aprile 2015 Rifornimento della ISS. Atterraggio morbido del primo stadio poi caduto in mare[65]. 33g 20h Riuscito
CRS-7   C109 19 giugno 2015 La missione avrebbe dovuto portare sulla stazione due International Docking Adapter (IDA) per aggiornare i moduli russi che impiegano gli adattatori APAS-95. Il carico è stato perso a causa di una esplosione in volo del vettore di lancio. La navetta Dragon è sopravvissuta all'esplosione, e avrebbe potuto dispiegare i paracadute per l'ammaraggio, ma il software non aveva previsto questa particolare situazione.[66] N.D. Fallito
CRS-8   C110 8 Aprile 2016 La missione ha portato sulla stazione spaziale il modulo Bigelow Expandable Activity Module (BEAM) di Bigelow Aerospace.[67]. Il primo stadio del vettore di lancio è atterratto con successo sulla piattaforma. Un mese dopo la navetta Dragon è rientrata con successo, trasportando campioni biologici[68] 30g 21h 3m Riuscito
CRS-9   C111 18 luglio 2016 La missione ha trasportato l'adattatore International Docking Adapter (IDA-2) per modificare il portello di attracco Pressurized Mating Adapter (PMA-2). 36g 6h 57m Riuscito
CRS-10   C112 19 febbraio 2017 [69] Primo lancio dal complesso di lancio 39A del Kennedy Space Center dalla missione STS-135. L'aggancio alla stazione spaziale è stato ritardato a causa di incompatibilità software. 23g 8h 8m Riuscito [70]
CRS-11   C106.2 [60] 3 giugno 2017 Prima missione a riutilizzare una navetta Dragon già impiegata in una missione precedente SpaceX CRS-4 27g 1h 53m Riuscito [71]
CRS-12   C113 14 agosto 2017 Ultima missione ad impiegare una navetta Dragon nuova. 31g 6h Riuscito
CRS-13   C108.2 [60] 15 dicembre 2017 [72] La missione ha riutilizzato una navetta Dragon. Prima missione NASA ad impiegare un vettore di lancio Falcon 9 riutilizzato.[72] 25g 21h 21m Riuscito
CRS-14   C110.2 2 aprile 2018 La missione ha riutilizzato una navetta Dragon[73]. Sono stati riportati a terra 4 000 libbre (1 800 kg) di materiali dalla stazione spaziale[74] 30g 16h Riuscito
CRS-15   C111.2 29 giugno 2018 La missione ha riutilizzato una navetta Dragon 32g 45m Riuscito [75]
CRS-16   C112.2 [76] 5 dicembre 2018 [77] La missione ha riutilizzato una navetta Dragon. L'atterraggio del primo stadio del vettore di lancio è fallito a causa del blocco di una pompa idraulica di una pinna a griglia.[77] 36g 4h Riuscito [78]
CRS-17   C113.2 [79] 4 maggio 2019 [79] La missione ha riutilizzato una navetta Dragon. 27g 23h 2m Riuscito [80]
CRS-18   C108.3 [81] 24 giugno 2019 [82] Prima navetta ad essere riutilizzata due volte. 30g 20h 24m Riuscito
CRS-19   C106.3 [83] 5 dicembre 2019 La missione ha impiegato una navetta Dragon riutilizzata due volte 29g 19h 54m Riuscito
CRS-20   C112.3 [84] 7 marzo 2020 [85] La missione ha impiegato una navetta Dragon riutilizzata due volte. Ultima missione della navetta Dragon 28g 22h 12m Riuscito

SpecificheModifica

 
Schema che mostra la sezione pressurizzata (rossa) e non pressurizzata (arancione) di Dragon; si noti anche la versione con segmento non pressurizzato esteso.

La capsula Dragon può trasportare in orbita terrestre bassa fino a sette passeggeri in configurazione equipaggio,[86] oppure 6000 kg e 24 m³ di carico utile, eventualmente estensibili a 44 m³, in configurazione cargo.[86]

Specifiche generali della navicella in entrambe le modalità:

  • 18 propulsori a razzo Draco, dual-ridondanti su tutti gli assi (il veicolo può sopportarne la perdita di due qualsiasi senza conseguenze per il controllo dell'assetto di volo), e in grado di generare 400 N di spinta;[87]
  • scudo termico PICA-X (versione migliorata degli scudi PICA della NASA, sviluppato dalla SpaceX appositamente per Dragon).[87]

Versione senza equipaggioModifica

Le seguenti specifiche tecniche sono state pubblicate dalla SpaceX relativamente a DragonLab, cioè alla versione senza equipaggio della capsula Dragon, quando usata per voli commerciali (quindi non per conto della NASA o comunque non riguardanti l'ISS).[88] Anche questa versione è in grado di trasportare carichi pressurizzati e non, ed è riutilizzabile. I suoi sottosistemi includono la propulsione, l'energia, il controllo ambientale, i sistemi di comunicazione, la protezione termica, l'avionica e i software di volo e di guida.[10]

Vano interno pressurizzato
  • 10  interni pressurizzati di carico utile, con controllo ambientale;[10]
  • Atmosfera interna: temperatura 10–46 °C; umidità relativa 25~75%; pressione dall'aria 958,4~1027 hPa.[10]
Vano sensori non pressurizzato (carico recuperabile)
  • 0,1  di volume di carico non pressurizzato;
  • Il portellone del vano sensori si apre dopo l'inserimento in orbita per consentire l'esposizione completa dei sensori all'ambiente spaziale, e si chiude prima del rientro nell'atmosfera terrestre.[10]
Segmento non pressurizzato (non recuperabile)
  • 14 m³ di volume di carico nel segmento di 2,3 m, a poppa del vano pressurizzato. Possibilità di estendere il segmento di altri 2 m, per arrivare a 4,3 m di lunghezza totale; il volume di carico aumenta a 34 m³.[10]
  • Supporta sensori e l'apertura misura 3,5 m di diametro.[10]
Energia, telemetria e comandi
  • Energia: due pannelli solari gemelli, che si dispiegano una volta in orbita, forniscono 1500 W di carico (con 4 000 W di picco), a 28 e 120 VCC;[10]
  • comunicazioni della capsula: standard commerciale RS-422 e standard militare MIL-STD-1553 seriale I/O, più connessione Ethernet per servizi di carico che utilizzano l'Internet Protocol;
  • uplink di comando: 300 kbps;[10]
  • downlink telemetria/dati: 300 Mbps standard, telemetria Banda S tollerante ai guasti e trasmettitori video.[10]

ProduzioneModifica

Dal dicembre 2010, la SpaceX produce una nuova capsula Dragon e un razzo Falcon 9 ogni tre mesi.[89]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Daniel Bates, Mission accomplished! SpaceX Dragon becomes the first privately funded spaceship launched into orbit and guided back to earth, su dailymail.co.uk, London, Daily Mail, 9 dicembre 2010. URL consultato il 29 maggio 2011.
  2. ^ (EN) SpaceX Launches Falcon 9/Dragon on Historic Mission, su nasa.gov. URL consultato il 22 maggio 2012.
  3. ^ (EN) Stephen Clark, Second Falcon 9 rocket begins arriving at the Cape, su spaceflightnow.com, Spaceflight Now. URL consultato il 29 maggio 2011.
  4. ^ (EN) Thomas D. Jones, Tech Watch — Resident Astronaut, in Popular Mechanics, vol. 183, n. 12, dicembre 2006, p. 31, ISSN 0032-4558 (WC · ACNP).
  5. ^ (EN) Update on SpaceX Launch, su nasa.gov, NASA. URL consultato il 28 aprile 2012.
  6. ^ (EN) SpaceX Launch Targeted for May 19, su nasa.gov, NASA. URL consultato il 13 maggio 2012.
  7. ^ (EN) SpaceX, NASA Target Oct. 7 Launch For Resupply Mission To Space Station, su nasa.gov, NASA. URL consultato il 16 settembre 2012.
  8. ^ a b Dragon CRS-1, per SpaceX è un altro successo, su La Stampa, 9 ottobre 2012. URL consultato il 9 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2012).
  9. ^ (EN) Falcon 9 launches final first-generation Dragon, su spacenews.com, Spacenews. URL consultato il 3 maggio 2020.
  10. ^ a b c d e f g h i j k l m n o Scheda tecnica di Dragonlab Archiviato il 4 gennaio 2011 in Internet Archive., 2009-09-18. Informazioni recuperate il 16 aprile 2015.
  11. ^ SpaceX Brochure – 2008 (PDF), su aerospaceblog.files.wordpress.com. URL consultato l'11 giugno 2011.
  12. ^ Ken Bowersox, SpaceX Today (PDF), su nal-jsc.org, SpaceX, 25 gennaio 2011. URL consultato il 13 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2012).
  13. ^ Brian Berger, SpaceX building reusable crew capsule, su msnbc.msn.com, MSNBC, 8 marzo 2006. URL consultato il 9 dicembre 2010.
  14. ^ NASA selects crew, cargo launch partners, su spaceflightnow.com, Spaceflight Now, 18 agosto 2006 (archiviato dall'url originale il 18 dicembre 2011).
  15. ^ Valin Thorn, Commercial Crew & Cargo Program Overview (PDF), su nasa.gov, NASA, 11 gennaio 2007.
  16. ^ a b Alan Boyle, SpaceX, Rocketplane win spaceship contest, su nbcnews.com, NBC News, 18 agosto 2006.
  17. ^ a b Brian Berger, Time Runs out for RpK; New COTS Competition Starts Immediately, su space.com, 19 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 18 dicembre 2011).
  18. ^ Chris Bergin, Orbital beat a dozen competitors to win NASA COTS contract, su nasaspaceflight.com, 19 febbraio 2008.
  19. ^ a b F9/Dragon Will Replace the Cargo Transport Function of the Space Shuttle after 2010, su spacex.com, SpaceX, 23 dicembre 2008. URL consultato il 26 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2009).
  20. ^ Elon Musk Presentation to Augustine Commission June 2009 (PDF), su spacex.com, SpaceX. URL consultato il 18 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2009).
  21. ^ (EN) SpaceX Manufactured Heat Shield Material Passes High Temperature Tests Simulating Reentry Heating Conditions of Dragon Spacecraft, 23 febbraio 2009. URL consultato il 26 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 3 gennaio 2010).
  22. ^ (EN) Former astronaut Bowersox Joins SpaceX as vice president of Astronaut Safety and Mission Assurance, 18 giugno 2009. URL consultato il 26 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2011).
  23. ^ Second Falcon 9 rocket begins arriving at the Cape, su spaceflightnow.com, Spaceflight Now.
  24. ^ Guy Norris, SpaceX, Orbital Explore Using Their Launch Vehicles To Carry Humans [collegamento interrotto], su aviationweek.com, Aviation Week, 20 settembre 2009.
  25. ^ SpaceX Achieves Orbital Bullseye With Inaugural Flight of Falcon 9 Rocket: A major win for NASA’s plan to use commercial rockets for astronaut transport, SpaceX, 7 giugno 2010. URL consultato il 18 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2011).
  26. ^ Update on September 23, 2009 Archiviato il 5 aprile 2020 in Internet Archive. from SpaceX
  27. ^ STS-133: SpaceX’s DragonEye set for late installation on Discovery, su nasaspaceflight.com, 19 luglio 2010.
  28. ^ (EN) NASA Statements On FAA Granting Reentry License To SpaceX, 22 novembre 2010. URL consultato il 26 agosto 2011.
  29. ^ Sierra Nevada Corp. joins SpaceX and Orbital ATK in winning NASA resupply contracts, su washingtonpost.com, Washington Post, 14 gennaio 2016. URL consultato il 2 agosto 2020.
  30. ^ Private space capsule's maiden voyage ends with splash, su bbc.co.uk, BBC News, 8 dicembre 2010. URL consultato il 9 dicembre 2010.
  31. ^ NASA's Bolden Congratulates SpaceX on Successful Launch, su NASAtv, NASAtv, 8 dicembre 2010. URL consultato l'8 dicembre 2010.
  32. ^ SpaceX's 'secret' payload? A wheel of cheese, su latimes.com, LA Times, 9 dicembre 2010. URL consultato il 12 dicembre 2010.
  33. ^ Justin Ray, SpaceX demo flights merged as launch date targeted, su spaceflightnow.com, Spaceflight Now, 9 dicembre 2011. URL consultato il 9 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2011).
  34. ^ SpaceX's Dragon captured by ISS, preparing for historic berthing, su nasaspaceflight.com, 25 maggio 2012.
  35. ^ Jason Paur, ISS welcomes SpaceX Dragon, su wired.com, Wired, 25 maggio 2012.
  36. ^ SpaceX's Dragon already achieving key milestones following Falcon 9 ride, su nasaspaceflight.com, 22 maggio 2012. URL consultato il 23 maggio 2012.
  37. ^ NASA ISS On-Orbit Status 22 May 2012, su spaceref.com, NASA via SpaceRef.com, 22 maggio 2012. URL consultato il 23 maggio 2012.
  38. ^ Splashdown for SpaceX Dragon spacecraft, su bbc.co.uk, BBC, 31 maggio 2012.
  39. ^ SpaceX Dragon Capsule opens new era, su businesstech.co.za, Reuters via BusinessTech.co.za, 28 maggio 2012. URL consultato il 27 aprile 2013.
  40. ^ NASA Administrator Announces New Commercial Crew And Cargo Milestones, su nasa.gov, NASA, 23 agosto 2012.
  41. ^ Stephen Clark, Cargo manifest for SpaceX's 11th resupply mission to the space station, su spaceflightnow.com, Spaceflight Now. URL consultato il 3 giugno 2017.
  42. ^ The Neutron star Interior Composition ExploreR Mission, su heasarc.gsfc.nasa.gov, NASA. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  43. ^ Chris Bergin e Chris Gebhardt, SpaceX's CRS-13 Dragon returns home, su nasaspaceflight.com, 13 gennaio 2018. URL consultato il 14 gennaio 2018.
  44. ^ Brian Berger, SpaceX building reusable crew capsule, su nbcnews.com, NBC News, 8 marzo 2006. URL consultato il 9 dicembre 2010.
    «"we've already built a prototype flight crew capsule, including a thoroughly tested 30-man-day-life-support system"»
  45. ^ NASA expects a gap in commercial crew funding, su spaceflightnow.com, 11 ottobre 2010.
  46. ^ Dragon C2, CRS-1,... CRS-20 (SpX 1,... 20), su space.skyrocket.de, Gunter's Space Page.
  47. ^ a b Dragon C1, su space.skyrocket.de, Gunter's Space Page.
  48. ^ SpaceX Launches Success with Falcon 9/Dragon Flight, su nasa.gov, NASA, 9 dicembre 2010. URL consultato l'11 aprile 2012.
  49. ^ SpaceX Launches Private Capsule on Historic Trip to Space Station, su space.com, 22 maggio 2012.
  50. ^ ExploreSpaceKSC, Don't feed the #Dragon: Space Flown SpaceX Dragon capsule now on display at KennedySpaceCenter in NASA Now exhibit. (Tweet), su Twitter, 14 dicembre 2016. URL consultato il 6 aprile 2018.
  51. ^ Peter B. de Selding, Orbcomm Craft Launched by Falcon 9 Falls out of Orbit, su spacenews.com, SpaceNews, 15 ottobre 2012.
  52. ^ Private Spacecraft to Launch Space Station Cargo on 7 October 2012, su livescience.com, LiveScience, 25 settembre 2012.
  53. ^ SpaceX capsule returns with safe landing in Pacific Ocean, su bbc.co.uk, BBC, 28 ottobre 2012. URL consultato il 23 dicembre 2012.
  54. ^ Volo difficile per Dragon. Per un’anomalia al controllo di assetto, su ansa.it. URL consultato il 3 marzo 2013.
  55. ^ a b c Dragon Spacecraft Glitch Was "Frightening", SpaceX Chief Elon Musk Says, su space.com, 1º marzo 2013. URL consultato il 2 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2015).
  56. ^ Dragon Mission Report, su spaceflightnow.com, Spaceflight Now. URL consultato il 15 novembre 2012.
  57. ^ NASA says SpaceX Dragon is safe to dock with the International Space Station on Sunday, su theverge.com, The Verge, 2 marzo 2013. URL consultato il 2 marzo 2013.
  58. ^ Range Realigns – SpaceX CRS-3 mission targets April 14, su nasaspaceflight.com, 4 aprile 2014. URL consultato il 4 aprile 2014.
  59. ^ CRS-3 Update, su new.livestream.com, https://new.livestream.com/ (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2014).
  60. ^ a b c d SpaceX's CRS-13 Dragon returns home, su nasaspaceflight.com, 13 gennaio 2018.
  61. ^ NASA Cargo Launches to Space Station aboard SpaceX Resupply Mission, su nasa.gov, NASA. URL consultato il 12 ottobre 2014.
  62. ^ SpaceX Launch Manifest, su spacex.com, SpaceX. URL consultato il 4 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 14 aprile 2009).
  63. ^ SpaceX Dragon Flying Mice in Space and More for NASA, su space.com, 18 settembre 2014. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  64. ^ Launch of SpaceX's CRS-5 mission slips to 16 December 2014, su spaceflightinsider.com, Spaceflight Insider. URL consultato il 22 novembre 2014.
  65. ^ (EN) Video shows eventful Seconds leading to Falcon 9 Booster Crash Landing Archiviato il 15 aprile 2015 in Internet Archive.
  66. ^ Chris Bergin, Saving Spaceship Dragon – Software to provide contingency chute deploy, su nasaspaceflight.com, 27 luglio 2015. URL consultato il 6 aprile 2018.
  67. ^ Clark Lindsey, NASA and Bigelow release details of expandable module for ISS, su newspacewatch.com, NewSpace Watch, 16 gennaio 2013. URL consultato il 24 gennaio 2013.
  68. ^ Stephen Clark, Cargo-carrying Dragon spaceship returns to Earth – Spaceflight Now, su spaceflightnow.com, 11 maggio 2016.
  69. ^ Mark Garcia, Dragon Launches to Station, Arrives Wednesday, su blogs.nasa.gov, 19 febbraio 2017.
  70. ^ Stephen Clark, SpaceX's Dragon supply carrier wraps up 10th mission to space station, su spaceflightnow.com, Spaceflight Now. URL consultato il 19 marzo 2017.
  71. ^ Darrell Etherington, SpaceX's first re-flown Dragon capsule successfully returns to Earth, su techcrunch.com, Tech Crunch, 3 luglio 2017. URL consultato il 3 luglio 2017.
  72. ^ a b William Graham, Flight proven Falcon 9 launches previously flown Dragon to ISS, su nasaspaceflight.com, 14 dicembre 2017. URL consultato il 15 gennaio 2018.
  73. ^ Eric Ralph, SpaceX continues water landing test in latest Space Station resupply mission, su teslarati.com, 2 aprile 2018.
  74. ^ Dragon Splashes Down in Pacific With NASA Research and Cargo – Space Station, su blogs.nasa.gov.
  75. ^ Stephen Clark, SpaceX cargo capsule comes back to Earth from space station, su spaceflightnow.com, Spaceflight Now, 3 agosto 2018. URL consultato il 30 agosto 2018.
  76. ^ SpaceX CRS-16 Dragon Resupply Mission (PDF), su spacex.com, SpaceX, dicembre 2018. URL consultato il 27 maggio 2021 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2018).
  77. ^ a b Sarah Lewin, SpaceX Launches Dragon Cargo Ship to Space Station, But Misses Rocket Landing, su space.com, 5 dicembre 2018. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  78. ^ Chris Bergin, CRS-16 Dragon returns to Earth following ISS departure, su nasaspaceflight.com, NASA SpaceflightNow, 14 gennaio 2019. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  79. ^ a b Eric Ralph, SpaceX gives infrared glimpse of Falcon 9 landing after successful Dragon launch, su teslarati.com, 4 maggio 2019. URL consultato il 4 maggio 2019.
  80. ^ Chris Bergin, CRS-17 Dragon returns home from ISS mission, su nasaspaceflight.com, NASA SpaceflightNow, 3 giugno 2019. URL consultato il 16 giugno 2019.
  81. ^ SpaceX, The Dragon spacecraft supporting this mission previously visited the @space_station in April 2015 and December 2017 (Tweet), su Twitter, 19 luglio 2019.
  82. ^ Launch Schedule, su spaceflightnow.com, Spaceflight Now, 19 luglio 2019. URL consultato il 19 luglio 2019.
  83. ^ SpaceX, The Dragon spacecraft supporting this mission previously flew in support of our fourth and eleventh commercial resupply missions (Tweet), su Twitter, 27 novembre 2019.
  84. ^ SpaceX, The Dragon spacecraft supporting this mission previously flew in support of our tenth and sixteenth commercial resupply missions – this will be the third Dragon to fly on three missions (Tweet), su Twitter, 1º marzo 2020.
  85. ^ Launch Schedule, su spaceflightnow.com, Spaceflight Now. URL consultato l'11 gennaio 2020.
  86. ^ a b Dragon Overview, su spacex.com, SpaceX. URL consultato il 30 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2013).
  87. ^ a b SpaceX Updates — December 10, 2007, su spacex.com, SpaceX, 10 dicembre 2007. URL consultato il 30 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 4 gennaio 2011).
  88. ^ Dragon Overview Archiviato il 5 aprile 2013 in Internet Archive., SpaceX, 2010, accessed 2010-11-11. "SpaceX is currently manifesting fully commercial, non-ISS Dragon flights under the name “DragonLab”. DragonLab represents an emergent capability for in-space experimentation."
  89. ^ (EN) Q & A with SpaceX CEO Elon Musk: Master of Private Space Dragons, su space.com, space.com, 8 dicembre 2010. URL consultato il 9 dicembre 2010.
    «now have Falcon 9 and Dragon in steady production at approximately one F9/Dragon every three months. The F9 production rate doubles to one every six weeks in 2012.»

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica