Apri il menu principale

Ercole Castaldo

calciatore, allenatore di calcio e dirigente sportivo italiano
Ercole Castaldo
Ercole Castaldo.jpg
Ercole Castaldo con la maglia dell’Udinese
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Ala destra
Ritirato 1964 - giocatore
1988 - allenatore
Carriera
Giovanili
1940-1944 Torrese
Squadre di club1
1945-1947 Torrese 62 (12)
1947 Salernitana 0 (0)
1947-1948 Empoli 16 (7)
1948-1951 Salernitana 87 (26)
1951-1956 Udinese 127 (19)
1956-1959 Alessandria 78 (12)
1959-1961 Cirio 41 (2)
1963-1964 Savoia 3 (1)
Nazionale
194? Italia Italia U-23 1 (0)
Carriera da allenatore
1959-1961 Cirio [1][2]
1961-1963 Savoia
1970-1971 600px vertical HEX-00529F White.svg Sant'Agata[3]
1972-1973 Paganese
1981-1982 Savoia
1987-1988 Valdiano 85
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Ercole Castaldo (Torre Annunziata, 14 febbraio 1926 – ...) è stato un calciatore, allenatore di calcio e dirigente sportivo italiano, di ruolo ala.

Alla sua memoria è stato dedicato un torneo giovanile che si svolge a Torre Annunziata[4].

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

Cresciuto nella Torrese di Torre Annunziata, fu scoperto da Enrico Colombari[5]. Giovanissimo partecipò alla Coppa della Liberazione[6], andando anche a segno nella vittoria contro la Salernitana[6] che poi avrebbe vinto quel torneo[6]. Prese parte anche al Campionato campano del 1945[7] e fece il suo esordio in Serie C il 28 ottobre 1945[8] sempre con la squadra della sua città, divenuta nel frattempo Ilva Torrese, con cui ottenne la promozione in Serie B. In serie cadetta debuttò il 22 settembre 1946, in Brindisi-Torrese 1-1[9], mentre la prima rete venne siglata il 6 ottobre dello stesso anno[9].
Nel 1947 passa alla Salernitana, ma Gipo Viani non ritenendolo all'altezza per l'esordio in massima serie lo spedisce in prestito all'Empoli[10] in serie B, dove va a rimpiazzare Benito Lorenzi[10] che nel frattempo è passato all'Inter. Ha disputato 6 campionati in Serie A con le maglie di Udinese ed Alessandria, totalizzando complessivamente 130 presenze e 18 reti. Con 6 reti all'attivo in 25 incontri disputati, ha contribuito alla miglior stagione della storia dell'Udinese (annata 1954-1955, chiusa dai friulani al secondo posto). Con la maglia dell'Alessandria, nel campionato 1958-1959, fu compagno di squadra dell'esordiente Gianni Rivera[11].
Ha collezionato una presenza con la Nazionale italiana under 23[11].

Ha inoltre collezionato 168 presenze e 47 reti in Serie B nelle file di Empoli, Salernitana, Udinese ed Alessandria, centrando due promozioni consecutive in massima serie (Udinese 1955-1956 e Alessandria 1956-1957), e raggiungendo la ragguardevole quota di 17 reti all'attivo nella stagione 1948-1949 con la Salernitana.

AllenatoreModifica

Ha intrapreso la carriera da allenatore nei primi anni sessanta, ricoprendo il doppio ruolo di allenatore-giocatore con la Cirio. In occasione di uno spareggio col Crotone, subisce una squalifica a vita per aggressione all'arbitro, successivamente ridotta a due anni[12]

Prosegue la carriera guidando fra l'altro il Savoia, squadra della sua città[13], dal 1961 al 1963, e nel 1981-1982, quando sostituì Mario Trebbi a campionato in corso[14]). Guidò anche il Valdiano nel campionato di Serie C2 1987-1988[15].

DirigenteModifica

È stato dirigente sportivo del Savoia nel 1980 nel campionato di Serie C2[16].

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

Competizioni regionaliModifica

Savoia: 1963-1964

NoteModifica

  1. ^ Almanacco illustrato del Calcio, Rizzoli edizioni, 1961, p. 197.
  2. ^ Almanacco illustrato del Calcio, Rizzoli edizioni, 1962, p. 198.
  3. ^ Almanacco illustrato del calcio 1971, edizioni Panini, p. 315
  4. ^ Parte il Trofeo "Castaldo", su savoiaclub.com. URL consultato il 7 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2016).
  5. ^ Calvelli, Lucibelli, Schettino, p. 189.
  6. ^ a b c Calvelli, Lucibelli, Schettino, p. 166.
  7. ^ Calvelli, Lucibelli, Schettino, p. 168.
  8. ^ Calvelli, Lucibelli, Schettino, p. 175.
  9. ^ a b Calvelli, Lucibelli, Schettino, p. 183.
  10. ^ a b Calvelli, Lucibelli, Schettino, p. 190.
  11. ^ a b Calvelli, Lucibelli, Schettino, p. 191.
  12. ^ Ercolino Castaldo, giocatore simbolo[collegamento interrotto] F.C Savoia 1908 Official Web Site
  13. ^ Salvati:"Castaldo campione vero"[collegamento interrotto] F.C Savoia 1908 Official Web Site
  14. ^ Beltrami, 1982, p. 299.
  15. ^ Almanacco illustrato del calcio 1988, ed. Panini, pag.361
  16. ^ Calvelli, Lucibelli, Schettino, p. 454.

BibliografiaModifica

  • Il Littoriale, quotidiano sportivo consultabile presso l'Emeroteca del CONI
  • Chrystian Calvelli, Giuseppe Lucibelli; Raffaele Schettino, Savoia storia e leggenda dall'Oncino al Giraud, Gragnano, Stampa Democratica '95, dicembre 2000. ISBN non esistente
  • Arrigo Beltrami (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 1983. Modena, Panini, 1982.

Collegamenti esterniModifica