Eric Lively

attore statunitense

Eric Lawrence Lively (nato Brown) (Atlanta, 31 luglio 1981) è un attore statunitense.

BiografiaModifica

Nato ad Atlanta, Georgia, proviene da una famiglia che lavora nel mondo dello spettacolo: figlio dell'attore Ernie Lively (nato Ernest Wilson Brown Jr.) e di Elaine Lively (nata McAlpin). Ha una sorella, l'attrice Blake Lively (sposata con Ryan Reynolds). Ha anche tre fratellastri nati dal primo matrimonio della madre con Ronald Otis "Ronnie" Lively: due sorellastre, Lori e Robyn (sposata con Bart Johnson), ed un fratellastro, Jason.

Debutta nel cinema a soli due anni, con un piccolo ruolo nel film Brainstorm generazione elettronica. A tredici anni appare in un episodio de Gli amici di papà. Poco più che quindicenne, terminati gli studi alla high school, si trasferisce a New York per studiare la sua prima passione, la fotografia, frequenta la Parsons The New School for Design, allo stesso tempo inizia a lavorare come modello per la Ford Models, comparendo in campagne pubblicitarie per Abercrombie & Fitch, Levi's e Tommy Hilfiger.

Si trasferisce a Los Angeles, dove nel 1999 ottiene un piccolo ruolo in American Pie, tra il 2000 e il 2001 acquista popolarità grazie al ruolo di Carey Bell nella serie televisiva della Disney So Weird - Storie incredibili. Negli anni seguenti si divide tra televisione, partecipando a varie serie televisive tra cui The L Word, e cinema, recitando in film come Speak - Le parole non dette, The Breed - La razza del male, Live! - Ascolti record al primo colpo, The Butterfly Effect 2 e Sex & Breakfast.

Nel 2008 prende parte al film televisivo 24: Redemption, prequel della serie televisiva 24, realizzato in concomitanza con l'uscita della settima stagione della serie. Nel 2009 è il protagonista maschile del videoclip per il brano Please Don't Leave Me di Pink (cantante), in cui viene tenuto prigioniero e torturato dalla cantante.

FilmografiaModifica

CinemaModifica

Film per la televisioneModifica

Serie televisiveModifica

Partecipazioni a serie televisiveModifica

Doppiatori italianiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN39714171 · ISNI (EN0000 0001 0653 9283 · LCCN (ENno2006122061 · GND (DE142855189 · BNF (FRcb15883157v (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2006122061