Apri il menu principale
Faemino-Faema
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Faemino-Faema 1970.jpg
La Faemino-Faema nel 1970
Informazioni
NazioneItalia Italia
Debutto1968
Scioglimento1970
SpecialitàStrada

La Faemino-Faema è stata una squadra maschile di ciclismo su strada, attiva tra i professionisti dal 1968 al 1970 con licenza italiana e successivamente belga. Lo sponsor principale era l'omonima azienda di macchine per il caffè con sede a Binasco, da cui la storica maglia bianca e rossa.

Vi gareggiarono, tra gli altri, Eddy Merckx, Luciano Armani, Italo Zilioli, Vittorio Adorni, Joseph Bruyère e Roger Swerts.

Indice

CronistoriaModifica

AnnuarioModifica

Anno Codice Nome Cat. Biciclette Dirigenza
1968[1] -   Faema Pro Faema (Masi) Dir. sportivi: Marino Vigna, Yvo Molenaers
1969[2] -   Faema Pro E. Merckx (Masi) Dir. sportivi: Guillaume Driessens, Vincenzo Giacotto, Marino Vigna
1970[3] -   Faemino-Faema Pro E. Merckx (De Rosa) Dir. sportivi: Marino Vigna, Guillaume Driessens

PalmarèsModifica

Grandi GiriModifica

Partecipazioni: 3 (1968, 1969, 1970)
Vittorie di tappa: 18
1968 (6 Merckx, 2 Reybrouck, Casalini, Farisato)
1969 (4 Merckx)
1970 (3 Merckx, Zilioli)
Vittorie finali: 2
1968 (Eddy Merckx)
1970 (Eddy Merckx)
Altre classifiche: 2
1968 Punti (Eddy Merckx)
1968 Scalatori (Eddy Merckx)
Partecipazioni: 2 (1969, 1970)
Vittorie di tappa: 20
1969 (cronosquadre, 6 Merckx, Stevens, Reybrouck, Spruyt)
1970 (cronosquadre, 8 Merckx, Zilioli)
Vittorie finali: 2
1969 (Eddy Merckx)
1970 (Eddy Merckx)
Altre classifiche: 5
1969 Punti (Eddy Merckx)
1969 Scalatori (Eddy Merckx)
1969 Combattività (Eddy Merckx)
1970 Scalatori (Eddy Merckx)
1970 Combattività (Eddy Merckx)
Partecipazioni: 1 (1968)
Vittorie di tappa: 1
1968 (Victor Van Schil)
Vittorie finali: 0
Altre classifiche: 0

Classiche monumentoModifica

Campionati nazionaliModifica

Strada
In linea: 1970 (Eddy Merckx)
Pista
Omnium: 1968 (Patrick Sercu)
Americana: 1968 (Patrick Sercu & Eddy Merckx); 1969 (Patrick Sercu)

NoteModifica

  1. ^ (FR) Faema (1968), su memoire-du-cyclisme.eu. URL consultato il 5 maggio 2018.
  2. ^ (FR) Faema (1969), su memoire-du-cyclisme.eu. URL consultato il 5 maggio 2018.
  3. ^ (FR) Faemino - Faema (1970), su memoire-du-cyclisme.eu. URL consultato il 5 maggio 2018.

Altri progettiModifica

  Portale Ciclismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ciclismo