Federico Augusto di Anhalt-Zerbst

nobile tedesco
Federico Augusto di Anhalt-Zerbst
Frederick Augustus, Prince of Anhalt-Zerbst.jpg
Il principe Federico Augusto di Anhalt-Zerbst in un ritratto d’epoca
Principe di Anhalt-Zerbst
Stemma
In carica 16 marzo 1747 –
3 marzo 1793
Predecessore Cristiano Augusto di Anhalt-Zerbst
Successore Titolo abolito
Nascita Stettino, 8 agosto 1734
Morte Lussemburgo, 3 marzo 1793
Dinastia Anhalt-Zerbst
Padre Cristiano Augusto di Anhalt-Zerbst
Madre Giovanna di Holstein-Gottorp
Consorte Carolina Guglielmina d'Assia-Kassel
Federica Augusta di Anhalt-Bernburg
Religione Luteranesimo

Federico Augusto di Anhalt-Zerbst (Stettino, 8 agosto 1734Lussemburgo, 3 marzo 1793) fu principe di Anhalt-Zerbst dal 1747 al 1752 sotto la reggenza della madre Giovanna Elisabetta di Holstein-Gottorp e poi indipendente dal 1752 al 1793. Era fratello della zarina Caterina II di Russia.

BiografiaModifica

 
Il monogramma personale di Federico Augusto.

Federico Augusto era figlio del Principe Cristiano Augusto di Anhalt-Zerbst, che resse il principato dal 1742 al 1746 con il fratello Giovanni Luigi II ed alla cui morte, nel 1747, passò a Federico Augusto. Federico era inoltre fratello dell'Imperatrice russa Caterina la Grande.

Federico Augusto viene ricordato dalle cronache come un valente soldato. Egli fondò l'undicesimo reggimento di corazzieri, che divenne poi il Reggimento corazzieri dell'Anhalt-Zerbst e che fu posto al servizio dell'impero austriaco.

Nel 1758 Federico II di Prussia, con il pretesto di un coinvolgimento della madre di Federico Augusto in un caso di spionaggio, occupò militarmente l'Anhalt e Federico Augusto fu costretto all'esilio. Scelse dapprima Basilea, dove si recò con la seconda moglie, e mantenne ivi la sua residenza fino al 1780 allorché, a seguito di un litigio con il Magistrato della città, dovette andarsene e si stabilì in Lussemburgo, dove morì nel 1793. Dal 1776 aveva applicato nelle proprie terre un decreto di tolleranza religiosa. Nel frattempo tuttavia continuò la sua attività di condottiero e nel corso della guerra d'indipendenza americana, pose il suo reggimento al servizio del Regno Unito.

Alla sua morte, i territori del Principato di Anhalt-Zerbst vennero divisi tra gli altri rami della famiglia, gli Anhalt-Bernburg, gli Anhalt-Köthen e gli Anhalt-Dessau, non avendo egli avuto eredi. Nominalmente il governo dello Stato passò alla sorella Caterina, la quale resse lo Stato col titolo di Principessa dal 1793 al 1796, unendolo ai domini dell'Impero di Russia.

MatrimoniModifica

Nel 1753 Federico Augusto sposò Carolina Guglielmina Sofia di Hessen-Kassel, figlia di Massimiliano d'Assia-Kassel, che lo lasciò vedovo sei anni dopo.

Nel 1764 sposò in seconde nozze Federica Augusta Sofia di Anhalt-Bernburg, figlia di Vittorio Federico di Anhalt-Bernburg, che gli sopravvisse fino al 1827.

Da entrambe le consorti non ebbe eredi.

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Giovanni VI di Anhalt-Zerbst Rodolfo di Anhalt-Zerbst  
 
Maddalena di Oldenburg  
Giovanni Luigi I di Anhalt-Zerbst  
Sofia Augusta di Holstein-Gottorp Federico III di Holstein-Gottorp  
 
Maria Elisabetta di Sassonia  
Cristiano Augusto di Anhalt-Zerbst  
Giorgio Folrath di Zeutsch Cristiano di Zeutsch  
 
Lucrezia di Spiegel  
Cristina Eleonora di Zeutsch  
Cristina di Weissenbach Wolf Giorgio di Weissenbach  
 
Marta di Könritz  
Federico Augusto di Anhalt-Zerbst  
Cristiano Alberto di Holstein-Gottorp Federico III di Holstein-Gottorp  
 
Maria Elisabetta di Sassonia  
Cristiano Augusto di Holstein-Gottorp  
Federica Amalia di Danimarca Federico III di Danimarca  
 
Sofia Amelia di Brunswick e Lüneburg  
Giovanna Elisabetta di Holstein-Gottorp  
Federico VII di Baden-Durlach Federico VI di Baden-Durlach  
 
Cristina Maddalena del Palatinato-Zweibrücken-Kleeburg  
Albertina Federica di Baden-Durlach  
Augusta Maria di Holstein-Gottorp Federico III di Holstein-Gottorp  
 
Maria Elisabetta di Sassonia  
 

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN80439248 · ISNI (EN0000 0000 5775 3987 · CERL cnp01149190 · LCCN (ENnb2018007484 · GND (DE136025188 · BNF (FRcb162967357 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-nb2018007484
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie