Apri il menu principale

Fernanda Wittgens

insegnante e funzionaria italiana

«La mia vera natura è quella di una donna a cui il destino ha dato compiti da uomo, ma che li ha sempre assolti senza tradire l’affettività femminile.»

(Fernanda Wittgens[1])
Fernanda Wittgens

Fernanda Wittgens (Milano, 3 aprile 1903Milano, 12 luglio 1957) è stata un'insegnante, funzionaria, critica d'arte e storica dell'arte italiana; fu la prima donna direttrice della Pinacoteca di Brera, oltre che la prima donna in Italia a ricoprire il ruolo direttorio di un importante museo o galleria. Dal 2014 è una Giusta tra le Nazioni.

BiografiaModifica

Nasce a Milano da Margherita Righini e Adolfo Wittgens, un professore di lettere al Regio Liceo Ginnasio Giuseppe Parini nonché traduttore di origine svizzera, che di domenica porta i sette figli a visitare musei, instillando in loro l'amore per l'arte[2][3][4]. Il padre viene però a mancare nel luglio 1910[5].

Nell'ottobre 1925 si laurea in Lettere presso l'Accademia scientifico-letteraria di Milano, sotto la guida di Paolo D'Ancona; la tesi, riguardante la storia dell'arte, viene valutata a pieni voti[2]. Con D'Ancona, Irene Cattaneo e Maria Luisa Gengaro, Fernanda Wittgens scrive alcuni libri scolastici di storia dell'arte[6][7][8].

Dopo aver lavorato come insegnante di Storia dell'arte presso il Liceo Parini e il Regio Liceo Ginnasio Alessandro Manzoni, nel 1928 Mario Salmi, ispettore della Pinacoteca di Brera, la presenta a Ettore Modigliani, direttore della Pinacoteca e soprintendente alle Gallerie della Lombardia[9][2][10].

Viene quindi assunta a Brera nel 1928 come "operaia avventizia". Molto preparata, attiva e instancabile, svolge fin quasi da subito funzioni tecniche e amministrative da ispettrice, divenendo nel 1931 assistente di Modigliani e nel 1933, stavolta ufficialmente, ispettrice[2][9][11][12][10].

Nel 1935 Modigliani viene allontanato dall'amministrazione braidense per antifascismo; in seguito, essendo ebreo, una volta entrate in vigore le leggi razziali del 1938 va incontro alla revoca di ogni incarico, al confino e a persecuzioni. In questo periodo Fernanda continua la sua opera informando costantemente Modigliani[2][10]. Nel 1940 per Ulrico Hoepli Editore Milano esce Mentore, opera del perseguitato Modigliani firmata, come prestanome, da Fernanda Wittgens, che nel frattempo aveva iniziato un'attività saggistica "solista"[9][13].

Il 16 agosto dello stesso 1940, Fernanda Wittgens vince il concorso indetto e accede alla carica direttoria della Pinacoteca di Brera; è la prima donna in Italia ad essere direttrice di un importante museo o galleria[9][11][2][12][10].

Viene ricordata per la sua opera di messa in salvo dai bombardamenti e dalle razzie naziste di tutte le opere di Brera, del Museo Poldi Pezzoli e della Quadreria dell'Ospedale Maggiore; pur se con un organico ridotto al minimo, con mezzi spesso di fortuna e i frequenti bombardamenti su Milano, l'obiettivo viene raggiunto[11][12][2][14][9].

Inoltre fin dallo scoppio della guerra, contando sul suo prestigio personale e sulle proprie amicizie, si adopera per aiutare familiari, amici, ebrei (tra cui il suo docente universitario Paolo D'Ancona) e perseguitati di ogni tipo ad espatriare. Con lei in questo intento, il cugino e coetaneo Gianni Mattioli, in seguito grande collezionista d'arte. All'alba del 14 luglio 1944, a causa della delazione di un giovane ebreo tedesco collaborazionista a cui aveva organizzato l'espatrio, viene arrestata. Giudicata nemica del fascismo, viene condannata a 4 anni di prigione. Inizialmente viene reclusa nel carcere di Como, successivamente in quello di San Vittore, a Milano, dove ha per compagna di cella l'artista Carla Badiali. Dalle lettere alla madre e ai nipoti, nonché dai suoi scritti privati, trapela la sua forte e fiera personalità; inoltre la prigione, per lei che sente di essere nel giusto, è «una tappa di perfezionamento», «una specie di… esame di laurea». Dopo 7 mesi di detenzione la famiglia, preoccupata per la sua incolumità, riesce a presentare un falso certificato di tisi e a farla scarcerare, nel febbraio del 1945; la pena termina poi con la Liberazione: esce il 24 aprile[12][10][14][2][9][15][16].

Di nuovo libera, viene nominata pro-direttore e commissario per l'Accademia delle Belle Arti di Brera. Da lei prudentemente svuotata, la Pinacoteca era stata distrutta in 26 sale su 34 dai bombardamenti. Concentra i suoi sforzi per convincere le autorità ad assumersi l'impegno per una totale ricostruzione[2][12][10].

Il 12 febbraio del 1946 anche Ettore Modigliani viene reintegrato, come soprintendente, lei lo affianca. L'obiettivo è sempre quello di ricostruire la Pinacoteca. I lavori hanno inizio, su progetto dell'architetto Piero Portaluppi. Nell'occasione Modigliani teorizza una "grande Brera", ingrandita sia negli spazi sia nel coinvolgimento attivo della gente, teoria poi portata avanti da Fernanda e, soprattutto, da Franco Russoli. Il 22 giugno 1947, dopo la morte di Modigliani, le viene affidata anche la soprintendenza[2][17][18][9].

Nel 1948 diviene il soggetto di una "testa in bronzo" dello scultore Marino Marini[2].

La ricostruzione di Brera viene portata a termine nel giugno 1950. Il giorno 9, durante l'inaugurazione davanti alle massime autorità dello Stato, tiene un discorso breve e coinvolto sul miracolo compiuto in quattro anni dal cantiere braidense. Nello stesso anno, assieme a Portaluppi, progetta un piano regolatore per la "grande Brera", che prevede un collegamento tra la Pinacoteca, l'Accademia di Belle Arti, la Biblioteca, l'Osservatorio Astronomico e l'Istituto Lombardo di Scienze e Lettere[12][2][10].

Sempre nello stesso anno, senza abbandonare Brera, viene nominata soprintendente alle Gallerie della Lombardia; in questo ruolo si occupa della ricostruzione del Museo teatrale alla Scala e del Poldi Pezzoli, oltre che del restauro del Cenacolo di Leonardo[12][10].

Nel 1951 dà inizio a una rivoluzionaria attività all'interno di Brera ricostruita; la Pinacoteca è animata da una serie di inediti e innovativi eventi espositivi e didattici: vengono organizzate visite guidate da personale specializzato - spesso anche da lei stessa - per varie categorie di persone, come i bambini, i disabili e i pensionati, che spesso vengono sollecitate ad una partecipazione attiva[2][9].

In questo periodo fa di tutto per convincere il Comune di Milano ad acquistare la Pietà Rondanini di Michelangelo Buonarroti, messa sul mercato e contesa da Roma, Firenze e Stati Uniti d'America. Molto combattiva, promuove persino una campagna di raccolta fondi popolare; riesce nel suo intento: il 1º novembre 1952, la scultura diviene milanese, per 130 milioni di lire[14][10].

Nel 1955 si costituisce ufficialmente a Brera una sezione didattica[2]. Sempre nello stesso anno, il 17 aprile, durante la “giornata della riconoscenza” celebrata a Milano, la Wittgens viene premiata con una medaglia d'oro da parte dell'Unione delle comunità israelitiche, per l'opera di soccorso nei confronti degli ebrei perseguitati[19][14][10].

Nel 1956 rifiuta, con una lettera, la proposta di Ferruccio Parri di presentarsi alle elezioni amministrative con la lista del Fronte laico. Significativo il passo: «Ora io non mi sento, come artista, di entrare nel binario dei partiti perché la mia libertà è condizione assoluta per la vita stessa del mio essere»[2].

Muore prematuramente nelle prime ore dell'11 luglio 1957. La camera ardente è allestita davanti all'ingresso della Pinacoteca, in cima allo scalone d'onore, e vi partecipano migliaia di persone. Il funerale si tiene nella vicina chiesa di San Marco; viene tumulata al Cimitero Monumentale di Milano. Vari anni dopo viene traslata fra gli illustri del Civico Mausoleo Palanti, al Riparto V del medesimo cimitero[2][5].

Il 6 marzo 2014 le vengono dedicati un albero e un cippo al Giardino dei Giusti di tutto il mondo di Milano[14].

Nel 2018 le viene dedicato il Bar Fernanda della Pinacoteca di Brera a Milano [20]

OnorificenzeModifica

  • 1930, Croce di Officier British Empire
  • 1949, Ambrogino d'oro dal comune di Milano
  • 1954, Medaglia d'oro per benemerenze nella cultura e nell'arte
  • 1956, Cavaliere ufficiale della Repubblica italiana[21]

OpereModifica

  • Fernanda Wittgens con Paolo D'Ancona, La moderna critica d'arte, Milano, Cogliati editore, 1927.
  • Gli affreschi della Badia degli Umiliati di Viboldone, Milano, Rizzoli, 1932.
  • Il Museo Poldi Pezzoli a Milano, Milano, Fratelli Treves Editori, 1937.
  • Mentore - Guida allo studio dell'arte italiana, Milano, Hoepli, 1940.
  • 12 Opere di Raffaello Sernesi nella raccolta Stramezzi, Milano, editori vari, 1951.
  • Pietà E Madonne Di Giovanni Bellini, Milano, Bompiani, 1953.
  • Picasso, Milano, Silvana Editoriale, 1954.
  • Glorie D'Arte Di Milano E Della Sua Diocesi Dal IV All'XI Secolo, Milano, Istituto Gaetano Pini, 1955.
  • Dipinti celebri dell'Accadenia Carrara, Milano, Silvana Editoriale, 1957.

NoteModifica

  1. ^ http://www.dols.it/2015/12/08/sulle-strade-di-milano-fernanda-wittgens/
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p Fernanda Wittgens | Pinacoteca di Brera. URL consultato il 16 luglio 2017.
  3. ^ (EN) Full text of "Rivista storica italiana" (TXT), su www.archive.org. URL consultato il 16 luglio 2017.
  4. ^ CISUI - Centro Interuniversitario per la storia delle Università italiane, su www.cisui.unibo.it. URL consultato il 16 luglio 2017.
  5. ^ a b Comune di Milano, App di ricerca defunti Not 2 4get.
  6. ^ PressReader.com - Connecting People Through News, su www.pressreader.com. URL consultato il 16 luglio 2017.
  7. ^ Rosanna Cioffi e Alessandro Rovetta, Percorsi di critica: un archivio per le riviste d'arte in Italia dell'Ottocento e del Novecento : atti del convegno, Milano, 30 novembre-1 dicembre 2006, Università cattolica del Sacro Cuore, Vita e Pensiero, 2007, ISBN 9788834314326. URL consultato il 16 luglio 2017.
  8. ^ www.epublic.it, Storia-Economia - Comune di PREMOSELLO-CHIOVENDA (VB), su www.comune.premosello.vb.it. URL consultato il 16 luglio 2017.
  9. ^ a b c d e f g h [riviste.unimi.it/index.php/concorso/article/download/5108/5167 concorso arti e lettere - VI - 2012-2014].
  10. ^ a b c d e f g h i j Fernanda Wittgens, su it.gariwo.net. URL consultato il 16 luglio 2017.
  11. ^ a b c Fernanda Wittgens: una vita dedicata all'arte e agli altri, su www.milanofree.it. URL consultato il 15 luglio 2017.
  12. ^ a b c d e f g Lettera Autografo Fernanda Wittgens Brera Milano " | In vendita su Delcampe", su Delcampe - Il Marketplace dei collezionisti. URL consultato il 15 luglio 2017.
  13. ^ Wittgens, Fernanda - Librinlinea, su www.librinlinea.it. URL consultato il 16 luglio 2017.
  14. ^ a b c d e Sulle strade di Milano: Fernanda Wittgens, su toponomasticafemminile.com.
  15. ^ didattica museale - museo egizio di torino- home, su www.gentileschi.it. URL consultato il 16 luglio 2017.
  16. ^ Alessandra Chiappano, Luciana Nissim Momigliano: una vita, Casa Editrice Giuntina, 2010, ISBN 9788880573678. URL consultato il 16 luglio 2017.
  17. ^ Uh, la grande Brera. URL consultato il 16 luglio 2017.
  18. ^ http://www.gentileschi.it/artemisia/brera/brera05.htm, su www.gentileschi.it. URL consultato il 16 luglio 2017.
  19. ^ (EN) Fernanda Wittgens, su Spreaker. URL consultato il 16 luglio 2017.
  20. ^ Caffè Fernanda: il nuovo bar all’interno della Pinacoteca di Brera, su zero.eu. URL consultato il 24 gennaio 2019.
  21. ^ Fernanda Wittgens, in Dizionario biografico dei soprintendenti storici dell'arte (1904-1974), Bononia University Press, 2007, p. 649.

BibliografiaModifica

  • Fernanda Wittgens, in Dizionario biografico dei soprintendenti storici dell'arte (1904-1974), Bononia University Press, 2007, p. 647, ISBN 978-8873952831.
  • Giovanna Ginex (a cura di), “Sono Fernanda Wittgens”. Una vita per Brera, Milano, Skira, 2018, ISBN 8857239268.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN8397197 · ISNI (EN0000 0000 8060 1842 · SBN IT\ICCU\RAVV\015877 · LCCN (ENnr98001490 · GND (DE127069216 · BAV ADV11297149 · WorldCat Identities (ENnr98-001490