Apri il menu principale

Finale della Coppa UEFA 1979-1980

1leftarrow blue.svgVoce principale: Coppa UEFA 1979-1980.

Finale della Coppa UEFA 1979-1980
Dettagli evento
Competizione Coppa UEFA
Risultato
Eintracht Francoforte

3
Borussia Mönchengladbach
3
E. Francoforte vince per la regola dei gol fuori casa
Andata
Borussia Monchengladbach
3
Eintracht Francoforte

2
Data 7 maggio 1980
Città Mönchengladbach
Impianto di gioco Bökelbergstadion
Spettatori 25 000
Arbitro Spagna Guruceta Muro
Ritorno
Eintracht Francoforte

1
Borussia Monchengladbach
0
Data 21 maggio 1980
Città Francoforte
Impianto di gioco Waldstadion
Spettatori 59 000
Arbitro Belgio Alexis Ponnet
ed. successiva →     ← ed. precedente

La finale della 9ª edizione della Coppa UEFA fu disputata in gara d'andata e ritorno tra Eintracht Francoforte e Borussia Mönchengladbach. Il 7 maggio 1980 al Bökelbergstadion di Mönchengladbach la partita, arbitrata dallo spagnolo Guruceta Muro, finì 3-2.

La gara di ritorno si disputò dopo due settimane al Waldstadion di Francoforte e fu arbitrata dal belga Alexis Ponnet. Il match terminò 1-0 e ad aggiudicarsi il trofeo fu la squadra dell'Assia.

Il cammino verso la finaleModifica

L'Eintracht Francoforte di Friedel Rausch esordì contro gli scozzesi dell'Aberdeen superando il turno con un risultato complessivo di 2-1. Nel secondo turno i tedeschi affrontarono i rumeni della Dinamo Bucarest, avendo la meglio solo ai tempi supplementari 3-0 nella gara di ritorno in casa, dopo aver perso 2-0 in Romania. Agli ottavi di finale gli olandesi del Feyenoord persero la gara d'andata 4-1 in Germania Ovest e fu inutile la vittoria per 1-0 nei Paesi Bassi. Ai quarti Die Adler affrontarono i cecoslovacchi dello Zbrojovka Brno, battendoli col risultato totale di 6-4. In semifinale il derby con il più quotato Bayern Monaco fu aggiudicato nel retour match. Dopo aver perso 2-0 all'Olympiastadion, l'Eintracht vinse col medesimo risultato nei 90 minuti e nella proroga la partita terminò 5-1.

Il Borussia Mönchengladbach di Jupp Heynckes iniziò il cammino europeo contro i norvegesi del Viking vincendo con un risultato complessivo di 4-1. Nel secondo turno i tedeschi affrontarono gli italiani dell'Inter, avendo la meglio solo ai tempi supplementari per 3-2, dopo che entrambi i match si conclusero 1-1 nel corso dei novanta minuti. Agli ottavi di finale i rumeni dell'FCU Craiova furono battuti 2-0 in casa e la sconfitta per 1-0 in Romania risultò indolore. Ai quarti di finale i Fohlen affrontarono i francesi del Saint-Étienne che sconfissero sia all'andata che al ritorno, rispettivamente coi risultati di 4-1 e 2-0, eclissando la stella Michel Platini. In semifinale il derby con lo Stoccarda fu vinto solo grazie alla regola dei gol fuori casa in virtù della vittoria casalinga per 1-0 e della sconfitta esterna per 2-1.

Le partiteModifica

A Mönchengladbach va in scena una finale tutta tedesca tra il Borussia, alla quarta finale europea in sei anni nonché campione in carica, e l'Eintracht Francoforte, alla prima finale di Coppa UEFA ma già finalista di Coppa dei Campioni 1959-1960. Gli ospiti vanno in vantaggio con Karger, ma vengono raggiunti a un minuto dal termine della prima frazione da una bordata da fuori area del capitano Christian Kulik. Un tuffo di testa di Bernd Hölzenbein riporta avanti l'Eintracht nella ripresa, ma la gioia delle aquile di Francoforte è fugace perché il diciannovenne Lothar Matthäus impatta di nuovo prima della rete decisiva di Kulik con un colpo di testa perentorio a due minuti dal triplice fischio.

Due settimane più tardi a Francoforte sul Meno la squadra di casa, che in semifinale aveva eliminato i tre volte campioni d'Europa del Bayern Monaco, tenta l'impresa contro un Borussia Mönchengladbach dispsto in difesa al fine di protrarre lo 0-0 fino al novantesimo. La grande serata di Wolfgang Kneib non permette ai calciatori dell'Eintracht di trovare la via del gol, fino a quando Friedel Rausch non si gioca la carta Schaub, riserva diciannovenne poco utilizzato in stagione. A meno di dieci minuti dalla fine il giovane vince un paio di contrasti in area e deposita alle spalle del portiere del Borussia la palla che vale la Coppa UEFA.[1]

TabelliniModifica

AndataModifica

Mönchengladbach
7 maggio 1980, ore 20:00
Borussia Mönchengladbach3 – 2
referto
Eintracht FrancoforteBökelbergstadion (25 000 spett.)
Arbitro:   Guruceta Muro

Borussia Mönchengladbach
Eintracht Francoforte
P 1   Wolfgang Kneib
D 2   Frank Schäffer
D 3   Winfried Schäfer
D 4   Wilfried Hannes
D 5   Norbert Ringels
C 6   Lothar Matthäus
C 7   Christian Kulik  
C 8   Carsten Nielsen   66’
C 9   Karl Del'Haye   72’
A 10   Ewald Lienen
A 11   Harald Nickel
Sostituzioni:
A 12   Steen Thychosen   66’
C 13   Ralf Bödeker   72’
Allenatore:
  Jupp Heynckes
 
P 1   Jürgen Pahl
D 2   Willi Neuberger
D 3   Bruno Pezzey
D 4   Karl-Heinz Körbel
D 5   Horst Ehrmantraut
C 6   Werner Lorant
C 7   Ronald Borchers
C 8   Bernd Nickel
A 9   Bernd Hölzenbein     79’
A 10   Harald Karger   81’
A 11   Cha Bum-Kun
Sostituzioni:
C 12   Norbert Nachtweih   79’
C 13   Wolfgang Trapp   81’
Allenatore:
  Friedel Rausch

RitornoModifica

Francoforte
21 maggio 1980, ore 20:00
Eintracht Francoforte1 – 0
referto
Borussia MönchengladbachWaldstadion (59 000 spett.)
Arbitro:   Alexis Ponnet

L'Eintracht Francoforte vince per la regola dei gol fuori casa.

Eintracht Francoforte
Borussia Mönchengladbach
P 1   Jürgen Pahl
D 2   Willi Neuberger
D 3   Bruno Pezzey   54’
D 4   Karl-Heinz Körbel
D 5   Horst Ehrmanntraut
C 6   Bernd Hölzenbein  
C 7   Werner Lorant
C 8   Bernd Nickel
C 9   Ronald Borchers
A 11   Cha Bum-Kun
A 10   Norbert Nachtweih   77’
Sostituzioni:
A 12   Fred Schaub   77’

Allenatore:
  Friedel Rausch
P 1   Wolfgang Kneib
D 2   Norbert Ringels
D 3   Jürgen Fleer
D 4   Wilfried Hannes   89’
D 5   Winfried Schäfer   80’
C 6   Lothar Matthäus   86’
C 7   Ralf Bödeker
C 8   Christian Kulik  
C 9   Carsten Nielsen   68’
A 10   Ewald Lienen
A 11   Harald Nickel   49’
Sostituzioni:
A 12   Karl Del'Haye   68’
A 13   Steen Thychosen   86’
Allenatore:
  Jupp Heynckes

NoteModifica

  1. ^ Schaub regala la coppa all'Eintracht, uefa.com, 1º giugno 1980. URL consultato il 3 gennaio 2017.

Voci correlateModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio